Lavoro 28 Luglio 2021 14:59

Il contagio da Sars-CoV-2 è malattia o infortunio? ANIA: «Il Covid-19 non è coperto dalle polizze private»

Interpellata da Sanità Informazione, l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici spiega perché le assicurazioni private considerano il contagio da Covid-19 malattia e non infortunio

Il contagio da Sars-CoV-2 è malattia o infortunio? ANIA: «Il Covid-19 non è coperto dalle polizze private»

L’art. 42 del D.L. n. 18, del 17 marzo 2020 (cosiddetto “Cura Italia”) ha equiparato l’infezione da Covid-19 ad “infortunio” sul lavoro. Tuttavia, nel corso dei mesi si è venuta a creare una disparità di trattamento tra chi lavora come dipendente in una struttura pubblica o privata e chi invece svolge la medesima attività come libero professionista. Solo ai primi viene infatti riconosciuta la copertura assicurativa dell’Inail in caso di infezione da Covid-19 contratta durante l’attività lavorativa, mentre ai secondi, titolari di polizze assicurative private che coprono il rischio “infortunio”, questo non accade perché l’infezione da Covid-19 non rientrerebbe nel concetto di “infortunio” ma in quello di “malattia”». Abbiamo chiesto ad ANIA (l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) il perché di questa differenza.

Ai titolari di polizze assicurative private che coprono il rischio “infortunio” viene riconosciuta la copertura assicurativa in caso di infezione da Covid-19 contratta durante l’attività lavorativa, oppure l’indennizzo viene negato sul presupposto che l’infezione da Covid-19 non rientrerebbe nel concetto di “infortunio” ma in quello di “malattia”?

«In via preliminare, si precisa che non è la prima volta che l’Inail tutela le affezioni morbose, inquadrandole nella categoria degli infortuni sul lavoro effettuando una equiparazione tra causa violenta e causa virulenta. Pertanto, la disposizione in oggetto non deve stupire considerato che ovviamente la tutela si attiva esclusivamente se il virus è contratto sul luogo di lavoro e per quei soggetti che rientrano nell’alveo della tutela Inail. Ciò detto, con riferimento alle coperture Infortuni private, sin dall’inizio dell’emergenza sanitaria, l’Associazione ha più volte ribadito che il Covid-19 non è coperto dalle polizze infortuni private in quanto l’art. 42 del decreto “Cura Italia” è una norma di carattere speciale, emanata in un contesto emergenziale, che non trova applicazione in ambito privatistico. Nell’ambito delle coperture infortuni private, il mercato da sempre ha fatto riferimento a una definizione di infortunio strettamente medico-legale, intendendolo come un evento traumatico e violento, dovuto ad una causa esterna, che produce delle “lesioni fisiche obiettivamente constatabili”. I contagi da Covid, pertanto, rientrano nell’ambito delle coperture malattia. A tal riguardo, si fa presente che con riferimento a tali polizze (malattia) per andare incontro alle esigenze dei propri clienti, molte compagnie hanno modificato la propria offerta assicurativa sviluppando prodotti assicurativi ad hoc prevedendo garanzie specifiche in caso di contagio da Covid-19 come, ad esempio, indennità giornaliere (in genere previste solo in caso di ricovero) per il periodo di quarantena».

Alla luce dell’art. 42 del D.L. n. 18, del 17 marzo 2020 (cosiddetto “Cura Italia”), che ha equiparato l’infezione da Covid-19 ad “infortunio” sul lavoro, esiste una disparità di trattamento tra gli operatori sanitari che lavorano come dipendenti in una struttura pubblica o privata (coperti dall’Inail) e quelli che invece svolgono la medesima attività come libero professionisti?

«Sì, perché la tutela pubblicistica dell’Inail e quindi anche la specifica protezione accordata in caso di contagio da Covid dall’art. 42, si applica esclusivamente al personale sanitario dipendente e non anche ai lavoratori autonomi (e conseguentemente ai medici liberi professionisti)».

Se in un determinato contratto non esiste una clausola che esplicitamente esclude indennizzabilità per infortuni derivanti da “contagio”, l’assicurato che ha contratto il Sars-CoV-2 va indennizzato?

«Soprattutto a seguito dell’introduzione del suddetto articolo 42, molte compagnie in un’ottica prudenziale hanno preferito disciplinare nelle condizioni contrattuali delle proprie polizze infortuni il caso delle infezioni, prevedendone, a scanso di equivoci, l’esclusione esplicita dalla copertura. Tuttavia, una clausola di esclusione espressa in realtà non è necessaria dal momento che, come fatto presente, il Covid è una malattia e non un infortunio».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Nascita indesiderata e responsabilità medica
Quando si ha responsabilità medica in una nascita indesiderata? Cosa sostiene la Cassazione in una recente sentenza
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...