Salute 25 Maggio 2018

Sanità, i consigli dell’ex Ministro Sirchia al nuovo governo: «Senza prevenzione salta Ssn. Medici emarginati, fermare concezione aziendalistica»

L’immunoematologo, per quattro anni alla guida del dicastero di Lungotevere Ripa, chiede di tornare allo spirito originario del Ssn: «È diventato una sorgente di profitto per gli enti e questo non va bene. Necessario rivedere intramoenia»

Immagine articolo

È passato alla storia per la sua legge antifumo con cui ha vietato le sigarette nei locali pubblici. Girolamo Sirchia, classe 1933, luminare di immunoematologia, è stato Ministro della Salute per quattro anni, dal 2011 al 2015, nel secondo governo Berlusconi. A tredici anni di distanza da quell’esperienza, continua a fornire le sue ricette sulla sanità del futuro. La parola chiave del suo agire è “prevenzione”, unico strumento per salvare il Sistema sanitario dal fallimento. «È giustissimo che si studi come rimediare ad alcune patologie, ma bisogna parallelamente evitare che queste patologie continuino a crescere – spiega Sirchia a Sanità Informazione -. Allora se non si blocca con una prevenzione intelligente questa crescita, la spesa sanitaria diventa insostenibile e salta tutto».

LEGGI ANCHE: CONVEGNO ‘IN SCIENZA E COSCIENZA’, SIRCHIA:«VACCINI, BENE OBBLIGO»

Professore, quali dovranno essere le priorità del prossimo Ministro della Salute?

«Il Servizio sanitario nazionale è un bene primario importante. Va bonificato perché ha tradito in gran parte i suoi presupposti durante questi anni. Cioè in altri termini è servizio universale, e questo è rimasto. Non è più gratuito al punto di erogazione del servizio, per tutte le prestazioni ambulatoriali e di laboratorio, perché si deve pagare dei ticket, e questo è sbagliato. È diventato una sorgente di profitto per gli enti e questo non va bene. La politica sui medici è stata sbagliata completamente, e più in generale su tutto il personale, perché si è emarginata questa categoria in favore di amministratori che sono per lo più economisti che hanno una visione prettamente aziendalistica, economicistica del sistema, che non è lo spirito del Servizio sanitario nazionale ma è l’opposto. Gli ospedali si sono trasformati in aziende. L’ospedale non è un’azienda, è un ospedale. Tutte queste cose messe insieme esigono di mantenere il servizio e di ricondurlo alle sue origini e ai suoi principi fondanti. Solo così può funzionare bene. L’intramoenia salva alcuni introiti per i medici e rabbercia un errore di impostazione che è stato fatto per la libera professione: cioè mantenerli inchiodati dentro un ospedale per evitare che vadano fuori. Sono tutti errori di sistema che io mi auguro vengano riconsiderati».

Tra le altre cose del programma di governo si parla di togliere la politica dalle nomine in sanità. Che ne pensa?

«Sarebbe uno dei pilastri importanti per ridare al Servizio sanitario il ruolo che le compete. Serve gente che sa quello che fa. Invece c’è gente che non sa quello che fa negli ospedali. La direzione è data per via politica e non sempre considera il merito di queste persone e così poi vediamo delle cose orrende».

LEGGI ANCHE: GOVERNO, GIUSEPPE CONTE VERSO PALAZZO CHIGI. IL PROGRAMMA SANITA’: LOTTA AGLI SPRECHI, ASSUNZIONI E POTENZIAMENTO DEI MEDICI DI FAMIGLIA

Lei ha parlato più volte della necessità di impostare il sistema non sulla cura ma sulla prevenzione. La sua attività di Ministro è stata impostata su questo. Si sta facendo abbastanza su questo?

«Assolutamente no. È un segno di una mancanza di cultura dei governi regionali e nazionali che va corretto. Nel senso che è giusto continuare a studiare come curare le malattie una volta che sono apparse, ma questo aumento di attenzione comporta un aumento di spesa enorme. I nuovi farmaci, i nuovi device sono molti più costosi del passato. È giustissimo che si studi come rimediare ad alcune patologie ma bisogna parallelamente evitare che queste patologie continuino a crescere. Allora se non si blocca con una prevenzione intelligente questa crescita, la spesa sanitaria diventa insostenibile e salta. E accadrà a breve. È un obbligo strategico, fondamentale capire che la prevenzione a basso costo è urgente, urgentissima. Se non si fa quello, salta tutto».

Si parla di alcuni nomi per il Ministero della Salute. Tra gli altri il leghista Massimo Garavaglia, i pentastellati Giulia Grillo e Pierpaolo Sileri…

«Non conosco Sileri e Grillo. Garavaglia è uno intelligente, molto bravo, lo vedo bene. Però non è un medico ma un economista».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Digitalizzazione e piano del rischio, la sanità lombarda supera l’esame Corte dei Conti. Cajazzo: «Efficienza sì, ma finalizzata alla sicurezza»
L'appello del direttore generale del Welfare di Regione Lombardia al Governo: «Fateci gestire la sanità secondo una logica di adeguatezza di risposte al bisogno»
di Federica Bosco
Servizio Sanitario Nazionale: la FNOMCeO apre il Cantiere per le riforme
«Un cantiere per ricostruire il nostro SSN lasciandone intatte le fondamenta: i principi cardine di universalità, uguaglianza ed equità – spiega il presidente della FNOMCeO, Filippo Anelli - una fucina di idee nella quale prenderanno forma proposte concrete su cui puntare, investendo risorse»
Pensioni, ecco come fare richiesta per aumentare l’importo
MMG, pediatri di libera scelta e specialisti possono chiedere un incremento di aliquota ai fini pensionistici. C’è tempo fino al 31 gennaio 2020 per presentare la domanda alla Asl
Abruzzo, la ricetta del governatore Marsilio: «Stop debiti e nuove assunzioni. Tagli? Fake news»
Il Presidente della Regione Abruzzo fa il punto a un anno dalla sua elezione: «Non spenderemo più soldi di quelli destinati all’Abruzzo. Sui farmaci, con la centrale unica di committenza abbiamo già risparmiato molti soldi». Sulle aggressioni: «È un imbarbarimento della nostra civiltà, giusto che ci sia allarme sociale»
«Un unico modello virtuoso per tutte le Regioni». La ricetta del viceministro Sileri per il SSN
«Se c’è un modello di cardiologia, di chirurgia o di governance che funziona, quel modello va copiato e trasmesso in tutta Italia. Così supereremo le diseguaglianze»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...