Salute 29 maggio 2018

Ricciardi, le idee per il governo: «Sostenibilità Ssn a rischio. Fare scelte importanti per non creare cittadini di serie A e B»

Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità sottolinea: «Puntiamo a prevenzione e diagnosi altrimenti curare bene tutti gli italiani sarà una sfida difficile da sostenere»

Immagine articolo

«Servono scelte importanti perché la sostenibilità del nostro Sistema sanitario nazionale è molto a rischio per l’invecchiamento della popolazione, per le tante malattie per cui soffrono gli italiani, per il costo delle terapie». Non usa mezzi termini il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi che, a margine del Congresso AIOP, ragiona sulle sfide che attendono il nuovo Ministro della Sanità. Sfide difficili, legate anche al difficile rapporto tra Stato e Regioni e sulla necessità di garantire un Ssn uniforme e di livello su tutto il territorio nazionale. «Altrimenti – sottolinea Ricciardi a Sanità Informazione – si rischia di creare cittadini di serie A, di serie B o addirittura di serie C».

Presidente Ricciardi, quali saranno le priorità che dovrà avere il prossimo Ministro della Salute?

«Quelle che sono le priorità per un grande Paese che è l’ultimo grande paese ad avere un servizio sanitario nazionale pubblico. Sono sicuro perché tutte le forze politiche presenti in Parlamento sono delle sostenitrici del Sistema sanitario nazionale, quindi pubblico, gratuito per i cittadini perché finanziato con le tasse. Certo, per mantenerlo bisognerà fare una serie di scelte importanti perché la sostenibilità del nostro sistema è molto a rischio per l’invecchiamento della popolazione, per le tante malattie per cui soffrono gli italiani, per il costo delle terapie, per tutto questo bisognerà organizzarsi bene. Bisognerà avere un buon rapporto tra Stato e Regioni perché nella nostra Costituzione sono le Regioni le protagoniste dell’organizzazione e gestione. Quindi c’è da augurarsi che il prossimo ministro, sperando che sia una persona che conosca già il mondo della Sanità, comprenda abbastanza rapidamente che il nostro Paese merita particolare attenzione».

LEGGI ANCHE: SANITA’, I CONSIGLI DELL’EX MINISTRO SIRCHIA AL NUOVO GOVERNO: «SENZA PREVENZIONE SALTA SSN. MEDICI EMARGINATI, FERMARE CONCEZIONE AZIENDALISTICA»

Qual è secondo lei la sfida più importante che attende la sanità del nostro Paese per il futuro?

«È garantire ai nostri cittadini l’accesso ai servizi, sia i servizi di prevenzione, di diagnosi, di cura e di riabilitazione perché, se non ci si organizza tempestivamente, per curarsi sarà una vera sfida e questo soprattutto in alcune parti del Paese che già oggi soffrono molto perché sono Regioni cosiddette in piano di rientro che sono state commissariate, cioè hanno risolto i loro problemi finanziari perché di fatto oggi più o meno tutte le Regioni sono in equilibrio di bilancio ma non hanno assolutamente risolto i problemi organizzativi e gestionali. Sono soprattutto regioni del sud. Si tratterà veramente di lavorare insieme per cercare di far sì che il nostro Paese non abbia cittadini di serie A, di serie B o addirittura di serie C cosa che purtroppo in certi settori succede».

Articoli correlati
L’empatia in ostetricia e ginecologia, al via il congresso regionale Aogoi in Emilia-Romagna
Recuperare la fiducia nel rapporto tra medico e paziente, riscoprendo l’importanza del dialogo e creando un argine contro le fake news. Sarà questo uno dei temi affrontati nel corso del 16esimo congresso regionale dell’Emilia Romagna dell’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (Aogoi), che quest’anno vede il coinvolgimento della Società Italiana di Ginecologia Ostetricia (Sigo) a cui […]
Professioni sanitarie, Beux (Tsrm Pstrp): «Equipollenza titoli è ‘dramma’, Ministero intervenga». Bocciato emendamento Lorefice
A quasi un anno dall’entrata in vigore della legge Lorenzin, il Governo inizia a muoversi sul fronte del riconoscimento titoli. «Aprire i percorsi per riconoscere l’equivalenza dei titoli oppure occorre l’intervento politico» così Alessandro Beux, presidente della Federazione nazionale delle Professioni sanitarie tecniche
Foad Aodi (Amsi): «Al decreto sicurezza rispondiamo potenziando l’integrazione silenziosa, qualificata e non valorizzata»
Il Congresso annuale dell’AMSI (Associazione Medici d’origine Straniera in Italia) insieme al Corso d’aggiornamento AMSI in Neurotraumatologia si terrà il 1 dicembre a Roma. L’iniziativa si svolgerà nella Clinica “Ars medica” (Via Ferrero di Cambiano) con il patrocinio dell’Ordine dei Medici di Roma, Movimento “Uniti per Unire”, Unione Medica Euro mediterranea (UMEM) e BTL Italia. Parteciperanno professionisti della […]
Gemelli, da dicembre accesso h 24 nella Terapia Intensiva Neonatale
Da dicembre 2018 verrà garantito l’accesso ai genitori h 24 nei Reparti di Terapia Intensiva Neonatale (TIN), Sub-TIN e Patologia Neonatale della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli IRCCS al fine di promuovere un più stretto contatto tra i genitori e i piccoli prematuri, anche attraverso la “Kangaroo mother care”, la pratica di fornire un continuo […]
Morbillo, arriva piano del Ministero. Il Sottosegretario Bartolazzi: «Vaccino obbligatorio per adulti e operatori sanitari»
Il Sottosegretario alla Salute annuncia piano per l’eradicazione della malattia ospite delle celebrazioni per i 40 anni del SSN. E si dice solidale con lo sciopero dei medici: «Dobbiamo parlare con regioni per trovare risorse per il rinnovo»
di Cesare Buquicchio e Serena Santi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Liste d’attesa, Aceti (Cittadinanzattiva): «Prima voce di segnalazione per malcontento cittadini. Ecco cosa cambia con Piano Nazionale»

«50 milioni per abbattimento e interventi regionali. Ridiamo le gambe al SSN per tornare in piedi» Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Formazione

Rivalidazione, controlli, autoformazione e crediti FAD: tutte le novità ECM in arrivo entro la fine dell’anno

Si avvicina infatti la scadenza del secondo segmento del triennio formativo 2017-2019: la verifica dei crediti ECM raccolti dai medici per il triennio 2014-2016 comincerà con l’inizio del 2019. Ane...