Salute 25 maggio 2018

Sanità, i consigli dell’ex Ministro Sirchia al nuovo governo: «Senza prevenzione salta Ssn. Medici emarginati, fermare concezione aziendalistica»

L’immunoematologo, per quattro anni alla guida del dicastero di Lungotevere Ripa, chiede di tornare allo spirito originario del Ssn: «È diventato una sorgente di profitto per gli enti e questo non va bene. Necessario rivedere intramoenia»

Immagine articolo

È passato alla storia per la sua legge antifumo con cui ha vietato le sigarette nei locali pubblici. Girolamo Sirchia, classe 1933, luminare di immunoematologia, è stato Ministro della Salute per quattro anni, dal 2011 al 2015, nel secondo governo Berlusconi. A tredici anni di distanza da quell’esperienza, continua a fornire le sue ricette sulla sanità del futuro. La parola chiave del suo agire è “prevenzione”, unico strumento per salvare il Sistema sanitario dal fallimento. «È giustissimo che si studi come rimediare ad alcune patologie, ma bisogna parallelamente evitare che queste patologie continuino a crescere – spiega Sirchia a Sanità Informazione -. Allora se non si blocca con una prevenzione intelligente questa crescita, la spesa sanitaria diventa insostenibile e salta tutto».

LEGGI ANCHE: CONVEGNO ‘IN SCIENZA E COSCIENZA’, SIRCHIA:«VACCINI, BENE OBBLIGO»

Professore, quali dovranno essere le priorità del prossimo Ministro della Salute?

«Il Servizio sanitario nazionale è un bene primario importante. Va bonificato perché ha tradito in gran parte i suoi presupposti durante questi anni. Cioè in altri termini è servizio universale, e questo è rimasto. Non è più gratuito al punto di erogazione del servizio, per tutte le prestazioni ambulatoriali e di laboratorio, perché si deve pagare dei ticket, e questo è sbagliato. È diventato una sorgente di profitto per gli enti e questo non va bene. La politica sui medici è stata sbagliata completamente, e più in generale su tutto il personale, perché si è emarginata questa categoria in favore di amministratori che sono per lo più economisti che hanno una visione prettamente aziendalistica, economicistica del sistema, che non è lo spirito del Servizio sanitario nazionale ma è l’opposto. Gli ospedali si sono trasformati in aziende. L’ospedale non è un’azienda, è un ospedale. Tutte queste cose messe insieme esigono di mantenere il servizio e di ricondurlo alle sue origini e ai suoi principi fondanti. Solo così può funzionare bene. L’intramoenia salva alcuni introiti per i medici e rabbercia un errore di impostazione che è stato fatto per la libera professione: cioè mantenerli inchiodati dentro un ospedale per evitare che vadano fuori. Sono tutti errori di sistema che io mi auguro vengano riconsiderati».

Tra le altre cose del programma di governo si parla di togliere la politica dalle nomine in sanità. Che ne pensa?

«Sarebbe uno dei pilastri importanti per ridare al Servizio sanitario il ruolo che le compete. Serve gente che sa quello che fa. Invece c’è gente che non sa quello che fa negli ospedali. La direzione è data per via politica e non sempre considera il merito di queste persone e così poi vediamo delle cose orrende».

LEGGI ANCHE: GOVERNO, GIUSEPPE CONTE VERSO PALAZZO CHIGI. IL PROGRAMMA SANITA’: LOTTA AGLI SPRECHI, ASSUNZIONI E POTENZIAMENTO DEI MEDICI DI FAMIGLIA

Lei ha parlato più volte della necessità di impostare il sistema non sulla cura ma sulla prevenzione. La sua attività di Ministro è stata impostata su questo. Si sta facendo abbastanza su questo?

«Assolutamente no. È un segno di una mancanza di cultura dei governi regionali e nazionali che va corretto. Nel senso che è giusto continuare a studiare come curare le malattie una volta che sono apparse, ma questo aumento di attenzione comporta un aumento di spesa enorme. I nuovi farmaci, i nuovi device sono molti più costosi del passato. È giustissimo che si studi come rimediare ad alcune patologie ma bisogna parallelamente evitare che queste patologie continuino a crescere. Allora se non si blocca con una prevenzione intelligente questa crescita, la spesa sanitaria diventa insostenibile e salta. E accadrà a breve. È un obbligo strategico, fondamentale capire che la prevenzione a basso costo è urgente, urgentissima. Se non si fa quello, salta tutto».

Si parla di alcuni nomi per il Ministero della Salute. Tra gli altri il leghista Massimo Garavaglia, i pentastellati Giulia Grillo e Pierpaolo Sileri…

«Non conosco Sileri e Grillo. Garavaglia è uno intelligente, molto bravo, lo vedo bene. Però non è un medico ma un economista».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Sunshine Act, approvate soglie minime per le donazioni: per il singolo medico sarà di 50 euro. Provenza (M5S): «Trasparenza per correggere corruzione»
La cifra sale a 500 euro per le organizzazioni sanitarie. Il relatore: «Evitato il pericolo che il testo venisse svuotato della sua enorme portata innovativa»
Co-mai, Omega e Amsi lanciano il convegno: “Libia ieri, oggi, domani”
Si terrà il prossimo giovedì 17 gennaio – presso il Circolo della Marina di Roma – il convegno: “Libia: ieri, oggi domani”, organizzato dall’Osservatorio Mediterraneo di Geopolitica e Antropologia (Omega). L’incontro, organizzato con la collaborazione dell’ordine dei giornalisti di Roma e patrocinato dalla “Comunità del Mondo arabo in Italia” (Co-Mai), dal Movimento Internazionale “Uniti per […]
Rapporto annuale Aiop, 20 milioni di italiani bloccati da liste di attesa. Barbara Cittadini: «Pronti a contribuire per risolvere problema»
A Roma il 16esimo Report Ospedali&Salute. Un italiano su tre insoddisfatto dell'SSN, 50% ricorre a Pronto soccorso per ridurre tempi di attesa. La presidente dell'Associazione Italiana Ospedalità Privata sottolinea: «Governo ha iniziato bene». «I tetti di spesa per la sanità privata accreditata saranno rivisti sicuramente», annuncia il Sottosegretario alla Salute Luca Coletto
M5S: «No a chiusura primo intervento Ronciglione e Montefiascone»
«Il governatore del Lazio Zingaretti non fa che annunciare di aver i conti in ordine, che l’erogazione dei Lea è migliorata. Contestualmente, però, assistiamo a tagli su tagli che stanno mettendo in ginocchio i territori laziali: l’ultimo episodio riguarda Ronciglione e Montefiascone che stanno perdendo il primo intervento». Così, in una nota congiunta, i senatori […]
“Testa o croce? Non affidarti al caso”. A Bologna i maxi poster della campagna UAAR sui medici obiettori | FOTO
«Avere un ginecologo di fiducia del quale sono note le opinioni su questi aspetti è fondamentale. La nostra libertà è un bene prezioso, esercitiamola sin dall’inizio e fino alla fine. Non affidiamoci al caso» così l’Unione degli atei e degli agnostici razionalisti (UAAR) avvisa le donne
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano