Salute 31 Maggio 2018

È Giulia Grillo il nuovo Ministro della Salute: ecco come la pensa su vaccini, liste d’attesa e intramoenia

Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici, tra gli esponenti pentastellati si è sempre distinta per competenza ed equilibrio e le sue posizioni sul delicatissimo tema dei vaccini sono sempre state orientate al rispetto della verità medico-scientifica | GUARDA L’INTERVISTA CON SANITÀ INFORMAZIONE

Immagine articolo

Ha appena festeggiato il suo compleanno la dottoressa Giulia Grillo. Il medico, nato a Catania il 30 maggio di 43 anni fa, è stata infatti indicata per il dicastero della Salute del Governo Conte. Laureata in medicina con il massimo dei voti e specializzata in medicina legale e delle assicurazioni, nessuna parentela con il comico fondatore del Movimento 5 Stelle, Giulia Grillo ha sempre dimostrato il suo interesse per il Sistema sanitario del nostro Paese. Spesso presente in prima linea alle iniziative sindacali unitarie dei medici ha presentato e fatto approvare 3 mozioni a sua prima firma su sblocco del turn-over del personale sanitario, revisione della disciplina intramoenia e governo liste d’attesa, e governance farmaceutica.

LEGGI ANCHE : IL PROGRAMMA SANITA’ DEL GOVERNO M5S-LEGA

Tra gli esponenti pentastellati si è sempre distinta per competenza ed equilibrio e le sue posizioni sul delicatissimo tema dei vaccini, da sempre al centro dell’attenzione del Movimento, sono sempre state orientate al rispetto della verità medico-scientifica. In una recente intervista con Sanità Informazione (LEGGI L’INTERVISTA ) spiegava come sia sempre indispensabile imporre l’obbligo vaccinale nei casi, come il morbillo, per citare l’ultima emergenza, in cui la copertura scenda sotto la soglia di sicurezza.

Attiva nel movimento dal 2006, Giulia Grillo ha lottato contro inceneritori e trivelle in Sicilia, a favore dell’acqua pubblica con padre Zanotelli e contro il pizzo mafioso a Catania. Si troverà ad affrontare le tante sfide della salute degli italiani e di un sistema sanitario orgoglio e tormento del nostro Paese: dal contratto dei medici alla battaglia contro le liste d’attesa, dalla riorganizzazione dell’intramoenia alle disuguaglianze tra nord e sud, i primi punti della sua agenda (LEGGI L’INTERVISTA).

«VACCINI E INTRAMOENIA: ECCO LE MIE IDEE»

Articoli correlati
Assunzioni SSN, l’annuncio del Ministro Grillo: «Trovato accordo, tetto di spesa per il personale sarà superato»
Dal 2019 la spesa per il personale non potrà superare il valore del 2018 maggiorato del 5%. Ora la norma, che varrà in tutta Italia, è all’esame delle Regioni
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Quota 100, Sottosegretario al Lavoro Durigon (Lega): «Presto nuove assunzioni per gestire uscite nella sanità»
INTERVISTA | L’esponente di Governo della Lega intervenuto all’incontro dell’UDC “Politica e Impresa – Niente trucchi, solo lavoro” risponde ai nostri microfoni ai dubbi del mondo della sanità sull’esodo avviato con i pensionamenti di “Quota 100”
“Lean Management”, alla Lum Jean Monnet partono i master per insegnare a ottimizzare i costi e eliminare gli sprechi in sanità
Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone