Mondo 3 Maggio 2022 10:31

Un approccio europeo per la presa in carico dei minorenni vittime di violenza assistita

Presentati a Milano i risultati di Children First, progetto europeo che mira a migliorare il livello di assistenza e di supporto in favore dei bambini vittime di violenza assistita

Un approccio europeo per la presa in carico dei minorenni vittime di violenza assistita

Presentati a Milano i risultati di Children First, progetto europeo di Horizon Service, CISMAI, Ares 2.0, Center for Sustainable Communities Development, WOMEN’S CENTER OF KARDITSA, Dinamika Center Association, che mira a migliorare il livello di assistenza e di supporto in favore dei bambini vittime di violenza assistita, aumentando e rafforzando le competenze dei professionisti attivi in questo campo. Un progetto della durata di 2 anni che ha coinvolto 5 soggetti in Italia, Bulgaria e Grecia, 90 professionisti durante le attività formative, 200 stakeholder nelle attività di cascade training e migliorato la collaborazione pubblico-privata nelle fasi di rilevazione e trattamento grazie alla stipula dei protocolli operativi.

Linee guida operative transnazionali e protocolli locali che forniscono agli operatori pratiche e materiali di formazione per costruire moduli e attività volte ad aumentare le conoscenze e le competenze sui principali aspetti della violenza assistita, e diffondere una cultura della cooperazione tra professionisti che lavorano in diversi campi legati al fenomeno della violenza assistita.

«Per la prima volta le linee guida sviluppate da CISMAI sulla violenza assistita a livello nazionale sono state utilizzate in chiave sovranazionale. Un riconoscimento, dopo quello internazionale del Congresso ISPCAN del 2021, che rafforza ancora il nostro lavoro: modellizzare una prassi italiana che è stata riconosciuta da altri paesi europei (Grecia e Bulgaria) e che potrà da ora in poi essere messa a disposizione dell’intera Comunità Europea», ha commentato Rocco Briganti di CISMAI.

«Per Ares 2.0, quella dei minori è una priorità tematica su cui investe da molti anni. Children first rappresenta un tassello fondamentale in questo percorso di ricerca e comunicazione sociale: un percorso realizzato in sinergia con i nostri partner che ci ha dato la possibilità di sviluppare conoscenza e specializzazione che saranno alla base del nostro futuro», ha dichiarato Umberto Bettarini di Ares 2.0.

“Il progetto ha dato l’opportunità agli addetti ai lavori e non solo di aumentare l’attenzione, la sensibilità e la consapevolezza sulla necessità di mettere al centro i bisogni di protezione e cura dei bambini vittime di violenza assistita, attraverso servizi di assistenza specializzati e più coordinati tra di loro”, ha spiegato Stefano Calore di Horizon Service.

L’obettivo principale del progetto Children First è quello di contribuire alla piena applicazione dei 10 principi dei sistemi integrati di protezione dell’infanzia, migliorare le competenze dei professionisti, promuovere la multidisciplinarietà e rafforzare la cooperazione.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Virus respiratorio sinciziale, con anticorpo monoclonale alla nascita -70% di ricoveri
La somministrazione alla nascita di un farmaco contenente anticorpi contro il virus respiratorio sinciziale ha ridotto di circa il 70% i ricoveri nei bambini con meno di 6 mesi, in Lussemburgo, dove è stato introdotto questo programma di immunizzazione. Questi sono i dati che emergono da un'analisi coordinata dal ministero della Salute lussemburghese, i cui risultati sono stati pubblicati su Eurosurveillance
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
Allarme antibiotico-resistenza, molti farmaci non funzionano più contro comuni infezioni infantili
Uno studio dell'Università di Sidney ha concluso che molti farmaci per il trattamento di infezioni comuni nei bambini e nei neonati non sono più efficaci in gran parte del mondo.L'allarme è stato lanciato sulla rivista The Lancet Regional Health Southeast Asia
Scuola: logopedisti, in vacanza passatempi in famiglia per prepararsi alla Primaria
Il passaggio dalla scuola dell’infanzia alla “scuola dei grandi” può essere favorito dalla preparazione alle abilità di letto-scrittura, a vantaggio di un migliore rendimento scolastico o dell’intercettazione di piccoli con difficoltà di apprendimento. La Federazione dei Logopedisti (www.fli.it) sensibilizza alla problematica, invitando questa estate mamma, papà e bimbi a fare tanti giochi in famiglia
«Asma, il quartiere e l’inquinamento incidono sulla gravità. Anche nei bambini»
Simona Barbaglio, presidente dell’Associazione Nazionale Pazienti Respiriamo Insieme, commenta a Sanità Informazione i risultati di uno studio realizzato in USA e presentato alla Conferenza Internazionale ATS 2023, il quale mostra una forte associazione tra il quartiere di residenza, qualità dell'aria e rischio di riacutizzazioni dell'asma nei bambini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...