Università 23 Dicembre 2014 18:32

Specializzandi, dopo il pasticcio test ora il caos graduatorie

Il Tar del Lazio mette sotto accusa il sistema informatico della prova. Il Miur replica: “Posti assegnati secondo i decreti già previsti”

Specializzandi, dopo il pasticcio test ora il caos graduatorie

Pasticcio test, atto secondo. Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso di una studentessa che ha partecipato alle ultime prove per entrare in una scuola di specializzazione medica.

Il motivo, però, non riguarda l’inversione delle domande, ovvero l’errore commesso dal Cineca che ha sostanzialmente cambiato le carte in tavola in corso d’opera ai candidati. Nel mirino del Tribunale Amministrativo Regionale c’è questa volta il sistema informatico del portale Universitaly. Il problema che i magistrati hanno riscontrato è questo: il portale, così come strutturato, non consente, nonostante siano ancora in corso gli scorrimenti per essere ammessi alle scuole, di poter continuare a permanere nelle “specifiche graduatorie di scuola” da cui non si è decaduti e nelle quali si è in posizione di attesa. Per questo motivo hanno chiesto l’annullamento “previa sospensione dell’efficacia” del provvedimento che regola lo scorrimento delle graduatorie stesse. Nello specifico, la graduatoria era slittata in maniera tale da “spingere” il candidato verso una scuola prevista come seconda scelta in virtù di una differente velocità di scorrimento delle liste. Il Tar ha accertato la fondatezza della questione ed ha fissato la prossima udienza al 29 gennaio.

La sentenza apre le porte ad una possibile valanga di nuovi ricorsi. Il Ministero dell’Istruzione, però, getta acqua sul fuoco escludendo qualsiasi “balletto o girandola di posti per l’accesso nelle scuole di specializzazione”. Il Miur ha infatti intenzione di procedere “regolarmente con lo scorrimento delle graduatorie assegnando i posti secondo i criteri previsti nel bando. Ogni eventuale contenzioso – spiegano ancora dal Dicastero – sarà affrontato nelle sedi appropriate. A oggi, intanto, sono 4.543 gli iscritti su 5.514 contratti disponibili”.

A furia di gettare acqua sul fuoco, però, finisce per piovere sempre sul bagnato: dopo il test non ripetuto e le graduatorie che, a quanto pare, non cambieranno, i giovani medici italiani sono sul piede di guerra. In gioco c’è il loro futuro non solo professionale. Ed è per questo che il pericolo che sull’Università si rovesci una cascata di ricorsi – viste le ultime notizie, a quanto pare più che fondati – si fa sempre più concreto.

Articoli correlati
Il caos delle scuole di specializzazione in area sanitaria. Cosa sta succedendo
Il Mur spiega che «il Consiglio di Stato, in merito ai ricorsi di taluni candidati al Concorso nazionale per l'accesso dei medici alle Scuole di Specializzazione di area sanitaria per l'a.a. 2019/2020, ha imposto il rinvio della procedura in corso»
Numero chiuso, De Filippo (IV): «Emendamento a legge di Bilancio per far entrare chi ha fatto ricorso»
Tra i provvedimenti allo studio, anche un ulteriore aumento delle borse di specializzazione. Di Maio (IV): «Allargare le possibilità di accesso alla professione medica»
Concorso specializzazione, giovani medici e FNOMCeO: «Sbloccare la graduatoria»
Il presidente Anelli chiede di ammettere tutti i candidati che abbiano superato la prova di selezione. Oggi l’incontro al Mur con i rappresentanti delle diverse associazioni di medici e specializzandi. Ecco le richieste dei giovani medici
Chi è Je.suis.doc, medico su TikTok da 40mila follower: «Così ho avvicinato i giovani alla medicina»
Clip mimate e sequenze musicali per interagire con gli adolescenti e parlare di salute. Carlo Esposito: «TikTok mi ha permesso di catturare l’attenzione dei giovanissimi in modo semplice e immediato»
Scuole di specializzazione, pubblicato il decreto del MUR. Al via le iscrizioni (con alcune novità)
Eliminato il limite di tre scuole da indicare, mentre il medico già iscritto ad un corso post-laurea dovrà lasciare preventivamente la scuola prima dell'iscrizione al concorso. Cosa prevede il decreto del MUR
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 aprile, sono 136.063.656 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.937.096 i decessi. Ad oggi, oltre 773,55 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...