Salute 5 Giugno 2018 13:08

Vaccini, Carsetti (Bambino Gesù): «Abbiamo paura che l’obbligo vaccinale venga abolito»

Si dice d’accordo con la Responsabile della struttura semplice di diagnostica immunologica il Professor Locatelli (Bambino Gesù): «Le vaccinazioni obbligatorie sono una manifestazione di civiltà del nostro Paese». La dottoressa Carsetti spiega poi quali sono i vaccini da fare da adulti, soprattutto in gravidanza

Vaccini, Carsetti (Bambino Gesù): «Abbiamo paura che l’obbligo vaccinale venga abolito»

Quando le chiedo se è preoccupata di un passo indietro del nuovo governo sull’obbligo vaccinale, la dottoressa Rita Carsetti non riesce a celare un sorriso imbarazzato. «Sì – poi risponde la Responsabile della Struttura Semplice di Diagnostica Immunologica del Bambino Gesù di Roma -, abbiamo paura che i vaccini obbligatori vengano aboliti. Un obbligo che in altri Paesi non è necessario perché si vaccinano tutti, ma qui sì, finché non riusciremo a diffondere la cultura delle vaccinazioni e far capire perché vaccinarsi è giusto, necessario e importante».

Una risposta simile a quella che dà il Professor Franco Locatelli, Direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia e Terapia Cellulare e Genica presso il medesimo Ospedale, che, anzi, è ancora più netta e incisiva: «La legge promossa dal Ministro Lorenzin porta il nostro Paese in linea con agli standard europei di coperture vaccinali. Tornare indietro vorrebbe dire identificare l’Italia come uno dei Paesi meno evoluti da un punto di vista socio-sanitario, in cui vi è minor tutela delle popolazioni a rischio. Le vaccinazioni obbligatorie sono una manifestazione di civiltà del nostro Paese».

LEGGI ANCHE: VACCINI, +4,4% COPERTURA MORBILLO. LORENZIN: «DOVE MMG E PEDIATRI SONO PIÙ PROATTIVI, SI OTTENGONO GRANDI RISULTATI» 

Sono dichiarazioni che giungono pochi minuti dopo l’annuncio del nuovo Ministro della Salute Giulia Grillo di voler «agire, in sinergia con il resto del governo» sui vaccini, che sono «parte del contratto». E la risposta del mondo scientifico viene proprio da quei medici riuniti al Bambino Gesù per un talk scientifico dal titolo esplicativo: “Io mi vaccino, io non posso, io non voglio”. «L’evento è stato organizzato – spiega la dottoressa Carsetti – proprio per spiegare il valore delle vaccinazioni, i motivi di chi si vaccina e di chi non può vaccinarsi e per imparare ad orientarsi su Internet tra bufale, fake news e siti, invece, attendibili dove potersi informare veramente sui rischi dei vaccini».

Un convegno informativo che dovrebbe, quindi, aiutare a creare quella cultura delle vaccinazioni necessaria e imprescindibile per ipotizzare l’abolizione dell’obbligo. «E va ricordato – aggiunge la dottoressa – che non sono solo i bambini a doversi vaccinare, ma anche gli adulti».

«In particolare – prosegue – c’è una fase molto importante della vita di una donna che è la gravidanza, periodo in cui andrebbero fatti due vaccini: per la pertosse e per l’influenza. Quest’ultima può essere una malattia grave per la donna in gravidanza e può essere molto grave per il bambino appena nato; ma se la mamma si vaccina in gravidanza, gli anticorpi proteggeranno sia lei che, passando attraverso la placenta, il bambino nei suoi primi 2-3 mesi di vita, quando è troppo piccolo per essere vaccinato. La pertosse in gravidanza invece non è pericolosa per la mamma ma per il bambino, e il vaccino può quindi proteggerlo. Tuttavia, sono ancora poche in Italia le donne in gravidanza che si vaccinano».

Ci sono poi le vaccinazioni da fare dopo i 65 anni: influenza e pneumococco. «Le persone anziane con l’influenza – continua la dottoressa Carsetti – possono avere molto più complicazioni di un giovane. Per quanto riguarda l’infezione da pneumococco, poi, sappiamo che ci sono gli antibiotici ma funzionano sempre meno perché ci sono sempre più ceppi di batteri antibiotico resistenti».

Infine, c’è il vaccino contro l’HPV, «che può essere fatto a tutte le bambine e anche ai maschi e che è importantissimo, non solo perché previene l’infezione del papilloma virus, ma previene anche il cancro. Anche in questo caso, però, solo il 60% delle persone che dovrebbe fare questo vaccino l’ha fatto. Un vaccino che invece dovremmo fare tutti per essere veramente protetti», conclude.

LEGGI ANCHE: PSEUDOSCIENZA E BUFALE, ATTIVISSIMO: «FAKE NEWS IN SANITÀ SONO SOCIALMENTE PERICOLOSE. SOLUZIONI FACILI RARAMENTE SONO VERE» 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Al Bambino Gesù terapia CAR-T sui primi 3 pazienti con malattie autoimmuni
Due ragazze italiane e 1 bambino ucraino di 12 anni, fuggito dalla guerra, sono i primi pazienti pediatrici affetti da gravi patologie autoimmuni ad essere stati trattati con cellule CAR-T capaci di mandare in remissione la loro malattia. Il trattamento è stato eseguito all'Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma
di V.A.
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Ma le campagne vaccinali funzionano sui social?
Con l’espressione shitstorm (letteralmente “tempesta di cacca”) si intende quel fenomeno con il quale un numero piuttosto consistente di persone manifesta il proprio dissenso nei confronti di un’altra persona (o di un gruppo), di una organizzazione o di una azienda. Questa tempesta di insulti e/o commenti denigratori si realizza in rete, generalmente sui social media, sui blog o su altre piattaforme che consentono l’interazione
di Nicola Draoli, Consigliere Comitato Centrale FNOPI
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...