Salute 11 Giugno 2018

L’identikit dei no vax? Grignolio (Sapienza): «Istruiti e benestanti. E il movimento è nato ben prima di Internet…»

Nel ripercorrere la storia degli anti-vaccinisti, il Professor Grignolio, docente di Storia della Medicina, spiega come le tesi no vax, un tempo marginali ed eterodosse, siano state sposate dalla classe dirigente. Ma sottolinea: «Quando c’è una forte alleanza terapeutica tra medico e paziente, non c’è teoria anti-vaccinista che regga»

Immagine articolo

Forse se n’è iniziato a parlare ampiamente quando il dibattito sull’obbligo vaccinale ha riportato i vaccini sulle prime pagine di tutti i giornali. Forse sono stati proprio i riflettori dei media puntati sul tema ad avere dato maggiore notorietà al movimento, influenzandone quindi, anche se indirettamente, l’espansione. Ma i no vax esistono da quando esistono le vaccinazioni. Erano pochi, non istruiti e non benestanti, ma c’erano, e si facevano sentire. Poi, una serie concatenata di eventi ha modificato radicalmente l’identikit del “no vax-tipo” e oggi, nonostante le tesi sugli effetti nefasti dei vaccini sulla salute dei bambini siano state ampiamente confutate dalla scienza, quote importanti della classe dirigente sposano le teorie anti-vaccinali. Il Professor Andrea Grignolio, docente di Storia della Medicina presso l’Università Sapienza di Roma, ripercorre a Sanità Informazione la storia del movimento no vax.

Professore, come e quando è nato il movimento anti-vaccinale?

«È nato insieme alla vaccinazione, perché già quattro anni dopo che Edward Jenner, nel 1797, aveva mandato la sua nota alla Royal Society sul primo vaccino contro il vaiolo, furono pubblicate delle vignette che cercano di instillare timore nella popolazione. Però, se è vero che la storia dei movimenti anti-vaccinali è coeva, è coestensiva a quella della vaccinazione, è anche vero che questi movimenti fino a 20 o 25 anni fa erano marginali, numericamente limitati e riguardavano fasce della popolazione non istruite e non benestanti».

Cosa è successo quindi negli ultimi 20 anni?

«I movimento si sono solidificati tra la fine degli anni Settanta e i primi anni Ottanta e c’è stato un cambiamento importante: gli anti-vaccinisti sono aumentati sensibilmente e fanno parte della fascia alta della popolazione, cioè della fascia più istruita e più benestante. Un dato che, apparentemente, può sembrare contro intuitivo. E questo cambiamento storico ha come conseguenza il fatto che la classe dirigente abbia sposato delle tesi che un tempo erano eterodosse e marginali. E non parlo solo dell’Italia: basti pensare che il Presidente degli Stati Uniti Donald Trump è un noto anti-vaccinista».

Ci sono state delle cause scatenanti?

«Negli anni Ottanta in Inghilterra ci sono stati dei casi di pertosse che erano stati ritenuti causati dal vaccino, fatto che poi si è ovviamente rivelato essere una fake news ante litteram. E poi c’è stato il grande caso Wakefield: nel 1998 il medico britannico Andrew Wakefield pubblica su una rivista molto importante come Lancet uno studio che stabilisce una relazione vaccino-autismo. Peccato che i suoi dati fossero finti e avesse commesso una frode, perché in realtà il suo scopo era distruggere l’immagine del vaccino trivalente che era in commercio per poi poter vendere quello che aveva prodotto lui. Il suo interesse era quindi esclusivamente economico, ma quella pubblicazione è rimasta su Lancet per più di dieci anni e ha dato via alla diffusione di questo falso mito».

LEGGI ANCHE: VACCINI E AUTISMO, VICARI (BAMBINO GESÙ): «L’UNICA CORRELAZIONE È TEMPORALE, NON ESISTE UN NESSO CAUSALE» 

Internet che ruolo ha giocato in questo processo?

«Internet ha avuto un effetto moltiplicatore: a metà degli anni 2000, ad esempio, la pubblicazione di Wakefield ha avuto sul web un’amplificazione impressionante, quindi la rete ha indubbiamente le sue responsabilità. Poi in Italia, ad esempio, la diffusione della fake news di Wakefield è avvenuta, purtroppo, a causa della sentenza di Rimini, poi fortunatamente ribaltata, sulla relazione autismo-vaccini, che è stata quindi confermata da un atto pubblico istituzionale. E sappiamo che nel momento in cui si perde la fiducia, poi per riconquistarla è necessario percorrere un percorso lungo e faticoso».

Oltre ai casi già citati, quali sono le bufale sui vaccini più comuni che si trovano sul web?

«Ce ne sono moltissime. Una delle più diffuse è quella del sovraccarico vaccinale; un’altra è che il sistema immunitario dei neonati non è in grado di gestire le vaccinazioni e quindi non possono farle; poi c’è quella famosissima per cui all’interno dei vaccini ci sarebbero dei metalli pesanti… insomma, sono veramente tante».

Quindi il consiglio da dare ai genitori è di non cercare informazioni su Google ma di fidarsi del medico di famiglia e del pediatra.

«Esattamente, è il consiglio più vecchio e più valido del mondo. Ma mi sento di aggiungere un dato scientifico molto solido: in tutta la letteratura del mondo occidentale emerge che i genitori esitanti nei confronti delle vaccinazioni si sono allontanati dal medico. Si è quindi incrinato il rapporto medico-paziente e questo ha fatto sì che, invece di ascoltare l’autorevolezza e la competenza del medico, i genitori si affidassero alla rete. Ma sappiamo che sulla rete le fonti non esistono e chiunque può scrivere la più grande sciocchezza. Invece quando i medici sanno riagganciare i pazienti, quando c’è un forte rapporto medico-paziente, quando c’è una forte alleanza terapeutica, non c’è teoria anti-vaccinista che regga».    

LEGGI ANCHE: VACCINI, CARSETTI (BAMBINO GESÙ): «ABBIAMO PAURA CHE L’OBBLIGO VACCINALE VENGA ABOLITO» 

Articoli correlati
Covid-19, come affrontare un eventuale nuovo picco in autunno? Andreoni (Tor Vergata): «Vaccinazione antinfluenzale obbligatoria per tutti»
Il direttore scientifico della Simit: «Vaccinarsi non preclude tutte le altre misure di contenimento. Diminuire la circolazione di patologie che danno manifestazioni polmonari renderà più agevole il riconoscimento e il trattamento dell’infezione da SARS-CoV-2»
di Isabella Faggiano
Pediatri, Biasci (Fimp): «Chiediamo l’estensione del vaccino antinfluenzale ai bambini e di poter prescrivere i tamponi per Sars-Cov-2»
«Se rileviamo casi sospetti dobbiamo avere la certezza dell’effettuazione del tampone diagnostico. Senza una diagnosi precisa non potremo far tornare i bambini a scuola». E su Kawasaki: «Abbiamo raccolto un’anomala frequenza di manifestazioni cutanee simil geloni ma è ancora presto per correlazione con Covid-19». Così il presidente della Federazione italiana medici pediatri
Dalla riduzione dei farmaci al reinserimento lavorativo: ecco come curare ansia e disturbi cognitivi con il verde
I giardini terapeutici riducono sintomi ed effetti di patologie come Autismo, Alzheimer e Sindrome di Down. Ma ritrovare il contatto con la natura attenua stress e stati depressivi in tutti noi. Andrea Mati (paesaggista): «Progettare ospedali e RSA integrati e immersi nei parchi»
Coronavirus, Scaccabarozzi: «Vaccini già in produzione, ci assumiamo il rischio»
Ecco come è andato il webinar “Nuovi modelli per la Governance delle cure” con Beatrice Lorenzin, Pier Carlo Padoan, Pierluigi Lopalco, Luca Pani, Giorgio Racagni e Paolo Siani
di Tommaso Caldarelli
Appello del Board del Calendario per la Vita: «Mantenere e incrementare coperture vaccinali per bambini e anziani»
«Evitiamo di aggiungere pandemie alla pandemia, aanche ri-organizzando i servizi di vaccinazione e rassicurando la popolazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 maggio, sono 5.106.155 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 332.978 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 22 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...