Mondo 19 Ottobre 2021 17:14

Covid-19, Ecdc: «Concentrarsi su casi sintomatici e integrare sorveglianza influenza»

Per il Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie (Ecdc) è il momento di passare «dalla sorveglianza di emergenza» attivata contro Covid «alla sorveglianza di routine dei patogeni respiratori» in generale

Covid-19, Ecdc: «Concentrarsi su casi sintomatici e integrare sorveglianza influenza»

In Europa «i Paesi dovrebbero concentrarsi sulla segnalazione dei casi sintomatici di Covid, cioè sui casi che sono stati testati a causa di sintomi compatibili» con la malattia, e i loro sistemi «dovrebbero consentire la sorveglianza integrata di Covid, influenza e altri patogeni respiratori che potrebbero co-circolare nella popolazione». Per il Centro europeo di controllo e prevenzione delle malattie (Ecdc) è il momento di passare «dalla sorveglianza di emergenza» attivata contro Covid «alla sorveglianza di routine dei patogeni respiratori» in generale. E per agevolare questa transizione viene diffusa una guida che pone proprio questo obiettivo.

«La maggior parte dei paesi dell’Unione europea/Spazio economico europeo ha istituito sistemi di sorveglianza completi per Covid-19 con un’ampia percentuale di segnalazioni di tutti i casi positivi indipendentemente dall’indicazione per il test. Inoltre, le politiche di test sono state diverse tra i paesi, influenzando così la comparabilità dei dati a livello Ue/See – fa presente l’Ecdc –. Questa guida incoraggia i Paesi» a “correggere il tiro” per consentire una sorveglianza più completa e una maggiore comparabilità fra le varie aree del Vecchio Continente.

Nel documento si identificano alcuni punti chiave: a parte la creazione di una sorveglianza integrata, si mette l’accento sul fatto che «gli attuali sistemi di sorveglianza dell’influenza non sono sufficientemente sensibili e rappresentativi per consentire la sorveglianza congiunta anche di Covid, pertanto i Paesi dovrebbero considerare di espandere la copertura delle “sentinelle” per migliorare la sensibilità» del monitoraggio «e raccogliere campioni sufficienti per un’ulteriore caratterizzazione. Se non è possibile testare tutti coloro che presentano sintomi, dovrebbe essere testato un sottoinsieme rappresentativo di casi sintomatici, preferibilmente mediante test Pcr», suggerisce la guida Ecdc. È inoltre necessario «sequenziare un sottoinsieme rappresentativo di campioni positivi a Sars-CoV-2. La sorveglianza genomica di campioni rappresentativi dovrebbe essere associata a un campionamento completo mirato in ambienti o popolazioni speciali».

Altro monitoraggio cruciale quello dell’efficacia del vaccino, che «dovrebbe essere effettuato attraverso studi ad hoc, possibilmente integrati in sistemi di sorveglianza». I Paesi dovrebbero continuare infine «il monitoraggio della mortalità e prendere in considerazione indagini siero-epidemiologiche».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Dall’Europa sì a quarta dose per over 60, a settembre i vaccini aggiornati
L'EMA e l'ECDC ufficializzano la loro raccomandazione di estendere la quarta dose agli over 60, almeno 4 mesi dopo la precedente. Nel frattempo confermano la possibile approvazione dei vaccini aggiornati in autunno
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Come la ricerca cambia i dogmi e suggerisce soluzioni nuove: il Sars-CoV-2 infetta anche i batteri
La ricerca nasce dall’iniziativa di 3 società italiane, Craniomed group (Avellino), Marsanconsulting, (Napoli) e ISB Ion Source (Milano)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 settembre 2022, sono 614.093.002 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.533.948 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi