Salute 16 Luglio 2018

Vaccini, Siani (Pd): «Autocertificazione sia transitoria. Manteniamo obbligo per due anni e poi proviamo a convincere le famiglie»

Il deputato democratico, pediatra, sottolinea: «Norma non può servire ad aggirare obbligatorietà. Fa intendere ai cittadini che sia scelta politica invece non è così»

Immagine articolo

La possibilità di autocertificare le vaccinazioni dei bambini per l’iscrizione a scuola continua a far discutere il mondo politico oltre che quello medico. La circolare del Ministero della Salute e dell’Istruzione voluta dai ministri Giulia Grillo e Marco Bussetti non mette in discussione l’obbligo vaccinale introdotto dal decreto Lorenzin ma rischia di depotenziarne gli effetti. Una scelta contestata dalle opposizioni che promettono battaglia in Parlamento. «L’autocertificazione non può essere un modo per superare l’obbligo», sottolinea Paolo Siani, deputato Pd e pediatra al Santobono di Napoli che aggiunge: «Continuiamo a tenere l’obbligo per i prossimi due anni e solo quando si sarà raggiunto il 95% di copertura, che ci dà l’effetto gregge, possiamo provare a convincere le famiglie». Siani lancia poi una proposta concreta al Ministro Grillo: «L’autocertificazione sia un documento transitorio e non sostitutivo in attesa del documento dell’Asl o del medico di famiglia. Altrimenti si rischia un passo indietro pericoloso».

Onorevole, questa autocertificazione la convince a livello medico?

«L’autocertificazione in campo sanitario è una cosa che non può essere. Vorrei attirare l’attenzione del Ministro su un punto. Posso comprendere che l’autocertificazione sia una cosa per facilitare le famiglie e rendere meno complicato l’iter, ma non può essere un modo per superare l’obbligo. Noi adesso abbiamo due importanti notizie: la prima è che i vaccini sono tutti farmaci innocui: lo ha detto l’Aifa pochi giorni fa. La seconda è che sono in crescita anche nelle zone più difficili, come Rimini o l’Alto Adige, le coperture vaccinali anche per il morbillo che è la malattia più complicata. Per cui in questo momento aggirare l’obbligo sarebbe un danno enorme. Invece la proposta che farò al ministro è continuare a tenere l’obbligo per i prossimi due anni, come era previsto, e solo quando si sarà raggiunto il 95% di copertura che ci dà l’effetto gregge possiamo pensare di togliere l’obbligo e fare quello che si fa in tutti i paesi europei: cioè ci si vaccina perché si è coscienti e convinti di vaccinarsi. Aggirare l’obbligo è un passo indietro che fa anche intendere ai cittadini che la scelta di vaccinare sia una scelta politica e non scientifica e invece la ministra che è un medico dovrebbe comportarsi da medico e quindi capire che in questo momento togliere l’obbligo è una cosa pericolosa e rischiosa».

LEGGI ANCHE: VACCINI, GIULIA GRILLO:«AUMENTO COPERTURE GRAZIE ALL’OBBLIGO? NO, BISOGNA INVESTIRE NELLA FORMAZIONE»

Secondo lei come si risolve il problema dei ragazzi che rischiano di non potersi iscrivere a scuola perché i genitori non li vaccinano?

«Questi sono una piccola fetta. Cioè i no vax duri e puri sono una piccola fetta che continueranno a non vaccinarsi né con l’obbligo né con la convinzione. A noi interessano gli ‘esitanti’ che sono la maggioranza. Dobbiamo convincerli a vaccinarsi. Adesso con l’obbligo, poi con la buona politica: bisogna investire sui medici insegnando ai medici a saper parlare alle famiglie e quindi a consigliare le giuste vaccinazioni».

Con le autocertificazioni non si rischia che qualcuno non vaccinandosi possa mettere a repentaglio la salute degli altri?

«Certo. Questo è il grande rischio. Anche in buona fede, qualcuno non sa che dichiarando il falso rischia di andare sul penale. Magari non ricorda se l’ha fatta la vaccinazione e per iscrivere il figlio a scuola certifica una cosa di cui non è certo. Questo va evitato assolutamente».

Cosa si augura?

«Io spero che il Ministro mantenga l’autocertificazione ma solo in attesa del documento ufficiale dell’Asl o del medico di famiglia. Un documento transitorio e non sostitutivo. Sarebbe un passo indietro pericoloso che non farebbe bene a nessuno».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Formazione manageriale in Sanità, il 19 gennaio si chiude il bando per selezionare i migliori 30: la Campania forma i manager di domani
La Campania come fucina dei manager della Sanità. Non si tratta di uno spot, bensì della tendenza ormai consolidata di Direttori Sanitari Aziendali e Direttori di UOC delle Aziende e degli Enti del Servizio Sanitario Regionale a tentare di entrare nella cerchia dei 30 ai quali sarà consentito l’accesso al “Corso di formazione manageriale in materia di […]
Molise, parla Toma. «Stop tagli, ecco come potenzieremo le strutture. Sui commissariamenti mi dileggiavano ma poi…»
Il Presidente della Regione Molise spiega che si arriverà a una sanità ‘a misura di molisani’: «Potenziamento delle strutture di Campobasso, Isernia e Termoli, mantenimento punti nascita e nosocomio di Agnone come ‘ospedale di area disagiata». Dopo la vittoria alla Consulta sull’incompatibilità Commissario-Presidente al via i tavoli con il Governo
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
«Specializzandi al terzo anno in corsia? Servono tutele». Manai e Romualdi lanciano il laboratorio Pd sulla formazione
L’evento l’11 gennaio a Firenze. Tra gli ospiti Ascani, Gaudio, Zampa, Carnevali, Gnecchi. Sul test di Medicina aprono a una revisione in senso meritocratico ma salvaguardando il numero programmato. E sulle borse di specializzazione: «L'obiettivo è arrivare a 11500»
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento?
Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali a quale Ente accreditante devono sottoporre la richiesta di accreditamento? Le Università, gli IRCCS, gli II.ZZ.SS., gli Ordini, i Collegi nonché le rispettive federazioni nazionali, le Associazioni professionali devono sottoporre la richiesta di accreditamento alla CNFC fatta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...