Formazione 29 Novembre 2016 13:02

Omceo Roma. Lavra: «Professione sotto attacco». Sirchia: «Vaccini, bene obbligo»

In occasione del Convegno ‘In scienza e coscienza’ organizzato dall’OMCeO di Roma, medici a confronto sull’evoluzione della professione. Presidente OMCeO: «I medici rivendichino la loro autonomia e attendibilità». L’ex Ministro della Salute sulla polemica vaccini: «Tutta la popolazione è a rischio»

«Questo convegno nasce per recuperare la crisi della medicina e della professione medica, che è oggettivamente sotto attacco». Lo dichiara Giuseppe Lavra, Presidente Omceo Roma, in occasione dell’evento ‘In scienza e coscienza’ promosso dall’Ordine dei Medici di Roma pochi giorni fa. Il mondo medico è cambiato ed è necessario che i professionisti della sanità ridefiniscano e rivendichino la loro autonomia e attendibilità professionale, questo il razionale del convengo che sintetizza il pensiero di gran parte dei membri dell’Ordine.

La coscienza della scienza dunque, ma soprattutto la fiducia nella scienza e nella medicina che, negli ultimi tempi, è stata più volte messa in dubbio. Quale migliore occasione per discutere della polemica sui vaccini? Le coperture vaccinali sono la sentinella di una mancanza di fiducia del cittadino nei confronti della scienza e della medicina? Anche di questo si è discusso in occasione del convegno e in proposito si è espresso anche l’ex ministro della Salute, Girolamo Sirchia: «La decisione della Regione Emilia-Romagna di rendere obbligatoria la vaccinazione per l’iscrizione all’asilo nido, che sarà seguita da altre regioni, è un’iniziativa condivisibile e può essere un buono stimolo perché si arrivi ad una regola generale» spiega l’ex ministro.

Inoltre Sirchia sottolinea l’importanza della prevenzione che è fondamentale per il bambino che riceve il vaccino e per l’intera comunità «perchè sappiamo che se il livello di vaccinazione cala tutta la popolazione è a rischio di contrarre malattie. È un problema di salute pubblica ma dovrebbe esserci un intervento centrale e non regionale perché i principi – conclude –  sono competenza del governo e non delle regioni».

«Una crisi che dobbiamo affrontare con la capacità di creare chiarezza e di diradare la nebbia» chiarisce il presidente Lavra facendo riferimento alle nuove sfide rappresentate dalla medicina moderna e alla necessità che i medici recuperino la conoscenza del proprio Codice Deontologico e la sua effettività applicativa. «Quando parliamo di applicazione dei valori e dei principi di Ippocrate dobbiamo pensare ai codici deontologici. La medicina non può non essere eticamente ispirata, non può essere applicata al di fuori della deontologia».

Articoli correlati
Dagli igienisti della SItI una Guida alle buone pratiche vaccinali
La Società Italiana di Igiene, Medicina Preventiva e Sanità Pubblica (SItI) ha presentato il documento "Guida alle buone pratiche vaccinali", con l'obiettivo di promuovere e garantire servizi vaccinali di eccellenza in tutto il territorio nazionale
di V.A.
Il Nobel per la Medicina ai «genitori» dei vaccini a mRNA contro il Covid e non solo
Drew Weissman, 64 anni, e Katalin Karikò, 68 anni, sono i due nuovi vincitori del Nobel per la Medicina 2023. I due scienziati hanno sviluppato la tecnologia che ha permesso, nel giro di pochissimi mesi, di sviluppare i vaccini anti-Covid a mRNA, che hanno salvato milioni di vite umane nel mondo
Covid: alta adesione degli over 60 ai vaccini ridurrebbe fino al 32% i ricoveri, le raccomandazioni nel Calendario per la Vita
Il board del Calendario per la Vita, costituito da diverse società scientifiche, ha redatto delle raccomandazioni per la campagna di vaccinazione anti-Covid per l’autunno-inverno 2023
di V.A.
Covid: pericolo scampato? Non per i pazienti fragili: l’appello di AIP OdV
Le infezioni da Sars-CoV-2, così come le altre malattie virali, rimangono un elemento di allerta. In Italia, infatti, si contano ancora circa 30 morti al giorno per infezioni Sars-CoV-2, molti dei quali fanno parte dei cosiddetti «pazienti fragili» (sono 1 su 5 in Italia)
I vaccini anti-Covid hanno salvato oltre 1 milione di vite in Europa
I vaccini contro Covid-19 hanno salvato almeno 1.004.927 vite in Europa, tra dicembre 2020 e marzo 2023. Lo ha stimato una nuova ricerca presentata al Congresso europeo di microbiologia clinica e malattie infettive (ECCMID) in corso a Copenaghen, in Danimarca. La stragrande maggioranza delle vite salvate, il 96%, erano individui di 60 anni d'età o più
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...