Lavoro 12 gennaio 2016

PARLA IL GOVERNO: «Medici, il 2016 sarà l’anno del concorso e del contratto»

L’annuncio del sottosegretario alla Salute Vito De Filippo ai microfoni di Sanità informazione: «Portata la sofferenza dei medici all’attenzione del governo». Sugli orari di lavoro: «Già migliaia di ricorsi, bene ministro Lorenzin a non concedere ulteriori proroghe»

Immagine articolo

Il 2016 sarà l’anno del rinnovo del contratto». Il sottosegretario alla Salute Vito De Filippo fissa – ai microfoni di Sanità informazione – un importante obiettivo: uno dei più attesi da oltre 100mila medici pubblici e al contempo uno dei più difficili da centrare. Fondamentale, però, dare risposte ad una categoria che ha chiuso il 2015 in trincea.


Rinnovo del contratto e difficoltà nell’applicare la legge europea sugli orari di lavoro sono stati proprio i vessilli sbandierati in piazza dai medici nello sciopero di dicembre.  Ma saranno anche i temi forti dei prossimi mesi tra i concorsi già annunciati per supplire alla carenza di personale e l’apertura delle trattative contrattuali, delegata proprio al sottosegretario De Filippo.

«Due problemi molto seri – ammette il numero due di Lungotevere Ripa –. Oggettivamente, i contratti sono fermi da troppi anni. C’è una sofferenza che il Ministero della Salute ha più volte sollevato al governo. Ci siamo resi conto che il tempo è passato e ne è passato anche troppo (l’ultimo rinnovo nel 2009, ndr). Speriamo che il 2016 sia l’anno dei contratti e delle nuove assunzioni, con tutti i limiti e la rigidità di queste ultime norme. Però è oggettivo che c’è un momento di cambiamento determinato dalla spinta del Ministero sul governo e sul parlamento, che ha prodotto il primo risultato».

Riguardo gli orari di lavoro, in una recente conferenza stampa, lei ha parlato di migliaia di ricorsi. Questo è un altro problema da affrontare.
«È il risultato di questi anni di proroga. Bene ha fatto il ministro a non utilizzare più questo strumento. La normativa comunitaria era già chiara da molti anni ma dall’anno scorso, direi, è diventata chiarissima. Molte regioni si sono anche organizzate, alcune no, come succede spesso in Italia. Oggi bisogna prendere atto che c’è un nuovo contesto, i medici hanno diritto al riposo e a turni che siano sostenibili, ovvero quelli di 48 ore massimo».

I medici scendono in piazza, chiedono attenzione alla politica e si rivolgono, sempre più spesso, ai tribunali. Qual è la sua chiave di lettura?
«Il diritto di una persona deve essere in qualche modo esperito in tutte le sedi. Ci rendiamo conto che in molte circostanze anche l’esasperazione era così alta; quindi questo ricorso anche ad altri organi, come quelli dei tribunali, non mi sembra una cosa eccessiva. È comprensibile, francamente».

Riguardo ai contratti, come risponde all’accusa dei sindacati riguardo le intenzioni del governo di portare in agonia il Servizio sanitario nazionale pubblico per avvantaggiare il privato?
«Stiamo portando avanti un grande lavoro per rendere sostenibile e uniforme il sistema sanitario italiano. Se non si vuole vedere da questa angolazione il lavoro che stiamo facendo, si ha qualche pregiudizio. Abbiamo a cuore un sistema sanitario pubblico, equo e universale, ben coscienti che ci sono cambiamenti importanti, bisogni nuovi e farmaci innovativi. Quindi la sostenibilità è un grande tema. Noi non dobbiamo perdere tempo affinché questo sistema sia efficiente e sia uniforme. Perché non tutti gli italiani, in merito a quanto c’è scritto nella Costituzione, lo hanno riconosciuto. Ci sono molti territori nel nostro Paese che non hanno servizi sanitari adeguati come altri. Quindi vogliamo un Ssn uniforme e sostenibile, proprio perché difendiamo il sistema pubblico».

Sugli orari di lavoro c’è un cronoprogramma ben definito. Invece per quanto riguarda il contratto, lei genericamente parlava del prossimo anno.

«Il 2016 noi immaginiamo che sarà un anno importante anche per i contratti».
Articoli correlati
Contenziosi medici-pazienti, Pierpaolo Sileri (M5S): «Arbitrato salute idea vincente, riduce i costi per il SSN e scoraggia la medicina difensiva»
«In tutto il percorso diagnostico-terapeutico del paziente possono essere commessi errori: dalla diagnosi fino alla terapia. A volte, si tratta di errori indiretti causati dal sistema ospedale che non sono riconducibili alla responsabilità del singolo medico» specifica il presidente della Commissione Sanità del Senato
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Medicina difensiva, Rampelli (UIF): «Medico sottoposto a ‘tiro al piccione’. Occorre modificare questo habitat mentale»
«Serve un intervento legislativo per aiutare le strutture sanitarie a districarsi in caso di necessità. Legge Gelli utile ma va completata», così a Sanità Informazione Elisabetta Rampelli, presidente nazionale Unione Italiana Forense
Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019
La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azione collettiva, il Presidente di Consulcesi Massimo Tortorella: «Altri 1521 medici hanno visto riconosciuto il loro diritto, la nostra battaglia per tutti gli altri proseguirà con ancora più forza in questo 2019: fondamentale proseguire le cause già avviate e intraprendere le nuove»
Contratto medici, Quici (CIMO): «Partita denuncia a Corte europea. Chiudiamo subito quello scaduto e pensiamo al nuovo»
«La denuncia alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo e la class action, a cui i medici potranno aderire da aprile, sono atti dovuti nei confronti dei colleghi, che attendono il rinnovo contrattuale da 10 anni». Intervista al presidente della CIMO Guido Quici, che sullo spot sui ricorsi per errore medico aggiunge: «Se le strutture affogano nei contenziosi legali, ridurranno i servizi ai cittadini» 
Rinnovo contratto, Cosmed: «La verità documentale evidenzia la responsabilità politica delle regioni su quanto accaduto»
«Le parole vanno e vengono, ma i fatti restano e anche grazie all’intelligenza artificiale sono reperibili e documentabili. L’accordo sulle aree è stato stipulato il 13 luglio 2016 e approvato all’unanimità da tutte le parti che lo hanno sottoscritto, vincolante anche per le Regioni e le autonomie. Tale accordo sostituiva il precedente del 1° febbraio […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...