Formazione 29 Novembre 2016 13:02

Omceo Roma. Lavra: «Professione sotto attacco». Sirchia: «Vaccini, bene obbligo»

In occasione del Convegno ‘In scienza e coscienza’ organizzato dall’OMCeO di Roma, medici a confronto sull’evoluzione della professione. Presidente OMCeO: «I medici rivendichino la loro autonomia e attendibilità». L’ex Ministro della Salute sulla polemica vaccini: «Tutta la popolazione è a rischio»

«Questo convegno nasce per recuperare la crisi della medicina e della professione medica, che è oggettivamente sotto attacco». Lo dichiara Giuseppe Lavra, Presidente Omceo Roma, in occasione dell’evento ‘In scienza e coscienza’ promosso dall’Ordine dei Medici di Roma pochi giorni fa. Il mondo medico è cambiato ed è necessario che i professionisti della sanità ridefiniscano e rivendichino la loro autonomia e attendibilità professionale, questo il razionale del convengo che sintetizza il pensiero di gran parte dei membri dell’Ordine.

La coscienza della scienza dunque, ma soprattutto la fiducia nella scienza e nella medicina che, negli ultimi tempi, è stata più volte messa in dubbio. Quale migliore occasione per discutere della polemica sui vaccini? Le coperture vaccinali sono la sentinella di una mancanza di fiducia del cittadino nei confronti della scienza e della medicina? Anche di questo si è discusso in occasione del convegno e in proposito si è espresso anche l’ex ministro della Salute, Girolamo Sirchia: «La decisione della Regione Emilia-Romagna di rendere obbligatoria la vaccinazione per l’iscrizione all’asilo nido, che sarà seguita da altre regioni, è un’iniziativa condivisibile e può essere un buono stimolo perché si arrivi ad una regola generale» spiega l’ex ministro.

Inoltre Sirchia sottolinea l’importanza della prevenzione che è fondamentale per il bambino che riceve il vaccino e per l’intera comunità «perchè sappiamo che se il livello di vaccinazione cala tutta la popolazione è a rischio di contrarre malattie. È un problema di salute pubblica ma dovrebbe esserci un intervento centrale e non regionale perché i principi – conclude –  sono competenza del governo e non delle regioni».

«Una crisi che dobbiamo affrontare con la capacità di creare chiarezza e di diradare la nebbia» chiarisce il presidente Lavra facendo riferimento alle nuove sfide rappresentate dalla medicina moderna e alla necessità che i medici recuperino la conoscenza del proprio Codice Deontologico e la sua effettività applicativa. «Quando parliamo di applicazione dei valori e dei principi di Ippocrate dobbiamo pensare ai codici deontologici. La medicina non può non essere eticamente ispirata, non può essere applicata al di fuori della deontologia».

Articoli correlati
AstraZeneca solo agli over 60, per il richiamo dei più giovani si userà Pfizer o Moderna
Le nuove raccomandazioni del Cts saranno recepite dal governo in modo perentorio. Speranza: «Passano in zona bianca Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e Provincia autonoma di Trento»
AstraZeneca ai più giovani, Speranza: «Discussione in corso in Cts»
Le interrogazioni al ministro della Salute: «Il profilo rischio-beneficio risulta progressivamente più favorevole all'aumentare dell'età. Di queste valutazioni terrà conto il Cts. Tutti i vaccini approvati da Ema e Aifa sono sicuri ed efficaci»
Il Parlamento Ue chiede la revoca temporanea dei brevetti sui vaccini anti-Covid
La risoluzione è stata adottata con 355 sì, 263 contrari e 71 astensioni. Soddisfatto Anelli (Fnmceo): «Unità, universalità, equità d’accesso e solidarietà sono le chiavi per uscire dalla pandemia»
Gimbe, il calo di casi e decessi prosegue. Consegnato 55% delle dosi di vaccino previste per questo semestre
In discesa casi, decessi e ospedalizzazioni. Attenzione però al testing, in netto calo rispetto ai primi mesi dell'anno. Sui vaccini si apra di nuovo discussione su AstraZeneca: open day ai giovani sì o no?
Via libera al Green pass europeo per viaggiare senza restrizioni. Ecco come funziona
Il Parlamento europeo approva il Green Pass o Certificato Covid Ue. Entrerà in vigore il 1° luglio e consentirà di viaggiare tra i Paesi dell’Unione. Durerà nove mesi per i vaccinati e sei per i guariti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 giugno, sono 175.965.522 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.804.217 i decessi. Ad oggi, oltre 2.34 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...