Mondo 15 Settembre 2021 16:11

Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell’Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia

Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»

L’Unione europea è «leader nel mondo sui vaccini» e può essere «orgogliosa» di come ha affrontato la crisi prodotta dal Covid-19. La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell’Unione, rivendica con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia, sottolineando che «nella più grande crisi sanitaria del secolo abbiamo scelto di metterci insieme, in modo che ogni parte d’Europa abbia lo stesso accesso al vaccino salvavita».

Non solo: «Nella più profonda crisi economica da decenni – ha aggiunto – abbiamo deciso di agire insieme con Next Generation Eu. E nella più grave crisi planetaria di sempre, abbiamo scelto di procedere insieme, con il Green Deal. Lo abbiamo fatto insieme come Commissione, come Parlamento, come 27 Stati membri. Come un’Europa sola. E possiamo esserne orgogliosi».

Von der Leyen: «In Ue adulti pienamente vaccinati superano il 70%»

«Oltre il 70% degli adulti sono pienamente vaccinati nell’Ue» ha aggiunto Von der Leyen, ricordando che «siamo i soli a dividere la metà della nostra produzione di vaccini con il resto del mondo. Abbiamo consegnato oltre 700 milioni di dosi al popolo europeo e altri 700 milioni di dosi al resto del mondo, oltre 130 Paesi».

«Una pandemia è una maratona, non uno scatto – ha osservato -. Abbiamo seguito la scienza. Abbiamo fatto le cose nel modo giusto, perché le abbiamo fatte all’europea. E ha funzionato».

«Evitare pandemia dei non vaccinati»

Una delle priorità dell’Unione europea, in questo momento, è quella di continuare gli sforzi per vaccinare la maggior parte possibile della popolazione europea contro il SARS-CoV-2, facendo «tutto il possibile per evitare una pandemia tra i non vaccinati». Nell’Ue, osserva ancora, «vediamo divergenze preoccupanti nei tassi di vaccinazione. Abbiamo 1,8 miliardi di dosi aggiuntive assicurate. Per noi è abbastanza e anche per il nostro vicinato, quando serviranno i richiami».

Occorre anche, aggiunge la presidente, «velocizzare la vaccinazione a livello globale. L’Europa sta investendo un miliardo di euro per la capacità di produzione di vaccini a mRna in Africa. Ci siamo già impegnati a condividere 250 milioni di dosi. La Commissione aggiungerà una nuova donazione di 200 milioni di dosi entro la metà del prossimo anno».

Nel corso del suo intervento la Presidente Von der Leyen ha anche sottolineato che l’Ue metterà in piedi Hera, la European Health Emergency Preparedness and Response Authority, l’equivalente europeo della Barda statunitense. L’agenzia «sarà un asset enorme per affrontare prima e meglio le future minacce alla salute – ha spiegato –. Propongo una missione di resilienza e preparazione per l’intera Ue. Dovrebbe essere sostenuta da un investimento dell’Europa di 50 miliardi di euro entro il 2027».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Chi è vaccinato contro il Covid-19 può trasmettere l’infezione ad altre persone?
Ma le persone vaccinate contro il Covid-19 possono davvero trasmettere il virus ad altri? Uno dei principali appigli a cui si aggrappa chi nutre dubbi sulla vaccinazione anti-Covid è che essere immunizzati non significherebbe non trasmettere il virus ad altri. Ed in effetti le autorità sanitarie, italiane e internazionali non hanno smentito l’eventualità. AIFA: «Anche […]
Vaccini, Simedet-Unid: «Ripercorrere la storia dell’Immunologia per capirne l’importanza»
L'argomento è stato al centro dell'incontro “La vaccinazione: strumento culturale di prevenzione e cura. Come l’Immunologia ha cambiato la Medicina” organizzato dalla Società Italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
SARS-CoV-2, Clerici (Uni Milano): «Evolve in modo non favorevole. Vaccino unica arma che abbiamo»
Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di Milano ha preso in esame più di 800 mila sequenze di SARS-CoV-2
di Federica Bosco
Cento milioni di dosi scadranno a breve e i Paesi poveri aspettano impotenti
Passati da tempo i problemi di approvvigionamento, ora c’è una tale quantità di vaccini in circolazione che i Paesi ricchi non riescono più a smaltirli. E mentre la FDA americana approva la terza dose di Pfizer per gli over 65, sia Biden che Draghi promettono nuove donazioni ai Paesi in via di sviluppo
Covid, Gimbe: «Scendono ancora nuovi casi e ricoveri. Misure insufficienti nelle scuole»
Il monitoraggio settimanale della Fondazione Gimbe conferma un ulteriore calo di tutte le curve, ad eccezione dei decessi che si confermano stabili. L’esitazione vaccinale persiste negli over 50 e frena la fascia 12-19: 1,5 milioni di ragazzi non hanno ancora ricevuto nemmeno una dose di vaccino
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 settembre, sono 232.357.690 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.756.701 i decessi. Ad oggi, oltre 6,12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano