Lavoro 10 Marzo 2022 17:03

Violenza contro sanitari, Inail: «Tre quarti delle aggressioni riguardano donne. Tecnici salute i più colpiti»

Il 46% degli assalti avviene in ospedali e cliniche. Il 28% nei servizi di assistenza sociale residenziale. In occasione della Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e sociosanitari che si celebra il 12 marzo, l’Istituto analizza gli infortuni lavorativi derivanti da aggressioni e minacce

Violenza contro sanitari, Inail: «Tre quarti delle aggressioni riguardano donne. Tecnici salute i più colpiti»

Nel quinquennio 2016-2020 l’Inail ha accertato più di 12mila i casi di infortunio sul lavoro codificati come violenze, aggressioni e minacce perpetrate nei confronti del personale sanitario. Una media di circa 2.500 l’anno. Lo rileva la Consulenza statistico attuariale dell’Istituto, in occasione della prima Giornata nazionale di educazione e prevenzione contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e sociosanitari che si celebra il 12 marzo.

Giornata contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari e sociosanitari

Istituita dalla legge n.113 del 14 agosto 2020, la Giornata è stata indetta lo scorso anno da un decreto del ministero della Salute di concerto con i ministeri dell’Istruzione e dell’Università e Ricerca. Il 12 marzo vengono promosse iniziative di educazione e sensibilizzazione per diffondere la cultura del rispetto e la ferma condanna a ogni forma di violenza verso il personale sanitario.

Inail: il 46% delle aggressioni al personale in ospedali e cliniche

Il 46% degli infortuni sul lavoro accertati dall’Inail e codificati come atti di violenza nei confronti del personale, è concentrato nel settore dell’assistenza sanitaria. Include ospedali, case di cura, istituti, cliniche e policlinici universitari. In particolare, il 28% si riscontra nei servizi di assistenza sociale residenziale. Parliamo di case di riposo, strutture di assistenza infermieristica e centri di accoglienza. Il restante 26% nel comparto assistenza sociale non residenziale.

Tre quarti degli assalti riguardano donne. Il 64% avviene in ospedali e case di cura

Riguardo al genere, tre quarti delle aggressioni riconosciute dall’Inail riguardano donne. Il 64% di questi attacchi verbali e fisici avviene in ospedali e case di cura e l’80% nelle strutture di assistenza sociale, residenziale e non.

Tecnici salute i più colpiti

La professionalità nel mirino degli aggressori è quella dei tecnici della salute, in cui sono concentrati più di un terzo del totale dei casi. Si tratta di infermieri, ma anche di educatori professionali. Sono professionisti normalmente impegnati in servizi educativi e riabilitativi con minori, tossicodipendenti, alcolisti, carcerati, disabili, pazienti psichiatrici e anziani all’interno di strutture sanitarie o socioeducative.

5% dei casi di aggressione in sanità per i medici

Seguono, con il 25% dei casi, gli operatori sociosanitari delle professioni qualificate nei servizi sanitari e sociali. E con il 15% le professioni qualificate nei servizi personali ed assimilati, soprattutto operatori socioassistenziali e assistenti-accompagnatori per persone con disabilità. Più distaccata, con il 5% dei casi di aggressione in sanità, la categoria dei medici, che non include nell’obbligo assicurativo Inail i sanitari generici di base e i liberi professionisti.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Aggressioni operatori sanitari, consegnato il premio Federsanità-Simeu “Curare la violenza”
Quattro le aree tematiche individuate dalla Commissione di Valutazione presieduta dalla dott.ssa Maria Pia Ruggieri, past president SIMEU per evidenziare impegno e buone pratiche sulla prevenzione della violenza contro medici ed infermieri messe a punto dalle tante aziende sanitarie e ospedaliere partecipanti
Telecamere e istruttori antiviolenza: Regioni corrono ai ripari contro le aggressioni ai sanitari
Nel post Covid impennata di aggressioni fisiche (+40%) e verbali (+90%). Il Veneto formerà 90 istruttori per diffondere la conoscenza del fenomeno e le strategie utili per affrontarlo. In Lombardia le ambulanze saranno dotate di telecamere e un operatore sanitario avrà la bodycam. De Corato (assessore sicurezza) «Strumenti utili per il forte valore dissuasivo che possono avere in caso di azioni violente e atti vandalici»
Violenza fisica e verbale su operatori sanitari: trend in crescita. Patto tra istituzioni, sindacato e aziende ospedaliere
In occasione della prima giornata nazionale contro la violenza nei confronti degli operatori sanitari, (12 marzo) in Regione Lombardia una tavola rotonda organizzata dal consigliere del Movimento 5 Stelle Gregorio Mammì ha messo a confronto medici, infermieri, sindacati, aziende sanitarie e politica con l’obiettivo di trovare sinergie per ridimensionare il fenomeno
«Il turpiloquio e l’acredine la ferirono più di una lama di coltello»
di Emilio Piccione, Prof. Emerito Ginecologia e Ostetricia Tor Vergata
di Emilio Piccione, Prof. Emerito Ginecologia e Ostetricia Tor Vergata
«Noi medici aggrediti, vittime della rabbia e della solitudine. Non abbandonateci»
All’indomani dell’ennesimo episodio di violenza ai danni di una collega l’appello del presidente del presidente dell’OMCeO di Brindisi, Antonio Oliva. Il grido d’allarme della dottoressa di guardia medica che ha ispirato il docufilm “Notturno”: «Io sono viva per raccontare quello che ho subito, altre colleghe no»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 1° luglio, sono 547.500.575 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.335.874 i decessi. Ad oggi, oltre 11,74 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...