Sanità internazionale 16 Luglio 2018 19:02

In Australia chi non vaccina i figli perde il diritto agli sgravi fiscali

No jab, no pay. Si chiama così la misura australiana per combattere i no-vax e convincere i genitori a vaccinare i propri figli. In poche parole, chi non presenta il certificato di vaccinazione non ha diritto agli sgravi fiscali per i figli a carico. Niente vaccinazioni, niente paga, appunto. Alle famiglie vengono tolti 28 dollari […]

In Australia chi non vaccina i figli perde il diritto agli sgravi fiscali

No jab, no pay. Si chiama così la misura australiana per combattere i no-vax e convincere i genitori a vaccinare i propri figli. In poche parole, chi non presenta il certificato di vaccinazione non ha diritto agli sgravi fiscali per i figli a carico. Niente vaccinazioni, niente paga, appunto.

Alle famiglie vengono tolti 28 dollari ogni due settimane per ogni figlio di meno di 19 anni non vaccinato. Sono circa 730 dollari l’anno, che diventano 1460 se si hanno due figli e più di 2mila dollari se se ne hanno tre. Cifre importanti, per una famiglia.

È interessante però leggere le motivazioni che hanno spinto gli australiani a trattenere i soldi due volte al mese e non tutti insieme una volta l’anno: si tratta infatti di un «promemoria continuo dei rischi che i genitori fanno correre non solo ai propri figli ma anche a quelli degli altri». Esenti dalla misura, ovviamente, i bimbi che non possono vaccinarsi per problemi di salute certificati dal medico di famiglia.

Niente sanzioni amministrative quindi, niente autocertificazioni. E questa è solo una delle tante misure adottate in molti Paesi del mondo in cui le percentuali di vaccinati sono inferiori a quelle raccomandate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità. In Francia due anni fa due genitori che si erano rifiutati di vaccinare i figli sono stati condannati a due mesi di prigione; l’iscrizione a scuola è preclusa ai non vaccinati negli Stati Uniti e in Canada; in Germania i genitori no-vax devono firmare una liberatoria assumendosi tutte le responsabilità e le spese sanitarie per i propri figli e per le eventuali persone contagiate.

Insomma, i metodi possono essere tanti e differenti tra loro, ma l’obiettivo è sempre lo stesso: raggiungere il 95% di vaccinati per assicurare la copertura di gregge. Misure che sono state e possono essere efficaci, ma che non convincono i più contrari. Tornando nella terra dei canguri, i no-vax si sono ben organizzati con medici “vicini agli anti-vaccinisti” che curano i figli. Allo stesso modo appena è entrato in vigore l’obbligo vaccinale in Italia molti genitori, non potendo iscrivere a scuola i propri figli, si sono organizzati con lezioni a domicilio. Le vie per scappare dai vaccini sono infinite.

LEGGI ANCHE: VACCINI, SIANI (PD): «AUTOCERTIFICAZIONE SIA TRANSITORIA. MANTENIAMO OBBLIGO PER DUE ANNI E POI PROVIAMO A CONVINCERE LE FAMIGLIE»

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...