Università 17 Giugno 2020

Test Medicina 2020, ecco date, scadenze e materie. Per il Covid-19, novità sulle sedi in cui si svolgerà la prova

Tutte le informazioni per partecipare alla prova di ammissione per i corsi di laurea magistrale di Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi dentaria, Medicina veterinaria e per i corsi di laurea delle Professioni sanitarie

Test Medicina 2020, ecco date, scadenze e materie. Per il Covid-19, novità sulle sedi in cui si svolgerà la prova

Ci siamo: con la pubblicazione del decreto n. 218 del 16 giugno 2020, il ministero dell’università e della ricerca ha fornito delucidazioni sui test di ingresso alle facoltà a numero chiuso per il prossimo anno accademico. Per prima cosa, il bando specifica che a causa delle recenti misure «in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19» le università devono assicurare «sia nella fase di accesso ai locali adibiti allo svolgimento delle prove sia nelle fasi successive, il distanziamento fisico e sociale tra i candidati stessi nonché l’adozione, da parte dei candidati e di tutti gli altri soggetti presenti, delle misure igieniche personali e ambientali adatte».

LEGGI IL DECRETO MINISTERIALE 

Inoltre, considerando la normativa di contenimento dell’epidemia da Covid-19 e «al fine di garantire l’applicazione delle disposizioni di natura emergenziale nonché di limitare gli spostamenti nell’ambito del territorio nazionale e regionale – specifica il decreto – ciascun candidato, a prescindere dalla sede indicata come prima preferenza di assegnazione, sostiene la prova presso la sede/i dell’ateneo/i disponibile/i nella propria provincia di residenza o, se non disponibili, nella provincia limitrofa rispetto a quella di residenza». A tal fine, i test potranno svolgersi anche nelle università che non offrono il corso di laurea in Medicina e Chirurgia.

LEGGI ANCHE: TEST MEDICINA, DE POLI (UDC): «SUPERARE NUMERO CHIUSO E RIVEDERE FORMAZIONE PER RISOLVERE NODO CARENZA MEDICI»

IL TEST D’AMMISSIONE

L’esame si svolgerà il 3 settembre 2020 alle ore 12:00 e durerà 100 minuti. Per superare la prova «è richiesto il possesso di una cultura generale – si legge nel decreto – con particolari attinenze all’ambito letterario, storico-filosofico, sociale ed istituzionale, nonché della capacità di analisi su testi scritti di vario genere e di attitudini al ragionamento logico-matematico. Le conoscenze e le abilità richieste fanno riferimento alla preparazione scolastica e «si riferiscono anche alle discipline scientifiche della Biologia, della Chimica, della Fisica e della Matematica». «La prova di ammissione – specifica il Miur – ai corsi di laurea magistrale a ciclo unico in medicina e chirurgia e in odontoiatria e protesi dentaria, è unica per entrambi i corsi ed è di contenuto identico in tutte le sedi in cui si svolge la prova».

LA PROVA D’ESAME: 60 DOMANDE A SCELTA MULTIPLA IN 100 MINUTI

La prova di ammissione consiste «nella soluzione di sessanta quesiti – si legge nel decreto – che presentano cinque opzioni di risposta tra cui il candidato deve individuarne una soltanto scartando le conclusioni errate». Gli argomenti sono: cultura generale e ragionamento logico; biologia; chimica; fisica e matematica, così predisposti:

  • dodici quesiti di cultura generale;
  • dieci di ragionamento logico;
  • diciotto di biologia;
  • dodici di chimica;
  • otto di fisica e matematica

LEGGI I PROGRAMMI PER LA PREPARAZIONE ALLA PROVA

COME ISCRIVERSI AL TEST

Le aspiranti matricole potranno iscriversi al test d’ingresso a Medicina dal 1° luglio alle ore 15 del 23 luglio su Universitaly, seguendo le indicazioni presenti nel decreto Miur e nel bando di ciascun ateneo. «Il perfezionamento dell’iscrizione – precisa il ministero – avviene a seguito del pagamento del contributo per la partecipazione al test secondo le procedure indicate dall’università in cui il candidato sostiene la prova. La scadenza per il pagamento è fissata al 29 luglio 2020.

LE SEDI SUDDIVISE PER REGIONE E PROVINCIA

LA VOTAZIONE

Gli aspiranti camici bianchi che otterranno un punteggio minimo di venti punti saranno considerati idonei. Il massimo, a cui poter ambire, sono novanta punti, tenendo conto dei seguenti criteri:

– 1,5 punti per ogni risposta esatta;

– meno 0,4 punti per ogni risposta errata;

– 0 punti per ogni risposta omessa.

LEGGI ANCHE: NUMERO CHIUSO, GASPARRI (FORZA ITALIA): «SISTEMA DEI QUIZ VA RIVISTO, SERVE VERIFICA SUL CAMPO»

LA GRADUATORIA

Per Medicina, Odontoiatria e protesi dentaria, «prevale, in ordine decrescente, il punteggio ottenuto dal candidato nella soluzione, rispettivamente, dei quesiti relativi agli argomenti di ragionamento logico e cultura generale, biologia, chimica, fisica e matematica». La graduatoria è unica e su base nazionale secondo le votazioni raccolte da ogni partecipante e verrà pubblicata il 29 settembre.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Carenza medici: in Legge di Bilancio ripescaggio per esclusi al test che hanno fatto ricorso
Presentato l’emendamento a firma dell’onorevole Vito De Filippo: con il provvedimento potranno entrare alla Facoltà di Medicina i candidati che hanno presentato ricorso al Tar. Consulcesi: «C’è tempo solo fino all’11 dicembre per l’azione legale»
Numero chiuso, De Filippo (IV): «Emendamento a legge di Bilancio per far entrare chi ha fatto ricorso»
Tra i provvedimenti allo studio, anche un ulteriore aumento delle borse di specializzazione. Di Maio (IV): «Allargare le possibilità di accesso alla professione medica»
Intervista ad Antonella Polimeni, prima Rettrice della Sapienza: «Didattica sempre più innovativa e internazionale»
«Mi auguro che questa emergenza sia un’occasione per finanziare in maniera adeguata la formazione e la ricerca, e a stimolare un’importante riflessione sul SSN. Vorrei che le tre Facoltà romane di Medicina sviluppassero insieme una progettualità per migliorare l’offerta sanitaria ai cittadini e l’offerta didattica»
Covid-19, Tortorella (Consulcesi): «Chiamata alle armi per medici ma chiediamo rispetto per ex specializzandi e nuove regole all’Università»
Oggi scadono i termini del bando per arruolare personale da impiegare negli ospedali più in difficoltà. Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Sosteniamo l’iniziativa del Governo con una campagna senza precedenti per la pandemia con la forza del più grande big data italiano, ma pretendiamo il rispetto degli specialisti non pagati e di chi fa ricorso per entrare a Medicina: subito la soluzione con l’approvazione della nuova Manovra finanziaria»
«Abbiamo bisogno di giovani con zoccoli sanitari, non sneakers colorate». La provocazione social di Consulcesi
Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Migliaia di ragazzi hanno fatto la fila fuori agli Atenei dopo aver studiato e fatto sacrifici e meritano una selezione meritocratica e intanto il Covid ha messo in evidenza la mancanza di specialisti: Parlamento verso una nuova sanatoria per l’ondata di ricorsi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli