Università 23 Dicembre 2014 18:32

Specializzandi, dopo il pasticcio test ora il caos graduatorie

Il Tar del Lazio mette sotto accusa il sistema informatico della prova. Il Miur replica: “Posti assegnati secondo i decreti già previsti”

Specializzandi, dopo il pasticcio test ora il caos graduatorie

Pasticcio test, atto secondo. Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso di una studentessa che ha partecipato alle ultime prove per entrare in una scuola di specializzazione medica.

Il motivo, però, non riguarda l’inversione delle domande, ovvero l’errore commesso dal Cineca che ha sostanzialmente cambiato le carte in tavola in corso d’opera ai candidati. Nel mirino del Tribunale Amministrativo Regionale c’è questa volta il sistema informatico del portale Universitaly. Il problema che i magistrati hanno riscontrato è questo: il portale, così come strutturato, non consente, nonostante siano ancora in corso gli scorrimenti per essere ammessi alle scuole, di poter continuare a permanere nelle “specifiche graduatorie di scuola” da cui non si è decaduti e nelle quali si è in posizione di attesa. Per questo motivo hanno chiesto l’annullamento “previa sospensione dell’efficacia” del provvedimento che regola lo scorrimento delle graduatorie stesse. Nello specifico, la graduatoria era slittata in maniera tale da “spingere” il candidato verso una scuola prevista come seconda scelta in virtù di una differente velocità di scorrimento delle liste. Il Tar ha accertato la fondatezza della questione ed ha fissato la prossima udienza al 29 gennaio.

La sentenza apre le porte ad una possibile valanga di nuovi ricorsi. Il Ministero dell’Istruzione, però, getta acqua sul fuoco escludendo qualsiasi “balletto o girandola di posti per l’accesso nelle scuole di specializzazione”. Il Miur ha infatti intenzione di procedere “regolarmente con lo scorrimento delle graduatorie assegnando i posti secondo i criteri previsti nel bando. Ogni eventuale contenzioso – spiegano ancora dal Dicastero – sarà affrontato nelle sedi appropriate. A oggi, intanto, sono 4.543 gli iscritti su 5.514 contratti disponibili”.

A furia di gettare acqua sul fuoco, però, finisce per piovere sempre sul bagnato: dopo il test non ripetuto e le graduatorie che, a quanto pare, non cambieranno, i giovani medici italiani sono sul piede di guerra. In gioco c’è il loro futuro non solo professionale. Ed è per questo che il pericolo che sull’Università si rovesci una cascata di ricorsi – viste le ultime notizie, a quanto pare più che fondati – si fa sempre più concreto.

Articoli correlati
Riparte il confronto Fnopi-Regioni: «Aumentare gli infermieri nel corpo docente delle università»
Le Regioni hanno accolto le proposte della Federazione: fabbisogno formativo, specializzazioni e contratto i temi discussi
Test Specializzazioni, restano non assegnate le borse per Urgenza e Rianimazione
Nonostante due anni di pandemia, i giovani medici non scelgono volentieri Pronto Soccorso e Rianimazione come specializzazioni. 456 e 166 i posti vacanti nelle due discipline, anche se si attende lo scorrimento. Perché? Si lavora tanto, non si fa carriera e si rischiano aggressioni
Entro il 2023 38mila nuovi specialisti. Di Silverio (Anaao): «Regioni chiariscano criteri per fabbisogno o rischiamo disoccupati di lusso»
La Conferenza Stato-Regioni ha stanziato quasi 39mila borse di specializzazione in tre anni. Supereremo così l'imbuto formativo? Di Silverio (Anaao Giovani) si rallegra ma esprime i suoi dubbi: «Come sono stati calcolati?»
Il caos delle scuole di specializzazione in area sanitaria. Cosa sta succedendo
Il Mur spiega che «il Consiglio di Stato, in merito ai ricorsi di taluni candidati al Concorso nazionale per l'accesso dei medici alle Scuole di Specializzazione di area sanitaria per l'a.a. 2019/2020, ha imposto il rinvio della procedura in corso»
Numero chiuso, De Filippo (IV): «Emendamento a legge di Bilancio per far entrare chi ha fatto ricorso»
Tra i provvedimenti allo studio, anche un ulteriore aumento delle borse di specializzazione. Di Maio (IV): «Allargare le possibilità di accesso alla professione medica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 settembre, sono 229.083.964 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.700.041 i decessi. Ad oggi, oltre 5,93 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco