Mondo 15 Settembre 2021 16:11

Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»

La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell’Unione, ha rivendicato con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia

Covid-19, Von der Leyen: «Ue leader mondiale sui vaccini. Ora evitare pandemia dei non vaccinati»

L’Unione europea è «leader nel mondo sui vaccini» e può essere «orgogliosa» di come ha affrontato la crisi prodotta dal Covid-19. La Presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen, nel corso del discorso sullo Stato dell’Unione, rivendica con orgoglio il lavoro fatto da tutti gli Stati membri nel corso della pandemia, sottolineando che «nella più grande crisi sanitaria del secolo abbiamo scelto di metterci insieme, in modo che ogni parte d’Europa abbia lo stesso accesso al vaccino salvavita».

Non solo: «Nella più profonda crisi economica da decenni – ha aggiunto – abbiamo deciso di agire insieme con Next Generation Eu. E nella più grave crisi planetaria di sempre, abbiamo scelto di procedere insieme, con il Green Deal. Lo abbiamo fatto insieme come Commissione, come Parlamento, come 27 Stati membri. Come un’Europa sola. E possiamo esserne orgogliosi».

Von der Leyen: «In Ue adulti pienamente vaccinati superano il 70%»

«Oltre il 70% degli adulti sono pienamente vaccinati nell’Ue» ha aggiunto Von der Leyen, ricordando che «siamo i soli a dividere la metà della nostra produzione di vaccini con il resto del mondo. Abbiamo consegnato oltre 700 milioni di dosi al popolo europeo e altri 700 milioni di dosi al resto del mondo, oltre 130 Paesi».

«Una pandemia è una maratona, non uno scatto – ha osservato -. Abbiamo seguito la scienza. Abbiamo fatto le cose nel modo giusto, perché le abbiamo fatte all’europea. E ha funzionato».

«Evitare pandemia dei non vaccinati»

Una delle priorità dell’Unione europea, in questo momento, è quella di continuare gli sforzi per vaccinare la maggior parte possibile della popolazione europea contro il SARS-CoV-2, facendo «tutto il possibile per evitare una pandemia tra i non vaccinati». Nell’Ue, osserva ancora, «vediamo divergenze preoccupanti nei tassi di vaccinazione. Abbiamo 1,8 miliardi di dosi aggiuntive assicurate. Per noi è abbastanza e anche per il nostro vicinato, quando serviranno i richiami».

Occorre anche, aggiunge la presidente, «velocizzare la vaccinazione a livello globale. L’Europa sta investendo un miliardo di euro per la capacità di produzione di vaccini a mRna in Africa. Ci siamo già impegnati a condividere 250 milioni di dosi. La Commissione aggiungerà una nuova donazione di 200 milioni di dosi entro la metà del prossimo anno».

Nel corso del suo intervento la Presidente Von der Leyen ha anche sottolineato che l’Ue metterà in piedi Hera, la European Health Emergency Preparedness and Response Authority, l’equivalente europeo della Barda statunitense. L’agenzia «sarà un asset enorme per affrontare prima e meglio le future minacce alla salute – ha spiegato –. Propongo una missione di resilienza e preparazione per l’intera Ue. Dovrebbe essere sostenuta da un investimento dell’Europa di 50 miliardi di euro entro il 2027».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale