Mondo 3 Maggio 2022 10:31

Un approccio europeo per la presa in carico dei minorenni vittime di violenza assistita

Presentati a Milano i risultati di Children First, progetto europeo che mira a migliorare il livello di assistenza e di supporto in favore dei bambini vittime di violenza assistita

Un approccio europeo per la presa in carico dei minorenni vittime di violenza assistita

Presentati a Milano i risultati di Children First, progetto europeo di Horizon Service, CISMAI, Ares 2.0, Center for Sustainable Communities Development, WOMEN’S CENTER OF KARDITSA, Dinamika Center Association, che mira a migliorare il livello di assistenza e di supporto in favore dei bambini vittime di violenza assistita, aumentando e rafforzando le competenze dei professionisti attivi in questo campo. Un progetto della durata di 2 anni che ha coinvolto 5 soggetti in Italia, Bulgaria e Grecia, 90 professionisti durante le attività formative, 200 stakeholder nelle attività di cascade training e migliorato la collaborazione pubblico-privata nelle fasi di rilevazione e trattamento grazie alla stipula dei protocolli operativi.

Linee guida operative transnazionali e protocolli locali che forniscono agli operatori pratiche e materiali di formazione per costruire moduli e attività volte ad aumentare le conoscenze e le competenze sui principali aspetti della violenza assistita, e diffondere una cultura della cooperazione tra professionisti che lavorano in diversi campi legati al fenomeno della violenza assistita.

«Per la prima volta le linee guida sviluppate da CISMAI sulla violenza assistita a livello nazionale sono state utilizzate in chiave sovranazionale. Un riconoscimento, dopo quello internazionale del Congresso ISPCAN del 2021, che rafforza ancora il nostro lavoro: modellizzare una prassi italiana che è stata riconosciuta da altri paesi europei (Grecia e Bulgaria) e che potrà da ora in poi essere messa a disposizione dell’intera Comunità Europea», ha commentato Rocco Briganti di CISMAI.

«Per Ares 2.0, quella dei minori è una priorità tematica su cui investe da molti anni. Children first rappresenta un tassello fondamentale in questo percorso di ricerca e comunicazione sociale: un percorso realizzato in sinergia con i nostri partner che ci ha dato la possibilità di sviluppare conoscenza e specializzazione che saranno alla base del nostro futuro», ha dichiarato Umberto Bettarini di Ares 2.0.

“Il progetto ha dato l’opportunità agli addetti ai lavori e non solo di aumentare l’attenzione, la sensibilità e la consapevolezza sulla necessità di mettere al centro i bisogni di protezione e cura dei bambini vittime di violenza assistita, attraverso servizi di assistenza specializzati e più coordinati tra di loro”, ha spiegato Stefano Calore di Horizon Service.

L’obettivo principale del progetto Children First è quello di contribuire alla piena applicazione dei 10 principi dei sistemi integrati di protezione dell’infanzia, migliorare le competenze dei professionisti, promuovere la multidisciplinarietà e rafforzare la cooperazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
“Alliance for woman’s Health”: per la cura della donna non solo farmaci
Per la prima volta gli esperti mondiali sulla ricerca dell’inositolo (EGOI) partecipano al congresso congiunto della Società Italiana di Fitoterapia e Integratori Ostetricia e Ginecologia (SIFIOG) e l’International Society of Dietary Supplements and Phytotherapy (ISDSP). Molte patologie ostetrico-ginecologiche richiedono, ormai, un approccio integrato
Depressione e malattie organiche, il legame killer che abbassa l’aspettativa di vita
Numerosi studi internazionali dimostrano un aumento della mortalità legata a patologie non trasmissibili nei soggetti affetti da disturbo depressivo
Ictus e dolore cronico: con TMS e EEG trattamenti “su misura” per il paziente
In un paper pubblicato dai ricercatori del Brain Plasticity Group presso il CIMeC, la tecnica della stimolazione magnetica transcranica potrebbe abbreviare e potenziare la riabilitazione. Ecco in cosa consiste
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali