Politica 30 Maggio 2018

Sanità, i consigli dell’ex Ministro Garavaglia: «Mettersi sempre nei panni del paziente. Servono scelte drastiche per tutelare Ssn»

L’ex titolare del dicastero di Lungotevere Ripa sottolinea l’importanza di puntare su innovazione e tagli agli sprechi. Poi aggiunge: «Fondamentali i presidi sul territorio»

Immagine articolo

Nonostante tutte le difficoltà riscontrate in queste ultime settimane, prima o poi ci sarà un nuovo governo. Un esecutivo che vedrà dunque un nuovo Ministro della Salute insediarsi nel dicastero di Lungotevere Ripa dopo i cinque anni di Beatrice Lorenzin.  Al nuovo titolare arrivano i consigli di chi conosce molto bene l’ambiente, Mariapia Garavaglia, già Ministro della Sanità del Governo Ciampi dall’aprile 1993 al maggio 1994, e prima ancora Sottosegretario, sempre alla sanità, per i governi De Mita e Andreotti. Lei dice di «fare il tifo per il Ministro», chiunque esso sia, e poi spiega quali sono le sfide per il futuro. «La priorità è la tutela vera del Sistema Sanitario Nazionale anche con scelte drastiche – afferma a Sanità Informazione Garavaglia -. Occorre evitare assolutamente gli sprechi per far si che quei fondi vadano immediatamente nella gestione della informatizzazione, della miglior equanimità fra nord e sud».

LEGGI ANCHE: SANITÀ, I CONSIGLI DELL’EX MINISTRO SIRCHIA AL NUOVO GOVERNO: «SENZA PREVENZIONE SALTA SSN. MEDICI EMARGINATI, FERMARE CONCEZIONE AZIENDALISTICA» 

Garavaglia, lei è stata Sottosegretario e Ministro della Sanità. Al prossimo Ministro cosa consiglia?

«È sempre difficile dare consigli perché ciascuno porta con sé esperienza, carattere e caratteristiche diverse. Però il Ministro della Salute è una persona che si deve ricordare che deve mettersi dalla parte del cittadino, dalla parte del paziente, deve cercare di capire qual è il bisogno, perché ci sono bisogni inespressi, tremendi. Dovrebbe chiedersi ogni volta: ‘Se io fossi al posto di quella persona, al posto di quei genitori, al posto anche di quel medico, al posto di chi dirige quella struttura’. Mettersi ‘al posto di’, di modo che si reagisce con velocità. Non è giustificabile perdere tempo quando si è Ministro della Sanità. Si prendono delle decisioni e si agisce. Ci sono degli organismi tecnici da consultare, l’Istituto Superiore di Sanità, il Consiglio Superiore di Sanità, ma una volta consultati si decide, quindi io al Ministro oso offrire questo suggerimento e glielo suggerisco con passione e con partecipazione perché faccio il tifo per il Ministro della Salute: faccia più in fretta possibile ogni volta che deve decidere perché mettersi nei panni dei nostri concittadini ci aiuta a lavorare meglio».

C’è una priorità che per il prossimo Ministro non sarà più rinviabile?

«Si, la tutela vera del Sistema Sanitario Nazionale anche con scelte drastiche. Occorre evitare assolutamente gli sprechi per far sì che quei fondi vadano immediatamente nella gestione della informatizzazione, della miglior equanimità fra nord e sud. Quindi c’è un sud da prendere in carico e c’è anche da portare a casa ulteriori finanziamenti. Quindi non solo evitare gli sprechi e quindi reinvestire ma anche chiedere ancora finanziamenti perché il nostro sistema merita una innovazione tecnologica e anche strutturale radicale. Ci sono ospedali vecchissimi che devono essere chiusi e basta e ci sono ospedali nuovi che vanno costruiti con una nuovissima concezione dell’ospedale. L’ospedale sarà il luogo della ricerca e della risposta acuta con tutte le tecnologie possibili. Tutti i soldi risparmiati per gli ospedali che non si devono più fare devono andare sulla medicina del territorio. Il cittadino più sta a casa a lungo o nelle strutture territoriali, meglio sta e meglio sta il Paese intero».

LEGGI ANCHE: RICCIARDI, LE IDEE PER IL GOVERNO: «SOSTENIBILITÀ SSN A RISCHIO. FARE SCELTE IMPORTANTI PER NON CREARE CITTADINI DI SERIE A E B» 

Articoli correlati
Leucemia mieloide e mieloma multiplo, il sì di AIFA a Molmed per la sperimentazione clinica del CAR-T CD44v6
MolMed, azienda biotecnologica focalizzata su ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e malattie rare, comunica di aver ottenuto da AIFA l’autorizzazione ad avviare in Italia la sperimentazione clinica con il proprio CAR-T CD44v6 per il trattamento di pazienti con leucemia mieloide acuta e mieloma multiplo. […]
Migranti e salute: prevenzione, cura e false notizie. L’evento all’Ordine dei Medici di Palermo
Secondo i dati del Forum Sociale delle Migrazioni 2018, svoltosi in Mexico, una persona su sette sul pianeta è migrante, avendo sperimentato una qualche forma di mobilità umana. Nel passato le migrazioni erano favorite, in Italia dal sud verso le industrie del Nord, e similmente in altre parti del mondo che soffrono denatalità e scarsa […]
Quota 100, Sottosegretario al Lavoro Durigon (Lega): «Presto nuove assunzioni per gestire uscite nella sanità»
INTERVISTA | L’esponente di Governo della Lega intervenuto all’incontro dell’UDC “Politica e Impresa – Niente trucchi, solo lavoro” risponde ai nostri microfoni ai dubbi del mondo della sanità sull’esodo avviato con i pensionamenti di “Quota 100”
“Lean Management”, alla Lum Jean Monnet partono i master per insegnare a ottimizzare i costi e eliminare gli sprechi in sanità
Angelo Rosa, direttore Laboratorio Lean Area sviluppo e Operations della Lum School of Management: «Tra i principali indicatori che influenzano l’aumento dei costi in sanità c’è l’allungamento della vita media che secondo gli studi fatti dall’INPS al 2040 arriverà a 88 anni per gli uomini e 92 per le donne, i costi assicurativi generati dal triplicarsi delle denunce negli ultimi 15 anni per sinistri accaduti all’interno di una struttura sanitaria ed anche l’aumento del costo delle terapie e gli sprechi»
di Federica Bosco
Sanità del futuro, il Ministro Giulia Grillo: «Ecco come accorceremo le liste d’attesa con la digitalizzazione»
All’incontro Wired Health la titolare della Salute ha parlato di una “cabina di regia” per combattere le fake news: «C’è necessità di comunicare meglio soprattutto temi scientifici. Per questo sono andata in Rai chiedendo di incominciare ad utilizzare l’informazione pubblica per creare una cultura sulla sanità con le prime nozioni di pronto soccorso»
di Federica Bosco e Cesare Buquicchio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone