Lavoro 12 aprile 2016

Aumenti salariali, assunzioni e formazione: sul contratto dei medici ora si fa sul serio

Sbloccate le macro-aree: al via le procedure per la firma. I sindacati incalzano il governo per i fondi e le Regioni per i fabbisogni. Tempi più brevi per l’abilitazione: niente più tirocinio

Immagine articolo

Ora assunzioni e aumenti salariali. Ruolo del medico e formazione (intesa come accesso alla professione) sono stati i temi che hanno monopolizzato gli incontri di queste ultime settimane tra i sindacati ed il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. Ora, però, sembra essere arrivato il momento di spingersi oltre.

Di riunione in riunione è emersa la necessità di cominciare a ragionare sui numeri e, di conseguenza, sui fondi, chiamando in causa anche il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF).

Raggiunta l’intesa all’Aran sulle macro-aree (ridotte da 11 a 4) non ci sono effettivamente più ostacoli per avviare le trattative. L’Intersindacale in una nota ha detto chiaramente che «ora il Governo non ha più alibi» e la questione ha fatto già capolino nell’ultimo vertice al Ministero della Salute. Al tavolo c’erano anche MIUR e Regioni e, pur ragionando soprattutto sulla delega del lavoro in Sanità derivate dall’articolo 22 del patto della Salute, si è inevitabilmente anche parlato di organici e contratto. Cgil, Cisl e Uil medici hanno proposto di eliminare il tirocinio abilitando i medici già al momento della laurea, come avviene in tutta Europa (i tre mesi di “stage” cui segue un esame con sporadiche sessioni annuali allunga di molto i tempi per accedere alle scuole post laurea).

Una proposta che ha trovato ampia condivisione su tutti i fronti ed è stata rafforzata dall’ipotesi di contrattualizzare gli specializzandi dell’ultimo biennio «in modo tale da agevolare il loro inserimento nella rete ospedaliera regionale – spiega Riccardo Cassi, presidente di Cimo – e abbreviare i tempi previdenziali. Sia chiaro – precisa – che queste assunzioni non vanno ad incidere sui fabbisogni che le Regioni stanno per comunicare al Ministero: bisogna comunque assumere per risolvere il problema dei turni massacranti». Una soluzione che non convince, però, i giovani medici che hanno espresso le loro perplessità al riguardo in una successiva riunione convocata al Ministero della Salute con tutte le associazioni di riferimento dei futuri camici bianchi: «Rimane inalterata la nostra posizione – afferma Andrea Silenzi, presidente del SIGM – e quindi da parte nostra arriva un forte no per l’utilizzo di specializzandi contrattualizzati nell’ultimo biennio perché c’è il rischio che diventino tappabuchi di un sistema che al momento non è razionale. Questo perché manca l’ accreditamento delle unità operative, fermo da 14 mesi. È necessario partire da lì per creare reti formative reali e non spostare forza lavoro a basso costo visto che c’è un blocco del turn over che tarda e a sbloccarsi. Senza dimenticare la questione calda del monte orari legata alle carenze degli organici. Non vogliamo essere noi i risolutori dell’inappropriatezza organizzativa delle Regioni». «Abbiamo chiesto subito lo sblocco del DCPM sui precari – interviene Biagio Papotto, presidente di Cisl medici – e sul contratto saremo chiari con il governo che deve metterci i soldi per sedersi al tavolo».

Fondi e programmazione come suggerisce Aldo Grasselli, segretario del SIVEMP, il sindacato dei Medici Veterinari: «Senza programmazione nel Ssn si arriva alla guerra tra poveri: i medici si continueranno a contendere le scuole di specializzazione, i posti non saranno coperti perché mancheranno gli specialisti ed in questa maniera il Ssn rischia di crollare. La gobba demografica dei medici è al suo massimo, siamo in procinto di pensionare il 30% dei medici e dei veterinari. Contestualmente il personale non può essere assunto a 45 anni perché deve portare energie fresche, voglia di fare, capacità di innovare nell’interesse dei pazienti».

