Politica 4 Giugno 2020 09:37

Numero Chiuso, Gasparri (Forza Italia): «Sistema dei quiz va rivisto, serve verifica sul campo»

Il senatore di Forza Italia Maurizio Gasparri, oltre a proporre un meccanismo che riformi l’accesso all’università, chiede di intervenire sull’imbuto formativo: «In questo momento il bisogno di sanità è crescente. bisogna far coincidere domanda e offerta dei percorsi formativi. Dobbiamo ascoltare i giovani»

Numero Chiuso, Gasparri (Forza Italia): «Sistema dei quiz va rivisto, serve verifica sul campo»

È tempo di una riforma dell’accesso all’università, soprattutto per le facoltà di area medico-sanitaria. Ne è convinto il senatore di Forza Italia e presidente della Giunta delle elezioni e delle immunità parlamentari Maurizio Gasparri. Lo abbiamo incontrato a margine della manifestazione dei giovani medici e studenti che hanno protestato davanti Montecitorio contro l’imbuto formativo e la cronica carenza di borse di studio per l’accesso alle scuole di specializzazione in Medicina.

«Questi ingorghi vanno ‘stappati’ – afferma Gasparri -. Abbiamo presentato emendamenti in questa direzione. In questo momento c’è una domanda crescente di sanità: io sono appena uscito da un laboratorio medico, ho fatto il prelievo non solo per i controlli abituali ma anche per verificare se ho contratto il coronavirus in passato. Mi auguro che anche in questa fase di emergenza, dove c’è bisogno di sanità, ci si impegni tutti per far coincidere domanda e offerta dei percorsi formativi. Oggi abbiamo l’assurdo per cui noi abbiamo bisogno di medici dall’estero e intanto i nostri ragazzi vanno all’estero. È una schizofrenia. Mi auguro che in questo momento di grande riflessione sulla sanità si dia attenzione anche a questa tematica e quindi che gli emendamenti che Forza Italia presenterà possano essere approvati. Questi giovani sono preoccupati per il loro futuro, vanno ascoltati».

LEGGI ANCHE: SANITÀ, LA RICETTA DI CALENDA (AZIONE): «USARE FONDI MES PER PORRE FINE A IMBUTO FORMATIVO. SU DPI ARCURI SI È MESSO A FARE POLITICA» 

Secondo Gasparri il tema della riforma dell’accesso alle scuole di specializzazioni si intreccia inevitabilmente con quello dell’accesso all’università: la crescente richiesta di personale medico e di professionisti sanitari, acuita dall’emergenza Covid, rende necessario pensare a percorsi che valorizzino il merito.

«Probabilmente i quiz per l’accesso a Facoltà come Medicina hanno creato confusione, mentre invece la verifica dovrebbe avvenire in corso d’opera» sottolinea il senatore azzurro, poco convinto del meccanismo attuale di ingresso alle Facoltà a numero chiuso.

«Da un lato – sottolinea Gasparri – occorre evitare un assalto scomposto alle Facoltà che crea illusioni. Però il sistema dei quiz va superato: assisto a tanti ragazzi che fanno una peregrinazione di università in università oppure poi vanno ad orientarsi verso altre attività per la delusione».

«Il sistema migliore – conclude – è dover fare un certo numero di esami entro il primo biennio, chi non li supera viene fermato. Bisogna creare un meccanismo di selezione sul campo visto che poi molti abbandonano».

 

Articoli correlati
Medicina, sentenza storica: riammessi gli studenti con riserva
Il Consiglio di Stato dà ragione a Consulcesi: «Posti inferiori al fabbisogno»
Entro il 2023 38mila nuovi specialisti. Di Silverio (Anaao): «Regioni chiariscano criteri per fabbisogno o rischiamo disoccupati di lusso»
La Conferenza Stato-Regioni ha stanziato quasi 39mila borse di specializzazione in tre anni. Supereremo così l'imbuto formativo? Di Silverio (Anaao Giovani) si rallegra ma esprime i suoi dubbi: «Come sono stati calcolati?»
Burnout e preoccupazioni, ma anche tante soddisfazioni. Ecco perché (non) fare il medico secondo Paolo Nucci
In un libro tutto quel che un aspirante medico deve sapere per fare una scelta di vita consapevole
Numero chiuso Medicina: dal Consiglio di Stato via libera a frequenza corsi a chi è entrato con riserva
L’ordinanza 590/221 sottolinea l’«urgenza di proseguire gli studi». Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Ancora una volta si è dovuti passare per i Tribunali per ottenere il diritto allo studio»
Numero chiuso, polemica in Sardegna. Pd: «Abolirlo non risolverebbe problema. Soluzione è aumentare le borse di specializzazione»
Una nota congiunta di Paola Boldrini, Vice Presidente Comm. Igiene e Sanità, Gianfranco Ganau, capogruppo del Pd al Consiglio regionale della Sardegna e Stefano Manai, Responsabile nazionale della formazione sanitaria del Pd contesta l'ipotesi avanzata dal senatore Carlo Doria di abolire il numero chiuso
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 giugno, sono 174.877.063 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.773.600 i decessi. Ad oggi, oltre 2.23 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata...
Ecm

Formazione ECM, Mantoan (Agenas): «In arrivo nuovi incentivi, tra premi e sanzioni»

Il direttore generale dell’Agenzia: «Con il decreto attuativo della legge Gelli le assicurazioni potranno penalizzare i professionisti non in regola con l’obbligo formativo. Valorizz...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...