Sanità internazionale 26 Agosto 2019

Africa senza poliomielite da tre anni: vicino il traguardo ‘polio-free’

L’Africa si avvicina a un traguardo storico: l’eradicazione ufficiale della poliomielite. L’ultimo Stato del continente ad avere registrato un caso della malattia, la Nigeria, non riporta più contagi da 3 anni. E l’assenza di nuovi infettati nell’arco di un triennio è il primo criterio che un Paese deve centrare per ottenere dall’Organizzazione mondiale della sanità […]

L’Africa si avvicina a un traguardo storico: l’eradicazione ufficiale della poliomielite. L’ultimo Stato del continente ad avere registrato un caso della malattia, la Nigeria, non riporta più contagi da 3 anni. E l’assenza di nuovi infettati nell’arco di un triennio è il primo criterio che un Paese deve centrare per ottenere dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) la qualifica di ‘polio-free’.

«L’Africa si appresta a raggiungere uno straordinario risultato di sanità pubblica, un’eredità per i nostri figli e per i figli dei nostri figli», commenta il neo-direttore dell’OMS per la regione africana, Matshidiso Moeti. Solo nel 2012 in Nigeria si concentravano più della metà dei casi di poliomielite segnalati in tutto il mondo. L’obiettivo raggiunto appare dunque epocale per la nazione e per l’intero continente, anche se gli esperti invitano alla cautela: dovranno passare diversi mesi prima che l’OMS possa dichiarare la Nigeria, e quindi l’Africa intera, libera da polio.

L’Agenzia delle Nazioni Unite per la sanità «dovrà ora assicurarsi che nel Paese sia attivo un solido sistema di sorveglianza e che non vi siano ulteriori casi di Polio virus selvaggio», ha spiegato infatti Tunji Funsho, presidente del Comitato per la polio in Nigeria, citato dalla Bbc online. «Per porre fine alla poliomielite almeno il 95% dei bambini deve essere vaccinato», ricorda il responsabile OMS per l’eradicazione della polio, Michel Zaffran. E proprio gli ostacoli al programma vaccinale, legati all’insicurezza nel Nord Est della Nigeria, avevano fatto sì che l’infezione continuasse a circolare nello Stato.

Il successo nella lotta contro i militanti di Boko Haram, il sostegno politico e un’iniezione di fondi per la causa sono tra i fattori all’origine della svolta. Resa inoltre possibile dagli sforzi di migliaia di volontari che in alcuni casi hanno rischiato la vita per portare i vaccini in ogni parte del continente. A livello globale, nel 2018 sono stati riportati 33 casi confermati di polio in soli due Paesi: Afghanistan e Pakistan.

LEGGI ANCHE: POLIOMIELITE, IN ITALIA SCOMPARSA DAGLI ANNI ’80. MA CONTRO EVENTUALE RICOMPARSA PRONTO PIANO DEL MINISTERO

Articoli correlati
Nel mondo un suicidio ogni 40 secondi. I dati OMS
«Nonostante i progressi compiuti in questi anni, ogni 40 secondi una persona si suicida». Alla vigilia della Giornata mondiale per la prevenzione del suicidio, il direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus lancia l’allarme. Sono solo 38 infatti i Paesi al mondo che hanno dato vita a delle strategie di prevenzione. «Di più […]
Morbillo, OMS: «Regno Unito, Grecia, Repubblica Ceca e Albania non sono più ‘free’». Rischiano anche gli USA
Nel primo semestre 2019, nella regione europea dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, registrati più casi di tutto il 2018: 90mila contagi e 37 decessi. E scendono in campo anche i social media
Telemedicina e cooperazione: la sfida, vinta, dalla Onlus GHT di Michelangelo Bartolo
GHT è un servizio di teleconsulto multi-specialistico e gratuito attivo in 15 paesi, curato da un pool di specialisti europei che nasce per rispondere ai quesiti medici che arrivano dai luoghi più disagiati del mondo. Ci spiega tutto il medico fondatore Bartolo
Vaccini, OMS e UNICEF: «20 milioni di bambini non sono immunizzati»
Sono venti milioni i bambini che, in tutto il mondo, nel 2018 non hanno ricevuto i vaccini salvavita, come quelli contro il morbillo, la difterite o il tetano. Oltre il 10% della popolazione infantile mondiale. Secondo quanto emerso dai nuovi dati pubblicati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dall’UNICEF, dal 2010 le percentuali di copertura delle […]
Tubercolosi e migranti, Galli (Simit): «Il problema sono le condizioni di vita, non il paese di appartenenza»
Massimo Galli, Professore Ordinario Malattie Infettive Università degli Studi di Milano e Presidente della SIMIT (Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali) ha voluto far chiarezza sul contenuto di una sua intervista di qualche giorno fa in cui si parlava di migranti e tubercolosi. Di seguito la precisazione: «Dopo aver constatato che era stato sintetizzato male […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali