Lavoro 28 Luglio 2021 14:59

Il contagio da Sars-CoV-2 è malattia o infortunio? ANIA: «Il Covid-19 non è coperto dalle polizze private»

Interpellata da Sanità Informazione, l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici spiega perché le assicurazioni private considerano il contagio da Covid-19 malattia e non infortunio

Il contagio da Sars-CoV-2 è malattia o infortunio? ANIA: «Il Covid-19 non è coperto dalle polizze private»

L’art. 42 del D.L. n. 18, del 17 marzo 2020 (cosiddetto “Cura Italia”) ha equiparato l’infezione da Covid-19 ad “infortunio” sul lavoro. Tuttavia, nel corso dei mesi si è venuta a creare una disparità di trattamento tra chi lavora come dipendente in una struttura pubblica o privata e chi invece svolge la medesima attività come libero professionista. Solo ai primi viene infatti riconosciuta la copertura assicurativa dell’Inail in caso di infezione da Covid-19 contratta durante l’attività lavorativa, mentre ai secondi, titolari di polizze assicurative private che coprono il rischio “infortunio”, questo non accade perché l’infezione da Covid-19 non rientrerebbe nel concetto di “infortunio” ma in quello di “malattia”». Abbiamo chiesto ad ANIA (l’Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici) il perché di questa differenza.

Ai titolari di polizze assicurative private che coprono il rischio “infortunio” viene riconosciuta la copertura assicurativa in caso di infezione da Covid-19 contratta durante l’attività lavorativa, oppure l’indennizzo viene negato sul presupposto che l’infezione da Covid-19 non rientrerebbe nel concetto di “infortunio” ma in quello di “malattia”?

«In via preliminare, si precisa che non è la prima volta che l’Inail tutela le affezioni morbose, inquadrandole nella categoria degli infortuni sul lavoro effettuando una equiparazione tra causa violenta e causa virulenta. Pertanto, la disposizione in oggetto non deve stupire considerato che ovviamente la tutela si attiva esclusivamente se il virus è contratto sul luogo di lavoro e per quei soggetti che rientrano nell’alveo della tutela Inail. Ciò detto, con riferimento alle coperture Infortuni private, sin dall’inizio dell’emergenza sanitaria, l’Associazione ha più volte ribadito che il Covid-19 non è coperto dalle polizze infortuni private in quanto l’art. 42 del decreto “Cura Italia” è una norma di carattere speciale, emanata in un contesto emergenziale, che non trova applicazione in ambito privatistico. Nell’ambito delle coperture infortuni private, il mercato da sempre ha fatto riferimento a una definizione di infortunio strettamente medico-legale, intendendolo come un evento traumatico e violento, dovuto ad una causa esterna, che produce delle “lesioni fisiche obiettivamente constatabili”. I contagi da Covid, pertanto, rientrano nell’ambito delle coperture malattia. A tal riguardo, si fa presente che con riferimento a tali polizze (malattia) per andare incontro alle esigenze dei propri clienti, molte compagnie hanno modificato la propria offerta assicurativa sviluppando prodotti assicurativi ad hoc prevedendo garanzie specifiche in caso di contagio da Covid-19 come, ad esempio, indennità giornaliere (in genere previste solo in caso di ricovero) per il periodo di quarantena».

Alla luce dell’art. 42 del D.L. n. 18, del 17 marzo 2020 (cosiddetto “Cura Italia”), che ha equiparato l’infezione da Covid-19 ad “infortunio” sul lavoro, esiste una disparità di trattamento tra gli operatori sanitari che lavorano come dipendenti in una struttura pubblica o privata (coperti dall’Inail) e quelli che invece svolgono la medesima attività come libero professionisti?

«Sì, perché la tutela pubblicistica dell’Inail e quindi anche la specifica protezione accordata in caso di contagio da Covid dall’art. 42, si applica esclusivamente al personale sanitario dipendente e non anche ai lavoratori autonomi (e conseguentemente ai medici liberi professionisti)».

Se in un determinato contratto non esiste una clausola che esplicitamente esclude indennizzabilità per infortuni derivanti da “contagio”, l’assicurato che ha contratto il Sars-CoV-2 va indennizzato?

«Soprattutto a seguito dell’introduzione del suddetto articolo 42, molte compagnie in un’ottica prudenziale hanno preferito disciplinare nelle condizioni contrattuali delle proprie polizze infortuni il caso delle infezioni, prevedendone, a scanso di equivoci, l’esclusione esplicita dalla copertura. Tuttavia, una clausola di esclusione espressa in realtà non è necessaria dal momento che, come fatto presente, il Covid è una malattia e non un infortunio».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Formazione ECM, Monaco (Co.Ge.A.P.S.): «Obbligo morale e deontologico scritto nel DNA del medico»
L’inadempienza potrebbe comportare ricadute assicurative. «Al di là dell’obbligo di legge, ogni medico deve formarsi per dare al cittadino il massimo della professionalità e delle competenze». Così Il segretario della Federazione degli ordini dei medici sull'ECM
Ecm, Anelli: «Formarsi significa garantire la qualità delle prestazioni»
Il Presidente Fnomceo incentiva la formazione medica e invita ad assolvere l’obbligo formativo in vista della stretta sulle polizze assicurative. «Oggi il professionista sanitario non formato si trova di fronte a delle difficoltà di carattere medico legale. Né le assicurazioni, né i giudici potranno comprendere perché non si è formato»
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Se il nesso causale non è provato dal paziente, niente risarcimento
Se il paziente non riesce a dimostrare il nesso causale, il risarcimento da parte del medico non è dovuto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...