Salute 23 Aprile 2018 17:38

Giornata mondiale meningite. Roberto Cauda (Gemelli): «La sopravvivenza dipende dalla velocità della diagnosi»

Le popolazioni più a rischio e le fasce di età più soggette all’infezione. L’intervista al Direttore dell’Area Microbiologia e Malattie infettive del Policlinico Gemelli:«Non c’è emergenza grazie ai vaccini»

di Isabella Faggiano
Giornata mondiale meningite. Roberto Cauda (Gemelli): «La sopravvivenza dipende dalla velocità della diagnosi»

#AllMeningitisMatters: è questo l’hashtag scelto per la World Meningitis Day 2018,  la Giornata mondiale contro la Meningite, che si celebra il 24 aprile. Promotrice dell’iniziativa è la Confederation of Meningitis Organizations, l’unione di 43 associazioni del mondo,  impegnate a sensibilizzare l’opinione pubblica su questa grave malattia, insegnando a riconoscerne i sintomi e, soprattutto, diffondendo l’importanza della prevenzione.

La meningite è presente ovunque nel mondo, con la più alta incidenza nella cosiddetta “cintura (o fascia) della meningite” dell’Africa sub sahariana. «I casi in Italia ci sono, ma non viviamo una situazione di emergenza», ha rassicurato Roberto Cauda, direttore dell’Area Microbiologia e Malattie infettive del Policlinico Gemelli di Roma. «Un risultato – ha sottolineato il professore – ottenuto grazie alla diagnosi precoce ed ai vaccini». E per fare prevenzione ci vuole innanzitutto informazione.

Professore, facciamo chiarezza cominciando dalla definizione. Che cos’è la meningite?

«È un’infezione del sistema nervoso centrale, che può colpire soggetti di età diversa. È caratterizzata da un’estrema gravità che, in alcuni casi, può portare alla morte».

LEGGI ANCHE: MENINGITE, CONSIGLIARE IL VACCINO ANCHE PER GLI ADULTI? LA PAROLA ALL’ESPERTO, ROBERTO BURIONI (VIROLOGO)

Quali sono le diverse forme della patologia?
«Può essere di tipo virale o batterico. Le forme più frequenti sono quelle virali che, per lo più, sono benigne e non richiedono alcuna terapia. Per le forme batteriche, invece, esiste una terapia efficace. Si tratta di meningococciche, pneumococciche e da Haemophilus influenzae di tipo b».

Esistono dei sintomi chiari che possono metterci in allarme?
«Sono sintomi estremamente facili da riconoscere. È una malattia talmente grave che non può passare misconosciuta anche ad un osservatore non particolarmente attento. Si tratta di: febbre, mal di testa intenso, rigidità nucale e di alterazioni dello stato di coscienza, fino a quello di coma. Può essere importante – e questo lo ripeto sempre ai miei studenti – la precocità della diagnosi: è la rapidità dell’intervento a fare la differenza sulla sopravvivenza».

Ci sono delle fasce di popolazione più a rischio di altre?
«Sì, dipende dal tipo di meningite. Quella meningococcica, che si trasmette per via aerea, dunque nei luoghi maggiormente affollati, è più frequente tra gli adulti e gli adolescenti. Per la meningite da pneumococco sono soprattutto le età estreme della vita, i molto piccoli e gli over 65 o i portatori di malattie, ad essere più a rischio. La meningite da Haemophilus influenzae di tipo b è quasi scomparsa grazie alla vaccinazione, ma comunque colpisce prevalentemente l’età pediatrica».

Esistono dei vaccini. Quali sono quelli oggi a disposizione e per quali ceppi?
«C’è il vaccino contro Haemophilus influenzae di tipo b, introdotto nella metà degli anni ’90, fa parte delle 10 vaccinazioni obbligatorie. Esistono dei vaccini per la forma meningococcica B e meningococcica C, i due ceppi circolanti in Italia. Esiste un vaccino quadrivalente per il meningococco, che viene soprattutto impiegato per soggetti che vanno in aree endemiche, specie dell’Africa, dove la malattia è più presente. Esistono vaccini efficaci per lo pneumococco. Quest’ultimo vaccino, non obbligatorio, con quello contro il meningococco, è fortemente raccomandato in quei soggetti che per età o per condizioni sottostanti possono avere un rischio maggiori di altri».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Dall’Università Statale di Milano e VisMederi Research in arrivo LeCoVax2, il nuovo vaccino anti-Covid
Zuccotti (prorettore) «Veicolato dalla Leishmania Tarantolae, si conserva a temperatura ambiente, sarà somministrato per via orale e colpirà solo le cellule coinvolte nella risposta immunitaria»
di Federica Bosco
Il Green pass durerà 9 mesi per i vaccinati. Ma come si ottiene e dove si usa?
Nove mesi per i vaccinati, sei per i guariti e 48 ore per i tamponi: in Italia è in vigore il Green pass. Non solo per spostarsi nelle Regioni rosse e arancioni, ma anche per matrimoni, concerti e visite in Rsa
Reithera: la Corte dei Conti blocca i fondi per il vaccino italiano. Figliuolo: «A giugno avremo CureVac»
Con il mancato via libera da parte della Corte dei Conti, il vaccino made in Italy resta senza fondi per la fase 3 e rischia di non vedere mai la luce
Covid-19, Guido Rasi: «Vaccino a guariti andrebbe posticipato, ma non c’è tempo per ripianificare campagna»
Numerosi studi dimostrano che la durata della risposta immunitaria contro il Sars-Cov-2 nei guariti è di lunga durata. Perché non posticipare i vaccini ai guariti per dare precedenza a chi non ha avuto l'infezione? Il commento di Guido Rasi, ex Direttore Esecutivo dell’EMA e Direttore Scientifico Consulcesi
Vaccino pazienti oncologici, Cisl medici appoggia Foce: «Seconda  dose  entro  tre  settimane»
Il sindacato e la società scientifica chiedono il rispetto dei 21 giorni per la seconda dose del vaccino anti-Covid a mRNA nei pazienti oncologici
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 giugno, sono 175.965.522 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.804.217 i decessi. Ad oggi, oltre 2.34 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...