Salute 24 Febbraio 2020

Coronavirus a Milano, parla il dermatologo del Policlinico contagiato: «Il peggio è passato»

«In un primo momento non sono stato sottoposto al tampone perché non rientravo nel protocollo. Poi sabato le direttive sono cambiate e sono risultato positivo al virus». Chiuso, in via precauzionale, il suo reparto e tampone per 4 specializzandi. Ma al Policlinico la situazione è sotto controllo

di Federica Bosco
Immagine articolo

È praticamente guarito il dermatologo del Policlinico di Milano ricoverato domenica scorsa all’ospedale Sacco per una polmonite e risultato positivo al Coronavirus.  Sarebbe dovuto uscire oggi, ma avendo ancora una carica virale attiva potrebbe essere ancora contagioso e dunque la permanenza al Sacco si protrarrà per qualche giorno. La notizia arriva direttamente dal Policlinico che oggi ha comunque deciso di sospendere l’attività ambulatoriale di dermatologia, pur nella convinzione che non ci sia stato alcun contagio.

LEGGI ANCHE: «SIAMO COME SOLDATI AL FRONTE A MANI NUDE». IL GRIDO D’ALLARME DEI SINDACATI: «MANCANO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE»

«Il peggio è passato – dichiara il medico ancora in isolamento attraverso la direzione del Policlinico –. Ora sto bene e non vedo l’ora di tornare a casa. Quando ho avuto i primi sintomi, dieci giorni fa, ho capito che qualcosa non andava quando il malessere generale non passava e sono comparsi i primi sintomi di difficoltà respiratoria. Per scrupolo mi sono rivolto all’ospedale Sacco, e ho fatto bene. In un primo momento non sono stato sottoposto al tampone perché non rientravo nel protocollo rigido previsto dal ministero della Salute».

A ritardare gli accertamenti del medico sono stati infatti alcuni aspetti burocratici. Secondo le disposizioni del protocollo, il dermatologo non rientrava in alcuna tipologia di paziente a rischio: non proveniva dalla cosiddetta zona rossa, non aveva fatto viaggi in Cina o incontrato persone provenienti da quel Paese, quindi nonostante i sintomi influenzali e la difficoltà respiratoria diventata poi polmonite, non è stato sottoposto al tampone. «Sabato scorso le direttive sono cambiate ed allora, nel momento in cui ero in procinto di essere dimesso – riprende il dermatologo del Policlinico – mi hanno fatto il tampone che è risultato positivo. Ora mi sento bene, ma il virus è ancora in circolo, nei prossimi giorni la carica diminuirà fino ad azzerarsi. Quando il tampone sarà negativo e quindi non sarò più contagioso, potrò fare ritorno a casa».  Nel frattempo, la famiglia del medico – che vive a Milano – è stata sottoposta al tampone che è risultato negativo, ma verrà riproposto più avanti.

«Il medico in questione – ci informano dall’ufficio stampa dell’ospedale – è stato all’estero per circa venti giorni nell’ultimo mese per convegni in Grecia e in Germania. La sua permanenza in ospedale si è ridotta a due giorni durante i quali non ha visitato alcun paziente. In via precauzionale sono state fatte decine di tamponi a personale medico e pazienti che hanno manifestato sintomi influenzali e a quattro specializzandi che hanno avuto contatti col medico».

Tutto sembra essere sotto controllo al Policlinico dove, nonostante l’emergenza Coronavirus, il personale riesce a far fronte alla grande mole di lavoro: «Dei 4mila dipendenti solo 14 provengono dalla zona rossa. 12 sono amministrativi e due infermieri. Un numero esiguo che è stato facilmente sostituito in reparto – ci fanno sapere –. Chiudendo l’ambulatorio di dermatologia, poi, gli infermieri possono essere dirottati nei reparti e dunque non siamo in una situazione di emergenza medica. Anche i tamponi non rappresentano un problema. Sono disponibili e vengono effettuati a tutti coloro che manifestano sintomi riconducibili ad un’infezione da Coronavirus».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 293.025 (1.585 in più rispetto a ieri). 101.773 i […]
Coronavirus, nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive
Nella settimana 9-15 settembre si stabilizza l’incremento dei nuovi casi, ma cala di oltre 58mila il numero dei tamponi. Il report di Gimbe
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
Coronavirus e cariche virali: a dieci anni resta positivo (e in isolamento) per tre mesi con pochissimi sintomi
Due studi dell’Istituto Villa Santa Maria di Como, pubblicati sul Journal of Infection, approfondiscono casi asintomatici fra bambini e adolescenti dimostrando che possono risultare positivi al tampone per lunghi periodi a causa della cariche virali alte
Coronavirus, Sipps: «Rafforzare medicina territoriale, 30mln di tamponi in autunno»
I pediatri chiedono il potenziamento della medicina territoriale e suggeriscono tre azioni strategiche contro nuovi contagi e morti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»