Lavoro 17 Marzo 2020 15:40

Coronavirus, parla il primo medico contagiato a Milano: «Ho avuto paura, ma ho vinto la mia battaglia»

Il professor Angelo Valerio Marzano, dermatologo al Policlinico di Milano, è tornato a casa dopo 16 giorni di ricovero al Sacco: «Contagiato a febbraio ad un congresso a Monaco, sono stato il primo infetto al di fuori del lodigiano». Poi aggiunge: «Possiamo farcela, sanità lombarda esempio per tutto il mondo»

di Federica Bosco

Il professor Angelo Valerio Marzano ha vinto la sua battaglia contro il Covid-19. Dopo 16 giorni di ricovero all’ospedale Sacco,, il dermatologo del Policlinico, primo caso di Coronavirus a Milano, è finalmente tornato a casa per affrontare l’isolamento domiciliare. Una storia a lieto fine che il professore collegato via Skype ci racconta con il sorriso.

«Ora sto bene, i sintomi sono regrediti, mi è rimasta solo una lieve tossetta e poi quella mancanza parziale del gusto e dell’olfatto che è tipica di chi ha il Coronavirus».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS A MILANO, PARLA IL DERMATOLOGO DEL POLICLINICO CONTAGIATO: «IL PEGGIO E’ PASSATO»

Un percorso in salita contro una malattia sconosciuta che il Professore ha dovuto affrontare dopo un viaggio di lavoro: «Tutto è iniziato in Germania durante un convegno sulle malattie infiammatorie rare – racconta -. La notte del 20 febbraio ho cominciato ad avere forti brividi. Il giorno successivo con un semplice antinfiammatorio sono riuscito a terminare il lavoro e a prendere l’aereo per tornare a Milano, ma verso sera si sono manifestati febbre, tosse e raffreddore. Il giorno successivo la febbre è salita ed ho pensato, anche spinto dalla mia compagna, che valesse la pena contattare i colleghi del Sacco. Così mi sono recato in ospedale e ho eseguito il tampone, che è risultato positivo il 23 febbraio. Erano tutti sorpresi per il risultato, perché avevo rotto i criteri epidemiologici. Fino ad allora l’infezione era rimasta confinata alla zona rossa di Codogno, e l’altro fattore significativo di rischio era il contatto con persone provenienti dalla Cina. Quindi ho questo triste primato di essere stato il primo infetto al di fuori di questo circuito, e in un certo senso il testimonial di quella diffusione dell’infezione che poi si è avuta e che tutti purtroppo conosciamo».

Sono stati due i momenti particolarmente difficili durante il ricovero all’Ospedale Sacco, che il professor Marzano ci racconta con molta lucidità: «Il primo dopo l’aver realizzato di essere positivo. Quando la febbre è salita ho avuto paura, anche se i colleghi hanno dato un’interpretazione corretta, che poi è stata supportata da evidenze successive. Il rialzo febbrile è legato alla produzione di citochine, che sono molecole infiammatorie. Il secondo momento brutto è stato il 4 marzo, quando sembrava fatta ma la febbre è risalita e una lastra ha evidenziato una polmonite interstiziale non grave, perché io per fortuna non ho avuto sintomi respiratori acuti, quindi non ho mai avuto bisogno dell’ossigeno o della respirazione assistita. Il polmone però era sembrato indenne e invece poi una lieve polmonite c’era. Poi il 9 marzo sono scesi la febbre e l’indice di infiammazione (TCR), la lastra è migliorata, il tampone è risultato negativo e sono stato dimesso per l’isolamento domiciliare».

LEGGI ANCHE: CORONAVIRUS, L’APPELLO DI MEDICI E INFERMIERI: «LA PRIORITA’ DEVE ESSERE CHI CURA E ASSISTE»

Un ritorno a casa che ha il sapore di una vittoria resa possibile dopo una terapia a base di antivirali, come lo stesso Marzano ci spiega nel dettaglio: «Mi è stata fatta una terapia di associazione di due antivirali un tempo usati nella terapia contro l’Aids, e l’idrossiclorochina che è un antimalarico e antinfiammatorio. I due antivirali sono stati usati perché in laboratorio si è visto che sembrano inibire la replicazione virale di questo virus. La cosa importante sarà ripetere al termine dell’isolamento domiciliare, il 23 e il 24 marzo, due tamponi, nasali e faringei, che se risulteranno negativi mi consentiranno di tornare a lavorare».

«Voglio lanciare un messaggio positivo – conclude il dermatologo del Policlinico prima di congedarsi da noi -. Io sono convinto che alla lunga, anche se ora è difficile quando, ce la faremo. Tutta l’Italia ce la farà, ma vorrei sottolineare che la sanità lombarda ha dimostrato di essere da esempio per il mondo intero».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo
Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I casi in Italia Il bollettino di oggi (15 ottobre): Ad oggi in Italia il totale delle persone […]
Liste d’attesa e fondi a Regioni per recupero prestazioni sanitarie, Cittadinanzattiva: «Disomogeneità e poca trasparenza»
Le PA sono state interpellate su emanazione del piano regionale per il recupero delle liste d'attesa e fondi previsti, programmi/azioni per il recupero delle liste d'attesa, numero prestazioni effettivamente recuperate e ancora da recuperare
Il vaccino anti-Covid può causare infertilità?
Una delle preoccupazioni alla base della resistenza di molte persone alla vaccinazione anti-Covid riguarda le presunte ricadute sulla fertilità maschile. Uno studio del dipartimento di Urologia della University of Miami Miller School of Medicine prova a dare una risposta
Biobanche, Lavitrano (BBMRI Italia): «Ecco come funzionano e a cosa servono»
«Incoraggiamo una sinergia tra le Biobanche di ricerca e quelle terapeutiche, affinché il materiale biologico donato a scopi terapeutici, e non utilizzato, possa essere destinato alla ricerca»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 15 ottobre, sono 239.611.288 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.882.126 i decessi. Ad oggi, oltre 6,57 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?