Lavoro 24 Aprile 2018

Vaccini, +4,4% copertura morbillo. Lorenzin: «Dove MMG e pediatri sono più proattivi, si ottengono grandi risultati»

Presentate al Ministero della Salute le coperture vaccinali dell’età pediatrica e dell’adolescente del 2017. A livello nazionale, copertura al 94,5%. Per il Ministro il risultato è ottimo, ma la guardia deve rimanere alta

Immagine articolo

Il bilancio delle coperture vaccinali in Italia per il 2017 «è ottimo». A commentare i risultati, presentati oggi al Ministero della Salute, è Beatrice Lorenzin: le vaccinazioni contro il morbillo sono cresciute del 4,4% e quelle contro la polio dell’1,21%. Un trend positivo ma tuttavia non omogeneo in tutto lo Stivale: sono cinque gli enti che indossano la maglia nera. Guidata dalla provincia autonoma di Bolzano, dove il numero di casi di morbillo è 20 volte superiore rispetto a Trento (la copertura è del 71,86% e quella per la polio del 85,87), la black list prosegue con Friuli Venezia Giulia, Marche, Sicilia e Abruzzo. Undici Regioni su ventuno hanno raggiunto l’obiettivo di immunizzare almeno il 95% dei nuovi nati con il vaccino esavalente, ma la copertura a livello nazionale è leggermente sotto questa soglia, pari al 94,5%. Particolarmente positiva la situazione del Lazio che, da realtà problematica, adesso è l’unica Regione a superare la copertura del 95% per il morbillo. «E senza la legge – aggiunge la Lorenzin – si troverebbe nella stessa situazione della Sicilia, dove quest’anno, causa morbillo, si sono registrati 200 casi e tre morti».

«C’è stato un netto miglioramento e ci aspettiamo un incremento nel primo semestre 2018 – commenta il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin – ma la guardia deve rimanere sempre molto alta e l’emergenza sarà finita quando in Italia non ci saranno più morti né complicanze gravi. Abbiamo ottenuto dei risultati straordinari per i bambini da 0 a 6 anni, un incremento molto superiore rispetto a quello raggiunto dalla California che è il nostro termine di paragone (dove una legge simile a quella italiana ha permesso di riportare l’immunità di gregge a livelli di sicurezza, ndr). Purtroppo ci sono ancora delle sacche di resistenza culturali, dovuti alla sfiducia nei confronti delle istituzioni o alla disinformazione. Ma la stragrande maggioranza dei genitori ha capito – prosegue il Ministro – il rischio a cui sono sottoposti loro e i loro figli, anche grazie al fondamentale ruolo svolto dai pediatri e dai medici di famiglia: se i camici bianchi sono proattivi sul territorio, si ottengono grandi risultati».

Fondamentale poi, a detta del Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi, aumentare la copertura vaccinale degli operatori sanitari: «Non è possibile – dichiara durante la conferenza stampa – che solo 15% sia vaccinato». Ma un emendamento per introdurre l’obbligatorietà delle vaccinazioni per coloro che lavorano nei reparti ritenuti ad alto rischio era stato presentato in Parlamento ma non ha trovato sbocco. «Per raggiungere questo obiettivo – aggiunge la Lorenzin – la strada potrebbe essere quella imboccata dall’Emilia Romagna, che ha adottato una norma a livello regionale, oppure si dovrà pensare ad una legge ad hoc».

Ancora problematica, poi, la situazione per adolescenti, adulti e anziani, che «non possono essere obbligati ma devono essere convinti a vaccinarsi – afferma Ricciardi -, ricordando che le malattie infettive stanno tornando, e molto più aggressive di prima: basti pensare che il tasso di letalità del morbillo in Sicilia è 1 su 100, quando normalmente nel mondo è 1 su 3mila».

E a chi chiede al Ministro se ha timore che il nuovo governo possa fare un passo indietro sui vaccini, la Lorenzin risponde: «Le responsabilità si prendono fino in fondo e la salute pubblica è un fatto primario. Ma sono fiduciosa, e per realpolitik so che non accadrà. D’altra parte, non si parla più di vaccini».

LEGGI ANCHE: GIORNATA MONDIALE MENINGITE, ROBERTO CAUDA (GEMELLI): «LA SOPRAVVIVENZA DIPENDE DALLA VELOCITÀ DELLA DIAGNOSI» 

Articoli correlati
Vaccini, scatta obbligo certificazione: due bambini allontanati nel Lazio da scuola. Grillo: «Numeri della copertura vaccinale sono alti, il dibattito ha funzionato»
I presidi: «Rischiamo denunce per abuso di atti d’ufficio ma applichiamo soltanto la legge». Nel Movimento Cinque Stelle fronda chiede che i ragazzi siano fatti entrare a scuola
di Isabella Faggiano
Vaccini, scatta l’ora x: niente scuola per bambini 0-6 anni senza certificazione. Grillo: «Tutti hanno avuto il tempo per mettersi in pari»
Multe ai genitori, invece, per i bambini di elementari, medie e superiori fino a 16 anni. Intanto vaccinati in aumento secondo i dati del Ministero: in molti casi superata soglia del 95%
Obbligo vaccinale, Salvini chiede decreto per permettere ai bambini non vaccinati di restare a scuola. Grillo: «Sarà Parlamento a superare legge Lorenzin»
Il 10 marzo scadono i termini per presentare i documenti attestanti l’avvenuta vaccinazione. «Evitare traumi ai più piccoli», sottolinea il Ministro dell’Interno. Ma da Lungotevere Ripa fanno sapere che fino a che la legge non cambia, i bambini non vaccinati non potranno essere in aula
Professioni sanitarie, festa per i 20 anni della legge 42. Beux (TSRM e PSTRP): «Passaggio fondamentale, ha anticipato i tempi. Ora sfida è sinergia tra competenze»
Alla Camera evento con tutti i protagonisti della norma che ha cancellato il carattere ausiliario delle professioni sanitarie. Il presidente dell’Ordine dei Tecnici Sanitari Radiologia Medica e delle Professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione: «Abbiamo più di 140mila preiscritti, quasi 60mila iscritti: ora devono interagire tra di loro per far sì che si crei quella sinergia valoriale, relazionale, di competenze professionali che possa poi avere quella ricaduta positiva nella qualità delle cure»
Giappone, emergenza morbillo per colpa di religione no-vax
Dall’inizio dell’anno, in Giappone sono stati registrati oltre 170 nuovi casi di morbillo. È la crisi peggiore che il Paese è chiamato ad affrontare nell’ultimo decennio, che coinvolge 20 delle 47 prefetture nipponiche, e tra le cause c’è anche la religione. Quasi tutti i 49 casi registrati nella prefettura di Mia riguardano infatti membri del […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone