Lavoro 18 Agosto 2022 12:00

Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari

L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020

di Francesco Torre
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari

Una legge regionale per ampliare la tutela del personale sanitario dalle aggressioni sia fisiche che verbali. È l’iniziativa del consigliere regionale del Lazio Daniele Giannini (Lega) che vuole recepire alcune delle proposte lanciate da AMAD, Associazione Malattie, Ansia e Depressione, su impulso della psichiatra Marina Cannavò, già membro del Consiglio direttivo dell’Ordine dei Medici di Roma. AMAD da anni si batte per sensibilizzare istituzioni e pubblica opinione contro la piaga della violenza verso gli operatori della sanità, che negli ultimi mesi è tornata ad essere una emergenza.

Gli ultimi dati, del resto, segnalano che il fenomeno è molto ampio: secondo Anaao- Assomed il 55% dei medici ospedalieri ha subito almeno un episodio di violenza, mentre secondo Inail sono 2500 gli episodi di violenza denunciati ogni anno dagli operatori sanitari quale infortunio sul lavoro.

L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020 “Disposizioni in materia di sicurezza pei gli esercenti le professioni sanitarie e socio-sanitarie nell’esercizio delle loro funzioni”.

Dalla polizza alla costituzione di parte civile, la legge regionale

Il nocciolo della legge è l’articolo 2, in cui si specifica che gli Enti del servizio sanitario regionale “sostengono il personale vittima di violenza fisica, verbale, sessuale e di cyber-violenza oltreché di atti persecutori, nell’ambito di azioni in sede giudiziaria e nella fase prodromica all’avvio delle stesse, ivi compreso l’eventuale ricorso a consulenza in ambito civilistico o a consulenza tecnica di parte”.

Qualora decidessero di non costituirsi parte civile gli enti del SSR dovranno motivare alla commissione consiliare competente in materia di salute le eventuali scelte di non costituzione, in tutti i processi celebrati aventi ad oggetto i reati di diffamazione, minaccia e molestie sessuali.

Gli enti del servizio sanitario regionale dovranno istituire anche una polizza assicurativa a favore del personale che ha subito aggressioni nei luoghi di lavoro per la copertura totale delle tutele legali e sanitarie o per i costi del percorso assistenziale e di cure necessarie per il reinserimento lavorativo e per il recupero psicofisico del lavoratore.

La legge prevede anche il varo di un “Programma triennale di sicurezza, benessere e salute del personale degli enti del Servizio sanitario regionale”. Tra gli obiettivi quelli di promuovere la figura professionale dello psichiatra del lavoro, includere il rischio di violenza e molestie nei luoghi di lavoro, individuare un codice di accesso nei pronto soccorso dedicato ai pazienti potenzialmente violenti e ai lavoratori che hanno subito aggressioni sul posto di lavoro.

Inoltre si propone di istituire un centro di psichiatria del lavoro, dedicato agli operatori sanitari, sociali e amministrativi che abbiano subito episodi di violenza e necessitano di un percorso assistenziale, terapeutico, di reinserimento lavorativo e recupero psicofisico; e formare, con corsi realizzati da enti e associazioni in possesso di specifici requisiti in materia, il personale sanitario, socio-sanitario e amministrativo impiegato in particolare nelle aree più a rischio delle strutture del servizio sanitario regionale.

La legge promuove anche protocolli d’intesa con gli Uffici territoriali del Governo per potenziare la presenza delle forze di polizia nei pronto soccorso e nelle strutture del servizio sanitario regionale ritenute a più elevato rischio di violenza.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
«Sempre più medici e infermieri aprono la partita Iva», parla Nursing Up
Nursing Up denuncia la sempre maggiore fuga di medici e infermieri dalla sanità pubblica. Molti si licenziano e preferiscono aprire la partita Iva. I casi del Piemonte e dell'Emilia Romagna
La responsabilità del medico specialista
Ci occupiamo di un caso di responsabilità del medico specialista. Per la Cassazione questi non può considerarsi un mero esecutore
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Camici bianchi e operatori sanitari in corsa per un seggio in Parlamento. Speranza si candida in Campania
Tra i sottosegretari non si ricandida Pierpaolo Sileri, mentre Andrea Costa corre in Liguria. Candidata nel Lazio per Azione Annamaria Parente, presidente della commissione Sanità. In corsa anche Sandra Zampa, Andrea Mandelli e Marcello Gemmato, responsabili sanità di Pd, Forza Italia e Fratelli d’Italia. I virologi Andrea Crisanti e Pierluigi Lopalco candidati per il centrosinistra
di Francesco Torre
Medici cubani in Calabria, cosa è successo?
Il presidente della Regione Calabria Roberto Occhiuto ha siglato un accordo con il governo cubano per assumere poco meno di 500 medici a tempo indeterminato per far fronte alla gravissima carenza di personale. Una scelta, quella di Occhiuto, che ha sollevato un polverone di polemiche
Pronto soccorso in crisi, la ricetta di Monti (Dir. PS): «Occorre forte coordinamento ospedale-territorio»
«Oggi molte persone si rivolgono al Pronto soccorso perché si trovano in difficoltà, noi dobbiamo dare una riposta» spiega Manuel Monti, Direttore del Pronto soccorso dell’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi