Salute 23 Aprile 2018

Giornata mondiale meningite. Roberto Cauda (Gemelli): «La sopravvivenza dipende dalla velocità della diagnosi»

Le popolazioni più a rischio e le fasce di età più soggette all’infezione. L’intervista al Direttore dell’Area Microbiologia e Malattie infettive del Policlinico Gemelli:«Non c’è emergenza grazie ai vaccini»

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

#AllMeningitisMatters: è questo l’hashtag scelto per la World Meningitis Day 2018,  la Giornata mondiale contro la Meningite, che si celebra il 24 aprile. Promotrice dell’iniziativa è la Confederation of Meningitis Organizations, l’unione di 43 associazioni del mondo,  impegnate a sensibilizzare l’opinione pubblica su questa grave malattia, insegnando a riconoscerne i sintomi e, soprattutto, diffondendo l’importanza della prevenzione.

La meningite è presente ovunque nel mondo, con la più alta incidenza nella cosiddetta “cintura (o fascia) della meningite” dell’Africa sub sahariana. «I casi in Italia ci sono, ma non viviamo una situazione di emergenza», ha rassicurato Roberto Cauda, direttore dell’Area Microbiologia e Malattie infettive del Policlinico Gemelli di Roma. «Un risultato – ha sottolineato il professore – ottenuto grazie alla diagnosi precoce ed ai vaccini». E per fare prevenzione ci vuole innanzitutto informazione.

Professore, facciamo chiarezza cominciando dalla definizione. Che cos’è la meningite?

«È un’infezione del sistema nervoso centrale, che può colpire soggetti di età diversa. È caratterizzata da un’estrema gravità che, in alcuni casi, può portare alla morte».

LEGGI ANCHE: MENINGITE, CONSIGLIARE IL VACCINO ANCHE PER GLI ADULTI? LA PAROLA ALL’ESPERTO, ROBERTO BURIONI (VIROLOGO)

Quali sono le diverse forme della patologia?
«Può essere di tipo virale o batterico. Le forme più frequenti sono quelle virali che, per lo più, sono benigne e non richiedono alcuna terapia. Per le forme batteriche, invece, esiste una terapia efficace. Si tratta di meningococciche, pneumococciche e da Haemophilus influenzae di tipo b».

Esistono dei sintomi chiari che possono metterci in allarme?
«Sono sintomi estremamente facili da riconoscere. È una malattia talmente grave che non può passare misconosciuta anche ad un osservatore non particolarmente attento. Si tratta di: febbre, mal di testa intenso, rigidità nucale e di alterazioni dello stato di coscienza, fino a quello di coma. Può essere importante – e questo lo ripeto sempre ai miei studenti – la precocità della diagnosi: è la rapidità dell’intervento a fare la differenza sulla sopravvivenza».

Ci sono delle fasce di popolazione più a rischio di altre?
«Sì, dipende dal tipo di meningite. Quella meningococcica, che si trasmette per via aerea, dunque nei luoghi maggiormente affollati, è più frequente tra gli adulti e gli adolescenti. Per la meningite da pneumococco sono soprattutto le età estreme della vita, i molto piccoli e gli over 65 o i portatori di malattie, ad essere più a rischio. La meningite da Haemophilus influenzae di tipo b è quasi scomparsa grazie alla vaccinazione, ma comunque colpisce prevalentemente l’età pediatrica».

Esistono dei vaccini. Quali sono quelli oggi a disposizione e per quali ceppi?
«C’è il vaccino contro Haemophilus influenzae di tipo b, introdotto nella metà degli anni ’90, fa parte delle 10 vaccinazioni obbligatorie. Esistono dei vaccini per la forma meningococcica B e meningococcica C, i due ceppi circolanti in Italia. Esiste un vaccino quadrivalente per il meningococco, che viene soprattutto impiegato per soggetti che vanno in aree endemiche, specie dell’Africa, dove la malattia è più presente. Esistono vaccini efficaci per lo pneumococco. Quest’ultimo vaccino, non obbligatorio, con quello contro il meningococco, è fortemente raccomandato in quei soggetti che per età o per condizioni sottostanti possono avere un rischio maggiori di altri».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Napoli, la Federico II lancia il Master in Vaccinologia. Boom di richieste tra i giovani medici
La direttrice del corso: «Forniamo agli operatori impegnati nelle attività di prevenzione tutti gli strumenti epidemiologici e di valutazione sull’efficacia dei vaccini e delle strategie vaccinali»
Codici: «Ricorso al Tar contro l’obbligo del vaccino antinfluenzale per tutelare anche il personale sanitario»
 «Si allarga la campagna di adesione al ricorso presentato dall’associazione Codici contro l’ordinanza con cui la Regione Lazio ha disposto l’obbligo del vaccino antinfluenzale per gli over 65 ed il personale sanitario. Non solo i cittadini, anche gli operatori stanno dimostrando interesse nei confronti dell’azione legale che il 9 giugno sarà discussa nella prima udienza […]
Studio su Science: «Macachi guariti dal Covid-19 non si riammalano»
Per il prof. Dan H. Barouch, direttore del centro di virologia dell'Beth Israel Deaconess Medical Center, è un buon segno: «Nostre ricerche consolidano ottimismo»
Prepararsi al futuro, gli esperti ragionano sulle prossime mosse e delineano quanto sappiamo del Covid-19
Ilaria Capua: «Il virus è di origine animale, se qualcuno ci ha giocato lo sapremo dalle sequenze». Rino Rappuoli: «Vaccino in massimo 18 mesi». Alberto Mantovani: «Avere anticorpi non significa che non ci si ammalerà»
di Gloria Frezza
Cisl medici Lazio: «Grazie a D’Amato per i test ai sanitari. Ora tavolo di confronto sulla vaccinazione antinfluenzale»
«La Cisl Medici evidenzia con piacere che in queste ore si è allargata la platea di quanti stanno chiedendo alla Regione Lazio di ricomprendere tutti i profili che operano nelle strutture di intervento diretto che in quelle di supporto nell’emolumento che intende valorizzare l’attività eccezionale resa per garantire a tutta la comunità la necessaria assistenza […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 maggio, sono 5.695.290 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 355.701 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 27 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna

L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'e...