Salute 30 marzo 2018

Piero Angela: «La scienza è una e non è democratica. Occorre distinguere i fatti dalle opinioni»

«Credere alla medicina d’illusione è più facile, siamo umani e fa parte della nostra natura. Ma con la salute non si scherza: è bene informarsi correttamente e rivolgersi a medici competenti» l’intervista al celebre divulgatore scientifico

Immagine articolo

«La salute viene prima di tutto? Certo, e allora se mi ammalo vado da un medico bravo e certificato. E mi affido alla medicina, l’unica che esiste». Lo spiega Piero Angela, volto storico del programma televisivo di divulgazione culturale “Superquark”. Ai microfoni di Sanità Informazione, a margine della presentazione del portale “ISSalute”,  il giornalista e Presidente onorario del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sul Paranormale), prosegue nella sua battaglia a favore della scienza contro bufale e fake news, “medicina d’illusione” e “pseudoscienza”.

Dottore, parliamo di quella che le ha rinominato “medicina di illusione”. Perché, secondo lei, questa “scienza alternativa” attira così l’attenzione?

«Perché noi siamo intelligenti, è vero, ma siamo fatti anche di carne. E quindi ci fidiamo e rispondiamo molto più volentieri a chi ci propone delle soluzioni facili e miracolose. Facciamo attenzione però: la cosa più importante è la salute e allora se io mi ammalo da chi vado? Da un medico bravo, competente e specializzato. Non esiste la medicina ufficiale, esiste la scienza ufficiale, una scienza, una medicina e basta. Il resto non è sperimentato e non è controllato. E perché dovrei affidarmi a tutto questo quando c’è una medicina che ha dimostrato di essere efficace? Ecco, questo non lo capirò mai».

LEGGI ANCHE: WEB E FAKENEWS, PIERO ANGELA: «IMPARATE A SCEGLIERE LE FONTI, SERVE RAZIONALITÀ IN UN MONDO IRRAZIONALE»

Lei sostiene che la scienza non è democratica, non c’è par condicio. Cosa intende dire?

«Questa affermazione l’ho detta in una serie di processi in cui mi sono trovato coinvolto e sono stato chiamato in giudizio per un servizio sull’omeopatia andato in onda tempo fa. Una delle cose che mi rimproveravano, era quella di non aver fatto intervenire i medici omeopati come contraltare. Non l’ho fatto perché era una trasmissione critica nei confronti di questa “pseudoscienza” e in quell’occasione ho dichiarato che secondo il mio punto di vista: “la scienza non è democratica”. Nel senso che, chiunque voglia sostenere una teoria che ha a che fare con la scienza deve essere in possesso di dati certi: per scrivere su una rivista scientifica è necessario esibire la documentazione dei controlli che sono stati fatti, presentare la storia della ricerca e della sperimentazione. Questo è il metodo che ha permesso di distinguere i “fatti” dalle “opinioni”, non esiste par condicio nella scienza. Diversamente, ognuno di noi potrebbe dire quello che gli passa per la mente. In un programma scientifico devono parlare solo le persone che sono qualificate, non quelle che sono “inqualificate” o “squalificate”».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Patto per la Scienza di Burioni: firmano anche Renzi e Grillo. Sileri (M5S): «Positivo, aiuterà ad abbattere muri tra medici e pazienti»
Una denuncia contro la pseudoscienza che ha trovato alleati inaspettati. Tra i punti quello di «non sostenere o tollerare in alcun modo forme di pseudoscienza e/o di pseudomedicina». No vax contestano scelta del leader M5S. Il Presidente della Commissione Sanità: «Ci sarà sempre qualcuno che dissentirà, ma dobbiamo cercare la verità»
di Giovanni Cedrone e Serena Santi
Scienza e salute, Alberto Angela: «La speranza per il futuro? Vivere meglio e più a lungo»
Il celebre conduttore televisivo premiato per il successo del programma Rai ‘Meraviglie’: «L’Italia crede nella cultura, è una presa d’atto incoraggiante»
di Serena Santi e Viviana Franzellitti
“Una bufala ci seppellirà?”: la campagna FNOMCeO contro le fake news sulla salute
Al via l'iniziativa della Federazione per combattere fake news in tema salute. Il Presidente Filippo Anelli: «La salute la curano i medici, sempre a disposizione dei cittadini per rispondere a tutti i bisogni»
Pseudoscienza e bufale, Attivissimo: «Fake news in sanità sono socialmente pericolose. Soluzioni facili raramente sono vere»
Il giornalista, fondatore del blog Il Disinformatico, invita sempre a verificare le fonti: «Moltissimi siti hanno capito che salute, sesso, soldi, sangue sono le ‘esse’ fondamentali del giornalismo e le usano a sproposito, cioè creano delle notizie false»
Omeopatia, Fnomceo: «Non è scienza, nessuna patologia migliora». La replica: «È atto medico»
Un botta e risposta fra la Federazione Nazionale degli Ordini dei medici e la comunità omeopatica sulla validità del metodo complementare. Oggetto della disputa una scheda pubblicata sul portale 'Dottore ma è vero che?' che prende le distanze dalla prassi terapeutica non convenzionale
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...