Mondo 15 Settembre 2022 10:41

Torna la poliomielite nello Stato di New York

Presumibilmente debellata in molti Paesi, potrebbe (ancora una volta) diventare una priorità per la salute pubblica. Negli Stati Uniti, un primo caso (grave) di poliomielite è stato registrato il 21 luglio, secondo le autorità sanitarie dello Stato di New York

di Stefano Piazza
Torna la poliomielite nello Stato di New York

Presumibilmente debellata in molti Paesi, potrebbe (ancora una volta) diventare una priorità per la salute pubblica. Negli Stati Uniti, un primo caso (grave) di poliomielite è stato registrato il 21 luglio, secondo le autorità sanitarie dello Stato di New York: un residente della contea di Rockland, a 30 miglia a nord di Manhattan, è risultato positivo alla malattia e il caso indica «una catena di trasmissione da un individuo che ha ricevuto il vaccino antipolio orale (OPV)». È la prima volta che un caso di polio viene registrato negli Stati Uniti in quasi dieci anni, con l’ultimo caso verificatosi nel 2013.

La polio è stata rilevata a luglio in campioni di acque reflue della contea di Rockland, New York. A metà agosto, il virus è stato riscontrato ancora a New York e da allora ne sono state trovate tracce anche nelle acque reflue di Orange e Sullivan.

A giugno, le autorità britanniche hanno annunciato di aver rilevato tracce di una forma di polio, derivata da un ceppo vaccinale, in un impianto di trattamento delle acque reflue a nord-est di Londra. Da allora, il virus, che è stato eradicato nel Regno Unito nel 2003, è stato rilevato in otto quartieri di Londra, con una «diversità genetica che suggerisce una trasmissione del virus» secondo il servizio sanitario. In una dichiarazione, il ministro della Salute Steve Barclay ha insistito sul fatto che «a nessuno è stato diagnosticato il virus» In Israele, da marzo, nove bambini sono risultati positivi al test, otto dei quali asintomatici.

Cos’è la poliomielite?

La poliomielite è un’antica malattia causata da tre ceppi di poliovirus. Una delle prime rappresentazioni della malattia, una tavoletta funeraria egizia del 1400 a.C. circa, mostra un sacerdote con una gamba atrofizzata che cammina con un bastone. Descritto clinicamente per la prima volta nel 1789, il virus si trasmette principalmente attraverso il contatto con le feci di una persona infetta ed è famoso per la sua capacità di paralizzare gravemente l’ospite. Tuttavia, la polio paralitica rimane rara. La maggior parte delle persone infette non presenta alcun sintomo e un quarto di esse ha solo sintomi influenzali.

La poliomielite è una malattia altamente contagiosa che invade il sistema nervoso e può causare una paralisi permanente. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), «un’infezione su 200 provoca una paralisi irreversibile» e «il 5-10% delle persone affette da polio paralitica muore per paralisi dei muscoli respiratori». Colpisce soprattutto i bambini di età inferiore ai cinque anni.

Il virus si trasmette principalmente per via fecale-orale o, meno frequentemente, per via comune (ad esempio cibo o acqua contaminati) e si moltiplica nell’intestino. I primi sintomi sono febbre, affaticamento, cefalea, vomito, torcicollo e dolore agli arti.  Nel 1988, l’Assemblea Mondiale della Sanità ha approvato un’importante risoluzione per eradicare completamente la polio con un vaccino orale. All’epoca, la malattia colpiva circa 350.000 persone all’anno. Da allora, l’incidenza della malattia è diminuita del 99%. Nell’agosto 2020, l’OMS ha addirittura annunciato che la malattia sarebbe scomparsa dal continente africano dopo anni di campagne di vaccinazione. Ma la polio è ancora endemica in altri Paesi del mondo, come l’Afghanistan e il Pakistan.

La punta dell’iceberg

Sebbene finora sia stato diagnosticato un solo caso nella contea di Rockland, Mary Basset, commissaria alla sanità statale, ha avvertito in una dichiarazione del 4 agosto che potrebbe essere la «punta dell’iceberg di una potenziale diffusione molto più ampia» e ha aggiunto che «sulla base delle passate epidemie di polio, i newyorkesi dovrebbero essere consapevoli che per ogni caso di polio paralitica riscontrato, potrebbero essercene altri centinaia infetti».

E per una buona ragione: in alcune contee di New York, la vaccinazione contro la malattia è a mezz’asta. Il tasso di vaccinazione contro la polio è basso in maniera allarmante. Il tasso di vaccinazione è del 60% a Rockland, del 58% a Orange, del 62% a Sullivan e del 79% a Nassau, secondo il dipartimento sanitario. La media statale di vaccinazione contro la polio è di circa il 79%. La governatrice dello Stato di New York, Kathy Hochul, ha dichiarato venerdì scorso lo stato di emergenza per contenere un’epidemia di polio. Spera così di liberare risorse sufficienti per vaccinare più persone contro il virus.

Alcuni newyorkesi dovrebbero ricevere un richiamo

Alcuni newyorkesi che hanno completato la serie di vaccini dovrebbero ricevere un singolo richiamo a vita, hanno dichiarato i funzionari sanitari. Questi individui includono le persone che potrebbero avere contatti con qualcuno infetto o che si pensa sia infetto da poliovirus o i membri della famiglia della persona infetta. Anche gli operatori sanitari dovrebbero sottoporsi al richiamo se lavorano in aree in cui è stato rilevato il poliovirus e possono maneggiare campioni o trattare pazienti che potrebbero avere la polio. Anche le persone che potrebbero essere esposte alle acque reflue a causa del loro lavoro dovrebbero prendere in considerazione l’idea di fare il richiamo, hanno detto i funzionari sanitari. Tutti i bambini dovrebbero ricevere quattro dosi di vaccino antipolio. La prima dose viene somministrata tra le 6 settimane e i 2 mesi di età, la seconda dose viene somministrata a 4 mesi, la terza tra i 6 mesi e i 18 mesi e la quarta dose tra i 4 e i 6 anni.

Gli adulti che hanno ricevuto solo una o due dosi dovrebbero ricevere le altre due. I funzionari della sanità affermano che non è importante quanto tempo fa siano state somministrate le prime dosi. Il Dipartimento della Salute dello Stato di New York teme che non venga vaccinato un numero sufficiente di persone contro la malattia. Dichiarando lo stato di emergenza, il governatore spera che un maggior numero di persone si vaccini e che sia possibile per gli operatori sanitari, i farmacisti e le ostetriche somministrare il siero.

Il vaccino

Gli Stati Uniti hanno smesso di utilizzare il vaccino orale più di due decenni fa. Ora utilizzano un vaccino somministrato sotto forma di iniezione in cui il virus è inattivato, il che significa che non si replica e non muta. Sebbene questo vaccino sia molto efficace nel prevenire la malattia, non blocca la trasmissione del virus. Il vaccino orale contro la polio può bloccare la trasmissione del poliovirus che si verifica in natura, ma comporta il rischio che il ceppo utilizzato nel vaccino possa mutare e diventare virulento, dando luogo alla diffusione del cosiddetto poliovirus derivato dal vaccino.

Perché ci sono ancora epidemie di polio?

Sebbene la polio selvaggia sia stata eradicata dalla maggior parte del mondo grazie a campagne di immunizzazione di massa (più recentemente in Nigeria e in India), si sono verificati focolai qua e là in Paesi che pensavano di essere liberi dalla malattia. In questi casi di recrudescenza, la malattia non è scatenata da un ceppo selvaggio del virus, ma da quello che è noto come poliovirus derivato da vaccino (VDPV); una mutazione del virus indebolito trovato nel vaccino orale di Albert Sabin.

Questi virus rari compaiono in comunità in cui l’immunizzazione contro la polio è costantemente bassa, dando al virus vaccinale indebolito tutto il tempo necessario per trovare un numero sufficiente di ospiti non vaccinati da infettare all’interno di una determinata comunità. Quando si replica, il genoma del virus può mutare in una forma virulenta in quello che l’epidemiologa della Fondazione Bill & Melinda Gates, Amanda Bandyopadhyay, descrive come «un disperato tentativo di sopravvivenza». Sebbene le persone vaccinate siano ancora protette da questo nuovo ceppo, chiunque non sia vaccinato è a rischio di paralisi.

Si tratta di un aspetto che i ricercatori conoscono da decenni. All’inizio degli anni 2000, i Paesi già liberi dalla polio, come gli Stati Uniti, hanno smesso di somministrare il vaccino orale e lo hanno sostituito con il vaccino originale (inattivato) sviluppato da Jonas Salk, che a sua volta non può causare nuove infezioni. Ma questo non era pratico per il resto del mondo. Il vaccino orale di Albert Sabin è più economico del vaccino inattivato e, poiché viene somministrato sotto forma di gocce anziché di iniezione, i volontari possono facilmente trasportarlo in villaggi remoti e somministrarlo con una formazione minima. Il vaccino orale è anche più efficace nel prevenire la trasmissione del virus, un passo necessario per l’eradicazione.

Secondo Paul Offit, direttore del centro di educazione vaccinale (Vaccine Education Center) dell’ospedale pediatrico di Philadelphia (Children’s Hospital of Philadelphia): «Questo è probabilmente il modo migliore per cancellare il virus dalla faccia della terra, ma ha un prezzo». Questi ceppi di poliomielite derivati dal vaccino sono probabilmente in circolazione in tutto il mondo, soprattutto in luoghi dove non vengono individuati perché la gente non si preoccupa di sottoporli a screening: «Se abbassiamo la guardia come abbiamo fatto con questa comunità di New York, la polio può tornare».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
GB: paura polio, a Londra vaccini a tutti i bambini under 10
Dopo aver rilevato il virus della polio nelle acque reflue di Londra, le autorità sanitarie hanno deciso di offrire la vaccinazione antipolio a tutti i bambini sotto i dieci anni d'età
Ricompare la poliomielite in Europa, in Gb massima allerta
Nel Regno Unito è stato segnalato un potenziale focolaio di poliomielite, in seguito al ritrovamento di tracce del virus nelle acque reflue. Secondo l'Oms, ci sono oltre 100 paesi che non raggiungono la copertura vaccinale raccomandata
In Ucraina è già emergenza umanitaria. Allarme polio, Hiv, tubercolosi, gravi carenze sanitarie
A causa della guerra è emergenza umanitaria in Ucraina. Mancano servizi sanitari, acqua potabile e personale medico. A lanciare l'allarme sono state varie agenzie umanitarie.
Dallo stop tamponi per i viaggiatori in GB alla revoca dell’obbligo mascherina a New York, cosa sta succedendo
Numerose le novità che arrivano dal mondo sulla gestione della pandemia. Il Regno Unito abolisce l'obbligo dei tamponi per chi viaggia. A New York, invece, un giudice revoca l'obbligo di indossare la mascherina e in Israele si raccomanda la quarta dose per tutti. Mentre l'Unicef lancia l'allarme per la perdita «quasi insormontabile» per la scolarizzazione dei bambini.
Africa senza poliomielite da tre anni: vicino il traguardo ‘polio-free’
L’Africa si avvicina a un traguardo storico: l’eradicazione ufficiale della poliomielite. L’ultimo Stato del continente ad avere registrato un caso della malattia, la Nigeria, non riporta più contagi da 3 anni. E l’assenza di nuovi infettati nell’arco di un triennio è il primo criterio che un Paese deve centrare per ottenere dall’Organizzazione mondiale della sanità […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi