Salute 5 giugno 2018

Vaccini, Carsetti (Bambino Gesù): «Abbiamo paura che l’obbligo vaccinale venga abolito»

Si dice d’accordo con la Responsabile della struttura semplice di diagnostica immunologica il Professor Locatelli (Bambino Gesù): «Le vaccinazioni obbligatorie sono una manifestazione di civiltà del nostro Paese». La dottoressa Carsetti spiega poi quali sono i vaccini da fare da adulti, soprattutto in gravidanza

Immagine articolo

Quando le chiedo se è preoccupata di un passo indietro del nuovo governo sull’obbligo vaccinale, la dottoressa Rita Carsetti non riesce a celare un sorriso imbarazzato. «Sì – poi risponde la Responsabile della Struttura Semplice di Diagnostica Immunologica del Bambino Gesù di Roma -, abbiamo paura che i vaccini obbligatori vengano aboliti. Un obbligo che in altri Paesi non è necessario perché si vaccinano tutti, ma qui sì, finché non riusciremo a diffondere la cultura delle vaccinazioni e far capire perché vaccinarsi è giusto, necessario e importante».

Una risposta simile a quella che dà il Professor Franco Locatelli, Direttore del Dipartimento di Onco-Ematologia e Terapia Cellulare e Genica presso il medesimo Ospedale, che, anzi, è ancora più netta e incisiva: «La legge promossa dal Ministro Lorenzin porta il nostro Paese in linea con agli standard europei di coperture vaccinali. Tornare indietro vorrebbe dire identificare l’Italia come uno dei Paesi meno evoluti da un punto di vista socio-sanitario, in cui vi è minor tutela delle popolazioni a rischio. Le vaccinazioni obbligatorie sono una manifestazione di civiltà del nostro Paese».

LEGGI ANCHE: VACCINI, +4,4% COPERTURA MORBILLO. LORENZIN: «DOVE MMG E PEDIATRI SONO PIÙ PROATTIVI, SI OTTENGONO GRANDI RISULTATI» 

Sono dichiarazioni che giungono pochi minuti dopo l’annuncio del nuovo Ministro della Salute Giulia Grillo di voler «agire, in sinergia con il resto del governo» sui vaccini, che sono «parte del contratto». E la risposta del mondo scientifico viene proprio da quei medici riuniti al Bambino Gesù per un talk scientifico dal titolo esplicativo: “Io mi vaccino, io non posso, io non voglio”. «L’evento è stato organizzato – spiega la dottoressa Carsetti – proprio per spiegare il valore delle vaccinazioni, i motivi di chi si vaccina e di chi non può vaccinarsi e per imparare ad orientarsi su Internet tra bufale, fake news e siti, invece, attendibili dove potersi informare veramente sui rischi dei vaccini».

Un convegno informativo che dovrebbe, quindi, aiutare a creare quella cultura delle vaccinazioni necessaria e imprescindibile per ipotizzare l’abolizione dell’obbligo. «E va ricordato – aggiunge la dottoressa – che non sono solo i bambini a doversi vaccinare, ma anche gli adulti».

«In particolare – prosegue – c’è una fase molto importante della vita di una donna che è la gravidanza, periodo in cui andrebbero fatti due vaccini: per la pertosse e per l’influenza. Quest’ultima può essere una malattia grave per la donna in gravidanza e può essere molto grave per il bambino appena nato; ma se la mamma si vaccina in gravidanza, gli anticorpi proteggeranno sia lei che, passando attraverso la placenta, il bambino nei suoi primi 2-3 mesi di vita, quando è troppo piccolo per essere vaccinato. La pertosse in gravidanza invece non è pericolosa per la mamma ma per il bambino, e il vaccino può quindi proteggerlo. Tuttavia, sono ancora poche in Italia le donne in gravidanza che si vaccinano».

Ci sono poi le vaccinazioni da fare dopo i 65 anni: influenza e pneumococco. «Le persone anziane con l’influenza – continua la dottoressa Carsetti – possono avere molto più complicazioni di un giovane. Per quanto riguarda l’infezione da pneumococco, poi, sappiamo che ci sono gli antibiotici ma funzionano sempre meno perché ci sono sempre più ceppi di batteri antibiotico resistenti».

Infine, c’è il vaccino contro l’HPV, «che può essere fatto a tutte le bambine e anche ai maschi e che è importantissimo, non solo perché previene l’infezione del papilloma virus, ma previene anche il cancro. Anche in questo caso, però, solo il 60% delle persone che dovrebbe fare questo vaccino l’ha fatto. Un vaccino che invece dovremmo fare tutti per essere veramente protetti», conclude.

LEGGI ANCHE: PSEUDOSCIENZA E BUFALE, ATTIVISSIMO: «FAKE NEWS IN SANITÀ SONO SOCIALMENTE PERICOLOSE. SOLUZIONI FACILI RARAMENTE SONO VERE» 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Meningite, Regione Lazio: «Al via vaccinazioni per studenti Istituto Alberghiero Vespucci»
«A partire da domani mattina e fino alla prossima settimana presso il centro vaccinale della Asl Roma 2 (via Bardanzellu, n°8) i docenti e gli studenti dell’Istituto alberghiero A. Vespucci potranno vaccinarsi contro la meningite. I ragazzi dell’istituto romano hanno ricevuto una lettera della Asl per la prenotazione al servizio e potranno vaccinarsi con il […]
Vaccini, I Rapporto OSV. Il coordinatore: «Ogni Regione con sua strategia. Anagrafe vaccinale lontana da aspettative»
Presentato il report dell’Osservatorio Strategie Vaccinali che fa il punto sulla situazione della profilassi in Italia. «Il Piano nazionale vaccini ha appianato le disparità in termini di offerta sul territorio, ma a livello operativo le Regioni camminano su propri binari», così Michele Conversano, coordinatore dell’Osservatorio
Malata di leucemia, tutta la classe si vaccina per farla tornare a scuola
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti si è detto fiero dei bambini della scuola di Faenza (Ravenna) dove una classe di quarta elementare si è vaccinata contro l’influenza per permettere a una compagna malata di leucemia di poter tornare a scuola sicura. «Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che […]
Influenza, picco atteso per fine mese. Rezza (ISS): «Impennata richiesta vaccini. Incremento notevole anche per operatori sanitari»
«La richiesta da parte dei sanitari è cresciuta dal 15% al 25%», così Giovanni Rezza, direttore dell’Istituto Superiore di sanità che aggiunge: «Quest’anno il virus è giunto accompagnato da maggiore sensibilità»
ISS, Ricciardi saluta e fa un bilancio: «Conti risanati e contributi importanti, dai vaccini all’Ilva. Con Grillo nessuna polemica»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, che lascia dopo quattro anni e mezzo, sottolinea: «Percorso impegnativo ed entusiasmante. Abbiamo stabilizzato 473 unità di personale e destinato 16 milioni di euro a logistica e tecnologie». Nel suo futuro la presidenza della Federazione mondiale delle Società di Sanità pubblica. Da ultimo l’incarico nel Comitato scientifico della Fondazione “Italia in Salute” di Federico Gelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...