Formazione 13 Settembre 2021 17:04

Boom aggressioni in sanità, da Consulcesi counselling per recuperare il rapporto medico-paziente

Da quando è scoppiata la pandemia, e ancor di più con l’inizio della campagna vaccinale anti-Covid, le aggressioni verbali e fisiche contro scienziati e operatori sanitari si sono moltiplicate. Oltre quelle che hanno colpito medici “famosi”, ce ne sono centinaia di altre lontane dai riflettori. Insieme alla sempre più diffusa cultura No Vax, questo è […]

Boom aggressioni in sanità, da Consulcesi counselling per recuperare il rapporto medico-paziente

Da quando è scoppiata la pandemia, e ancor di più con l’inizio della campagna vaccinale anti-Covid, le aggressioni verbali e fisiche contro scienziati e operatori sanitari si sono moltiplicate. Oltre quelle che hanno colpito medici “famosi”, ce ne sono centinaia di altre lontane dai riflettori. Insieme alla sempre più diffusa cultura No Vax, questo è il segno che il rapporto medico-paziente si sta progressivamente usurando.

«Recuperare si può e si deve – dice Massimo Tortorella, Presidente di Consulcesi – che annuncia così il lancio del corso di formazione professionale Ecm di Sanità In-Formazione per Consulcesi Club intitolato “Il counselling in ambito sanitario. Come costruire una relazione efficace con il paziente”. «Si tratta del nostro unico corso di aggiornamento professionale da 30 crediti, un numero importante se si considera che il prossimo 31 dicembre scade la proroga concessa agli operatori sanitari per assolvere ai propri obblighi formativi», sottolinea Tortorella.

Trentadue crediti sono tanti anche e soprattutto per il valore che in questo momento, più che mai, assume il counselling sanitario: «Il counselling sanitario è uno stile comunicativo che rende fertile la comunicazione con i pazienti, i caregivers e i colleghi», spiega Lucilla Ricottini, formatrice esperta nei campi della comunicazione in sanità e della gestione dei conflitti, nonché responsabile del nuovo corso Consulcesi. «La relazione con la cura è complessa come poche altre. Nel corso di formazione per i medici e i professionisti sanitari – continua – si è dato per scontato il possesso di abilità elementari sufficienti per costruire una relazione di cura soddisfacente. Nel passato nessuno si è occupato veramente a insegnare come entrare in una relazione, come stare e come chiudere e uscire una relazione di cura, ovvero il ciclo del contatto. In realtà, non tutti gli operatori sanitari, anche quelli particolarmente abili con la comunicazione quotidiana, sono dotati per natura di una specifica attitudine con la relazione interpersonale. Tra i modelli e approcci relazionali, il counselling sanitario rappresenta una proposta di grande valore».

Il corso si articola partendo dall’anatomia del sistema nervoso e dal funzionamento dei neurotrasmettitori, per poi passare alla biologia delle emozioni e alla teoria della comunicazione, arrivando poi al counselling, di cui si spiegano le radici, la teoria e diverse pratiche. Infine, viene descritta l’applicazione del counselling nello specifico ambito sanitario, anche come forma di prevenzione e gestione delle situazioni che generano violenza.

«Il percorso didattico proposto – spiega Ricottini – intende offrire gli strumenti per migliorare la qualità e l’efficacia della relazione tra professionista sanitario e paziente (e tra professionista e famiglia del paziente o colleghi), grazie allo sviluppo di maggiori capacità empatiche e all’acquisizione di competenze, tra cui: l’ascolto attivo, la riformulazione, le tecniche motivazionali e la gestione empatica dello stress e dei conflitti».

Il nodo centrale dell’attività del medico e di ogni professionista sanitario, secondo l’esperta, è la sua relazione con il paziente che di per sé è terapeutica: il medico stesso è la prima medicina. «Con il giusto approccio si può ottenere: adesione alla cura, attivazione delle risorse interne necessarie per affrontare la malattia, riduzione del vissuto ansioso e delle richieste di attenzione», sottolinea Ricottini. Anche la violenza e la generale sfiducia verso gli operatori sanitari, secondo l’esperta, si possono combattere con un’adeguata formazione. «Le abilità di counselling dovrebbero diventare parte integrante del bagaglio culturale del professionista sanitario, rendendo più efficace l’intervento e migliorando i risultati», conclude Ricottini.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ini Grottaferrata, consegnati attestati di merito ai sanitari impegnati nella campagna vaccinale
«La parola simbolo è gratitudine. È la vittoria di un sistema senza differenze tra pubblico e privato». Così Alessio D’Amato assessore alla sanità della Regione Lazio
Professioni sanitarie, Consulcesi: «Dopo caos domande medicina vigiliamo su test di ammissione»
In attesa del test di ammissione alle facoltà per le professioni sanitarie, in programma oggi in tutta Italia, Tortorella e il team di avvocati Consulcesi ritengono che ci siano, anche quest’anno, tutti i margini per un ricorso collettivo ed una vittoria schiacciante per accedere alla facoltà di medicina
Test Medicina, caos Green pass a Bologna: 14 candidati esclusi nonostante il certificato
A Sanità Informazione le testimonianze del “cerchio degli esclusi”: «Oggi sono stati calpestati i nostri diritti. Siamo pronti a ricorrere alle vie legali»
di Isabella Faggiano
Test di Medicina, Consulcesi: «Tra Green pass e irregolarità la strada per diventare medico inizia in salita»
La denuncia del network legale: «Sono centinaia gli studenti che in tutta Italia non hanno potuto sottoporsi al Test di ingresso per problemi con il certificato verde»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco