Politica 5 Luglio 2018

Vaccini, Giulia Grillo: «Aumento coperture grazie all’obbligo? No, bisogna investire nella formazione»

Il ministro della Salute, insieme a quello dell’Istruzione Marco Bussetti, ha illustrato questa mattina al Dicastero la circolare che, di fatto, depotenzia l’obbligo vaccinale: niente certificazioni della Asl da consegnare entro il 10 luglio. E annuncia la sua gravidanza: «Mio figlio sarà vaccinato come tutti»

di Cesare Buquicchio e Viviana Franzellitti
Immagine articolo

La prima conferenza stampa del neoministro della Salute Giulia Grillo inizia con un annuncio a sorpresa: diventerà presto mamma. Sarà «sua premura» vaccinarlo, come è sicura che faranno, del resto, tutti gli italiani e lo dimostra il fatto che le coperture sono salite. E non per merito dell’obbligatorietà. «I cittadini italiani, una volta appresi i rischi causati da malattie estremamente gravi ed invalidanti come la poliomelite, la difterite ed il tetano, hanno capito che era necessario vaccinarsi» ha sostenuto Giulia Grillo.

Il primo intervento concreto del nuovo ministro in tema vaccini è un «atto di semplificazione amministrativa»: la circolare emanata dal ministero della Salute e dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, infatti, permetterà a tutti i bambini tra 0 e 6 anni di iscriversi a scuola semplicemente “autocertificando” le avvenute vaccinazioni obbligatorie. Per i minori da 6 a 16 anni non cambia nulla, perchè resta valida la documentazione presentata per l’anno scolastico 2017-2018 se non deve effettuare nuovi vaccini o richiami.

LEGGI ANCHE:VACCINI, GRILLO: «BIMBI A SCUOLA CON AUTOCERTIFICAZIONE. MAGGIORANZA STA LAVORANDO A PROPOSTA DI LEGGE

Salta, dunque, l’obbligo previsto per legge di presentare entro il 10 luglio la certificazione ufficiale della Asl che comprovi l’avvenuta vaccinazione. La dichiarazione sostitutiva, ci tiene a precisare il ministro, è un primo provvedimento pensato per alleggerire le procedure burocratiche a carico le famiglie e delle scuole, in attesa di un approfondimento parlamentare sul dibattito pubblico relativo all’obbligatorietà dei vaccini.

LEGGI ANCHE: VACCINI, OTTO RACCOMANDATI AGLI OPERATORI SANITARI. LA TORRE (INFETTIVOLOGO): «L’OBBLIGO NON SERVE, È UNA QUESTIONE DI BUONA PRASSI»

Le altre due novità, emerse dalla conferenza stampa di questa mattina al dicastero della salute, sono: la costituzione dell’Anagrafe nazionale vaccini ed il Tavolo degli esperti indipendenti del ministro della Salute. La prima consentirà di monitorare i programmi vaccinali, conoscere le ragioni delle mancate vaccinazioni e misurare progressi e criticità del sistema; il secondo, produrrà le evidenze scientifiche a sostegno delle scelte dei decisori.

L’obiettivo, è sempre quello di “semplificare” la vita delle famiglie ed evitare, ad esempio, la richiesta di certificazioni anche nei casi di cambio di residenza.

LEGGI ANCHE: OBBLIGO VACCINI, FILIPPO ANELLI RISPONDE A GIULIA GRILLO: «PRONTI A VALUTARE ALTRE VIE, SE CI SONO, PER RAGGIUNGERE LE COPERTURE

«Il problema vero è che noi non investiamo né in sanità né in formazione; abbiamo sempre considerato negli ultimi dieci anni la sanità come un costo – ha continuato il ministro – . Bisogna investire nella formazione: la strada giusta non è dire “è così e basta”. Non serve l’obbligo, ma è necessario far capire al cittadino che deve aderire ad un programma di prevenzione vaccinale che possa tutelarlo e tutelare chi gli sta intorno. Quindi: informare, spiegare e far accrescere la consapevolezza sanitaria dei cittadini» ha concluso Giulia Grillo. 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Questionario assicurativo, come compilarlo in caso di avviso di garanzia dopo denuncia/querela da parte di paziente?
Sono un Cardiochirurgo e mi sto accingendo a compilare un questionario assicurativo per poter richiedere un preventivo. Nel moduli di preventivazione trovo 2 domande alle quali non so rispondere in quanto come Medico ospedaliero (pubblico), nel 2017 ho ricevuto un avviso di garanzia dopo una denuncia/querela da parte di un paziente. La mia azienda non […]
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Chi saranno i medici scolastici? Pensionati, giovani, pediatri o stranieri. Le proposte dal mondo della sanità
Se per Cricelli (Simg) la soluzione è richiamare i medici in pensione, Mazzacane (Cisl Medici) punta sui camici grigi. Secondo Magi (Sumai) i pediatri di libera scelta sono l’opzione ideale e Aodi (Amsi) vede un’opportunità per i medici di origine straniera. Mangiacavalli (Fnopi) chiede invece l’istituzione dell’infermiere scolastico
Proroga stato di emergenza, Zampa: «Nulla cambierà per la riapertura delle scuole»
Dopo il passaggio parlamentare con l’approvazione della risoluzione di maggioranza, il Governo ha varato la proroga allo stato di emergenza del rischio sanitario connesso all’infezione da coronavirus al 15 ottobre. Ma nulla cambierà sulla data d’inizio delle attività scolastiche confermata al 14 settembre, come dichiara la Sottosegretaria al Ministero della Salute On. Sandra Zampa, che […]
Covid, Esposito (FISMU): «Medici nelle scuole ma non dimentichiamo il territorio»
Il Segretario generale della Federazione Italiana Sindacale dei Medici Uniti lancia un appello al ministro Speranza: «Unica strada per controllare epidemia è assumere medici e stabilizzare i precari. Servono risorse nuove, a partire dal MES»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»