Politica 4 Giugno 2020 09:37

Numero Chiuso, Gasparri (Forza Italia): «Sistema dei quiz va rivisto, serve verifica sul campo»

Il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, oltre a proporre un meccanismo che riformi l’accesso all’università, chiede di intervenire sull’imbuto formativo: «In questo momento il bisogno di sanità è crescente. bisogna far coincidere domanda e offerta dei percorsi formativi. Dobbiamo ascoltare i giovani»

Numero Chiuso, Gasparri (Forza Italia): «Sistema dei quiz va rivisto, serve verifica sul campo»

È tempo di una riforma dell’accesso all’università, soprattutto per le facoltà di area medico-sanitaria. Ne è convinto il senatore di Forza Italia e presidente della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari Maurizio Gasparri. Lo abbiamo incontrato a margine della manifestazione dei giovani medici e studenti che hanno protestato davanti Montecitorio contro l’imbuto formativo e la cronica carenza di borse di studio per l’accesso alle scuole di specializzazione in Medicina.

«Questi ingorghi vanno ‘stappati’ – afferma Gasparri -. Abbiamo presentato emendamenti in questa direzione. In questo momento c’è una domanda crescente di sanità: io sono appena uscito da un laboratorio medico, ho fatto il prelievo non solo per i controlli abituali ma anche per verificare se ho contratto il coronavirus in passato. Mi auguro che anche in questa fase di emergenza, dove c’è bisogno di sanità, ci si impegni tutti per far coincidere domanda e offerta dei percorsi formativi. Oggi abbiamo l’assurdo per cui noi abbiamo bisogno di medici dall’estero e intanto i nostri ragazzi vanno all’estero. È una schizofrenia. Mi auguro che in questo momento di grande riflessione sulla sanità si dia attenzione anche a questa tematica e quindi che gli emendamenti che Forza Italia presenterà possano essere approvati. Questi giovani sono preoccupati per il loro futuro, vanno ascoltati».

LEGGI ANCHE: SANITÀ, LA RICETTA DI CALENDA (AZIONE): «USARE FONDI MES PER PORRE FINE A IMBUTO FORMATIVO. SU DPI ARCURI SI È MESSO A FARE POLITICA» 

Secondo Gasparri il tema della riforma dell’accesso alle scuole di specializzazioni si intreccia inevitabilmente con quello dell’accesso all’università: la crescente richiesta di personale medico e di professionisti sanitari, acuita dall’emergenza Covid, rende necessario pensare a percorsi che valorizzino il merito.

«Probabilmente i quiz per l’accesso a Facoltà come Medicina hanno creato confusione, mentre invece la verifica dovrebbe avvenire in corso d’opera» sottolinea il senatore azzurro, poco convinto del meccanismo attuale di ingresso alle Facoltà a numero chiuso.

«Da un lato – sottolinea Gasparri – occorre evitare un assalto scomposto alle Facoltà che crea illusioni. Però il sistema dei quiz va superato: assisto a tanti ragazzi che fanno una peregrinazione di università in università oppure poi vanno ad orientarsi verso altre attività per la delusione».

«Il sistema migliore – conclude – è dover fare un certo numero di esami entro il primo biennio, chi non li supera viene fermato. Bisogna creare un meccanismo di selezione sul campo visto che poi molti abbandonano».

 

Articoli correlati
Numero chiuso Medicina: dal Consiglio di Stato via libera a frequenza corsi a chi è entrato con riserva
L’ordinanza 590/221 sottolinea l’«urgenza di proseguire gli studi». Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Ancora una volta si è dovuti passare per i Tribunali per ottenere il diritto allo studio»
Numero chiuso, polemica in Sardegna. Pd: «Abolirlo non risolverebbe problema. Soluzione è aumentare le borse di specializzazione»
Una nota congiunta di Paola Boldrini, Vice Presidente Comm. Igiene e Sanità, Gianfranco Ganau, capogruppo del Pd al Consiglio regionale della Sardegna e Stefano Manai, Responsabile nazionale della formazione sanitaria del Pd contesta l'ipotesi avanzata dal senatore Carlo Doria di abolire il numero chiuso
Sanità italiana: in 10 anni 35.800 posti letto in meno e continui tagli ai finanziamenti. Lo studio
Anche il personale ha subito un calo Iardino (Fondazione The Bridge): «L’impatto sulle Regioni si è visto durante la pandemia Covid»
Manai (Pd): «Bene compatibilità USCA – specializzazione. Approvato Odg per aumento posti in infermieristica»
«Le USCA diventano finalmente compatibili con il contratto della scuola di specializzazione» sottolinea il Responsabile nazionale della formazione sanitaria del PD
Telemedicina, Rizzotti (FI): «Ingresso nei LEA ottima notizia, ora serve formazione»
«La telemedicina entra a pieno titolo nel Ssn, rivoluzionando, difatto, le strutture sanitarie. Finalmente il governo ci ha dato ragione, come dire, meglio tardi che mai». Lo dichiara la vicepresidente di Forza Italia Maria Rizzotti. «Un segnale importante per la prevenzione, la diagnosi, il trattamento e il successivo controllo dei pazienti e se da una […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...