Salute 4 luglio 2018

Vaccini, otto raccomandati agli operatori sanitari. La Torre (infettivologo): «L’obbligo non serve, è una questione di buona prassi»

«Si vaccinano contro l’influenza stagionale circa un quarto dei medici e un sesto degli altri professionisti sanitari, infermieri compresi.  Germania e Spagna tra i paesi più virtuosi d’Europa». L’intervista a Giuseppe La Torre, professore associato del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie infettive dell’università la Sapienza di Roma

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Influenza stagionale, epatite B, tubercolosi, morbillo, rosolia, varicella, parotite e pertosse. Sono queste le otto vaccinazioni che il ministero della Salute raccomanda a tutti gli operatori sanitari». Per Giuseppe La Torre, professore associato del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie infettive dell’università la Sapienza di Roma,  i  vaccini sono «un modo efficace per proteggere se stessi, ma anche i propri pazienti e i familiari che gli sono accanto».

Perché tutelarsi proprio contro queste otto patologie? «Perché – ha risposto La Torre – è facile che gli operatori sanitari vi possano entrare in contatto o che diventino loro stessi veicolo di trasmissione».

Un pericolo soprattutto quando si lavora tra persone particolarmente fragili: «Esistono dei reparti in cui sarebbe improponibile non essere vaccinati – ha sottolineato La Torre – Mi riferisco soprattutto a pediatria, terapia intensiva, terapia intensiva neonatale. Tutti quei luoghi in cui i pazienti sono più a rischio di altri e, di conseguenza, solo la vaccinazione dell’operatore sanitario può proteggere entrambi».

Ma né in questi, né in altri reparti ci sono obblighi, esistono solo raccomandazioni. Fatto salvo per qualche eccezione: «in Italia – ha spiegato il professore – ci sono Regioni che stanno legiferando in materia. L’Emilia Romagna, e più recentemente anche la Puglia, obbligano i professionisti sanitari, che lavorano in determinati reparti, a vaccinarsi»

Per il professore La Torre «scegliere di vaccinarsi è sicuramente una questione di etica, ma anche una necessità pratica. Se dovesse scoppiare un’epidemia chi sono i primi a dover intervenire? Sicuramente i professionisti sanitari – ha sottolineato il professore, rispondendo al suo stesso quesito – E potranno farlo tempestivamente, senza correre alcun rischio, solo se già vaccinati».

Quanti contagi tra gli operatori sanitari potrebbero essere evitati grazie ad una vaccinazione diffusa? «Lo scorso anno – ha commentato il professore – si sono verificati circa 5 mila casi di morbillo nel nostro Paese, di cui poco meno del 10%  dei casi tra gli operatori sanitari, non vaccinati nella stragrande maggioranza dei casi.  Dati di revisioni sistematica dimostrano che, ogni anno, si vaccinano contro l’influenza stagionale circa un quarto dei medici e un sesto degli altri professionisti sanitari, infermieri compresi. Numeri che lasciano l’Italia molto lontana da situazioni virtuose come quella australiana o dei più vicini Paesi europei, come Germania e Spagna».

Seguire questi buoni esempi si può e per La Torre le “imposizioni” non servono: «noi – ha detto – vogliamo arrivare ad una buona prassi che non significa obbligare i professionisti sanitari a vaccinarsi, piuttosto – ha concluso il professore –  diffondere una vaccinazione consapevole».

Articoli correlati
Malata di leucemia, tutta la classe si vaccina per farla tornare a scuola
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti si è detto fiero dei bambini della scuola di Faenza (Ravenna) dove una classe di quarta elementare si è vaccinata contro l’influenza per permettere a una compagna malata di leucemia di poter tornare a scuola sicura. «Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che […]
Influenza, picco atteso per fine mese. Rezza (ISS): «Impennata richiesta vaccini. Incremento notevole anche per operatori sanitari»
«La richiesta da parte dei sanitari è cresciuta dal 15% al 25%», così Giovanni Rezza, direttore dell’Istituto Superiore di sanità che aggiunge: «Quest’anno il virus è giunto accompagnato da maggiore sensibilità»
Costruire nuove città a misura di salute. Come? L’esperto: «L’ingegnere e il medico devono lavorare gomito a gomito»
Nel realizzare nuovi insediamenti urbani che siano hi-tech ma allo stesso tempo ambienti salubri, la spina dorsale del futuro è la collaborazione «tra le figure coinvolte in questo processo». Così Antonio D’Andrea, preside di Ingegneria civile e industriale de La Sapienza
ISS, Ricciardi saluta e fa un bilancio: «Conti risanati e contributi importanti, dai vaccini all’Ilva. Con Grillo nessuna polemica»
Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità, che lascia dopo quattro anni e mezzo, sottolinea: «Percorso impegnativo ed entusiasmante. Abbiamo stabilizzato 473 unità di personale e destinato 16 milioni di euro a logistica e tecnologie». Nel suo futuro la presidenza della Federazione mondiale delle Società di Sanità pubblica. Da ultimo l’incarico nel Comitato scientifico della Fondazione “Italia in Salute” di Federico Gelli
“Vaccinarsi in gravidanza è un atto d’amore”. Al via campagna Fnopo-Fimmg per promuovere i vaccini
La presidente Fnopo Maria Vicario: «Oggi più che mai noi ostetriche e i medici di famiglia riteniamo fondamentale fornire informazioni scientificamente provate per rassicurare le donne sulla validità e soprattutto sulla sicurezza delle vaccinazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano