Salute 10 maggio 2018

Pseudoscienza e bufale, Attivissimo: «Fake news in sanità sono socialmente pericolose. Soluzioni facili raramente sono vere»

Il giornalista, fondatore del blog Il Disinformatico, invita sempre a verificare le fonti: «Moltissimi siti hanno capito che salute, sesso, soldi, sangue sono le ‘esse’ fondamentali del giornalismo e le usano a sproposito, cioè creano delle notizie false»

Immagine articolo

Sul suo blog, Il Disinformatico, si definisce “cacciatore di bufale”. Paolo Attivissimo, giornalista, ha dedicato buona parte della sua carriera a smascherare bufale e fake news di ogni genere che hanno proliferato con l’avvento della rete. Un lavoro instancabile che gli è valso la vittoria di diversi premi (su tutti, tre volte il Premio Macchianera, gli oscar della rete, per il suo blog) e, dall’altro lato, anche diverse denunce e minacce di azioni legali. Un’attività che ha attirato l’interesse anche delle istituzioni, tanto che l’ex presidente della Camera Laura Boldrini lo ha chiamato a collaborare ad un evento a Montecitorio denominato proprio “#BastaBufale”. E parte proprio in questi giorni la campagna della FNOMCeO “Una bufala ci seppellirà?”, che ricoprirà le città italiane di immagini shock, proprio per sensibilizzare la popolazione sulle fake news in sanità.

Anche in ambito scientifico l’impegno di Attivissimo è sempre stato volto a smascherare le tante notizie false di ambito scientifico, lavoro che ha portato avanti come membro del CICAP fondato da Piero Angela. «Io ho un metodo per scremare rapidamente le notizie vere da quelle false: le cose troppo belle per essere vere raramente sono vere», afferma Attivissimo a Sanità Informazione a margine del convegno Medicina e pseudoscienza a Roma che lo ha visto tra i relatori.

POTREBBE INTERESSARTI: ‘DOTTORE MA E’ VERO CHE?’ IL NUOVO PORTALE FNOMCeO PER SMASCHERARE LE BUFALE SUL WEB

Attivissimo, lei è un esperto di fake news. Quanto sono pericolose le fake news in ambito sanitario?

«Sono molto più pericolose rispetto ad altre fake news che girano come quelle relative allo sbarco sulla luna, se siamo andati o meno. Queste sono tutto sommato cose abbastanza trascurabili: se siamo andati o no sulla luna, non muore nessuno. Invece se qualcuno comincia a mettere in giro delle storie sbagliate su terapie che non funzionano o se qualcuno, per esempio, invita a lasciar perdere trattamenti che sappiamo funzionare, questo è socialmente pericoloso. Il mio consiglio è che quando si legge qualcosa su Internet, bisogna sempre chiedersi: chi lo dice, che prove ha, che pezze d’appoggio mi può presentare? Magari è accattivante, interessante, sa raccontarla bene, ma è vero cosa sta dicendo? Io ho un metodo per scremare rapidamente le notizie vere da quelle false: le cose troppo belle per essere vere raramente sono vere».

Negli ultimi tempi in materia di salute quali sono state le fake news diventate più virali?

«Sicuramente la fake news più grave, non tanto più virale ma più pericolosa, è quella sui vaccini. La pericolosità presunta dei vaccini, il presunto legame tra autismo e vaccini che non c’è, continua ad essere nella mente di tante persone. Poi c’è l’idea che ci siano delle soluzioni alternative, facili anche a problemi meno drammatici come l’alimentazione. ‘Basta che segui il gruppo sanguigno’, ‘basta che mangi questo prodotto esotico’, ‘basta che mangi questo sale che arriva dalle montagne più lontane e cambia la tua vita’. Non funziona così. È troppo semplice. Se è semplice vuol dire che probabilmente non funziona».

LEGGI ANCHE: GIOVANI E FAKE NEWS, GRIGNOLIO (SAPIENZA): «SUPERATI I 30 ANNI DIFFICILE SCARDINARE IDEE SBAGLIATE»

Ci sono dei siti di bufale specializzati sui temi di salute?

«Si, ci sono moltissimi siti che hanno capito che salute, sesso, soldi, sangue sono le ‘Esse’ fondamentali del giornalismo e le usano a sproposito, cioè creano delle notizie false. Molti hanno capito che la salute è una cosa che inevitabilmente interessa tutti e allora hanno pensato di dedicarsi a questo settore. Ce ne sono tanti. Ed è importante per questo dire: chi sono quelli che scrivono queste notizie, c’è una firma, c’è una testata giornalistica, se scrivono qualche cosa mi rispondono quando io dico: ma da dove avete preso questa notizia?. Teniamo presente che comunque esistono delle forti spinte commerciali. Anche nelle testate convenzionali a volte escono delle notizie che non sono prese dagli articoli scientifici ma sono prese magari da un tabloid inglese che ha pubblicato una ricerca che dice: il cioccolato fa bene al cuore. Guarda caso poi vai a vedere che la ricerca è sponsorizzata da una famosa marca di cioccolato. Quindi, anche lì un pizzico di attenzione. Però alla fine il discorso è sempre lo stesso: le soluzioni facili raramente sono soluzioni».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Stati Generali professione medica, si parte a gennaio. Anelli (FNOMCeO): «Regaliamo allo Stato 500 milioni di euro in ore di lavoro non retribuite»
Dal 2019 al 2020 sei simposi nazionali e 106 incontri. Cambierà anche il codice deontologico. Il presidente della Federazione: «Alla fine sarà stilata la Magna Carta del medico per orientare gli Ordini nelle scelte di politica sanitaria»
Dal “Siero Bonifacio” alla cura Di Bella, Roberto Burioni racconta 10 “Balle mortali”
«Il libro parla delle bugie in medicina e delle conseguenze gravissime che queste possono avere sulla salute e anche sulla vita delle persone» così il virologo del San Raffaele
L’empatia in ostetricia e ginecologia, al via il congresso regionale Aogoi in Emilia-Romagna
Recuperare la fiducia nel rapporto tra medico e paziente, riscoprendo l’importanza del dialogo e creando un argine contro le fake news. Sarà questo uno dei temi affrontati nel corso del 16esimo congresso regionale dell’Emilia Romagna dell’Associazione Ostetrici Ginecologi Ospedalieri Italiani (Aogoi), che quest’anno vede il coinvolgimento della Società Italiana di Ginecologia Ostetricia (Sigo) a cui […]
Fake news, Marrocco (FIMMG): «Il medico si ‘improvvisa’ attore per insegnare ai colleghi come comunicare»
Il nuovo progetto della Federazione Italiana di Medici di Medicina Generale per combattere la disinformazione. «L’operatore sanitario deve imparare a parlare anche attraverso i social che sono, volente o nolente, un mezzo di comunicazione diventato fondamentale» così l’ideatore dell’iniziativa Walter Marrocco, responsabile scientifico della Federazione
Fake news, il web si ammala di ‘disinformazione’. Sciacchitano (Ministero Salute): «Ecco la cura»
«Notizie scientificamente attendibili possono sconfiggere le comunicazioni fuorvianti, quindi la necessità è di diffonderle e su questo stiamo lavorando congiuntamente con tanti attori del sistema», così Salvatore Sciacchitano, capo della segreteria del sottosegretario al Ministero della Salute Armando Bartolazzi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano