Politica 30 maggio 2018

Sanità, i consigli dell’ex Ministro Garavaglia: «Mettersi sempre nei panni del paziente. Servono scelte drastiche per tutelare Ssn»

L’ex titolare del dicastero di Lungotevere Ripa sottolinea l’importanza di puntare su innovazione e tagli agli sprechi. Poi aggiunge: «Fondamentali i presidi sul territorio»

Immagine articolo

Nonostante tutte le difficoltà riscontrate in queste ultime settimane, prima o poi ci sarà un nuovo governo. Un esecutivo che vedrà dunque un nuovo Ministro della Salute insediarsi nel dicastero di Lungotevere Ripa dopo i cinque anni di Beatrice Lorenzin.  Al nuovo titolare arrivano i consigli di chi conosce molto bene l’ambiente, Mariapia Garavaglia, già Ministro della Sanità del Governo Ciampi dall’aprile 1993 al maggio 1994, e prima ancora Sottosegretario, sempre alla sanità, per i governi De Mita e Andreotti. Lei dice di «fare il tifo per il Ministro», chiunque esso sia, e poi spiega quali sono le sfide per il futuro. «La priorità è la tutela vera del Sistema Sanitario Nazionale anche con scelte drastiche – afferma a Sanità Informazione Garavaglia -. Occorre evitare assolutamente gli sprechi per far si che quei fondi vadano immediatamente nella gestione della informatizzazione, della miglior equanimità fra nord e sud».

LEGGI ANCHE: SANITÀ, I CONSIGLI DELL’EX MINISTRO SIRCHIA AL NUOVO GOVERNO: «SENZA PREVENZIONE SALTA SSN. MEDICI EMARGINATI, FERMARE CONCEZIONE AZIENDALISTICA» 

Garavaglia, lei è stata Sottosegretario e Ministro della Sanità. Al prossimo Ministro cosa consiglia?

«È sempre difficile dare consigli perché ciascuno porta con sé esperienza, carattere e caratteristiche diverse. Però il Ministro della Salute è una persona che si deve ricordare che deve mettersi dalla parte del cittadino, dalla parte del paziente, deve cercare di capire qual è il bisogno, perché ci sono bisogni inespressi, tremendi. Dovrebbe chiedersi ogni volta: ‘Se io fossi al posto di quella persona, al posto di quei genitori, al posto anche di quel medico, al posto di chi dirige quella struttura’. Mettersi ‘al posto di’, di modo che si reagisce con velocità. Non è giustificabile perdere tempo quando si è Ministro della Sanità. Si prendono delle decisioni e si agisce. Ci sono degli organismi tecnici da consultare, l’Istituto Superiore di Sanità, il Consiglio Superiore di Sanità, ma una volta consultati si decide, quindi io al Ministro oso offrire questo suggerimento e glielo suggerisco con passione e con partecipazione perché faccio il tifo per il Ministro della Salute: faccia più in fretta possibile ogni volta che deve decidere perché mettersi nei panni dei nostri concittadini ci aiuta a lavorare meglio».

C’è una priorità che per il prossimo Ministro non sarà più rinviabile?

«Si, la tutela vera del Sistema Sanitario Nazionale anche con scelte drastiche. Occorre evitare assolutamente gli sprechi per far sì che quei fondi vadano immediatamente nella gestione della informatizzazione, della miglior equanimità fra nord e sud. Quindi c’è un sud da prendere in carico e c’è anche da portare a casa ulteriori finanziamenti. Quindi non solo evitare gli sprechi e quindi reinvestire ma anche chiedere ancora finanziamenti perché il nostro sistema merita una innovazione tecnologica e anche strutturale radicale. Ci sono ospedali vecchissimi che devono essere chiusi e basta e ci sono ospedali nuovi che vanno costruiti con una nuovissima concezione dell’ospedale. L’ospedale sarà il luogo della ricerca e della risposta acuta con tutte le tecnologie possibili. Tutti i soldi risparmiati per gli ospedali che non si devono più fare devono andare sulla medicina del territorio. Il cittadino più sta a casa a lungo o nelle strutture territoriali, meglio sta e meglio sta il Paese intero».

LEGGI ANCHE: RICCIARDI, LE IDEE PER IL GOVERNO: «SOSTENIBILITÀ SSN A RISCHIO. FARE SCELTE IMPORTANTI PER NON CREARE CITTADINI DI SERIE A E B» 

Articoli correlati
Contratto, Grillo ai medici: «Siamo dalla vostra parte». Ma per il fondo sanitario solo 1 mld in più nel 2019. Poi annuncia: «Utilizzeremo specialisti al quinto anno di corso»
A margine della presentazione dell’operazione “Estate tranquilla 2018” dei NAS, il Ministro torna sul tema del numero chiuso: «Abolizione sarà graduale, ma prima tavolo con università». E chiarisce: «Ci vuole una programmazione più lunga, non è pensabile esaurire un intero programma elettorale in tre mesi»
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto?
Il Provider deve richiedere a tutti i relatori l’autocertificazione sul conflitto d’interessi indipendentemente dalla presenza dell’eventuale conflitto? Il Provider deve acquisire la dichiarazione dei rapporti, degli ultimi due anni, di relatori/moderatori/formatori con soggetti portatori d’interessi commerciali in campo sanitario. I docenti, i moderatori, i formatori devono dichiarare eventuali rapporti con aziende con interessi commerciali in […]
Giornata della Salute Mentale, Ministro Grillo al Museo della Mente: «Serve cambiamento culturale per accettare malattia»
Una visita al Museo della Mente dell’ASL Roma 1 (ex manicomio di S. Maria delle Pietà) per celebrare la Giornata mondiale della salute mentale promossa dall’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per il 10 ottobre. Protagonista il ministro della Salute Giulia Grillo. «Nella Giornata mondiale dedicata alla salute mentale – ha detto Grillo – ho voluto visitare […]
Carenza medici, l’assessore Arru (Sardegna): «Con quota cento rischio boom di pensionamenti. Aumentare borse di studio per MMG»
Il titolare della Sanità sarda difende la riforma della rete ospedaliera regionale: «Problema non è la carenza di servizi, ma un eccesso di servizi mal distribuiti che molto spesso non raggiungono i volumi indicati e suggeriti dal Piano nazionale esiti». Poi rilancia la medicina multiprofessionale per affrontare cronicità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila