Mondo assicurativo 29 Maggio 2017 13:03

Cambio attività sanitaria: conservare integra copertura assicurativa per fatti pregressi

Sono un ortopedico del SSN. Fino ad oggi ho operato in libera professione con attività chirurgica, sia nella mia qualità di dirigente sanitario del SSN che di libero professionista. Ho deciso in questo ultimo periodo di limitare il mio impegno libero-professionale all’attività ambulatoriale riservando quella chirurgica all’area ospedaliera del SSN. Mi è stato riferito che […]

di Ennio Profeta - Consulente SanitAssicura

Sono un ortopedico del SSN. Fino ad oggi ho operato in libera professione con attività chirurgica, sia nella mia qualità di dirigente sanitario del SSN che di libero professionista. Ho deciso in questo ultimo periodo di limitare il mio impegno libero-professionale all’attività ambulatoriale riservando quella chirurgica all’area ospedaliera del SSN. Mi è stato riferito che posso ovviamente comunicare all’assicuratore questa modifica con conseguente riduzione del premio da me fino ad ora pagato. Ma un collega (che sembra diventato un esperto anche in assicurazioni!) mi ha fatto notare che in questo modo sistemerei la situazione per il futuro ma perderei la copertura per la mia attività chirurgica precedente. Ci capisco poco e quindi chiedo a Lei se l’osservazione del collega sia corretta e come posso superare il problema. Grazie per la risposta.

 

Il suo collega ha ragione. In effetti Lei stipulerà una nuova copertura assicurativa che avrà come oggetto la sua effettiva attività sanitaria, non più invasiva relativamente alla libera professionale. Questa copertura vale ed ha il medesimo profilo anche per i fatti pregressi; conseguentemente la efficacia retroattiva della copertura sarà limitata alla attività ambulatoriale. Lei quindi avrà un “buco di tutela assicurativa” relativamente ai fatti pregressi di natura chirurgica. E’ il prezzo che Lei paga a fronte di un premio inferiore!

Ma il problema è superabile. Negozi con la sua compagnia l’emissione di un’appendice alla polizza nella quale si prenderà atto che:

  • L’attività chirurgica sarà limitata dalla data di… all’area del servizio SSN, mentre l’attività libero professionale avrà un profilo meramente ambulatoriale senza alcuna attività invasiva
  • La copertura retroattività fino alla data del giorno .. sarà comunque valida anche per l’attività chirurgica

Le costerà un modesto aumento del premio (comunque nel complesso inferiore a quanto prima pagava!) ma in questo modo avrà risolto non soltanto la questione della garanzia retroattiva ma avrà anche chiarito che comunque la copertura assicurativa riguardo l’attività chirurgica SSN rimane efficace.

Articoli correlati
Vorrei cambiare compagnia assicurativa, posso mantenere la retroattività?
Nel momento in cui dovesse cambiare la compagnia assicurativa, è di fondamentale importanza concordare con la nuova compagnia un adeguato periodo di retroattività, onde evitare “buchi temporali” di copertura. Alcune compagnie, per determinate attività professionali, consentono il mantenimento della retroattività vigente sulla precedente polizza, in modo tale da garantire all’assicurato una copertura senza soluzione di […]
Che fine hanno fatto i decreti attuativi della legge Gelli? Sono ostaggio delle Regioni
La Conferenza Stato-Regioni ritarda l’approvazione del decreto che regola le polizze assicurative dei professionisti sanitari. Tra gli elementi ostacolati, la proposta di legare la formazione continua alla prevenzione del rischio clinico
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»
In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un decreto attuativo della Legge Gelli-Bianco ma che, nel frattempo, ha mietuto e miete ancora tante vittime
Nella scelta di un trattamento terapeutico può configurarsi il caso di colpa grave?
Il medico, innanzi a un paziente che deve esser sottoposto a cure, ha libertà di scelta sulla terapia, fermo restando che il paziente deve essere informato e concordare sulla stessa. La scelta, inoltre, deve essere fatta sui metodi e sulle terapie approvate dal mondo scientifico. Qualora il medico scegliesse, in alternativa, un rimedio che non […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 maggio, sono 161.188.177 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.344.757 i decessi. Ad oggi, oltre 1,38 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...