Mondo 15 Settembre 2021 16:11

Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell’Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia

Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»

L’Unione europea è «leader nel mondo sui vaccini» e può essere «orgogliosa» di come ha affrontato la crisi prodotta dal Covid-19. La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell’Unione, rivendica con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia, sottolineando che «nella più grande crisi sanitaria del secolo abbiamo scelto di metterci insieme, in modo che ogni parte d’Europa abbia lo stesso accesso al vaccino salvavita».

Non solo: «Nella più profonda crisi economica da decenni – ha aggiunto – abbiamo deciso di agire insieme con Next Generation Eu. E nella più grave crisi planetaria di sempre, abbiamo scelto di procedere insieme, con il Green Deal. Lo abbiamo fatto insieme come Commissione, come Parlamento, come 27 Stati membri. Come un’Europa sola. E possiamo esserne orgogliosi».

Von der Leyen: «In Ue adulti pienamente vaccinati superano il 70%»

«Oltre il 70% degli adulti sono pienamente vaccinati nell’Ue» ha aggiunto Von der Leyen, ricordando che «siamo i soli a dividere la metà della nostra produzione di vaccini con il resto del mondo. Abbiamo consegnato oltre 700 milioni di dosi al popolo europeo e altri 700 milioni di dosi al resto del mondo, oltre 130 Paesi».

«Una pandemia è una maratona, non uno scatto – ha osservato -. Abbiamo seguito la scienza. Abbiamo fatto le cose nel modo giusto, perché le abbiamo fatte all’europea. E ha funzionato».

«Evitare pandemia dei non vaccinati»

Una delle priorità dell’Unione europea, in questo momento, è quella di continuare gli sforzi per vaccinare la maggior parte possibile della popolazione europea contro il SARS-CoV-2, facendo «tutto il possibile per evitare una pandemia tra i non vaccinati». Nell’Ue, osserva ancora, «vediamo divergenze preoccupanti nei tassi di vaccinazione. Abbiamo 1,8 miliardi di dosi aggiuntive assicurate. Per noi è abbastanza e anche per il nostro vicinato, quando serviranno i richiami».

Occorre anche, aggiunge la presidente, «velocizzare la vaccinazione a livello globale. L’Europa sta investendo un miliardo di euro per la capacità di produzione di vaccini a mRna in Africa. Ci siamo già impegnati a condividere 250 milioni di dosi. La Commissione aggiungerà una nuova donazione di 200 milioni di dosi entro la metà del prossimo anno».

Nel corso del suo intervento la Presidente Von der Leyen ha anche sottolineato che l’Ue metterà in piedi Hera, la European Health Emergency Preparedness and Response Authority, l’equivalente europeo della Barda statunitense. L’agenzia «sarà un asset enorme per affrontare prima e meglio le future minacce alla salute – ha spiegato –. Propongo una missione di resilienza e preparazione per l’intera Ue. Dovrebbe essere sostenuta da un investimento dell’Europa di 50 miliardi di euro entro il 2027».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nasce il progetto PMLAb per i pazienti COVID-19 immunocompromessi
La gestione del paziente immunocompromesso con COVID-19 richiede una particolare attenzione, che si concretizza con le Profilassi Pre-Esposizione con anticorpi monoclonali. A questo scopo è nato il progetto Prevention Management LAboratory (PMLAb), presentato oggi a Roma
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...