Salute 4 Giugno 2018 11:01

La Sanità nelle parole di Conte e Grillo: «Mai più cittadini di serie A e B. Vaccini? Si decide su basi scientifiche»

Il neoministro delinea la sua visione della sanità: «Cittadini hanno diritto a un Servizio sanitario davvero efficiente e universale. Ci sono milioni di miei concittadini che ogni anno rinunciano alle cure, o le posticipano, per ragioni economiche e questo non deve più accadere». Sui vaccini: «Decisioni saranno collegiali». Le parole di Conte nel discorso per la fiducia

La Sanità nelle parole di Conte e Grillo: «Mai più cittadini di serie A e B. Vaccini? Si decide su basi scientifiche»

«I vaccini sono parte del contratto. C’è una parte del contratto che ne parla, piccola, ma c’è. E su questo agiremo in sinergia con il resto del Governo. Quando lo faremo, vi comunicheremo modi e tempi». Nel giorno dell’insediamento a Lungotevere Ripa, sede del dicastero della Sanità, il neoministro Giulia Grillo torna sul tema dei vaccini, quello su cui è concentrata l’attesa dei media ma anche dei cittadini. «Avremo un rapporto sinergico col Mef  – ha aggiunto il Ministro – che speriamo possa portarci a qualcosa di concreto. Il Ministero dell’Economia è la mia grande preoccupazione. Ci teniamo a invertire una rotta dettata da varie motivazioni sul finanziamento del Servizio sanitario nazionale».

Non sono però le uniche parole dell’esponente M5S, che già venerdì scorso aveva parlato della sua visione della sanità. «Metteremo in campo regole per la trasparenza nella Sanità, basta con i raccomandati. Non ci devono essere più cittadini di serie A e di serie B nell’accesso alle cure», aveva detto dopo il giuramento al Quirinale del Governo presieduto da Giuseppe Conte. Sul proprio profilo Facebook il neoministro ha voluto esplicitare ancora meglio cosa intende fare per la sanità: «Sono davvero onorata di essere stata scelta per ricoprire la carica di ministro della Salute. Come medico e cittadina farò ogni sforzo per restituire dignità a un comparto che nel corso degli anni è stato pesantemente definanziato». Poi ha voluto delineare le principali problematiche su cui ha intenzione di intervenire: «La salute è il bene più importante e gli italiani, da Nord a Sud – sottolinea – hanno diritto a un servizio sanitario davvero efficiente e universale. Ci sono milioni di miei concittadini che ogni anno rinunciano alle cure, o le posticipano, per ragioni economiche e questo non deve più accadere. Sono molte le sfide che mi aspettano e intendo affrontarle con determinazione. Penso alla piaga delle liste di attesa, ai Lea – elenca – alle assunzioni del personale medico e infermieristico, alla governance della farmaceutica. Si tratta di temi ineludibili che, ne sono certa, questo governo del cambiamento affronterà mettendo sempre al primo posto il bene dei cittadini».

LEGGI ANCHE: L’INTERVISTA DI GIULIA GRILLO A SANITA’ INFORMAZIONE: OBBLIGO VACCINALE GIUSTA MISURA IN CASO AUMENTO CONTAGI

Temi e priorità che rispecchiano quelli presentati dal Premier Giuseppe Conte nel suo discorso programmatico per la fiducia pronunciato davanti al Senato: «Bisogna invertire la contrazione della spesa sanitaria – ha detto – per garantire la necessaria equità nell’accesso alle cure. Le differenze socio-economiche non possono e non devono – ha sottolineato con forza Conte – risultare discriminanti per la tutela della salute dei cittadini. Lavoreremo per una maggiore efficienza nell’erogazione dei servizi in termini di volumi, qualità e gestione dei conti. Implementeremo i modelli organizzativi più efficienti con l’integrazione dei servizi ed il potenziamento della medicina del territorio. Diminuiremo le liste d’attesa e faremo in modo – ha concluso – che le nomine delle figure apicali delle strutture manageriali siano basate esclusivamente su criteri meritocratici e al riparo da indebite influenze politiche».

LEGGI ANCHE: È GIULIA GRILLO IL NUOVO MINISTRO DELLA SALUTE: ECCO COME LA PENSA SU VACCINI, LISTE D’ATTESA E INTRAMOENIA

Giulia Grillo – Roma 02/06/2018

Sinceramente emozionata di fronte a una piazza stracolma di cittadini venuti a Roma per festeggiare l'inizio del Governo del cambiamento. Ce la metterò tutta per migliorare la sanità italiana. Merito ed efficienza saranno la bussola del mio mandato da ministro della Salute. Ecco il mio intervento alla manifestazione di ieri.

Pubblicato da Giulia Grillo su Domenica 3 giugno 2018

LEGGI ANCHE: DALLA FNOMCeO ALLA FIMMG, CORO DI AUGURI DAL MONDO DELLA SANITA’ AL MINISTRO GRILLO. E SU FACEBOOK MILITANTI CHIEDONO FINE OBBLIGO VACCINALE

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
A che punto siamo con i vaccini anti-Covid aggiornati?
I vaccini anti-Covid aggiornati sono attesi per il prossimo autunno. Ma ancora nessuno è stato autorizzato e il «più aggiornato» deve ancora essere sottoposto ai test clinici
Vaiolo delle scimmie: contagiata bambina di 4 anni. Primo caso pediatrico in Germania
La piccola, totalmente asintomatica, vive nel sud-ovest del Paese con due adulti già precedentemente contagiati dal virus. In Italia stimati 599 casi e un’età media di 37 anni. Dopo Roma, da oggi al via le vaccinazioni anche in Emilia-Romagna
Vaccini adattati alle varianti per l’autunno-inverno: accordo tra Ue e Moderna
Moderna sposta dall'estate in corso al prossimo inverno i calendari di consegna dei vaccini agli Stati membri, quando ce ne sarà più bisogno. La commissaria Ue alla Salute Kyriakides: «In autunno ci saranno vaccini adattati alle varianti Covid»
Sono 4.000 i medici non vaccinati contro il Covid. Anelli (FNOMCeO): «Esigua minoranza»
Circa 4.000 medici hanno detto no al vaccino e non possono esercitare la professione. Si tratta di un'esigua minoranza su 468mila professionisti vaccinati
Vaccini Covid «aggiornati» pronti a ottobre, scetticismo su tempistiche
La BioNTech ha annunciato che le consegne dei due vaccini anti-Covid 19 adattati a Omicron sono previste già in ottobre «Sono scettico», ammette Claudio Cricelli, presidente della Società italiana di medicina generale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale