Sanità internazionale 16 Luglio 2018 19:02

In Australia chi non vaccina i figli perde il diritto agli sgravi fiscali

No jab, no pay. Si chiama così la misura australiana per combattere i no-vax e convincere i genitori a vaccinare i propri figli. In poche parole, chi non presenta il certificato di vaccinazione non ha diritto agli sgravi fiscali per i figli a carico. Niente vaccinazioni, niente paga, appunto. Alle famiglie vengono tolti 28 dollari […]

In Australia chi non vaccina i figli perde il diritto agli sgravi fiscali

No jab, no pay. Si chiama così la misura australiana per combattere i no-vax e convincere i genitori a vaccinare i propri figli. In poche parole, chi non presenta il certificato di vaccinazione non ha diritto agli sgravi fiscali per i figli a carico. Niente vaccinazioni, niente paga, appunto.

Alle famiglie vengono tolti 28 dollari ogni due settimane per ogni figlio di meno di 19 anni non vaccinato. Sono circa 730 dollari l’anno, che diventano 1460 se si hanno due figli e più di 2mila dollari se se ne hanno tre. Cifre importanti, per una famiglia.

È interessante però leggere le motivazioni che hanno spinto gli australiani a trattenere i soldi due volte al mese e non tutti insieme una volta l’anno: si tratta infatti di un «promemoria continuo dei rischi che i genitori fanno correre non solo ai propri figli ma anche a quelli degli altri». Esenti dalla misura, ovviamente, i bimbi che non possono vaccinarsi per problemi di salute certificati dal medico di famiglia.

Niente sanzioni amministrative quindi, niente autocertificazioni. E questa è solo una delle tante misure adottate in molti Paesi del mondo in cui le percentuali di vaccinati sono inferiori a quelle raccomandate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. In Francia due anni fa due genitori che si erano rifiutati di vaccinare i figli sono stati condannati a due mesi di prigione; l’iscrizione a scuola è preclusa ai non vaccinati negli Stati Uniti e in Canada; in Germania i genitori no-vax devono firmare una liberatoria assumendosi tutte le responsabilità e le spese sanitarie per i propri figli e per le eventuali persone contagiate.

Insomma, i metodi possono essere tanti e differenti tra loro, ma l’obiettivo è sempre lo stesso: raggiungere il 95% di vaccinati per assicurare la copertura di gregge. Misure che sono state e possono essere efficaci, ma che non convincono i più contrari. Tornando nella terra dei canguri, i no-vax si sono ben organizzati con medici “vicini agli anti-vaccinisti” che curano i figli. Allo stesso modo appena è entrato in vigore l’obbligo vaccinale in Italia molti genitori, non potendo iscrivere a scuola i propri figli, si sono organizzati con lezioni a domicilio. Le vie per scappare dai vaccini sono infinite.

LEGGI ANCHE: VACCINI, SIANI (PD): «AUTOCERTIFICAZIONE SIA TRANSITORIA. MANTENIAMO OBBLIGO PER DUE ANNI E POI PROVIAMO A CONVINCERE LE FAMIGLIE»

Articoli correlati
Terapie intensive sempre più piene. Quici (Cimo-Fesmed): «Il personale è poco e spesso in burnout. Serve lockdown con massiccia campagna vaccinale»
Terapie intensive a tre punti percentuali dalla soglia critica. «Nei mesi post-lockdown ospedali avrebbero dovuto prevedere un piano b». E sul piano vaccinale: «Inutili nuove strutture in cui fare le vaccinazioni se manca il personale sanitario che deve farle»
Malattie rare, Binetti: «Da anni provvedimenti in attesa, a Speranza chiediamo ascolto su vaccini»
Sulle malattie rare il dibattito non avanza da inizio pandemia. La denuncia della senatrice Paola Binetti, presidente intergruppo parlamentare Malattie Rare: «Rinnovare Piano nazionale, approvare legge quadro e legge sui caregiver»
Incremento netto di nuovi casi. Il Report Gimbe parla chiaro: è iniziata la terza ondata
Il report della Fondazione Gimbe mostra per la prima volta un sostanzioso incremento di nuovi casi a fronte di una lieve diminuzione dei decessi. Vaccinato il 2,44% della popolazione, mentre la variante inglese è ormai predominante
Recovery Plan, le richieste dei Chimici-Fisici. Orlandi (FNCF): «Nuove assunzioni e fondi per borse specializzazione»
La presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Chimici e Fisici denuncia i ritardi della campagna vaccinale: «C’è una disomogeneità nell’ambito delle vaccinazioni tra regioni non riferibili solo alla nostra categoria». E i chimici e fisici puntano ad essere protagonisti anche della transizione ecologica
Vaccini, Fials: «AAA cercasi infermieri: in Italia è caccia ai professionisti ma assunzioni col contagocce o a tempo»
La denuncia della Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità. «Ecco una panoramica di quello che sta succedendo»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 marzo, sono 115.199.608 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.560.287 i decessi. Ad oggi, oltre 268,57 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...