Salute 4 Luglio 2018

Vaccini, otto raccomandati agli operatori sanitari. La Torre (infettivologo): «L’obbligo non serve, è una questione di buona prassi»

«Si vaccinano contro l’influenza stagionale circa un quarto dei medici e un sesto degli altri professionisti sanitari, infermieri compresi.  Germania e Spagna tra i paesi più virtuosi d’Europa». L’intervista a Giuseppe La Torre, professore associato del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie infettive dell’università la Sapienza di Roma

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

«Influenza stagionale, epatite B, tubercolosi, morbillo, rosolia, varicella, parotite e pertosse. Sono queste le otto vaccinazioni che il ministero della Salute raccomanda a tutti gli operatori sanitari». Per Giuseppe La Torre, professore associato del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie infettive dell’università la Sapienza di Roma,  i  vaccini sono «un modo efficace per proteggere se stessi, ma anche i propri pazienti e i familiari che gli sono accanto».

Perché tutelarsi proprio contro queste otto patologie? «Perché – ha risposto La Torre – è facile che gli operatori sanitari vi possano entrare in contatto o che diventino loro stessi veicolo di trasmissione».

Un pericolo soprattutto quando si lavora tra persone particolarmente fragili: «Esistono dei reparti in cui sarebbe improponibile non essere vaccinati – ha sottolineato La Torre – Mi riferisco soprattutto a pediatria, terapia intensiva, terapia intensiva neonatale. Tutti quei luoghi in cui i pazienti sono più a rischio di altri e, di conseguenza, solo la vaccinazione dell’operatore sanitario può proteggere entrambi».

Ma né in questi, né in altri reparti ci sono obblighi, esistono solo raccomandazioni. Fatto salvo per qualche eccezione: «in Italia – ha spiegato il professore – ci sono Regioni che stanno legiferando in materia. L’Emilia Romagna, e più recentemente anche la Puglia, obbligano i professionisti sanitari, che lavorano in determinati reparti, a vaccinarsi»

Per il professore La Torre «scegliere di vaccinarsi è sicuramente una questione di etica, ma anche una necessità pratica. Se dovesse scoppiare un’epidemia chi sono i primi a dover intervenire? Sicuramente i professionisti sanitari – ha sottolineato il professore, rispondendo al suo stesso quesito – E potranno farlo tempestivamente, senza correre alcun rischio, solo se già vaccinati».

Quanti contagi tra gli operatori sanitari potrebbero essere evitati grazie ad una vaccinazione diffusa? «Lo scorso anno – ha commentato il professore – si sono verificati circa 5 mila casi di morbillo nel nostro Paese, di cui poco meno del 10%  dei casi tra gli operatori sanitari, non vaccinati nella stragrande maggioranza dei casi.  Dati di revisioni sistematica dimostrano che, ogni anno, si vaccinano contro l’influenza stagionale circa un quarto dei medici e un sesto degli altri professionisti sanitari, infermieri compresi. Numeri che lasciano l’Italia molto lontana da situazioni virtuose come quella australiana o dei più vicini Paesi europei, come Germania e Spagna».

Seguire questi buoni esempi si può e per La Torre le “imposizioni” non servono: «noi – ha detto – vogliamo arrivare ad una buona prassi che non significa obbligare i professionisti sanitari a vaccinarsi, piuttosto – ha concluso il professore –  diffondere una vaccinazione consapevole».

Articoli correlati
Vaccini, scatta obbligo certificazione: due bambini allontanati nel Lazio da scuola. Grillo: «Numeri della copertura vaccinale sono alti, il dibattito ha funzionato»
I presidi: «Rischiamo denunce per abuso di atti d’ufficio ma applichiamo soltanto la legge». Nel Movimento Cinque Stelle fronda chiede che i ragazzi siano fatti entrare a scuola
di Isabella Faggiano
Vaccini, scatta l’ora x: niente scuola per bambini 0-6 anni senza certificazione. Grillo: «Tutti hanno avuto il tempo per mettersi in pari»
Multe ai genitori, invece, per i bambini di elementari, medie e superiori fino a 16 anni. Intanto vaccinati in aumento secondo i dati del Ministero: in molti casi superata soglia del 95%
Obbligo vaccinale, Salvini chiede decreto per permettere ai bambini non vaccinati di restare a scuola. Grillo: «Sarà Parlamento a superare legge Lorenzin»
Il 10 marzo scadono i termini per presentare i documenti attestanti l’avvenuta vaccinazione. «Evitare traumi ai più piccoli», sottolinea il Ministro dell’Interno. Ma da Lungotevere Ripa fanno sapere che fino a che la legge non cambia, i bambini non vaccinati non potranno essere in aula
Giappone, emergenza morbillo per colpa di religione no-vax
Dall’inizio dell’anno, in Giappone sono stati registrati oltre 170 nuovi casi di morbillo. È la crisi peggiore che il Paese è chiamato ad affrontare nell’ultimo decennio, che coinvolge 20 delle 47 prefetture nipponiche, e tra le cause c’è anche la religione. Quasi tutti i 49 casi registrati nella prefettura di Mia riguardano infatti membri del […]
Morbillo, OMS: «Nel 2018 record di casi in Europa. Oltre 82mila contagi e 72 morti»
Nei 53 Paesi della regione aumentano anche le coperture vaccinali, ma i gap esistenti a livello locale lasciano le porte aperte al virus. I dati dell’Organizzazione Mondiale della Sanità
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone