Politica 30 Maggio 2018

Sanità, i consigli dell’ex Ministro Garavaglia: «Mettersi sempre nei panni del paziente. Servono scelte drastiche per tutelare Ssn»

L’ex titolare del dicastero di Lungotevere Ripa sottolinea l’importanza di puntare su innovazione e tagli agli sprechi. Poi aggiunge: «Fondamentali i presidi sul territorio»

Immagine articolo

Nonostante tutte le difficoltà riscontrate in queste ultime settimane, prima o poi ci sarà un nuovo governo. Un esecutivo che vedrà dunque un nuovo Ministro della Salute insediarsi nel dicastero di Lungotevere Ripa dopo i cinque anni di Beatrice Lorenzin.  Al nuovo titolare arrivano i consigli di chi conosce molto bene l’ambiente, Mariapia Garavaglia, già Ministro della Sanità del Governo Ciampi dall’aprile 1993 al maggio 1994, e prima ancora Sottosegretario, sempre alla sanità, per i governi De Mita e Andreotti. Lei dice di «fare il tifo per il Ministro», chiunque esso sia, e poi spiega quali sono le sfide per il futuro. «La priorità è la tutela vera del Sistema Sanitario Nazionale anche con scelte drastiche – afferma a Sanità Informazione Garavaglia -. Occorre evitare assolutamente gli sprechi per far si che quei fondi vadano immediatamente nella gestione della informatizzazione, della miglior equanimità fra nord e sud».

LEGGI ANCHE: SANITÀ, I CONSIGLI DELL’EX MINISTRO SIRCHIA AL NUOVO GOVERNO: «SENZA PREVENZIONE SALTA SSN. MEDICI EMARGINATI, FERMARE CONCEZIONE AZIENDALISTICA» 

Garavaglia, lei è stata Sottosegretario e Ministro della Sanità. Al prossimo Ministro cosa consiglia?

«È sempre difficile dare consigli perché ciascuno porta con sé esperienza, carattere e caratteristiche diverse. Però il Ministro della Salute è una persona che si deve ricordare che deve mettersi dalla parte del cittadino, dalla parte del paziente, deve cercare di capire qual è il bisogno, perché ci sono bisogni inespressi, tremendi. Dovrebbe chiedersi ogni volta: ‘Se io fossi al posto di quella persona, al posto di quei genitori, al posto anche di quel medico, al posto di chi dirige quella struttura’. Mettersi ‘al posto di’, di modo che si reagisce con velocità. Non è giustificabile perdere tempo quando si è Ministro della Sanità. Si prendono delle decisioni e si agisce. Ci sono degli organismi tecnici da consultare, l’Istituto Superiore di Sanità, il Consiglio Superiore di Sanità, ma una volta consultati si decide, quindi io al Ministro oso offrire questo suggerimento e glielo suggerisco con passione e con partecipazione perché faccio il tifo per il Ministro della Salute: faccia più in fretta possibile ogni volta che deve decidere perché mettersi nei panni dei nostri concittadini ci aiuta a lavorare meglio».

C’è una priorità che per il prossimo Ministro non sarà più rinviabile?

«Si, la tutela vera del Sistema Sanitario Nazionale anche con scelte drastiche. Occorre evitare assolutamente gli sprechi per far sì che quei fondi vadano immediatamente nella gestione della informatizzazione, della miglior equanimità fra nord e sud. Quindi c’è un sud da prendere in carico e c’è anche da portare a casa ulteriori finanziamenti. Quindi non solo evitare gli sprechi e quindi reinvestire ma anche chiedere ancora finanziamenti perché il nostro sistema merita una innovazione tecnologica e anche strutturale radicale. Ci sono ospedali vecchissimi che devono essere chiusi e basta e ci sono ospedali nuovi che vanno costruiti con una nuovissima concezione dell’ospedale. L’ospedale sarà il luogo della ricerca e della risposta acuta con tutte le tecnologie possibili. Tutti i soldi risparmiati per gli ospedali che non si devono più fare devono andare sulla medicina del territorio. Il cittadino più sta a casa a lungo o nelle strutture territoriali, meglio sta e meglio sta il Paese intero».

LEGGI ANCHE: RICCIARDI, LE IDEE PER IL GOVERNO: «SOSTENIBILITÀ SSN A RISCHIO. FARE SCELTE IMPORTANTI PER NON CREARE CITTADINI DI SERIE A E B» 

Articoli correlati
Crisi di governo, FNOPO: «Sanità sia priorità per il futuro. Tutelare le donne»
«Forse, come ha affermato la stessa titolare del Dicastero, si sarebbe potuto fare di più e meglio», commenta la Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica all'indomani della ufficializzazione della crisi di governo
«Ho cercato di mettere le cose a posto nella sanità pubblica», l’addio del ministro Grillo dopo le dimissioni del Governo
«Mi auguro che il mio progetto dell’ostetrica di comunità venga realizzato comunque da chi verrà come anche il ddl anti violenza a difesa degli operatori sanitari»
Salute, Ministro Grillo dimissionario: svolgerà solo l’ordinaria amministrazione
Con le dimissioni presentate al Quirinale dal Presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, anche il resto del Governo è dimissionario. Tra loro anche il titolare del dicastero Salute, Giulia Grillo. Il Governo e tutti i ministri rimangono comunque in carica fino all’insediamento di un nuovo Governo. Questo accadrà anche in caso di elezioni. L’attività del governo […]
Crisi di governo, Sileri (M5S): «Un peccato bloccare le tante cose da fare per la sanità»
Il presidente della Commissione Sanità di Palazzo madama commenta la crisi di governo e i suoi riflessi sulla sanità: «Molto del lavoro di questi 14 mesi rischia di essere buttato: penso ai nuovi provvedimenti sui vaccini, a quello che bisognava ancora fare per i contratti dei medici, all’intramoenia per gli infermieri, penso a tutti i temi legati alla formazione dei camici bianchi, penso alle borse di specializzazione per il prossimo anno. Tantissime cose che ora trovano uno stop che il comparto sanitario non meritava»
Crisi di governo: la diretta di Sanità Informazione
Giuseppe Conte in Senato annuncia le dimissioni: «Alla fine di questo dibattito mi recherò dal Presidente della Repubblica per dimettermi». Attesa del mondo della sanità per l'esito della crisi: ecco i provvedimenti che rischiano di saltare. Dimissionario anche il Ministro della Salute Giulia Grillo. I commenti dei Senatori della Commissione Sanità e della Commissione Affari Sociali: Binetti, Boldrini, Tiramani...
di Cesare Buquicchio, Giovanni Cedrone, Diana Romersi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone