Salute 5 Luglio 2018

Vaccini, Giulia Grillo: «Aumento coperture grazie all’obbligo? No, bisogna investire nella formazione»

Il ministro della Salute, insieme a quello dell’Istruzione Marco Bussetti, ha illustrato questa mattina al Dicastero la circolare che, di fatto, depotenzia l’obbligo vaccinale: niente certificazioni della Asl da consegnare entro il 10 luglio. E annuncia la sua gravidanza: «Mio figlio sarà vaccinato come tutti»

di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Immagine articolo

La prima conferenza stampa del neoministro della Salute Giulia Grillo inizia con un annuncio a sorpresa: diventerà presto mamma. Sarà «sua premura» vaccinarlo, come è sicura che faranno, del resto, tutti gli italiani e lo dimostra il fatto che le coperture sono salite. E non per merito dell’obbligatorietà. «I cittadini italiani, una volta appresi i rischi causati da malattie estremamente gravi ed invalidanti come la poliomelite, la difterite ed il tetano, hanno capito che era necessario vaccinarsi» ha sostenuto Giulia Grillo.

Il primo intervento concreto del nuovo ministro in tema vaccini è un «atto di semplificazione amministrativa»: la circolare emanata dal ministero della Salute e dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, infatti, permetterà a tutti i bambini tra 0 e 6 anni di iscriversi a scuola semplicemente “autocertificando” le avvenute vaccinazioni obbligatorie. Per i minori da 6 a 16 anni non cambia nulla, perchè resta valida la documentazione presentata per l’anno scolastico 2017-2018 se non deve effettuare nuovi vaccini o richiami.

LEGGI ANCHE:VACCINI, GRILLO: «BIMBI A SCUOLA CON AUTOCERTIFICAZIONE. MAGGIORANZA STA LAVORANDO A PROPOSTA DI LEGGE

Salta, dunque, l’obbligo previsto per legge di presentare entro il 10 luglio la certificazione ufficiale della Asl che comprovi l’avvenuta vaccinazione. La dichiarazione sostitutiva, ci tiene a precisare il ministro, è un primo provvedimento pensato per alleggerire le procedure burocratiche a carico le famiglie e delle scuole, in attesa di un approfondimento parlamentare sul dibattito pubblico relativo all’obbligatorietà dei vaccini.

LEGGI ANCHE: VACCINI, OTTO RACCOMANDATI AGLI OPERATORI SANITARI. LA TORRE (INFETTIVOLOGO): «L’OBBLIGO NON SERVE, È UNA QUESTIONE DI BUONA PRASSI»

Le altre due novità, emerse dalla conferenza stampa di questa mattina al dicastero della salute, sono: la costituzione dell’Anagrafe nazionale vaccini ed il Tavolo degli esperti indipendenti del ministro della Salute. La prima consentirà di monitorare i programmi vaccinali, conoscere le ragioni delle mancate vaccinazioni e misurare progressi e criticità del sistema; il secondo, produrrà le evidenze scientifiche a sostegno delle scelte dei decisori.

L’obiettivo, è sempre quello di “semplificare” la vita delle famiglie ed evitare, ad esempio, la richiesta di certificazioni anche nei casi di cambio di residenza.

LEGGI ANCHE: OBBLIGO VACCINI, FILIPPO ANELLI RISPONDE A GIULIA GRILLO: «PRONTI A VALUTARE ALTRE VIE, SE CI SONO, PER RAGGIUNGERE LE COPERTURE

«Il problema vero è che noi non investiamo né in sanità né in formazione; abbiamo sempre considerato negli ultimi dieci anni la sanità come un costo – ha continuato il ministro – . Bisogna investire nella formazione: la strada giusta non è dire “è così e basta”. Non serve l’obbligo, ma è necessario far capire al cittadino che deve aderire ad un programma di prevenzione vaccinale che possa tutelarlo e tutelare chi gli sta intorno. Quindi: informare, spiegare e far accrescere la consapevolezza sanitaria dei cittadini» ha concluso Giulia Grillo. 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Malattie rare, il 96,5% dei neonati ha avuto lo screening metabolico: nel 2012 erano il 25%
In Italia vengono ricercate oltre 40 malattie: Regno Unito, Francia e Spagna non arrivano a 10. Tutte le Regioni sono state veloci nell’adeguarsi alla legge 167/2016, manca solo la Calabria
Endowiki e Ambulatorio Virtuale: le soluzioni digitali di Ame. Agrimi: «Qualità e innovazione per medici e pazienti»
I due progetti innovativi in ambito assistenziale di Ame offrono vantaggi a professionisti e utenti: «I pazienti beneficiano di un ambiente qualificato in cui lo scambio di dati sensibili e personali avviene in tutta sicurezza; i medici possono garantire la continuità della cura al di fuori dell’ambulatorio fisico» ha spiegato la Responsabile Sanità Digitale di Ame Daniela Agrimi a Sanità Informazione
Tecnici di laboratorio, Cabrini (ANTEL): «Con le innovazioni tecnologiche sempre più competenze. Lavoriamo per prevenzione del rischio»
Al 14° Forum Risk Management di Firenze sessione dedicata ai tecnici di laboratorio. L’Associazione nazionale tecnici di laboratorio biomedico punta sulla formazione: «Puntiamo alla collaborazione con le società scientifiche come Simedet e SIPMeL»
Formazione ECM, Monaco (FNOMCeO): «Diritto e dovere dell’aggiornamento si scontra con carenza di personale»
A ridosso della scadenza del triennio ECM per la formazione continua dei medici il segretario FNOMCeO, Roberto Monaco sottolinea: «Dobbiamo capire se tutti i crediti sono stati inseriti in quel contenitore nel CoGeAPS dopodiché si comincerà a valutare il da farsi»
Nella compilazione di un questionario assicurativo cosa intendono le compagnie assicurative per atti invasivi diagnostici e terapeutici?
In fase di stipula di una polizza di assicurazione, è importante avere chiare le definizioni di atti invasivi diagnostici e terapeutici e di interventi chirurgici a cui le diverse Compagnie rimandano nel definire piani tariffari e condizioni della polizza Rc Medico. Mentre alcune Compagnie riportano indicazioni precise segnalando, tra le condizioni di una  polizza Rc […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

ECM, un mese alla fine del triennio. Bovenga (Cogeaps): «Attenzione a contenziosi, concorsi e lettere di richiamo»

A Roma il Presidente del Consorzio gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie ha illustrato le ultime novità in tema di aggiornamento professionale obbligatorio: «Il sistema è in crescita. Da ...
Diritto

Responsabilità professionale, Federico Gelli: «Sulla gestione del rischio tre regioni in ritardo. Polizza primo rischio, ecco quando farla…»

Il “padre” della Legge 24 del 2017, oggi presidente della Fondazione Italia in Salute, ha fatto il punto nel corso di un convegno all’Ospedale San Giovanni Battista di Roma: «Legge va applicata...
Lavoro

Sanità, il presidente ARAN: «Nel 2020 si chiude nuovo contratto»

Antonio Naddeo, presidente dell'Agenzia per la rappresentanza negoziale delle pubbliche amministrazioni a sanità informazione: «In legge bilancio stesse risorse per rinnovo contratti 2019-2021 della...