Mondo 7 Aprile 2021 11:35

Niente discriminazioni tra vaccini e no ai test di autodiagnosi: prende forma il Digital Green Pass

In Commissione Sanità al Senato audizione degli eurodeputati Procaccini e Tardino che hanno relazionato sui lavori della Commissione LIBE. Il via libera del Parlamento Ue dovrebbe arrivare entro giugno. Il Digital Green Pass non metterà fine, tuttavia, alle misure di restrizione in vigore negli Stati dell’Unione

Niente discriminazioni tra vaccini e no ai test di autodiagnosi: prende forma il Digital Green Pass

Anche il Parlamento italiano vuole capire meglio che struttura avrà il Digital Green Pass europeo allo studio di Parlamento e Commissione europea che permetterà di semplificare i viaggi all’interno dell’Unione con una certificazione anti-Covid. Ad approfondire il tema è stata la Commissione Sanità del Senato che ha ascoltato in audizione gli europarlamentari Nicola Procaccini (Fratelli d’Italia) e Annalisa Tardino (Lega), entrambi membri della Commissione per le libertà civili, la giustizia e gli affari interni (LIBE) che si sta occupando del tema.

Procedura d’urgenza per velocizzarne l’esame

Per facilitarne l’adozione entro l’estate, i deputati hanno deciso di applicare la procedura d’urgenza che consente un esame parlamentare più rapido delle proposte della Commissione, nel pieno rispetto delle sue prerogative.

«È sbagliato parlare di passaporto vaccinale», ha spiegato l’eurodeputato Procaccini che ha annunciato che il varo arriverà entro la sessione plenaria di giugno del Parlamento Ue. «Il regolamento del Certificato verde digitale non stabilisce l’eliminazione delle restrizione dei singoli Stati membri», ha chiarito l’eurodeputato.

Il Digital Green Pass attesterà che una persona è stata vaccinata contro il Covid-19, ha ottenuto un risultato negativo al test (anche quelli rapidi) oppure è guarito dal Covid-19 (attraverso il test sugli anticorpi).

Eviterà discriminazioni

«È fondamentale la difesa del principio di non discriminazione. Il testo finale del regolamento non dovrà comportare neanche indirettamente effetti discriminatori verso chi non è stato ancora vaccinato o non si vuole vaccinare» sottolinea Procaccini.

L’adozione di una certificazione valida su tutto il territorio dell’Unione servirà proprio ad evitare misure differenziate: ad esempio, non saranno ammesse discriminazioni tra i diversi vaccini effettuati. Non sono ammessi, per ora, nemmeno i test di autodiagnosi.

Il Digital Green Pass sarà gratuito anche se, fa notare Procaccini, per avere il test antigenico occorrerà pagare e questo «è un costo che ricade sul cittadino che vuole muoversi tra uno Stato e l’altro».

Il nodo della privacy

Resta poi sul campo anche il nodo della privacy sul quale molte delegazioni al Parlamento Ue stanno chiedendo garanzie: «La conservazione di questi dati sarà affidata ai singoli Stati membri che emettono il certificato e durerà al massimo per il periodo in cui i documenti sanitari possono essere utilizzati per la libera circolazione. Lo Stato membro di destinazione potrà verificare l’autenticità del certificato ma non archiviare i dati», chiarisce Procaccini.

«Il 14 aprile è la data in cui il Coreper, il Comitato dei rappresentanti permanenti, dovrebbe formalizzare la sua posizione sul Digital Green Pass» ha spiegato l’eurodeputata Tardino che ha poi evidenziato come «il provvedimento debba seguire l’evoluzione costante delle conoscenze mediche scientifiche» e le disposizioni di EMA e ECDC.

«Il lavoro delle istituzioni sta proseguendo su due binari: il lavoro legislativo a Bruxelles e il lavoro tecnico per mettere in piedi l’infrastruttura digitale nei singoli Stati. È fondamentale che quando il Digital Green Pass sarà approvato gli Stati membri siano già pronti ad emetterlo» continua Tardino.

«È un punto di partenza importante per il settore turistico. Eviterà che gli Stati si organizzino in maniera bilaterale mettendo fine a un “dumping turistico”. Resta la necessità di coordinare le misure restrittive tra gli Stati membri. È uno strumento di facilitazione ma sta agli Stati membri farne buon uso», conclude Procaccini.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
1,5 milioni di orfani da pandemia nel mondo. Le vittime silenziose del virus
Una ricerca collettiva di Harvard, Oxford e OMS parla chiaro: gli orfani da pandemia superano il milione. Bambini che rischiano l'orfanotrofio e danni a lungo termine: i papà si perdono 5 volte più delle mamme
Covid-19, nuovo report Cabina di regia: «Indice Rt sale a 1,26. Elevata proporzione di giovani e asintomatici»
Impennata di 41 casi su 100mila abitanti contro i 19 della scorsa settimana. Le Regioni a rischio moderato sono 19
Nel Lazio 1,5 milioni di prestazioni sanitarie erogate in meno
Presentato 2° Report Cittadinanzattiva Lazio. I dati fanno riferimento al 2019-2020: «Servizio sanitario territoriale appare appesantito, fragile e esausto nelle diverse componenti»
Green Pass per bar e ristoranti al chiuso. Cambiano i parametri per colori delle Regioni. Tutte le novità
Le misure entreranno in vigore dal prossimo 6 agosto. Prorogato lo stato d’emergenza fino al 31 dicembre
Report Gimbe, casi di nuovo in aumento. Il 47% degli italiani ha due dosi, ma tra i giovani circola il virus
Registrato un +115% sui nuovi casi e un'inversione di tendenza sul fronte ospedaliero, ma calano ancora i decessi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 luglio, sono 194.184.465 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.159.281 i decessi. Ad oggi, oltre 3,84 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea