Mondo 7 Aprile 2021 11:35

Niente discriminazioni tra vaccini e no ai test di autodiagnosi: prende forma il Digital Green Pass

In Commissione Sanità al Senato audizione degli eurodeputati Procaccini e Tardino che hanno relazionato sui lavori della Commissione LIBE. Il via libera del Parlamento Ue dovrebbe arrivare entro giugno. Il Digital Green Pass non metterà fine, tuttavia, alle misure di restrizione in vigore negli Stati dell’Unione

Niente discriminazioni tra vaccini e no ai test di autodiagnosi: prende forma il Digital Green Pass

Anche il Parlamento italiano vuole capire meglio che struttura avrà il Digital Green Pass europeo allo studio di Parlamento e Commissione europea che permetterà di semplificare i viaggi all’interno dell’Unione con una certificazione anti-Covid. Ad approfondire il tema è stata la Commissione Sanità del Senato che ha ascoltato in audizione gli europarlamentari Nicola Procaccini (Fratelli d’Italia) e Annalisa Tardino (Lega), entrambi membri della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (LIBE) che si sta occupando del tema.

Procedura d’urgenza per velocizzarne l’esame

Per facilitarne l’adozione entro l’estate, i deputati hanno deciso di applicare la procedura d’urgenza che consente un esame parlamentare più rapido delle proposte della Commissione, nel pieno rispetto delle sue prerogative.

«È sbagliato parlare di passaporto vaccinale», ha spiegato l’eurodeputato Procaccini che ha annunciato che il varo arriverà entro la sessione plenaria di giugno del Parlamento Ue. «Il regolamento del Certificato verde digitale non stabilisce l’eliminazione delle restrizione dei singoli Stati membri», ha chiarito l’eurodeputato.

Il Digital Green Pass attesterà che una persona è stata vaccinata contro il Covid-19, ha ottenuto un risultato negativo al test (anche quelli rapidi) oppure è guarito dal Covid-19 (attraverso il test sugli anticorpi).

Eviterà discriminazioni

«È fondamentale la difesa del principio di non discriminazione. Il testo finale del regolamento non dovrà comportare neanche indirettamente effetti discriminatori verso chi non è stato ancora vaccinato o non si vuole vaccinare» sottolinea Procaccini.

L’adozione di una certificazione valida su tutto il territorio dell’Unione servirà proprio ad evitare misure differenziate: ad esempio, non saranno ammesse discriminazioni tra i diversi vaccini effettuati. Non sono ammessi, per ora, nemmeno i test di autodiagnosi.

Il Digital Green Pass sarà gratuito anche se, fa notare Procaccini, per avere il test antigenico occorrerà pagare e questo «è un costo che ricade sul cittadino che vuole muoversi tra uno Stato e l’altro».

Il nodo della privacy

Resta poi sul campo anche il nodo della privacy sul quale molte delegazioni al Parlamento Ue stanno chiedendo garanzie: «La conservazione di questi dati sarà affidata ai singoli Stati membri che emettono il certificato e durerà al massimo per il periodo in cui i documenti sanitari possono essere utilizzati per la libera circolazione. Lo Stato membro di destinazione potrà verificare l’autenticità del certificato ma non archiviare i dati», chiarisce Procaccini.

«Il 14 aprile è la data in cui il Coreper, il Comitato dei rappresentanti permanenti, dovrebbe formalizzare la sua posizione sul Digital Green Pass» ha spiegato l’eurodeputata Tardino che ha poi evidenziato come «il provvedimento debba seguire l’evoluzione costante delle conoscenze mediche scientifiche» e le disposizioni di EMA e ECDC.

«Il lavoro delle istituzioni sta proseguendo su due binari: il lavoro legislativo a Bruxelles e il lavoro tecnico per mettere in piedi l’infrastruttura digitale nei singoli Stati. È fondamentale che quando il Digital Green Pass sarà approvato gli Stati membri siano già pronti ad emetterlo» continua Tardino.

«È un punto di partenza importante per il settore turistico. Eviterà che gli Stati si organizzino in maniera bilaterale mettendo fine a un “dumping turistico”. Resta la necessità di coordinare le misure restrittive tra gli Stati membri. È uno strumento di facilitazione ma sta agli Stati membri farne buon uso», conclude Procaccini.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.