Politica 4 Giugno 2020 09:37

Numero Chiuso, Gasparri (Forza Italia): «Sistema dei quiz va rivisto, serve verifica sul campo»

Il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, oltre a proporre un meccanismo che riformi l’accesso all’università, chiede di intervenire sull’imbuto formativo: «In questo momento il bisogno di sanità è crescente. bisogna far coincidere domanda e offerta dei percorsi formativi. Dobbiamo ascoltare i giovani»

Numero Chiuso, Gasparri (Forza Italia): «Sistema dei quiz va rivisto, serve verifica sul campo»

È tempo di una riforma dell’accesso all’università, soprattutto per le facoltà di area medico-sanitaria. Ne è convinto il senatore di Forza Italia e presidente della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari Maurizio Gasparri. Lo abbiamo incontrato a margine della manifestazione dei giovani medici e studenti che hanno protestato davanti Montecitorio contro l’imbuto formativo e la cronica carenza di borse di studio per l’accesso alle scuole di specializzazione in Medicina.

«Questi ingorghi vanno ‘stappati’ – afferma Gasparri -. Abbiamo presentato emendamenti in questa direzione. In questo momento c’è una domanda crescente di sanità: io sono appena uscito da un laboratorio medico, ho fatto il prelievo non solo per i controlli abituali ma anche per verificare se ho contratto il coronavirus in passato. Mi auguro che anche in questa fase di emergenza, dove c’è bisogno di sanità, ci si impegni tutti per far coincidere domanda e offerta dei percorsi formativi. Oggi abbiamo l’assurdo per cui noi abbiamo bisogno di medici dall’estero e intanto i nostri ragazzi vanno all’estero. È una schizofrenia. Mi auguro che in questo momento di grande riflessione sulla sanità si dia attenzione anche a questa tematica e quindi che gli emendamenti che Forza Italia presenterà possano essere approvati. Questi giovani sono preoccupati per il loro futuro, vanno ascoltati».

LEGGI ANCHE: SANITÀ, LA RICETTA DI CALENDA (AZIONE): «USARE FONDI MES PER PORRE FINE A IMBUTO FORMATIVO. SU DPI ARCURI SI È MESSO A FARE POLITICA» 

Secondo Gasparri il tema della riforma dell’accesso alle scuole di specializzazioni si intreccia inevitabilmente con quello dell’accesso all’università: la crescente richiesta di personale medico e di professionisti sanitari, acuita dall’emergenza Covid, rende necessario pensare a percorsi che valorizzino il merito.

«Probabilmente i quiz per l’accesso a Facoltà come Medicina hanno creato confusione, mentre invece la verifica dovrebbe avvenire in corso d’opera» sottolinea il senatore azzurro, poco convinto del meccanismo attuale di ingresso alle Facoltà a numero chiuso.

«Da un lato – sottolinea Gasparri – occorre evitare un assalto scomposto alle Facoltà che crea illusioni. Però il sistema dei quiz va superato: assisto a tanti ragazzi che fanno una peregrinazione di università in università oppure poi vanno ad orientarsi verso altre attività per la delusione».

«Il sistema migliore – conclude – è dover fare un certo numero di esami entro il primo biennio, chi non li supera viene fermato. Bisogna creare un meccanismo di selezione sul campo visto che poi molti abbandonano».

 

Articoli correlati
Numero chiuso, Chiapparino (CNSU): «Un modello fortemente sbagliato che va rivisto. È problema politico»
«Tutta la comunità studentesca si è sempre espressa a favore dell’abbattimento del numero chiuso – ha dichiarato il presidente Cnsu - niente è stato previsto nel recovery plan per superare e abbattere il numero chiuso»
Numero chiuso, il Rettore Gavino Mariotti (Sassari): «Incide negativamente sulla carenza di medici, servono graduatorie locali»
Per il Magnifico Rettore dell’Università sarda «i sistemi sanitari regionali, come quello sardo ma non solo, hanno gravi carenze di professionalità mediche». E rilancia la proposta di andare nelle scuole per preparare i giovani al test d’ingresso
di Francesco Torre
Test Medicina: oltre 45mila esclusi dalle graduatorie. Tortorella (Consulcesi): «Boom di ricorsi»
Il network legale: «Solo 60 giorni di tempo per tutelare il proprio diritto allo studio»
Medicina a numero chiuso, Messa: «Dispiace offrire 14mila posti a 77mila candidati. Sistema può essere rivisto»
A Sanità Informazione, il ministro dell'Università e della Ricerca Maria Cristina Messa parla di ricerca, formazione e facoltà a numero chiuso: «Il modo per far coincidere fabbisogno e offerta può essere rivisto. I test sono neutrali ma soggetti a errori»
«Test di Medicina sbagliato, e adesso cosa racconto a mio figlio?»
di Calliope Tonus, Mamma di un candidato al test di Medicina
di Calliope Tonus, Mamma di un candidato al test di Medicina
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 ottobre, sono 241.152.349 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.906.104 i decessi. Ad oggi, oltre 6,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?