Salute 4 Luglio 2018 10:16

Vaccini, otto raccomandati agli operatori sanitari. La Torre (infettivologo): «L’obbligo non serve, è una questione di buona prassi»

«Si vaccinano contro l’influenza stagionale circa un quarto dei medici e un sesto degli altri professionisti sanitari, infermieri compresi.  Germania e Spagna tra i paesi più virtuosi d’Europa». L’intervista a Giuseppe La Torre, professore associato del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie infettive dell’università la Sapienza di Roma

di Isabella Faggiano
Vaccini, otto raccomandati agli operatori sanitari. La Torre (infettivologo): «L’obbligo non serve, è una questione di buona prassi»

«Influenza stagionale, epatite B, tubercolosi, morbillo, rosolia, varicella, parotite e pertosse. Sono queste le otto vaccinazioni che il ministero della Salute raccomanda a tutti gli operatori sanitari». Per Giuseppe La Torre, professore associato del dipartimento di Sanità Pubblica e Malattie infettive dell’università la Sapienza di Roma,  i  vaccini sono «un modo efficace per proteggere se stessi, ma anche i propri pazienti e i familiari che gli sono accanto».

Perché tutelarsi proprio contro queste otto patologie? «Perché – ha risposto La Torre – è facile che gli operatori sanitari vi possano entrare in contatto o che diventino loro stessi veicolo di trasmissione».

Un pericolo soprattutto quando si lavora tra persone particolarmente fragili: «Esistono dei reparti in cui sarebbe improponibile non essere vaccinati – ha sottolineato La Torre – Mi riferisco soprattutto a pediatria, terapia intensiva, terapia intensiva neonatale. Tutti quei luoghi in cui i pazienti sono più a rischio di altri e, di conseguenza, solo la vaccinazione dell’operatore sanitario può proteggere entrambi».

Ma né in questi, né in altri reparti ci sono obblighi, esistono solo raccomandazioni. Fatto salvo per qualche eccezione: «in Italia – ha spiegato il professore – ci sono Regioni che stanno legiferando in materia. L’Emilia Romagna, e più recentemente anche la Puglia, obbligano i professionisti sanitari, che lavorano in determinati reparti, a vaccinarsi»

Per il professore La Torre «scegliere di vaccinarsi è sicuramente una questione di etica, ma anche una necessità pratica. Se dovesse scoppiare un’epidemia chi sono i primi a dover intervenire? Sicuramente i professionisti sanitari – ha sottolineato il professore, rispondendo al suo stesso quesito – E potranno farlo tempestivamente, senza correre alcun rischio, solo se già vaccinati».

Quanti contagi tra gli operatori sanitari potrebbero essere evitati grazie ad una vaccinazione diffusa? «Lo scorso anno – ha commentato il professore – si sono verificati circa 5 mila casi di morbillo nel nostro Paese, di cui poco meno del 10%  dei casi tra gli operatori sanitari, non vaccinati nella stragrande maggioranza dei casi.  Dati di revisioni sistematica dimostrano che, ogni anno, si vaccinano contro l’influenza stagionale circa un quarto dei medici e un sesto degli altri professionisti sanitari, infermieri compresi. Numeri che lasciano l’Italia molto lontana da situazioni virtuose come quella australiana o dei più vicini Paesi europei, come Germania e Spagna».

Seguire questi buoni esempi si può e per La Torre le “imposizioni” non servono: «noi – ha detto – vogliamo arrivare ad una buona prassi che non significa obbligare i professionisti sanitari a vaccinarsi, piuttosto – ha concluso il professore –  diffondere una vaccinazione consapevole».

Articoli correlati
Report Gimbe, casi e morti scendono ancora. L’85% degli over 60 ha ricevuto almeno una dose, ma ora preoccupa la vaccinazione eterologa
In discesa per la nona settimana consecutiva casi, ospedalizzazioni e decessi. La vaccinazione in Italia procede con 46 milioni di dosi consegnate. Per Fondazione Gimbe su AstraZeneca e la vaccinazione eterologa però, Ministero della Salute e Aifa devono produrre una nota congiunta
Cocktail vaccini, Cifaldi: «Pochi studi, avventate le dichiarazioni sulla sicurezza»
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
di Luciano Cifaldi, segretario generale Cisl Medici Lazio
Mix vaccini, Scotti (FIMMG): «Inaccettabile vaghezza dell’AIFA». Anelli (FNOMCeO): «Medici e cittadini disorientati»
Il segretario della Federazione Italiana Medici di Medicina Generale e il Presidente della Federazione degli Ordini criticano aspramente la scelta di procedere con la vaccinazione eterologa per gli under60 vaccinati con AstraZeneca
AstraZeneca solo agli over 60, per il richiamo dei più giovani si userà Pfizer o Moderna
Le nuove raccomandazioni del Cts saranno recepite dal governo in modo perentorio. Speranza: «Passano in zona bianca Emilia Romagna, Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia e Provincia autonoma di Trento»
AstraZeneca ai più giovani, Speranza: «Discussione in corso in Cts»
Le interrogazioni al ministro della Salute: «Il profilo rischio-beneficio risulta progressivamente più favorevole all'aumentare dell'età. Di queste valutazioni terrà conto il Cts. Tutti i vaccini approvati da Ema e Aifa sono sicuri ed efficaci»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM