Lavoro 11 Maggio 2022 11:12

Telecamere e istruttori antiviolenza: Regioni corrono ai ripari contro le aggressioni ai sanitari

Nel post Covid impennata di aggressioni fisiche (+40%) e verbali (+90%). Il Veneto formerà 90 istruttori per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. In Lombardia le ambulanze saranno dotate di telecamere e un operatore sanitario avrà la bodycam. De Corato (assessore sicurezza) «Strumenti utili per il forte valore dissuasivo che possono avere in caso di azioni violente e atti vandalici»

Telecamere e istruttori antiviolenza: Regioni corrono ai ripari contro le aggressioni ai sanitari

Le aggressioni fisiche e verbali nei confronti di medici e operatori sanitari non sembrano attenuarsi, anzi nel post Covid la situazione è peggiorata ovunque ed il fenomeno ha fatto registrare una impennata di aggressioni fisiche con un +40% e verbali +90%. Nella mira dei pazienti aggressori e dei loro famigliari in particolare sembrano essere le donne medico e infermiere (70% dei casi) che nell’emergenza urgenza sale all’80,2%.

Per quanto riguarda invece le aggressioni fisiche i più bersagliati sono i medici impegnati nei reparti psichiatrici e nel Pronto Soccorso da cui si generano prognosi di astensione dal lavoro tra i 3 e i 100 giorni. Per correre ai ripari le regioni stanno mettendo in atto azioni di contrasto volte a frenare il fenomeno.

In Veneto si formano istruttori antiviolenza

Tra le regioni più attive c’è il Veneto che ha avviato un corso di formazione per 90 istruttori antiviolenza, personale proveniente da tutte le aziende sanitarie del territorio, che dovrà poi, in un secondo momento, essere inserito capillarmente all’interno delle singole realtà per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. La formazione di queste figure è affidata alla Fondazione Scuola di Sanità Pubblica con la U.O.C Rischio clinico di Azienda Zero. Un percorso che prenderà il via a giugno e in circa sei mesi permetterà, a fine 2022, di avere il personale preparato per contrastare l’onda di aggressioni che colpisce medici e infermieri.

Tra le nozioni fornite, la capacità di gestire i momenti di paura in una situazione di profondo stress, l’autocontrollo, l’autodifesa e ancora le norme che regolano la materia e che a detta dei più sembrano non essere ancora sufficienti per diventare un deterrente alla violenza.  «Una vera e propria task force che andrà a sostegno dei nostri operatori – fa sapere l’assessore alla sanità Manuela Lazzarin – Abbiamo predisposto inoltre un documento di indirizzo relativo alle aggressioni e agli atti di violenza a danno degli Operatori sanitari, prevenzione e gestione di eventi e linee di indirizzo per gli operatori del servizio sanitario. L’obiettivo è favorire la crescita di un percorso di prevenzione per ridurre il rischio di violenza a danno degli operatori ed al tempo stesso aumentare la consapevolezza degli stessi sull’argomento».

Lombardia stanzia 500 mila euro per installare telecamere sulle ambulanze e 600 mila per le bodycam

Dal Veneto alla Lombardia l’obiettivo non cambia, imperativo è mettere un freno alle aggressioni al personale medico e sanitario impegnato sul territorio e negli ospedali. E siccome ad essere in cima alla lunga lista di vittime di aggressione ci sono medici e infermieri del 118, Regione Lombardia ha approvato lo stanziamento di una prima trance di 500 mila euro per predisporre telecamere di video sorveglianza a bordo dei mezzi di soccorso, a cui si aggiungerà una seconda da 600 mila euro, nel momento in cui entreranno in vigore le bodycam per gli operatori sanitari impiegati sulle ambulanze.

Nell’ambito di un questionario somministrato nel secondo semestre 2021, infatti, il 64% del personale tecnico e sanitario operante a bordo dei mezzi di soccorso regionali, (899 operatori su 1.403 che hanno compilato il questionario) – ha dichiarato di essere stato vittima di almeno un atto di violenza durante l’attività lavorativa a bordo dei mezzi di soccorso.

La videosorveglianza

Numeri che non sono passati inosservati ed hanno portato la Giunta ad approvare la proposta fatta dall’assessore alla sicurezza Riccardo De Corato: «In sinergia con Areu (Agenzia regionale emergenza urgenza) – ha dichiarato – abbiamo fortemente voluto la presenza di apparecchi di videosorveglianza sui mezzi di soccorso sanitario. Le telecamere sono utili anche in caso di azioni violente e atti vandalici. Regione Lombardia è particolarmente attenta alla sicurezza del personale, sempre più spesso minacciato e preso di mira. Inoltre, il personale sanitario spesso arriva prima delle forze dell’ordine sui luoghi dove sono avvenuti fatti delittuosi e avere uno strumento che li tuteli è necessario. Si pensi che solo a Milano nel 2021 AREU ha soccorso 2412 persone a seguito di eventi violenti tra le quali 307 liti, 210 risse, 128 assalti all’arma bianca e 7 sparatorie».

Almeno un componete della squadra di soccorso dovrebbe dunque essere dotato di una delle 800 bodycam previste che dovranno essere in grado di registrare interamente ed inviare lo stream in tempo reale. Con l’attivazione della registrazione partirà un alert all’operatore di centrale (SOREU) che, a fronte di centinaia di missioni di soccorso sanitario sul territorio, sarà in grado di focalizzare immediatamente l’attenzione sull’evento in corso e agire tempestivamente.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Violenza fisica e verbale su operatori sanitari: trend in crescita. Patto tra istituzioni, sindacato e aziende ospedaliere
In occasione della prima giornata nazionale contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari, (12 marzo) in Regione Lombardia una tavola rotonda organizzata dal consigliere del Movimento 5 Stelle Gregorio Mammì ha messo a confronto medici, infermieri, sindacati, aziende sanitarie e politica con l’obiettivo di trovare sinergie per ridimensionare il fenomeno
Violenza contro sanitari, Inail: «Tre quarti delle aggressioni riguardano donne. Tecnici salute i più colpiti»
Il 46% degli assalti avviene in ospedali e cliniche. Il 28% nei servizi di assistenza sociale residenziale. In occasione della Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e sociosanitari che si celebra il 12 marzo, l’Istituto analizza gli infortuni lavorativi derivanti da aggressioni e minacce
«Il turpiloquio e l’acredine la ferirono più di una lama di coltello»
di Emilio Piccione, Prof. Emerito Ginecologia e Ostetricia Tor Vergata
di Emilio Piccione, Prof. Emerito Ginecologia e Ostetricia Tor Vergata
«Noi medici aggrediti, vittime della rabbia e della solitudine. Non abbandonateci»
All’indomani dell’ennesimo episodio di violenza ai danni di una collega l’appello del presidente del presidente dell’OMCeO di Brindisi, Antonio Oliva. Il grido d’allarme della dottoressa di guardia medica che ha ispirato il docufilm “Notturno”: «Io sono viva per raccontare quello che ho subito, altre colleghe no»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali