Salute 23 Aprile 2018 17:38

Giornata mondiale meningite. Roberto Cauda (Gemelli): «La sopravvivenza dipende dalla velocità della diagnosi»

Le popolazioni più a rischio e le fasce di età più soggette all’infezione. L’intervista al Direttore dell’Area Microbiologia e Malattie infettive del Policlinico Gemelli:«Non c’è emergenza grazie ai vaccini»

di Isabella Faggiano
Giornata mondiale meningite. Roberto Cauda (Gemelli): «La sopravvivenza dipende dalla velocità della diagnosi»

#AllMeningitisMatters: è questo l’hashtag scelto per la World Meningitis Day 2018,  la Giornata mondiale contro la Meningite, che si celebra il 24 aprile. Promotrice dell’iniziativa è la Confederation of Meningitis Organizations, l’unione di 43 associazioni del mondo,  impegnate a sensibilizzare l’opinione pubblica su questa grave malattia, insegnando a riconoscerne i sintomi e, soprattutto, diffondendo l’importanza della prevenzione.

La meningite è presente ovunque nel mondo, con la più alta incidenza nella cosiddetta “cintura (o fascia) della meningite” dell’Africa sub sahariana. «I casi in Italia ci sono, ma non viviamo una situazione di emergenza», ha rassicurato Roberto Cauda, direttore dell’Area Microbiologia e Malattie infettive del Policlinico Gemelli di Roma. «Un risultato – ha sottolineato il professore – ottenuto grazie alla diagnosi precoce ed ai vaccini». E per fare prevenzione ci vuole innanzitutto informazione.

Professore, facciamo chiarezza cominciando dalla definizione. Che cos’è la meningite?

«È un’infezione del sistema nervoso centrale, che può colpire soggetti di età diversa. È caratterizzata da un’estrema gravità che, in alcuni casi, può portare alla morte».

LEGGI ANCHE: MENINGITE, CONSIGLIARE IL VACCINO ANCHE PER GLI ADULTI? LA PAROLA ALL’ESPERTO, ROBERTO BURIONI (VIROLOGO)

Quali sono le diverse forme della patologia?
«Può essere di tipo virale o batterico. Le forme più frequenti sono quelle virali che, per lo più, sono benigne e non richiedono alcuna terapia. Per le forme batteriche, invece, esiste una terapia efficace. Si tratta di meningococciche, pneumococciche e da Haemophilus influenzae di tipo b».

Esistono dei sintomi chiari che possono metterci in allarme?
«Sono sintomi estremamente facili da riconoscere. È una malattia talmente grave che non può passare misconosciuta anche ad un osservatore non particolarmente attento. Si tratta di: febbre, mal di testa intenso, rigidità nucale e di alterazioni dello stato di coscienza, fino a quello di coma. Può essere importante – e questo lo ripeto sempre ai miei studenti – la precocità della diagnosi: è la rapidità dell’intervento a fare la differenza sulla sopravvivenza».

Ci sono delle fasce di popolazione più a rischio di altre?
«Sì, dipende dal tipo di meningite. Quella meningococcica, che si trasmette per via aerea, dunque nei luoghi maggiormente affollati, è più frequente tra gli adulti e gli adolescenti. Per la meningite da pneumococco sono soprattutto le età estreme della vita, i molto piccoli e gli over 65 o i portatori di malattie, ad essere più a rischio. La meningite da Haemophilus influenzae di tipo b è quasi scomparsa grazie alla vaccinazione, ma comunque colpisce prevalentemente l’età pediatrica».

Esistono dei vaccini. Quali sono quelli oggi a disposizione e per quali ceppi?
«C’è il vaccino contro Haemophilus influenzae di tipo b, introdotto nella metà degli anni ’90, fa parte delle 10 vaccinazioni obbligatorie. Esistono dei vaccini per la forma meningococcica B e meningococcica C, i due ceppi circolanti in Italia. Esiste un vaccino quadrivalente per il meningococco, che viene soprattutto impiegato per soggetti che vanno in aree endemiche, specie dell’Africa, dove la malattia è più presente. Esistono vaccini efficaci per lo pneumococco. Quest’ultimo vaccino, non obbligatorio, con quello contro il meningococco, è fortemente raccomandato in quei soggetti che per età o per condizioni sottostanti possono avere un rischio maggiori di altri».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Vaccino antinfluenzale, Maio (Fimmg): «Dall’anti-Covid attendere almeno un mese»
La responsabile dell’area vaccini di Fimmg: «Consigliato a over 60, soggetti fragili e lavoratori a rischio. Migliora la diagnosi differenziale tra influenza stagionale e Covid-19 ed evita il sovraffollamento degli ospedali»
di Isabella Faggiano
Papa Francesco ai popoli: «Vaccinarsi è un atto d’amore»
In un videomessaggio il Pontefice si è rivolto al mondo intero ribadendo la necessità di vaccinarsi per il bene di tutti. Il ministro Speranza e Anelli (FNOMCEO) lo hanno ringraziato
ReiThera, Tiramani (Lega): «Speranza batti un colpo, mille persone ingannate due volte»
«Il 6 agosto è ormai dietro l’angolo e nelle stanze del ministro Speranza tutto tace sul Green pass per le mille persone che si sono offerte per fare la sperimentazione sul vaccino ReiThera. Ci sono mille persone in agitazione perché devono programmare le loro attività, ma non possono avere il Green Pass. La sperimentazione di […]
Covid-19, il Comitato bioetica: «Sul vaccino decide adolescente, non genitore»
«La sua volontà prevale». Nel caso rifiuti l'iniezione, «va informato ma non obbligato»
Settimana Mondiale Allattamento, UNICEF-OMS: «Agisce come primo vaccino, proteggendo i bambini da malattie dell’infanzia»
L'UNICEF e l'OMS raccomandano l'allattamento esclusivo per i primi sei mesi di vita, a partire dalla prima ora dalla nascita. «Offre una potente linea di difesa da tutte le forme di malnutrizione infantile, che comprende ritardi nella crescita e obesità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco