Lavoro 21 Gennaio 2020 16:29

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

Pagamenti tracciabili per le prestazioni mediche specialistiche private, secondo quanto previsto dalla legge 160/2019 (Legge di Bilancio 2020) in vigore dallo scorso 1 gennaio. In caso contrario, la spiacevole sorpresa, per i contribuenti, di non ritrovarsele sul modello 730 alla voce “oneri detraibili”. Resta ferma la possibilità di pagare in contanti, e di poter comunque avvalersi degli sgravi fiscali previsti, per le prestazioni sanitarie ricevute in strutture pubbliche o in regime di convenzione con il Ssn. Un “doppio binario”, dunque, che se da un lato lascia perplessi gli addetti ai lavori del comparto sanitario, dall’altro rischia di ripercuotersi pesantemente sull’utenza. Ci sarebbe infatti un ostacolo non da poco alla corretta ed equa applicazione della legge: una cosiddetta “norma in bianco”, quella relativa all’obbligo di Pos, che potrebbe generare un corto circuito nel sistema. Ma andiamo con ordine. Sanità Informazione ha chiesto al dottor Francesco Paolo Cirillo, fiscalista esperto in materia di sanità, consulente dell’OMCeO di Napoli e dei maggiori sindacati del comparto sanitario, alcune delucidazioni su cosa comporterà in concreto, per i professionisti e gli utenti, la nuova norma.

«Nella nuova Finanziaria – spiega – vi è per quest’anno fiscale questa novità che riguarda le parcelle emesse dal professionista medico, che a sua volta le invia al Sistema Tessera Sanitaria (STS). Per quanto concerne quelle emesse sino al 31/12/2019 vi è tempo utile fino al 31/01/2020 per inviarle telematicamente al STS. Per quelle emesse dal 01/01/2020 invece, affinché il fruitore della prestazione sanitaria resa se la ritrovi nella Dichiarazione 730/2021 Redditi 2020 precompilata come onere detraibile è necessario che il professionista accetti il pagamento tracciabile, tant’è vero che nell’inserimento sul sito STS delle parcelle, sempre a datare da quelle emesse dal 01/01/2020, è stata inserita la nuova voce “Pagamento Tracciato – SI/NO».

Una norma che va a braccetto con quella che impone l’obbligo, per i professionisti della sanità, di dotarsi di un Pos nei loro studi, per permettere appunto ai pazienti di effettuare pagamenti tracciabili. «Il problema – continua Cirillo – è che in sede di conversione del Decreto Fiscale n. 124/2019, convertito in Legge 157/2019, è stata abrogata la norma di cui all’art. 23 che prevedeva sanzioni, con decorrenza 01/07/2020, a carico dei titolari di Partita Iva che avessero rifiutato di farsi pagare con mezzo tracciato. Di conseguenza, non credo siano pochi, oggi, gli studi medici dove manca il Pos. Si rischia di trovarsi in una situazione paradossale: al momento del pagamento in contanti, il professionista avverte il paziente che quella spesa non sarà scaricabile, in quanto non tracciabile». Un corto circuito, come dicevamo… «Non esattamente – precisa Cirillo –  perché pagamenti tracciabili sono anche quelli effettuati tramite bonifico o assegno. Ma parliamoci chiaro: l’utente medio, l’anziano, o la persona magari poco informata… quanti di loro usano o userebbero questi metodi di pagamento?»

E non poche perplessità si levano anche dal mondo medico. «Non c’è dubbio sul fatto che la legge debba essere correttamente applicata – dichiara ai nostri microfoni il dott. Luigi Sodano, componente del Comitato Centrale FNOMCeO e Tesoriere del Sumai di Napoli – ma resta l’onere, a carico del professionista, di dotarsi del Pos e del materiale informatico necessario alla registrazione dei pagamenti, e questo comporta delle spese a suo carico. Come spesso avviene in Italia – continua Sodano –  si fanno le leggi ma poi non si creano le condizioni per rendere agevole la loro applicazione. L’obbligo di tracciabilità, va ricordato, è stato poi limitato alle prestazioni private, mentre nel pubblico sarà possibile utilizzare comunque il contante. Vero è che adattare tutte le strutture pubbliche alla ricezione di pagamenti tracciabili sarebbe stata impresa improba, però – conclude – se siamo tutti uguali di fronte alla legge, spiace constatare che c’è sempre qualcuno più uguale degli altri».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Poliambulanza Brescia: «Sospesi 21 sanitari no vax, tra di loro nessun medico»
Sono ad oggi 21 su 2.045 gli operatori sanitari di Poliambulanza, struttura ospedaliera di Brescia, privata accreditata con il Servizio sanitario nazionale, sospesi perché risultati non vaccinati contro Covid. «Pochissimi», commenta l’azienda in una nota in cui ha diffuso i numeri dei procedimenti avviati. Fra i dipendenti in questione nessun medico, viene precisato. Gli operatori […]
Vaccino Covid in età pediatrica, Biasci (Fimp): «Siamo disponibili, conterà rapporto fiduciario con famiglie»
«Dateci la possibilità di vaccinare i ragazzi – spiega il presidente della Federazione italiana medici pediatri a Sanità Informazione - ce la metteremo tutta non appena avremo disponibilità di dosi nei nostri studi»
Medici, Bologna (Coraggio Italia): «Evitare task shifting per meri fini economici, fondamentale monitoraggio dei risultati»
«Il Pnrr Salute potrà funzionare solo se si riparte dalle competenze professionali sanitarie che si acquisiscono durante il percorso universitario». Lo afferma la deputata di Coraggio Italia Fabiola Bologna, oggi all’incontro con l’intersindacale ‘Alleanza per la professione medica’, alla presenza del ministro Roberto Speranza. «Bisogna evitare il task shifting per meri fini economici- aggiunge- affinché […]
Green Pass, Ippolito (Spallanzani): «Dare più libertà a chi non è un rischio per la salute pubblica»
«Il Green Pass deve essere scrupolosamente applicato per quelle che sono le sue finalità. La gente comune non capirebbe per quale motivo, in caso di ripresa della pandemia, si dovrebbero applicare le stesse restrizioni a chi è vaccinato e a chi non lo è». E sui vaccini: «È un gesto di egoistico altruismo»
L’86% degli italiani ha utilizzato la telemedicina per la prima volta durante la pandemia
L’Italia è fra i paesi europei che ha dichiarato che userà di più la telemedicina in futuro (71%) dopo la Francia (72%). Il 45% degli italiani l’ha trovata molto comoda per evitare contagi, ma un 22% non ha ancora l’intenzione di provarla perché preferisce il rapporto personale o non si fida
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 29 luglio, sono 195.977.069 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.187.473 i decessi. Ad oggi, oltre 3,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Cause

Ex specializzandi, altre sentenze e novità su quantum risarcitorio e prescrizione

Intervista all’avvocato Marco Tortorella che spiega le novità che interessano i medici che non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante gli anni di scuola post-laurea