Salute 14 Settembre 2021 17:49

No Green pass in Uk, Andreoni (Tor Vergata): «Scelta rischiosa». Le novità su test salivari e vaccinazioni

Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma, spiega a Sanità Informazione come sta evolvendo la lotta al Covid-19

No Green pass in Uk, Andreoni (Tor Vergata): «Scelta rischiosa». Le novità su test salivari e vaccinazioni

Anche la lotta al Covid-19 sviluppa varianti e si evolve come un virus man mano che le conoscenze sul SARS-CoV-2 cambiano e cambiano le condizioni in cui questa guerra viene combattuta. Per questo il Green pass ha una vita più lunga (12 mesi), si è deciso di inoculare una terza dose alle persone fragili e anziane e siamo pronti ad usare i test salivari per aumentare la portata degli screening, specialmente tra i bambini che entrano a scuola. E proprio perché le cose cambiano, anche il Regno Unito ha cambiato idea (e non è la prima volta), rinunciando al Green pass come strumento di contenimento della pandemia, in quanto circa il 90% della popolazione è ormai immunizzata. Per capire meglio come sta mutando la lotta al Covid-19 abbiamo chiesto il parere del professor Massimo Andreoni, direttore del reparto Malattie Infettive all’Università Tor Vergata di Roma.

Professore, il Regno Unito ha rinunciato al Green pass perché la vaccinazione anti-Covid ha raggiunto livelli elevatissimi. Come giudica questa decisione?

«Il Regno Unito ha sempre avuto un atteggiamento ondivago sulla pandemia. All’inizio avevano deciso di non procedere con nessuna misura restrittiva, in modo da lasciar circolare il virus e raggiungere così l’immunità di gregge attraverso l’infezione naturale, poi hanno avuto un’impennata di casi e sono stati messi in atto un paio di lockdown molto severi. Adesso hanno deciso di togliere il Green pass e addirittura molte delle misure di contenimento sin qui adottate. Il ragionamento è: “Arrivati a questo punto, abbiamo vaccinato molto, tanto vale lasciare che il virus circoli in modo da immunizzare anche il resto della popolazione”. Questa scelta è, secondo me, molto pericolosa, in quanto questa variante, che ha un alto grado di trasmissibilità, continua a causare casi gravi, soprattutto in soggetti non vaccinati. Tant’è che la comunità scientifica invita non solo a vaccinarsi ma anche a mantenere le misure di contenimento anche per i soggetti vaccinati. Quindi ci sono tutti gli elementi per dire che il Green pass, il quale viene da un lato utilizzato come sistema finalizzato a far vaccinare maggiormente le persone e, dall’altro, fa sì che nei luoghi a maggior rischio entrino solo persone vaccinate, le quali possono infettare ma hanno una minor capacità di trasmissione sia in termini di durata che di quantità di virus, sia una misura molto importante. Per questo sono totalmente in disaccordo con quanto sta facendo il governo inglese. Credo che tutto questo porterà ad un incremento del numero dei casi, con un inevitabile incremento dei morti. Questo perché neanche nel Regno Unito, purtroppo, sono riusciti a raggiungere quella immunità di massa globale che sarebbe indispensabile per contrastare questa variante».

Passiamo al Green pass, la cui validità è stata recentemente estesa a 12 mesi. È una scelta che si basa su evidenze scientifiche o su motivi pratici?

«Diciamo entrambe le cose. Si è visto che globalmente l’immunità legata al Covid-19, sia per quanto riguarda la malattia naturale che la vaccinazione, nella popolazione sana risulta essere valida all’incirca 12 mesi. E questo è per quanto riguarda le evidenze scientifiche. D’altra parte c’è però anche una motivazione pratica: se da un lato affermiamo che il Green pass è necessario per andare a scuola, negli uffici, lavorare e così via, e dall’altro la sua durata è di 9 mesi dalla vaccinazione, un medico che si è vaccinato il 27 dicembre dello scorso anno si ritroverebbe sfornito di certificazione verde il 27 settembre prossimo. E parliamo di centinaia di migliaia di persone che hanno la necessità di vaccinarsi di nuovo. Una valanga che si affiancherebbe a coloro che ancora non si sono vaccinati e a chi dovrà farsi inoculare la terza dose. Sarebbe tecnicamente infattibile».

Ha parlato di terza dose, è una misura necessaria?

«È una misura assolutamente necessaria perché i dati in nostro possesso dimostrano come l’immunità fornita dai vaccini tende, dopo un certo numero di mesi, a calare. Non è un evento eccezionale: molto spesso dobbiamo ricorrere ai richiami anche con altri vaccini. Questi richiami fortificano di molto l’immunità dell’organismo. Ancora non sappiamo se poi questa terza dose riuscirà a dare un’immunità molto più duratura delle prime due. Questo potrebbe accadere. Quando diciamo che probabilmente ogni anno dovremo fare il richiamo, senza dubbio è vero, ma dobbiamo ancora vedere cosa succederà per esserne sicuri».

In merito invece ai test salivari, di cui si parla tanto negli ultimi tempi, posseggono un livello di accuratezza del risultato tale da potercisi affidare?

«Sia in termini di accuratezza che di sensibilità, il livello è assolutamente accettabile. Certo, i test salivari sono un gradino sotto al test nasofaringeo, che rimane ovviamente quello di riferimento. Ciò detto, i test salivari hanno un grande vantaggio: la raccolta del campione è molto meno invasiva, motivo per cui si adattano molto bene a campagne di screening anche su larga scala. Siccome le faremo anche nelle scuole per poterle riaprire in sicurezza, il test salivare è una soluzione ottimale perché se da un lato la perdita di sensibilità è minima, e dunque non corriamo grandi rischi di falsi negativi, ci permetterà di cercare il virus su grandi numeri, di gran lunga maggiori rispetto agli screening effettuati con tampone nasofaringeo. Questo, poi, non può essere ripetuto costantemente sullo stesso soggetto, e soprattutto per i bambini più piccoli, proprio perché molto invasivo e fastidioso».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Studio rivela il sintomo Covid che colpisce i vaccinati
I dati raccolti dall'App ZOE Health Study indicano stato un aumento delle segnalazioni di diarrea nel gennaio 2022 tra i vaccinati. Il sintomo dura in media 2-3 giorni
Covid, Fiaso: «Giù del 20% i ricoveri nell’ultima settimana, -22% nelle terapie intensive»
Le terapie intensive segnano un -22% rispetto alla settimana precedente e un indice di occupazione del 4,4%. In calo del 27% i ricoveri Covid pediatrici negli ospedali aderenti al network sentinella di Fiaso
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...