Formazione 17 Gennaio 2017 11:12

Meningite, consigliare il vaccino anche per gli adulti? La parola all’esperto, Roberto Burioni (virologo)

La psicosi per la malattia genera sempre più panico. Roberto Burioni, il noto microbiologo e virologo dell’Università San Raffaele di Milano: «Non si tratta di epidemia ma la situazione della Toscana è anomala e va tenuta sotto controllo»

Meningite, non c’è un’epidemia in corso. Così il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità rassicurano i cittadini. Ma il tentativo delle istituzioni di calmare l’allarme in corso è servito a poco e la corsa ai centri vaccinali e alle Asl continua. La preoccupazione non diminuisce e sono tanti i cittadini che si chiedono come comportarsi. È consigliabile vaccinare solo i bambini o anche gli adulti si dovrebbero sottoporre alle coperture? Lo abbiamo chiesto a Roberto Burioni, il noto microbiologo e virologo dell’Università San Raffele di Milano in esclusiva per Sanità Informazione.

«È sbagliato fare allarmismo. La situazione non deve far paura, perché per quanto riguarda la Meningite meningococcica, i numeri del 2016 sono più o meno in linea con quelli degli anni precedenti». Non è in corso nessuna epidemia, ribadisce Burioni «ma merita attenzione, senza fare panico, l’aumento di casi in Toscana, questa l’anomalia su cui occorre riflettere».

«Ripeto – prosegue il virologo – non c’è alcun motivo per farsi prendere dal panico. È pur vero però che in questo momento non c’è una situazione di panico per gli incidenti stradali, ma comunque guidiamo con prudenza, allacciamo le cinture. Dunque, non c’è motivo di allarme ma bisogna tenere in considerazione la pericolosità della meningite, una malattia molto seria che è difficile da diagnosticare e che non sempre risponde alle cure. Infatti, una percentuale non trascurabile di casi non risponde positivamente alle terapie e quindi dobbiamo vaccinare i nostri figli perché vaccinando i bambini contro il meningococco c, la malattia, non solo sparisce nei bambini ma anche negli adulti».

È dunque doveroso vaccinare i piccoli, invece per gli adulti cosa consiglia?

«Non c’è un consiglio generalizzato per tutti i pazienti. La regola per i bambini è il vaccino, a meno che non esistano controindicazioni, per gli adulti bisogna valutare caso per caso, stimare la situazione clinica del paziente e la sua possibile esposizione al rischio, non c’è un consiglio generale».

Meningite e immigrazione, girano voci su una connessione fra la malattia e gli immigrati. Cosa risponde?

«Lo spostamento di persone inevitabilmente sposta anche gli agenti patogeni, è di pochi giorni fa la notizia di un uomo austriaco di sessant’anni che è andato in vacanza per un mese nello Sri Lanka e tornato a casa, ha riportato in Austria il batterio che causa la difterite. È anche vero però che questo batterio è stato identificato in alcuni migranti in Svezia, in Germania. I batteri e i virus non hanno il passaporto, non fanno distinzione tra barconi e non fanno distinzione dal colore della pelle, sono molto democratici. Ma è il caso di dire che, nel caso specifico della meningite da meningocco, i ceppi che circolano in Africa, sono diversi da quelli che circolano in Italia, per cui possiamo escludere categoricamente che i migranti possano avere avuto un ruolo nei casi di meningite recenti e passati».

A proposito la diffusione di queste notizie, la fonte è il web. Crede che internet e in particolare i social, possano esser un mezzo di diffusione di informazioni errate e tendenziose?

«Io penso che sia dato un oggettivo che su internet girino informazioni errate. Quando ero un bambino se volevo studiare cosa fosse un vaccino, consultavo una enciclopedia oppure cercavo una persona che i vaccini li conoscesse. Il ragazzino di oggi apre internet, scrive ‘vaccino’ e può trovare qualunque cosa. È giusto dire che internet, facebook e i social media, sono un fantastico mezzo per la diffusione di informazioni corrette, per la diffusione della cultura, della musica e della letteratura ma purtroppo possono anche essere gestiti male e rappresentare la fonte di bugie e informazioni errate».

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
Covid: efficacia del vaccino sottovalutata, studio rivela «falla» in trial clinici
L'efficacia del vaccino anti-Covid potrebbe esser stata sottovalutata. A fare luce su una nuova «falla» è stato uno studio condotto da un team di scienziati del Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dell’Università di Salerno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...