Salute 10 maggio 2018

Pseudoscienza e bufale, Attivissimo: «Fake news in sanità sono socialmente pericolose. Soluzioni facili raramente sono vere»

Il giornalista, fondatore del blog Il Disinformatico, invita sempre a verificare le fonti: «Moltissimi siti hanno capito che salute, sesso, soldi, sangue sono le ‘esse’ fondamentali del giornalismo e le usano a sproposito, cioè creano delle notizie false»

Immagine articolo

Sul suo blog, Il Disinformatico, si definisce “cacciatore di bufale”. Paolo Attivissimo, giornalista, ha dedicato buona parte della sua carriera a smascherare bufale e fake news di ogni genere che hanno proliferato con l’avvento della rete. Un lavoro instancabile che gli è valso la vittoria di diversi premi (su tutti, tre volte il Premio Macchianera, gli oscar della rete, per il suo blog) e, dall’altro lato, anche diverse denunce e minacce di azioni legali. Un’attività che ha attirato l’interesse anche delle istituzioni, tanto che l’ex presidente della Camera Laura Boldrini lo ha chiamato a collaborare ad un evento a Montecitorio denominato proprio “#BastaBufale”. E parte proprio in questi giorni la campagna della FNOMCeO “Una bufala ci seppellirà?”, che ricoprirà le città italiane di immagini shock, proprio per sensibilizzare la popolazione sulle fake news in sanità.

Anche in ambito scientifico l’impegno di Attivissimo è sempre stato volto a smascherare le tante notizie false di ambito scientifico, lavoro che ha portato avanti come membro del CICAP fondato da Piero Angela. «Io ho un metodo per scremare rapidamente le notizie vere da quelle false: le cose troppo belle per essere vere raramente sono vere», afferma Attivissimo a Sanità Informazione a margine del convegno Medicina e pseudoscienza a Roma che lo ha visto tra i relatori.

POTREBBE INTERESSARTI: ‘DOTTORE MA E’ VERO CHE?’ IL NUOVO PORTALE FNOMCeO PER SMASCHERARE LE BUFALE SUL WEB

Attivissimo, lei è un esperto di fake news. Quanto sono pericolose le fake news in ambito sanitario?

«Sono molto più pericolose rispetto ad altre fake news che girano come quelle relative allo sbarco sulla luna, se siamo andati o meno. Queste sono tutto sommato cose abbastanza trascurabili: se siamo andati o no sulla luna, non muore nessuno. Invece se qualcuno comincia a mettere in giro delle storie sbagliate su terapie che non funzionano o se qualcuno, per esempio, invita a lasciar perdere trattamenti che sappiamo funzionare, questo è socialmente pericoloso. Il mio consiglio è che quando si legge qualcosa su Internet, bisogna sempre chiedersi: chi lo dice, che prove ha, che pezze d’appoggio mi può presentare? Magari è accattivante, interessante, sa raccontarla bene, ma è vero cosa sta dicendo? Io ho un metodo per scremare rapidamente le notizie vere da quelle false: le cose troppo belle per essere vere raramente sono vere».

Negli ultimi tempi in materia di salute quali sono state le fake news diventate più virali?

«Sicuramente la fake news più grave, non tanto più virale ma più pericolosa, è quella sui vaccini. La pericolosità presunta dei vaccini, il presunto legame tra autismo e vaccini che non c’è, continua ad essere nella mente di tante persone. Poi c’è l’idea che ci siano delle soluzioni alternative, facili anche a problemi meno drammatici come l’alimentazione. ‘Basta che segui il gruppo sanguigno’, ‘basta che mangi questo prodotto esotico’, ‘basta che mangi questo sale che arriva dalle montagne più lontane e cambia la tua vita’. Non funziona così. È troppo semplice. Se è semplice vuol dire che probabilmente non funziona».

LEGGI ANCHE: GIOVANI E FAKE NEWS, GRIGNOLIO (SAPIENZA): «SUPERATI I 30 ANNI DIFFICILE SCARDINARE IDEE SBAGLIATE»

Ci sono dei siti di bufale specializzati sui temi di salute?

«Si, ci sono moltissimi siti che hanno capito che salute, sesso, soldi, sangue sono le ‘Esse’ fondamentali del giornalismo e le usano a sproposito, cioè creano delle notizie false. Molti hanno capito che la salute è una cosa che inevitabilmente interessa tutti e allora hanno pensato di dedicarsi a questo settore. Ce ne sono tanti. Ed è importante per questo dire: chi sono quelli che scrivono queste notizie, c’è una firma, c’è una testata giornalistica, se scrivono qualche cosa mi rispondono quando io dico: ma da dove avete preso questa notizia?. Teniamo presente che comunque esistono delle forti spinte commerciali. Anche nelle testate convenzionali a volte escono delle notizie che non sono prese dagli articoli scientifici ma sono prese magari da un tabloid inglese che ha pubblicato una ricerca che dice: il cioccolato fa bene al cuore. Guarda caso poi vai a vedere che la ricerca è sponsorizzata da una famosa marca di cioccolato. Quindi, anche lì un pizzico di attenzione. Però alla fine il discorso è sempre lo stesso: le soluzioni facili raramente sono soluzioni».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Fake news, il web si ammala di ‘disinformazione’. Sciacchitano (Ministero Salute): «Ecco la cura»
«Notizie scientificamente attendibili possono sconfiggere le comunicazioni fuorvianti, quindi la necessità è di diffonderle e su questo stiamo lavorando congiuntamente con tanti attori del sistema», così Salvatore Sciacchitano, capo della segreteria del sottosegretario al Ministero della Salute Armando Bartolazzi
Augmentin, la fake news del ritiro di un lotto. Aifa: «Rilanciata notizia di un anno e mezzo fa»
L’Agenzia per il farmaco smentisce quanto circolato in rete sul noto antibiotico. La news era circolata con insistenza sui social
Consiglio FNOMCeO, Anelli: «Agli Stati Generali la Magna Charta della professione medica. Presto proposta di legge contro aggressioni»
«Solo con recupero dell’autonomia e della dignità possiamo contrastare fake news in sanità e la violenza contro gli operatori», spiega il Presidente della Federazione degli Ordini che ha annunciato una pubblicità progresso sul tema
Scienza e salute, Alberto Angela: «La speranza per il futuro? Vivere meglio e più a lungo»
Il celebre conduttore televisivo premiato per il successo del programma Rai ‘Meraviglie’: «L’Italia crede nella cultura, è una presa d’atto incoraggiante»
di Serena Santi e Viviana Franzellitti
Ricerca oncologica, Federica Mazzuca vince il premio Roma: «Ci vuole tanta energia, determinazione ed entusiasmo»
«All’estero ricerca al top anche grazie a fondi e supporti che in Italia mancano. Difficile restare qui: ottime capacità e buone idee non bastano». L’intervista alla dottoressa Mazzuca a margine della cerimonia di premiazione alla Sapienza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...