Specializzazioni 23 dicembre 2014

Specializzandi, dopo il pasticcio test ora il caos graduatorie

Il Tar del Lazio mette sotto accusa il sistema informatico della prova. Il Miur replica: “Posti assegnati secondo i decreti già previsti”

Immagine articolo

Pasticcio test, atto secondo. Il Tar del Lazio ha accolto il ricorso di una studentessa che ha partecipato alle ultime prove per entrare in una scuola di specializzazione medica.

Il motivo, però, non riguarda l’inversione delle domande, ovvero l’errore commesso dal Cineca che ha sostanzialmente cambiato le carte in tavola in corso d’opera ai candidati. Nel mirino del Tribunale Amministrativo Regionale c’è questa volta il sistema informatico del portale Universitaly. Il problema che i magistrati hanno riscontrato è questo: il portale, così come strutturato, non consente, nonostante siano ancora in corso gli scorrimenti per essere ammessi alle scuole, di poter continuare a permanere nelle “specifiche graduatorie di scuola” da cui non si è decaduti e nelle quali si è in posizione di attesa. Per questo motivo hanno chiesto l’annullamento “previa sospensione dell’efficacia” del provvedimento che regola lo scorrimento delle graduatorie stesse. Nello specifico, la graduatoria era slittata in maniera tale da “spingere” il candidato verso una scuola prevista come seconda scelta in virtù di una differente velocità di scorrimento delle liste. Il Tar ha accertato la fondatezza della questione ed ha fissato la prossima udienza al 29 gennaio.

La sentenza apre le porte ad una possibile valanga di nuovi ricorsi. Il Ministero dell’Istruzione, però, getta acqua sul fuoco escludendo qualsiasi “balletto o girandola di posti per l’accesso nelle scuole di specializzazione”. Il Miur ha infatti intenzione di procedere “regolarmente con lo scorrimento delle graduatorie assegnando i posti secondo i criteri previsti nel bando. Ogni eventuale contenzioso – spiegano ancora dal Dicastero – sarà affrontato nelle sedi appropriate. A oggi, intanto, sono 4.543 gli iscritti su 5.514 contratti disponibili”.

A furia di gettare acqua sul fuoco, però, finisce per piovere sempre sul bagnato: dopo il test non ripetuto e le graduatorie che, a quanto pare, non cambieranno, i giovani medici italiani sono sul piede di guerra. In gioco c’è il loro futuro non solo professionale. Ed è per questo che il pericolo che sull’Università si rovesci una cascata di ricorsi – viste le ultime notizie, a quanto pare più che fondati – si fa sempre più concreto.

Articoli correlati
«Non fatevi spaventare dalle difficoltà», la lettera di Anaao Giovani agli aspiranti camici bianchi
«Noi ci siamo e ci saremo, in silenzio, senza proclami ma con azioni concrete per garantire la salvaguardia del ruolo del medico» così l'associazione giovanile del sindacato
Carenza medici, ministero Salute chiede dati a Regioni. Grillo: «Al lavoro per modifiche rapide già in legge di Stabilità»
«Si tratta di una prima importante fase di ricognizione per mettere a fuoco le dimensioni del problema a livello territoriale» così la guida del dicastero
Vuoi studiare medicina? Inizia dal liceo. Il 98% degli studenti dell’indirizzo biomedico supera il test d’ingresso
L'indirizzo, ideato dal liceo Leonardo Da Vinci di Reggio Calabria, da settembre sarà replicato in cento licei scientifici e classici. Delle 150 ore del triennio dedicate alla formazione biomedica, 60 sono gestite da medici. Ce ne ha parlato la dirigente scolastica del liceo capofila Giuseppina Princi
Test d’ingresso a Medicina, boom di irregolarità denunciate: 5 atenei finiscono nel mirino
Problemi relativi a scheda anagrafica, non rispetto delle tempistiche, mancati controlli: centinaia di denunce raccolte. E chi è stato escluso già prepara il ricorso
Ex specializzandi, transazione all’esame finale. Aiello (NCD): «In tempi brevi si arriverà a soluzione»
Sanità Informazione ha intervistato il primo firmatario (insieme ad altri 20 senatori) del Disegno di legge unificato che propone un accordo transattivo per chi ha frequentato una scuola post-laurea in medicina tra il 1978 e il 2006. Nel frattempo, altri 18 milioni di euro consegnati da Consulcesi ai camici bianchi di Napoli e provincia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...