«Vi è una sperequazione – fa notare Pina Onotri, segretaria dello SMI – che produce un imbuto formativo e crea disoccupati laureati. Le stime attuali dicono che al momento su 96mila laureati ci sono solo 80mila specializzati. C’è un gap di 16mila professionisti che non hanno accesso al Ssn e vanno a riempire aree di sottoccupazione e precariato nelle strutture private. Anche questa diventa una questione fondamentale al momento di discutere il contratto, ma bisognerà fare i conti con i vincoli economici sui quali non ci siamo ancora confrontati».

Sulla battaglia al precariato i sindacati non sono disposti a fare sconti al governo: «Vanno aboliti tutti i contratti atipici – afferma ancora Cassi – e trasformati in assunzioni a tempo indeterminato e determinato. Su questo punto abbiamo ridotto le distanze anche con le Regioni. Ora però avanti con il contratto: c’è un mese e mezzo di tempi tecnici, ma poi si deve arrivare alla firma definitiva».

Articoli correlati
AME, nominati nuovi vertici. Guastamacchia (neopresidente): «Continuare ottimo lavoro con attenzione a giovani e pazienti»
La carenza dei medici tocca da vicino anche l’endocrinologia. Il presidente uscente AME (Associazione medici endocrinologi) Vincenzo Toscano mette in guardia: «Il numero degli endocrinologi è basso: è necessario potenziarne la figura nei diversi setting assistenziali»
Vodafone e Fondazione Santa Lucia IRCCS presentano il progetto “Sport per Tutti”
Fondazione Santa Lucia IRCCS e Fondazione Vodafone Italia presentano “Sport per Tutti”, progetto che mira a coinvolgere bambini e giovani con disabilità nella pratica sportiva. All’evento, in programma martedì 9 ottobre ore 10.30 al Centro Congressi dell’IRCCS Santa Lucia a Roma, interverranno anche Flavio Insinna, supporter della squadra di Basket in Carrozzina della ASD “Giovani […]
Regione Lazio, D’Amato: «400mila euro per nuova camera calda ospedale Velletri»
La Regione Lazio ha approvato in Giunta una delibera per assegnare alla Asl Roma 6 un finanziamento di 400 mila euro per la realizzazione della Camera Calda dell’ospedale “Paolo Colombo” di Velletri. Si tratta del locale collegato con il Pronto Soccorso e la Medicina d’urgenza nel quale arrivano i mezzi di soccorso e in cui […]
Alcol e giovani, la campagna di Eurocare ‘Fyfa’. La presidente Codenotti: «Obiettivo sensibilizzare mondo dello sport»
«Purtroppo i nostri ragazzi si trovano spesso in un contesto che enfatizza l’aspetto sociale e di divertimento legato all’alcol», spiega la numero uno dell’associazione non governativa che ricorda i danni che il consumo di bevande alcoliche può provocare soprattutto tra i giovanissimi
Durante il corso di medicina generale ho continuato a fare il medico di continuità assistenziale: ho diritto ugualmente al rimborso?
Durante lo svolgimento del corso la legge ritiene ammissibili solo le sostituzioni a tempo determinato (art. 19 co. 11 della l. 448/2001) dei medici di medicina generale convenzionati con il SSN e le guardie mediche notturne, festive e turistiche. Se la sua attività rientra in queste casistiche può sicuramente presentare la richiesta di risarcimento. Diversamente, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

E-fattura, Marino (OMCeO Roma): «Dal 2019 cambia tutto, professionisti sanitari si attivino o rischio sanzioni»

«Per attivare la procedura occorre il ‘sistema d’interscambio’: ecco come funziona» così Emanuela Marino dell’Ufficio relazioni con il pubblico dell’OMCeO Roma parla delle novità in mate...
Salute

Endometriosi, arriva nuovo Ddl: 25 milioni per la ricerca e bonus malattia. Sileri (Comm. Sanità): «Prevenzione e tutela contro patologia subdola»

Per contrastare il ritardo nella diagnosi il disegno di legge presentato al Senato prevede corsi di formazione per ginecologi e medici di famiglia e una Giornata nazionale per parlare della malattia. ...
Politica

Sunshine Act, ecco cosa prevede Ddl trasparenza. Il relatore Baroni (M5S): «Così si previene corruzione. Per i medici no oneri burocratici»

Il provvedimento, in discussione in Commissione Affari Sociali, è sul modello di una analoga legge francese. Soglia minima per la dichiarazione è 10 euro: l’obbligo sarà in capo alle industrie sa...