Salute 1 giugno 2018

Dalla FNOMCeO alla FIMMG, coro di ‘auguri’ dal mondo della Sanità al Ministro Grillo. E su Facebook i militanti chiedono la fine dell’obbligo vaccinale

L’esponente del Movimento Cinque Stelle è il 36esimo inquilino di Lungotevere Ripa. Tanti i dossier sul tavolo: dal contratto alle aggressioni ai medici. Il virologo Burioni: «È doveroso giudicare il nuovo Ministro sui fatti e non in base a un pregiudizio»

Immagine articolo

Dopo una lunga fase di consultazioni a tratti anche drammatica, il governo giallo verde è partito. L’asse Lega – Movimento Cinque Stelle ha portato al dicastero della Salute il medico legale pentastellato Giulia Grillo, 36esimo ministro della Salute della storia repubblicana. La sua poltrona è stata occupata in passato da personalità di primo piano della politica e della medicina italiana: da Umberto Veronesi a Girolamo Sirchia, dall’ex segretario PLI Renato Altissimo all’ex Dc Mariapia Garavaglia, da Tina Anselmi (prima donna ministro) a Francesco Storace.

  • Giulia Grillo, neoministro della Salute

Tanti i dossier sul tavolo del neoministro: la questione vaccini, la sostenibilità del Sistema sanitario nazionale, la carenza di medici, le aggressioni al personale sanitario, il contratto della dirigenza medica, le diseguaglianze tra nord e sud, la lotta alla corruzione e agli sprechi. Tra i primi auguri al ministro, quelli della FNOMCeO guidata da Filippo Anelli. «La scelta di un medico per la Salute è un ottimo inizio per il Governo, e, insieme alle pagine sulla Sanità del Contratto di Governo, segno di una politica lungimirante che ha a cuore la Sanità pubblica e la Salute dei cittadini». La FNOMCeO rinnova la «sua disponibilità a collaborare con il Ministro, con il nuovo Governo e con il Parlamento, in particolare con i colleghi medici Senatori e Deputati, per promuovere una Sanità equa e solidale per tutti i cittadini, rimuovendo le disuguaglianze e sostenendo una gestione sempre più responsabile da parte dei professionisti della salute».

LEGGI ANCHE: E’ GIULIA GRILLO IL NUOVO MINISTRO DELLA SALUTE: ECCO COME LA PENSA SU VACCINI, LISTE D’ATTESA E INTRAMOENIA

Anche la FIMMG di Silvestro Scotti plaude al nuovo Ministro, sottolineando che «la nascita di un governo politico è senza alcun dubbio quanto di meglio potessimo sperare». Scotti sottolinea anche come «il primo atto concreto di attenzione alla medicina generale nello specifico ma in toto a tutta quella convenzionata possa essere l’approvazione definitiva dell’Accordo collettivo nazionale in occasione della prossima Conferenza Stato Regioni (calendarizzata per il 7 giugno)». Antonio Magi, presidente del Sumai, nel fare gli auguri alla Grillo ricorda come siano «condivisibili le pagine dedicate alla sanità» del contratto di governo Lega-M5S anche se si augura che si intervenga al più presto sul tema delle liste d’attesa, caro agli specialisti ambulatoriali.

Anche la Federazione degli Ordini dei farmacisti italiani (Fofi) interviene sul nuovo Governo, augurando buon lavoro a Giulia Grillo ed esprimendo il suo ringraziamento al Ministro della Salute uscente, Beatrice Lorenzin, «per il lavoro svolto in questi anni sul delicato versante della politica farmaceutica in Italia».

Soddisfatti i medici legali, categoria a cui appartiene Giulia Grillo. Luisa Regimenti, Presidente nazionale MelCo – Associazione Medicina Legale Contemporanea – Società Italiana Medico Giuridica, parla di «un evento straordinario» perchè «attraverso la sua esperienza si potranno toccare con mano e sviscerare i tanti temi che sono oggi sul tavolo della Sanità in Italia e dare delle risposte concrete ai cittadini». Anche Andrea Lenzi, Presidente del Comitato nazionale per la Biosicurezza, le biotecnologie e le scienze della vita (Cnbbsv) della Presidenza del Consiglio dei Ministri, parla del nuovo Ministro: «Ho conosciuto Giulia Grillo in passato e ha la competenza della laurea. Il fatto che il nuovo Ministro della Salute sia anche un politico mette insieme due cose che non sempre sono state così. Alcune volte c’è stato un Ministro troppo tecnico e altre troppo politico. Questa volta potremmo avere una via di mezzo positiva unendo le due cose». Augurano buon lavoro al Ministro anche il Presidente Senior Italia FederAnziani Roberto Messina e il virologo Roberto Burioni che su Facebook scrive: «La scienza non è democratica, ma il nostro Paese – fortunatamente – sì. Abbiamo finalmente un nuovo governo e un nuovo Ministro della Salute, Giulia Grillo, alla quale auguro buon lavoro. È doveroso giudicare il nuovo Ministro sui fatti e non in base a un pregiudizio. Fatti che sono e devono essere per tutti la base delle scelte quando si parla di salute e medicina, fatti che io non mancherò, qui e altrove, di portare alla vostra attenzione con il rigore e con lo stile di sempre».

Ed è proprio il tema dei vaccini quello su cui l’attesa è più alta. Giulia Grillo, intervistata in passato da Sanità Informazione (LEGGI L’INTERVISTA), ha ribadito che, pur ritenendo essenziale la formazione dei genitori e la libera scelta, l’obbligo vaccinale è una giusta misura in caso di aumento dei contagi o crollo delle coperture. Nel programma di governo giallo-verde non c’è l’abolizione dell’obbligo vaccinale, ma sia la Lega che il M5S più volte si sono espressi in passato contro l’obbligo introdotto dal Ministro Lorenzin. E oggi sulla pagina Facebook del Ministro Giulia Grillo sono comparsi numerosi messaggi tutti volti a chiedere l’abolizione della legge sull’obbligo vaccinale, la 119 del 2017. «Ministro contiamo su di lei per cancellare lo scempio della 119 e la discriminazione dei nostri figli! #libertàdiscelta #liberidiscegliere #giùlemanidaibambini», scrive un utente nei commenti a un post di ieri del neoministro. C’è anche chi chiede l’istituzione di una Commissione sulla legge («Adesso ridateci la libertà di scelta! Istituite una seria commissione formata da esperti e scienziati non prezzolati che possa fare chiarezza sulla legge 119») e chi ricorda le manifestazioni contro l’obbligo vaccinale.

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sicurezza delle cure, la FNOMCeO lancia gli Sportelli del cittadino dove confrontarsi con medici e avvocati
Nell’ambito dell’incontro con il Consiglio nazionale forense, concordato anche un tavolo di confronto sulla ‘pubblicità etica’ in sanità
Medici sotto attacco, 35mila nuove cause all’anno. FNOMCeO e Regioni chiedono legge per regolamentare spot contro Ssn
Libero pubblica i numeri drammatici dell’ «attacco conclamato alla categoria» e promuove la petizione lanciata da Consulcesi per istituire il Tribunale della Salute. Tra i sottoscrittori anche il Senatore Sileri (pres. 12° commissione): «Tornare a un rapporto sano tra i cittadini e la sanità, il clima di sfiducia non fa bene a nessuno»
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
Rapporto annuale Aiop, 20 milioni di italiani bloccati da liste di attesa. Barbara Cittadini: «Pronti a contribuire per risolvere problema»
A Roma il 16esimo Report Ospedali&Salute. Un italiano su tre insoddisfatto dell'SSN, 50% ricorre a Pronto soccorso per ridurre tempi di attesa. La presidente dell'Associazione Italiana Ospedalità Privata sottolinea: «Governo ha iniziato bene». «I tetti di spesa per la sanità privata accreditata saranno rivisti sicuramente», annuncia il Sottosegretario alla Salute Luca Coletto
Aggressioni, FNOMCeO in audizione al Senato: «Minate le basi del SSN, serve decreto legge»
«La situazione dei nostri medici, infermieri e operatori rappresenta una vera emergenza di sanità pubblica. C’è necessità di un intervento legislativo immediato», così il presidente della Federazione Filippo Anelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano