Salute 24 Settembre 2021 11:09

SARS-CoV-2, Clerici (Uni Milano): «Evolve in modo non favorevole. Vaccino unica arma che abbiamo»

Una ricerca dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di Milano ha preso in esame più di 800 mila sequenze di SARS-CoV-2

di Federica Bosco
SARS-CoV-2, Clerici (Uni Milano): «Evolve in modo non favorevole. Vaccino unica arma che abbiamo»

Ventun mesi di studio e 800 mila genomi di SARS-CoV-2 sequenziati hanno permesso agli scienziati dell’IRCCS Eugenio Medea e dell’Università degli Studi di Milano di confermare che il Covid sta diventando sempre più aggressivo.

Mario Clerici, docente dell’Università degli studi di Milano che ha seguito la ricerca con la dottoressa Manuela Sironi, al riguardo è stato molto chiaro: «È in atto una selezione caratteristica che avviene solamente nei coronavirus. Da un punto di vista tecnico c’è un accumulo di uracile e una perdita di citosina e guanina. I dati dello studio dimostrano che SARS-CoV-2 e gli altri coronavirus presentano una mutazione simile, ma in alcuni casi le mutazioni consentono al virus di eludere la proteina antivirale prodotta dalle cellule umane chiamata ZAP che dovrebbe inibire la replicazione dei virus a RNA legandosi all’acido nucleico virale e provocandone la degradazione».

Questo significa che in futuro potrebbero esserci delle pandemie più severe?

«Questa è una possibilità. Di sicuro quello che questi dati dicono è che il virus evolve in modo non favorevole a noi, perché riducendo citosina e guanina, riduce la sua sensibilità all’azione difensiva di ZAP, la proteina che inattiva i virus a RNA».

La mutazione come impatta sul vaccino?

«Se il virus circola, muta. Attraverso la vaccinazione noi dobbiamo ridurre la diffusione del Covid. Più è alta la percentuale di gente vaccinata, minore è la possibilità che il virus possa cambiare. Il vaccino agisce infatti creando una barriera a monte, prima che entri nell’organismo».

Se il virus elude il vaccino che succede? Come poter far fronte ad una recrudescenza del Covid?

«Sono diversi i fattori che generano questo scenario: il virus riduce citosina e guanina e sfugge all’azione di ZAP che dovrebbe bloccarlo, ma diventa più sensibile all’azione dei raggi solari. Quindi l’esposizione al sole inattiva il virus contenuto nelle goccioline di saliva che sono emesse quando una persona tossisce e parla».

Questo spiegherebbe anche la minor aggressività del virus nelle zone più calde e nei mesi estivi…

«Al riguardo in collaborazione con l’Istituto nazionale di astrofisica abbiamo prodotto un lavoro che dimostra come esista una proporzione inversa tra raggi solari che arrivano sulla superficie della Terra e l’incidenza del Covid».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
OMS: «Dichiariamo fine emergenza internazionale Covid»
Il Comitato tecnico dell’Oms, ha detto il direttore generale Tedros Ghrebreyesus, «ha raccomandato la fine dello stato di emergenza ed io ho accettato l’indicazione»
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Ad oggi, 28 febbraio 2023, sono 675.188.796 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.870.894 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino disponibile (23 febbraio 2023): Oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 25.576.852 (4.720 in più rispetto a ieri). Il […]
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...