Formazione 29 Novembre 2016

Omceo Roma. Lavra: «Professione sotto attacco». Sirchia: «Vaccini, bene obbligo»

In occasione del Convegno ‘In scienza e coscienza’ organizzato dall’OMCeO di Roma, medici a confronto sull’evoluzione della professione. Presidente OMCeO: «I medici rivendichino la loro autonomia e attendibilità». L’ex Ministro della Salute sulla polemica vaccini: «Tutta la popolazione è a rischio»

«Questo convegno nasce per recuperare la crisi della medicina e della professione medica, che è oggettivamente sotto attacco». Lo dichiara Giuseppe Lavra, Presidente Omceo Roma, in occasione dell’evento ‘In scienza e coscienza’ promosso dall’Ordine dei Medici di Roma pochi giorni fa. Il mondo medico è cambiato ed è necessario che i professionisti della sanità ridefiniscano e rivendichino la loro autonomia e attendibilità professionale, questo il razionale del convengo che sintetizza il pensiero di gran parte dei membri dell’Ordine.

La coscienza della scienza dunque, ma soprattutto la fiducia nella scienza e nella medicina che, negli ultimi tempi, è stata più volte messa in dubbio. Quale migliore occasione per discutere della polemica sui vaccini? Le coperture vaccinali sono la sentinella di una mancanza di fiducia del cittadino nei confronti della scienza e della medicina? Anche di questo si è discusso in occasione del convegno e in proposito si è espresso anche l’ex ministro della Salute, Girolamo Sirchia: «La decisione della Regione Emilia-Romagna di rendere obbligatoria la vaccinazione per l’iscrizione all’asilo nido, che sarà seguita da altre regioni, è un’iniziativa condivisibile e può essere un buono stimolo perché si arrivi ad una regola generale» spiega l’ex ministro.

Inoltre Sirchia sottolinea l’importanza della prevenzione che è fondamentale per il bambino che riceve il vaccino e per l’intera comunità «perchè sappiamo che se il livello di vaccinazione cala tutta la popolazione è a rischio di contrarre malattie. È un problema di salute pubblica ma dovrebbe esserci un intervento centrale e non regionale perché i principi – conclude –  sono competenza del governo e non delle regioni».

«Una crisi che dobbiamo affrontare con la capacità di creare chiarezza e di diradare la nebbia» chiarisce il presidente Lavra facendo riferimento alle nuove sfide rappresentate dalla medicina moderna e alla necessità che i medici recuperino la conoscenza del proprio Codice Deontologico e la sua effettività applicativa. «Quando parliamo di applicazione dei valori e dei principi di Ippocrate dobbiamo pensare ai codici deontologici. La medicina non può non essere eticamente ispirata, non può essere applicata al di fuori della deontologia».

Articoli correlati
Vaccini, Italia Longeva: «Puntiamo a raddoppiare le coperture degli anziani»
Per raggiungere il 95% suggerito dal ministero della Salute, è necessario avere a disposizione più vaccini e prima, già da settembre. Il presidente Bernabei: «Vaccinare tutti gli anziani contro l'influenza stagionale, pneumococco, pertosse e herpes zoster»
Vaccini influenza, la circolare del Ministero per affrontare l’autunno (e la possibile convivenza col Covid) convince pediatri e MMG
Mele (SIMPE): «Auspicabile estendere la raccomandazione anche a bambini più grandi, ma la direzione è corretta». Scotti (FIMMG): «Fondamentale inizio precoce e chiusura tardiva della campagna». Ma non tutte le mamme sono d'accordo
Simpef: «Sì alla vaccinazione antinfluenzale tra i 6 mesi e i 6 anni»
Il Sindacato medici pediatri di famiglia esprime piena identità di vedute con Ministero e Società italiana di pediatria: «È una nostra posizione storica»
Fase 2, Lazio osservato speciale. Magi (OMCeO Roma): «Regione in ‘zona arancione’, fare attenzione». Ma stop ai controlli a Termini
Nella regione leggero ma costante aumento di casi, colpa anche di un funerale che ha generato un cluster. Il presidente dell’Ordine dei Medici lancia l’allarme sulle liste d'attesa: «Rischiano di esplodere, serve un aumento dell’assistenza specialistica o a rimetterci saranno i più fragili»
Pediatri, Biasci (Fimp): «Chiediamo l’estensione del vaccino antinfluenzale ai bambini e di poter prescrivere i tamponi per Sars-Cov-2»
«Se rileviamo casi sospetti dobbiamo avere la certezza dell’effettuazione del tampone diagnostico. Senza una diagnosi precisa non potremo far tornare i bambini a scuola». E su Kawasaki: «Abbiamo raccolto un’anomala frequenza di manifestazioni cutanee simil geloni ma è ancora presto per correlazione con Covid-19». Così il presidente della Federazione italiana medici pediatri
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 luglio, sono 12.051.561 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 549.735 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)