Politica 27 Giugno 2018 13:12

Vaccini, Commissario UE Andriukaitis contro Salvini: «Pericoloso dare consigli medici senza avere qualifiche»

In un tweet, il titolare della Salute dell’Unione europea torna sul tema delle vaccinazioni dopo le affermazioni del Ministro dell’Interno: «Il risultato peggiore sono i bambini che muoiono perché non ottengono vaccinazioni salvavita». No vax presentano proposta di legge per abolire obbligo

Vaccini, Commissario UE Andriukaitis contro Salvini: «Pericoloso dare consigli medici senza avere qualifiche»

Non si placa la polemica sui vaccini. Questa volta a scendere in campo è direttamente il Commissario Ue alla Salute Vytenis Andriukaitis che in un tweet attacca il Ministro dell’Interno Matteo Salvini. «Lo sapete cosa penso sia pericoloso? Un esempio è dare consigli medici senza avere qualifiche mediche. Ancor di più, quando il risultato peggiore sono i bambini che muoiono perché non ottengono vaccinazioni salvavita» scrive il medico lituano postando un articolo che riporta le dichiarazioni del ministro dell’interno Matteo Salvini contro le vaccinazioni obbligatorie.

A rinfocolare la polemica sui vaccini era stato lo stesso Salvini che la settimana scorsa aveva sentenziato: «Alcuni vaccini salvano la vita ma dieci sono troppi. Ritengo che dieci vaccini obbligatori sono inutili e talvolta dannosi e pericolosi».

LEGGI ANCHE: UE, FACCIA A FACCIA GRILLO–ANDRIUKAITIS. QUANDO COMMISSARIO SALUTE DICEVA: «M5S SEGUE SCIENZA O FAKE NEWS?»

Affermazioni che avevano provocato la reazione delle opposizioni e di diverse società scientifiche, a cominciare dai pediatri. E che hanno costretto a intervenire anche il Ministro della Salute Giulia Grillo ribadendo che «i vaccini sono un fondamentale strumento di prevenzione sanitaria primaria. E che in discussione a livello politico sono solo le modalità migliori attraverso le quali proporli alla popolazione. Tutte le polemiche sono solo strumentali e finalizzate a creare un circo mediatico che a me non interessa alimentare».

LEGGI ANCHE: VACCINI, IL MINISTRO GRILLO: «MAI STATA CONTRO. SONO PRESIDIO FONDAMENTALE DI PREVENZIONE»

Resta sul tavolo il tema dei bambini non vaccinati e della possibilità che possano frequentare il prossimo anno scolastico. L’ipotesi è quella di una proroga per la scadenza del 10 luglio, ultima data valida per la presentazione della certificazione definitiva che provi l’avvenuta vaccinazione dei bambini ai fini dell’iscrizione a scuola per il prossimo anno 2018-19. La revisione dell’obbligo vaccinale per l’iscrizione scolastica è infatti prevista dal Contratto di Governo. «Alla scuola – afferma Mario Rusconi, presidente Associazione nazionale presidi (Anp)-Lazio – compete una valida ed efficace organizzazione per monitorare la soluzione del problema e superare le eventuali difficoltà, per cui scadenzare secondo nuovi calendari la presentazione delle certificazioni vaccinali è una necessità di rapporti tra istanze sanitarie e opportunità politiche a cui la scuola è completamente estranea». Ciò che invece è «importante per la scuola – osserva – è che ci sia la massima concertazione tra ministero della Salute, dell’Istruzione e Uffici Scolastici Regionali, in modo che le loro incombenze non ricadano sul personale scolastico, come peraltro accaduto nei mesi passati». L’attuale scadenza del 10 luglio è prevista dalla legge e dalla circolare del ministero della Salute dello scorso 16 agosto. Quanto alle vaccinazioni, la legge sull’obbligo vaccinale dispone che 10 vaccinazioni siano obbligatorie: anti-poliomielitica, anti-difterica, anti-tetanica, anti-epatite B, anti-pertosse, anti-Haemophilus influenzae tipo b, anti-morbillo, anti-rosolia, anti-parotite, anti-varicella.

Intanto, si muove anche il fronte no vax. Il comitato “Libertà di scelta”, che riunisce realtà italiane tra associazioni, gruppi di genitori o semplici cittadini che si battono per la libertà di vaccinazione e contro l’obbligo previsto dalla legge Lorenzin, ha depositato alla Corte di Cassazione di Roma una proposta di legge di iniziativa popolare dal titolo inequivocabile “Sospensione dell’obbligo vaccinale per l’età evolutiva”. Per le leggi a carattere nazionale, da presentare in Parlamento, è necessario raccogliere almeno 50 mila firme e presentare la proposta alla Corte di Cassazione.

LEGGI ANCHE: L’IDENTIKIT DEI NO VAX? GRIGNOLIO (SAPIENZA): «ISTRUITI E BENESTANTI. E IL MOVIMENTO È NATO BEN PRIMA DI INTERNET…»

Articoli correlati
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Vaccini, Smi: «Si convochi tavolo nazionale per concertare campagna vaccinale anti Covid»
Pina Onotri, Segretario Generale del Sindacato Medici Italiani (Smi) scrive una lettera al Ministro della Salute Roberto Speranza
Covid-19, quasi 300 medici deceduti. Anelli (FNOMCeO): «Una vera e propria strage»
Dalla mancanza di Dpi alla disorganizzazione di alcune strutture, il Presidente della FNOMCeO spiega a Sanità Informazione perché gli operatori sanitari sono ancora così colpiti dalla pandemia. E sui medici “no-vax” aggiunge: «Si pongono fuori dalla comunità scientifica»
Covid, FederAnziani: «Ecatombe entro giugno. Altri 50-80 mila morti anziani se non acceleriamo su vaccini»
A lanciare l’allarme la Federazione delle associazioni della terza età che chiede velocizzazione nella campagna per la vaccinazione dei senior contro il Coronavirus
Vaccini anti-Covid: cosa si intende per “evento avverso”?
L’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) spiega cosa sono gli eventi avversi (AEFI - Adverse Event Following Immunization) e perché è importante studiarli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 gennaio, sono 99.225.963 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.130.179 i decessi. Ad oggi, oltre 64,02 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»