Salute 4 Luglio 2018

Vaccini, otto raccomandati agli operatori sanitari. La Torre (infettivologo): «L’obbligo non serve, è una questione di buona prassi»

«Si vaccinano contro l’influenza stagionale circa un quarto dei medici e un sesto degli altri professionisti sanitari, infermieri compresi.  Germania e Spagna tra i paesi più virtuosi d’Europa». L’intervista a Giuseppe La Torre, professore associato del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie infettive dell’università la Sapienza di Roma

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Influenza stagionale, epatite B, tubercolosi, morbillo, rosolia, varicella, parotite e pertosse. Sono queste le otto vaccinazioni che il ministero della Salute raccomanda a tutti gli operatori sanitari». Per Giuseppe La Torre, professore associato del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie infettive dell’università la Sapienza di Roma,  i  vaccini sono «un modo efficace per proteggere se stessi, ma anche i propri pazienti e i familiari che gli sono accanto».

Perché tutelarsi proprio contro queste otto patologie? «Perché – ha risposto La Torre – è facile che gli operatori sanitari vi possano entrare in contatto o che diventino loro stessi veicolo di trasmissione».

Un pericolo soprattutto quando si lavora tra persone particolarmente fragili: «Esistono dei reparti in cui sarebbe improponibile non essere vaccinati – ha sottolineato La Torre – Mi riferisco soprattutto a pediatria, terapia intensiva, terapia intensiva neonatale. Tutti quei luoghi in cui i pazienti sono più a rischio di altri e, di conseguenza, solo la vaccinazione dell’operatore sanitario può proteggere entrambi».

Ma né in questi, né in altri reparti ci sono obblighi, esistono solo raccomandazioni. Fatto salvo per qualche eccezione: «in Italia – ha spiegato il professore – ci sono Regioni che stanno legiferando in materia. L’Emilia Romagna, e più recentemente anche la Puglia, obbligano i professionisti sanitari, che lavorano in determinati reparti, a vaccinarsi»

Per il professore La Torre «scegliere di vaccinarsi è sicuramente una questione di etica, ma anche una necessità pratica. Se dovesse scoppiare un’epidemia chi sono i primi a dover intervenire? Sicuramente i professionisti sanitari – ha sottolineato il professore, rispondendo al suo stesso quesito – E potranno farlo tempestivamente, senza correre alcun rischio, solo se già vaccinati».

Quanti contagi tra gli operatori sanitari potrebbero essere evitati grazie ad una vaccinazione diffusa? «Lo scorso anno – ha commentato il professore – si sono verificati circa 5 mila casi di morbillo nel nostro Paese, di cui poco meno del 10%  dei casi tra gli operatori sanitari, non vaccinati nella stragrande maggioranza dei casi.  Dati di revisioni sistematica dimostrano che, ogni anno, si vaccinano contro l’influenza stagionale circa un quarto dei medici e un sesto degli altri professionisti sanitari, infermieri compresi. Numeri che lasciano l’Italia molto lontana da situazioni virtuose come quella australiana o dei più vicini Paesi europei, come Germania e Spagna».

Seguire questi buoni esempi si può e per La Torre le “imposizioni” non servono: «noi – ha detto – vogliamo arrivare ad una buona prassi che non significa obbligare i professionisti sanitari a vaccinarsi, piuttosto – ha concluso il professore –  diffondere una vaccinazione consapevole».

Articoli correlati
Coronavirus e vaccini, l’OMS: «Non c’è pallottola d’argento contro Covid e forse non ci sarà mai»
Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus, in conferenza stampa a Ginevra sul coronavirus facendo il punto sull'emergenza
Un vaccino contro Covid-19, a che punto sono i tentativi nel mondo?
Tutti i ricercatori del mondo sono all'opera per trovare un vaccino contro Covid-19. A che punto si trovano i 140 candidati? I dati dell'Oms sulle fasi raggiunte fino ad oggi dai singoli prodotti
Vaccini, Italia Longeva: «Puntiamo a raddoppiare le coperture degli anziani»
Per raggiungere il 95% suggerito dal ministero della Salute, è necessario avere a disposizione più vaccini e prima, già da settembre. Il presidente Bernabei: «Vaccinare tutti gli anziani contro l'influenza stagionale, pneumococco, pertosse e herpes zoster»
Vaccini influenza, la circolare del Ministero per affrontare l’autunno (e la possibile convivenza col Covid) convince pediatri e MMG
Mele (SIMPE): «Auspicabile estendere la raccomandazione anche a bambini più grandi, ma la direzione è corretta». Scotti (FIMMG): «Fondamentale inizio precoce e chiusura tardiva della campagna». Ma non tutte le mamme sono d'accordo
Simpef: «Sì alla vaccinazione antinfluenzale tra i 6 mesi e i 6 anni»
Il Sindacato medici pediatri di famiglia esprime piena identità di vedute con Ministero e Società italiana di pediatria: «È una nostra posizione storica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...