Voci della Sanità 17 Maggio 2022 14:48

Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”

Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti

Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”

Nell’ambito del Congresso nazionale Simeu, svoltosi a Riccione dal 13 al 15 maggio, uno dei momenti rappresentativi è stato la consegna del premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”, istituito in occasione della Giornata nazionale contro la violenza agli operatori sanitari, celebrata lo scorso 12 marzo.

La Dottoressa Tiziana Frittelli, Presidente di Federsanità, e il Dottore Fabio De Iaco, Presidente Simeu hanno consegnato il premio a quattro aziende sanitarie e ospedaliere, scelte sulle novanta che hanno partecipato rappresentanti diciassette regioni italiane.

Federsanità, in occasione della premiazione, ha ricordato la proposta avanzata in occasione del 12 marzo: “È importante che i prossimi contratti collettivi del comparto e dell’Area Sanità contengano una prescrizione sulla obbligatorietà della segnalazione alla Procura da parte dell’azienda sanitaria di episodi di violenza e sulla necessità della costituzione di parte civile a tutela dei propri dipendenti aggrediti” ha affermato la dottoressa Frittelli.

E ha aggiunto: “Abbiamo avviato una raccolta di soluzioni innovative per la prevenzione degli atti di violenza a danno degli operatori sanitari e per il recupero degli stessi, dopo essere stati vittima di episodi di violenza, al fine di avere un quadro più aggiornato della situazione. Questo permetterebbe di offrire all’ “Osservatorio nazionale sulla sicurezza degli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie” – istituito con legge 14 agosto 2020, n. 113 presso il Ministero della Salute – uno strumento documentale attuale e concreto per programmare e promuovere azioni volte garantire la sicurezza del personale medico-sanitario”.

“E’ di stanotte l’ultimo tanto violento quanto ingiustificabile gesto verso i colleghi medici ed infermieri di Piacenza” – secondo la dott.sa Maria Pia Ruggieri – “Prevenire gli atti di violenza significa anche migliorare l’ambiente di lavoro, dare un segnale positivo di interesse verso i professionisti in prima linea che stanno attraversando un periodo di gravissime difficoltà. Questo Premio è particolarmente importante perché crea una strategica alleanza tra dirigenze e operatori.”

La Commissione ha individuato quattro tematiche per la valutazione e l’assegnazione delle onorificenze. I premiati sono stati:

Azienda Unità Sanitaria Locale di Bologna per “INFORMAZIONE EFFICACE AI CITTADINI”. Il premio è stato ritirato dal Dott. Alessio Bertini, Direttore UO Pronto Soccorso e Medicina Urgenza Ospedale Maggiore.

ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano per “FORMAZIONE DEGLI OPERATORI SANITARI”; il premio è stato ritirato dalla Dr.ssa Giorgia Saporetti, Direttore della S.C. Qualità e Rischio Clinico.

Azienda Ospedaliero-Universitaria Careggi di Firenze perPRESA IN CARICO DELL’OPERATORE AGGREDITO”; il premio è stato ritirato dall’Ing. Nicola Berti, Direttore UOC Servizio Prevenzione e Protezione dell’Azienda.

Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Foggia per “INNOVAZIONE E ORGANIZZAZIONE STRUTTURALE” e il premio è stato ritirato dalla Dott.ssa Russo Anna, Ufficio Stampa ASL Foggia e membro dell’Unità di Crisi Aziendale.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nei pronto soccorso piemontesi mancano 300 medici dei 640 previsti
La Simeu Regionale piemontese per quanto di propria competenza sui Pronto Soccorso precisa che si è conclusa da poco una ricognizione volta all’analisi della situazione dell’organico medico nei Pronto Soccorso della Regione
Telecamere e istruttori antiviolenza: Regioni corrono ai ripari contro le aggressioni ai sanitari
Nel post Covid impennata di aggressioni fisiche (+40%) e verbali (+90%). Il Veneto formerà 90 istruttori per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. In Lombardia le ambulanze saranno dotate di telecamere e un operatore sanitario avrà la bodycam. De Corato (assessore sicurezza) «Strumenti utili per il forte valore dissuasivo che possono avere in caso di azioni violente e atti vandalici»
Un approccio europeo per la presa in carico dei minorenni vittime di violenza assistita
Presentati a Milano i risultati di Children First, progetto europeo che mira a migliorare il livello di assistenza e di supporto in favore dei bambini vittime di violenza assistita
Guerra in Ucraina, lo choc delle violenze filmate e diffuse. Ma non è una novità
La psicologa spiega l'origine di fenomeni come la de-individuazione e l'effetto Lucifero, che portano l'essere umano a cambiare il suo comportamento
Violenza fisica e verbale su operatori sanitari: trend in crescita. Patto tra istituzioni, sindacato e aziende ospedaliere
In occasione della prima giornata nazionale contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari, (12 marzo) in Regione Lombardia una tavola rotonda organizzata dal consigliere del Movimento 5 Stelle Gregorio Mammì ha messo a confronto medici, infermieri, sindacati, aziende sanitarie e politica con l’obiettivo di trovare sinergie per ridimensionare il fenomeno
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali