Lavoro 24 Aprile 2018 17:49

Vaccini, +4,4% copertura morbillo. Lorenzin: «Dove MMG e pediatri sono più proattivi, si ottengono grandi risultati»

Presentate al Ministero della Salute le coperture vaccinali dell’età pediatrica e dell’adolescente del 2017. A livello nazionale, copertura al 94,5%. Per il Ministro il risultato è ottimo, ma la guardia deve rimanere alta

Vaccini, +4,4% copertura morbillo. Lorenzin: «Dove MMG e pediatri sono più proattivi, si ottengono grandi risultati»

Il bilancio delle coperture vaccinali in Italia per il 2017 «è ottimo». A commentare i risultati, presentati oggi al Ministero della Salute, è Beatrice Lorenzin: le vaccinazioni contro il morbillo sono cresciute del 4,4% e quelle contro la polio dell’1,21%. Un trend positivo ma tuttavia non omogeneo in tutto lo Stivale: sono cinque gli enti che indossano la maglia nera. Guidata dalla provincia autonoma di Bolzano, dove il numero di casi di morbillo è 20 volte superiore rispetto a Trento (la copertura è del 71,86% e quella per la polio del 85,87), la black list prosegue con Friuli Venezia Giulia, Marche, Sicilia e Abruzzo. Undici Regioni su ventuno hanno raggiunto l’obiettivo di immunizzare almeno il 95% dei nuovi nati con il vaccino esavalente, ma la copertura a livello nazionale è leggermente sotto questa soglia, pari al 94,5%. Particolarmente positiva la situazione del Lazio che, da realtà problematica, adesso è l’unica Regione a superare la copertura del 95% per il morbillo. «E senza la legge – aggiunge la Lorenzin – si troverebbe nella stessa situazione della Sicilia, dove quest’anno, causa morbillo, si sono registrati 200 casi e tre morti».

«C’è stato un netto miglioramento e ci aspettiamo un incremento nel primo semestre 2018 – commenta il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin – ma la guardia deve rimanere sempre molto alta e l’emergenza sarà finita quando in Italia non ci saranno più morti né complicanze gravi. Abbiamo ottenuto dei risultati straordinari per i bambini da 0 a 6 anni, un incremento molto superiore rispetto a quello raggiunto dalla California che è il nostro termine di paragone (dove una legge simile a quella italiana ha permesso di riportare l’immunità di gregge a livelli di sicurezza, ndr). Purtroppo ci sono ancora delle sacche di resistenza culturali, dovuti alla sfiducia nei confronti delle istituzioni o alla disinformazione. Ma la stragrande maggioranza dei genitori ha capito – prosegue il Ministro – il rischio a cui sono sottoposti loro e i loro figli, anche grazie al fondamentale ruolo svolto dai pediatri e dai medici di famiglia: se i camici bianchi sono proattivi sul territorio, si ottengono grandi risultati».

Fondamentale poi, a detta del Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi, aumentare la copertura vaccinale degli operatori sanitari: «Non è possibile – dichiara durante la conferenza stampa – che solo 15% sia vaccinato». Ma un emendamento per introdurre l’obbligatorietà delle vaccinazioni per coloro che lavorano nei reparti ritenuti ad alto rischio era stato presentato in Parlamento ma non ha trovato sbocco. «Per raggiungere questo obiettivo – aggiunge la Lorenzin – la strada potrebbe essere quella imboccata dall’Emilia Romagna, che ha adottato una norma a livello regionale, oppure si dovrà pensare ad una legge ad hoc».

Ancora problematica, poi, la situazione per adolescenti, adulti e anziani, che «non possono essere obbligati ma devono essere convinti a vaccinarsi – afferma Ricciardi -, ricordando che le malattie infettive stanno tornando, e molto più aggressive di prima: basti pensare che il tasso di letalità del morbillo in Sicilia è 1 su 100, quando normalmente nel mondo è 1 su 3mila».

E a chi chiede al Ministro se ha timore che il nuovo governo possa fare un passo indietro sui vaccini, la Lorenzin risponde: «Le responsabilità si prendono fino in fondo e la salute pubblica è un fatto primario. Ma sono fiduciosa, e per realpolitik so che non accadrà. D’altra parte, non si parla più di vaccini».

LEGGI ANCHE: GIORNATA MONDIALE MENINGITE, ROBERTO CAUDA (GEMELLI): «LA SOPRAVVIVENZA DIPENDE DALLA VELOCITÀ DELLA DIAGNOSI» 

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il caldo è arrivato! Ecco i suggerimenti di AIFA per conservare e utilizzare correttamente i medicinali

Con il caldo, prima della partenza per le vacanze, è bene osservare alcune semplici accortezze
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...