Lavoro 12 gennaio 2016

PARLA IL GOVERNO: «Medici, il 2016 sarà l’anno del concorso e del contratto»

L’annuncio del sottosegretario alla Salute Vito De Filippo ai microfoni di Sanità informazione: «Portata la sofferenza dei medici all’attenzione del governo». Sugli orari di lavoro: «Già migliaia di ricorsi, bene ministro Lorenzin a non concedere ulteriori proroghe»

Immagine articolo

Il 2016 sarà l’anno del rinnovo del contratto». Il sottosegretario alla Salute Vito De Filippo fissa – ai microfoni di Sanità informazione – un importante obiettivo: uno dei più attesi da oltre 100mila medici pubblici e al contempo uno dei più difficili da centrare. Fondamentale, però, dare risposte ad una categoria che ha chiuso il 2015 in trincea.


Rinnovo del contratto e difficoltà nell’applicare la legge europea sugli orari di lavoro sono stati proprio i vessilli sbandierati in piazza dai medici nello sciopero di dicembre.  Ma saranno anche i temi forti dei prossimi mesi tra i concorsi già annunciati per supplire alla carenza di personale e l’apertura delle trattative contrattuali, delegata proprio al sottosegretario De Filippo.

«Due problemi molto seri – ammette il numero due di Lungotevere Ripa –. Oggettivamente, i contratti sono fermi da troppi anni. C’è una sofferenza che il Ministero della Salute ha più volte sollevato al governo. Ci siamo resi conto che il tempo è passato e ne è passato anche troppo (l’ultimo rinnovo nel 2009, ndr). Speriamo che il 2016 sia l’anno dei contratti e delle nuove assunzioni, con tutti i limiti e la rigidità di queste ultime norme. Però è oggettivo che c’è un momento di cambiamento determinato dalla spinta del Ministero sul governo e sul parlamento, che ha prodotto il primo risultato».

Riguardo gli orari di lavoro, in una recente conferenza stampa, lei ha parlato di migliaia di ricorsi. Questo è un altro problema da affrontare.
«È il risultato di questi anni di proroga. Bene ha fatto il ministro a non utilizzare più questo strumento. La normativa comunitaria era già chiara da molti anni ma dall’anno scorso, direi, è diventata chiarissima. Molte regioni si sono anche organizzate, alcune no, come succede spesso in Italia. Oggi bisogna prendere atto che c’è un nuovo contesto, i medici hanno diritto al riposo e a turni che siano sostenibili, ovvero quelli di 48 ore massimo».

I medici scendono in piazza, chiedono attenzione alla politica e si rivolgono, sempre più spesso, ai tribunali. Qual è la sua chiave di lettura?
«Il diritto di una persona deve essere in qualche modo esperito in tutte le sedi. Ci rendiamo conto che in molte circostanze anche l’esasperazione era così alta; quindi questo ricorso anche ad altri organi, come quelli dei tribunali, non mi sembra una cosa eccessiva. È comprensibile, francamente».

Riguardo ai contratti, come risponde all’accusa dei sindacati riguardo le intenzioni del governo di portare in agonia il Servizio sanitario nazionale pubblico per avvantaggiare il privato?
«Stiamo portando avanti un grande lavoro per rendere sostenibile e uniforme il sistema sanitario italiano. Se non si vuole vedere da questa angolazione il lavoro che stiamo facendo, si ha qualche pregiudizio. Abbiamo a cuore un sistema sanitario pubblico, equo e universale, ben coscienti che ci sono cambiamenti importanti, bisogni nuovi e farmaci innovativi. Quindi la sostenibilità è un grande tema. Noi non dobbiamo perdere tempo affinché questo sistema sia efficiente e sia uniforme. Perché non tutti gli italiani, in merito a quanto c’è scritto nella Costituzione, lo hanno riconosciuto. Ci sono molti territori nel nostro Paese che non hanno servizi sanitari adeguati come altri. Quindi vogliamo un Ssn uniforme e sostenibile, proprio perché difendiamo il sistema pubblico».

Sugli orari di lavoro c’è un cronoprogramma ben definito. Invece per quanto riguarda il contratto, lei genericamente parlava del prossimo anno.

«Il 2016 noi immaginiamo che sarà un anno importante anche per i contratti».
Articoli correlati
Contratto medici: quei numeri delle Regioni che non tornano
CIMO esprime piena soddisfazione per la rottura delle trattative sul contratto della dirigenza medica in ARAN e l’apertura dello stato di agitazione comunicato insieme alle altre organizzazioni sindacali. Sottolinea, inoltre, che una delle principali ragioni che impedisce il rinnovo del contratto è strettamente legata agli accantonamenti che le regioni avrebbero dovuto sostenere, e che pare […]
di Guido Quici - Presidente Nazionale CIMO
Concorso medicina generale, l’annuncio di Saitta (Conf. Regioni): «La prova si terrà il 17 dicembre»
L'assessore del Piemonte: «In questo modo permetteremo ai 13mila candidati già ammessi e ai nuovi che vorranno presentare domanda entro i termini di poter sostenere la prova»
Contratto medici, l’Intersindacale al Governo: «In assenza di novità stop a contrattazione». E annuncia protesta
«Se il Governo e le Regioni non sapranno rispondere alle nostre richieste dopo che tutte le altre convenzioni dei sanitari e tutti i contratti dei comparti della pubblica amministrazione sono stati chiusi, ne trarremo le debite conseguenze», scrivono i sindacati in una lettera inviata al presidente del Consiglio, ai ministri coinvolti e alle Regioni
Contratto, Quici (CIMO): «A queste condizioni non firmiamo». E propone passaggio medici sotto ministero Salute
Tra i tanti temi affrontati dal presidente nel corso dell’intervista esclusiva a Sanità Informazione, la proposta di una scheda curriculare che registri il percorso dei medici: «Dagli ECM alla casistica, così imbrigliamo i dg a scegliere i migliori professionisti». Sul ricalcolo delle “pensioni d’oro” aggiunge: «È una truffa» 
Contratto, Giulia Grillo: «Tema non scomparso dall’agenda, in settimana incontro con i sindacati»
«Siamo in contatto con le organizzazioni sindacali, proprio in settimana le incontreremo» così il Ministro della Salute a margine del summit OMS in corso a Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila