Formazione 17 gennaio 2017

Meningite, consigliare il vaccino anche per gli adulti? La parola all’esperto, Roberto Burioni (virologo)

La psicosi per la malattia genera sempre più panico. Roberto Burioni, il noto microbiologo e virologo dell’Università San Raffaele di Milano: «Non si tratta di epidemia ma la situazione della Toscana è anomala e va tenuta sotto controllo»

Meningite, non c’è un’epidemia in corso. Così il Ministero della Salute e l’Istituto Superiore di Sanità rassicurano i cittadini. Ma il tentativo delle istituzioni di calmare l’allarme in corso è servito a poco e la corsa ai centri vaccinali e alle Asl continua. La preoccupazione non diminuisce e sono tanti i cittadini che si chiedono come comportarsi. È consigliabile vaccinare solo i bambini o anche gli adulti si dovrebbero sottoporre alle coperture? Lo abbiamo chiesto a Roberto Burioni, il noto microbiologo e virologo dell’Università San Raffele di Milano in esclusiva per Sanità Informazione.

«È sbagliato fare allarmismo. La situazione non deve far paura, perché per quanto riguarda la Meningite meningococcica, i numeri del 2016 sono più o meno in linea con quelli degli anni precedenti». Non è in corso nessuna epidemia, ribadisce Burioni «ma merita attenzione, senza fare panico, l’aumento di casi in Toscana, questa l’anomalia su cui occorre riflettere».

«Ripeto – prosegue il virologo – non c’è alcun motivo per farsi prendere dal panico. È pur vero però che in questo momento non c’è una situazione di panico per gli incidenti stradali, ma comunque guidiamo con prudenza, allacciamo le cinture. Dunque, non c’è motivo di allarme ma bisogna tenere in considerazione la pericolosità della meningite, una malattia molto seria che è difficile da diagnosticare e che non sempre risponde alle cure. Infatti, una percentuale non trascurabile di casi non risponde positivamente alle terapie e quindi dobbiamo vaccinare i nostri figli perché vaccinando i bambini contro il meningococco c, la malattia, non solo sparisce nei bambini ma anche negli adulti».

È dunque doveroso vaccinare i piccoli, invece per gli adulti cosa consiglia?

«Non c’è un consiglio generalizzato per tutti i pazienti. La regola per i bambini è il vaccino, a meno che non esistano controindicazioni, per gli adulti bisogna valutare caso per caso, stimare la situazione clinica del paziente e la sua possibile esposizione al rischio, non c’è un consiglio generale».

Meningite e immigrazione, girano voci su una connessione fra la malattia e gli immigrati. Cosa risponde?

«Lo spostamento di persone inevitabilmente sposta anche gli agenti patogeni, è di pochi giorni fa la notizia di un uomo austriaco di sessant’anni che è andato in vacanza per un mese nello Sri Lanka e tornato a casa, ha riportato in Austria il batterio che causa la difterite. È anche vero però che questo batterio è stato identificato in alcuni migranti in Svezia, in Germania. I batteri e i virus non hanno il passaporto, non fanno distinzione tra barconi e non fanno distinzione dal colore della pelle, sono molto democratici. Ma è il caso di dire che, nel caso specifico della meningite da meningocco, i ceppi che circolano in Africa, sono diversi da quelli che circolano in Italia, per cui possiamo escludere categoricamente che i migranti possano avere avuto un ruolo nei casi di meningite recenti e passati».

A proposito la diffusione di queste notizie, la fonte è il web. Crede che internet e in particolare i social, possano esser un mezzo di diffusione di informazioni errate e tendenziose?

«Io penso che sia dato un oggettivo che su internet girino informazioni errate. Quando ero un bambino se volevo studiare cosa fosse un vaccino, consultavo una enciclopedia oppure cercavo una persona che i vaccini li conoscesse. Il ragazzino di oggi apre internet, scrive ‘vaccino’ e può trovare qualunque cosa. È giusto dire che internet, facebook e i social media, sono un fantastico mezzo per la diffusione di informazioni corrette, per la diffusione della cultura, della musica e della letteratura ma purtroppo possono anche essere gestiti male e rappresentare la fonte di bugie e informazioni errate».

Articoli correlati
Influenza, ecco perché vaccinarsi. Bartoletti (OMCeO Roma): «Complicazioni sono terza causa di morte per malattie infettive»
«Vaccinazione raccomandata a persone con patologie croniche, soggetti a rischio, personale sanitario e forze dell’ordine. Da effettuare tra fine di ottobre e l’inizio di novembre». I consigli di Pierluigi Bartoletti, vicepresidente OMCeO Roma
di Isabella Faggiano
È on-line Respiro.News, il nuovo spazio web pieno di notizie per star bene e servizi per il cittadino
«La tendenza del cittadino ad affidarsi al web nella ricerca di informazioni su sintomi, patologie e specialisti del settore è sempre più diffusa. Si tratta di un fenomeno dai toni allarmanti e va certamente arginato». Con queste parole, la Sintex lancia Respiro.News uno spazio web rivolto al cittadino volto a fornire un’informazione validata scientificamente riguardo le principali […]
Febbre del Nilo, boom casi in Europa: sono 975. Italia paese con maggior numero di infezioni
Lo rileva bollettino Ecdc. Casi complessivi aumentati di 3,4 volte rispetto al 2017. Vittime per lo più pazienti affetti da altre patologie: in Serbia e Grecia più decessi
Emergenza morbillo: nell’incertezza rifare il vaccino. Il parere del primario di pediatria dell’Ospedale di Erba
Già tre casi di morbillo nell’Erbese, tutti riscontrati su adolescenti. «Sono adolescenti non vaccinati o che hanno ricevuto una sola dose di vaccino», spiega il dottor Gaetano Mariani, primario di pediatria all’ospedale Sacra Famiglia Fatebenefratelli di Erba (Como). Se di morbillo si torna a morire lo si deve alle mancate vaccinazioni o, più spesso, al […]
Test di ingresso: paure, speranze e rabbia degli aspiranti medici corrono su Facebook
Sono decine i gruppi creati da chi tra qualche giorno affronterà la prova d’accesso per chiedere consigli e spiegazioni, ma anche per sfogarsi contro un sistema ritenuto ingiusto e limitante. Le voci dei ragazzi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...