Salute 3 luglio 2018

Obbligo vaccini, Filippo Anelli risponde a Giulia Grillo: «Pronti a valutare altre vie, se ci sono, per raggiungere le coperture»

Il presidente FNOMCeO, ai nostri microfoni, auspica una strategia condivisa ma efficace. «Necessario intervenire con l’obbligo quando si arriva sotto una soglia che è sicuramente predittiva dell’insorgenza di epidemie» specifica Walter Ricciardi (ISS)

Immagine articolo

Ancora tiene banco il tema dell’obbligatorietà dei vaccini e la possibilità che i bambini non vaccinati possano frequentare il prossimo anno scolastico. Con l’insediarsi del nuovo governo 5s-Lega, si è riaccesa la polemica politica su questo fronte, anche perché il 10 luglio sarà l’ultima data utile per presentare la certificazione definitiva comprovante le avvenute vaccinazioni richieste ed avere il via libera all’iscrizione a scuola per l’anno 2018-19. L’ipotesi più accreditata, ad oggi, resta quella di una proroga.

A gettare benzina sul fuoco è stato Matteo Salvini, che qualche settimana fa, nel corso di un’intervista radiofonica, aveva rivendicato il diritto dei bambini a frequentare la scuola: «La priorità è che i bimbi non vengano espulsi dalle classi anche se non vaccinati», ha detto, assumendo però anche posizioni no-vax: «Alcuni vaccini salvano la vita ma dieci sono troppi, inutili e talvolta dannosi». A queste parole, aveva replicato il Commissario Ue alla Salute, Vytenis Andriukaitis, attaccando il Ministro dell’Interno italiano in un tweet: «Lo sapete cosa penso sia pericoloso? Dare consigli medici senza avere qualifiche mediche, quando il risultato peggiore sono i bambini che muoiono perché non ottengono vaccinazioni salvavita».

A stretto giro, era arrivata l’imminente precisazione da parte del Ministro della Salute Giulia Grillo: «I vaccini sono un fondamentale strumento di prevenzione sanitaria primaria. In discussione a livello politico sono solo le modalità migliori attraverso le quali proporli alla popolazione. Tutte le polemiche sono solo strumentali e finalizzate a creare un circo mediatico che a me non interessa alimentare».

LEGGI ANCHE:UE, FACCIA A FACCIA GRILLO–ANDRIUKAITIS. QUANDO COMMISSARIO SALUTE DICEVA: «M5S SEGUE SCIENZA O FAKE NEWS?»

E proprio sull’importanza di una strategia condivisa ma efficace si è concentrato Filippo Anelli (Presidente FNOMCeO), intervistato da Sanità Informazione nel corso di un evento formativo al Policlinico Umberto I di Roma: «I vaccini rimangono un presidio fondamentale: ribadiamo la necessità che sia garantita quella percentuale minima che consenta di evitare la diffusione dell’infezione e quindi “l’effetto gregge” salvaguardando tutti i bambini e ragazzi. Come raggiungere questo obiettivo – prosegue – è compito del Governo: il Ministro Lorenzin ha scelto la via dell’obbligatorietà che ha portato una serie di risultati – continua Anelli -, spero che il Ministro Giulia Grillo voglia raggiungere gli stessi esiti e se per farlo esistono altre vie noi siamo sempre disponibili a valutarle. L’importante è salvaguardare la salute dei cittadini» ha commentato il Presidente.

LEGGI ANCHE: VACCINI, IL MINISTRO GRILLO: «MAI STATA CONTRO. SONO PRESIDIO FONDAMENTALE DI PREVENZIONE»

La legge sui vaccini, fortemente voluta dal Ministro Beatrice Lorenzin, prevede 10 vaccinazioni obbligatorie: anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella.

La linea da seguire resta questa, secondo Walter Ricciardi: «Per noi erano necessarie 14 vaccinazioni; come si fa a dire che la vaccinazione contro la meningite, che è una malattia che produce morti in Italia non sia necessaria?» ha ribadito ai nostri microfoni.

Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità ha individuato due modi per raggiungere la copertura vaccinale: «Uno è quello che perseguono alcuni Paesi che hanno un’alta cultura scientifica –  in cui dire che le vaccinazioni sono inutili e dannose è una blasfemia – come la Svezia che non ha obblighi ma le coperture sono altissime. Nei Paesi in cui si dice che le vaccinazioni sono dannose, che contengono metalli pesanti e sono pericolose, è necessario intervenire quando si arriva sotto una soglia che è sicuramente predittiva dell’insorgenza di epidemie – specifica -. Bisogna raggiungere gli obiettivi in maniera adeguata alla situazione. In questo momento in Europa ci sono 14 Paesi che hanno l’obbligatorietà vaccinale da 3 a 11 ed altri 14 che hanno altre forme di obbligatorietà. La Germania, ad esempio, offre il counseling ai genitori no-vax e li obbliga a firmare una liberatoria in cui si assumono tutte le responsabilità e spese per i propri figli e per le eventuali persone contagiate» conclude Ricciardi.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Caso ‘INPS’, Fnomceo: «Chiediamo al Ministro Grillo un tavolo sui medici fiscali e convenzionati»
«Chiediamo che il Ministro della Salute Giulia Grillo intervenga per lo stralcio, da parte dell’Inps, di quelle parti del Piano della Performance incompatibili con il Codice di Deontologia Medica, e istituisca un Tavolo sulle problematiche della Medicina fiscale». Torna a parlare del “caso Inps” il Presidente della Fnomceo Filippo Anelli, a una settimana di distanza […]
Medici precari INPS, interrogazione di De Poli (Udc) a Di Maio e Grillo: «Non hanno ferie né malattie, profilo professionale umiliato»
Sono 900 i camici bianchi a partita Iva dell’Istituto di previdenza che vengono rinnovati di anno in anno. Nella stessa situazione anche 300 operatori sociali
MMG, Scotti a Grillo: «No a sanatorie, non svendere futuro giovani medici». La replica del Ministro: «Valorizzeremo merito»
Botta e risposta tra il Segretario della Fimmg e la titolare della Salute sul tema dei medici precari e della formazione dei medici di famiglia: «I provvedimenti annunciati dal ministero – spiega Scotti - altro non farebbero che gettare alle ortiche il grande lavoro fatto per ottenere l’incremento delle borse»
A Mestre arriva il mammografo “intelligente”
Un ulteriore passo in avanti nella diagnosi precoce del tumore al seno. La Senologia diagnostica del Centro di medicina di Mestre lo fa dotandosi dell’innovativo Mammografo 3d con Tomosintesi smartcurve, l’ultimo ritrovato della tecnologia oggi disponibile. Un’apparecchiatura in grado di effettuare mammografie a risoluzione ancora più elevata rispetto al modello precedente e, grazie ad un […]
Ministero Salute, liste d’attesa: al via il numero 1500 per l’ascolto dei cittadini
Il Ministero della Salute ha attivato il numero di pubblica utilità 1500 sul tema delle liste di attesa. Dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 16.00, infatti, il personale sanitario risponderà ai cittadini per informare sulle modalità di accesso alle prestazioni garantite dal Servizio sanitario nazionale e raccogliere eventuali segnalazioni. «Il servizio di risposta telefonica, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila