Formazione 19 Agosto 2021 11:09

Test Specializzazioni, restano non assegnate le borse per Urgenza e Rianimazione

Nonostante due anni di pandemia, i giovani medici non scelgono volentieri Pronto Soccorso e Rianimazione come specializzazioni. 456 e 166 i posti vacanti nelle due discipline, anche se si attende lo scorrimento. Perché? Si lavora tanto, non si fa carriera e si rischiano aggressioni

Test Specializzazioni, restano non assegnate le borse per Urgenza e Rianimazione

Nessuno vuole lavorare nella Medicina d’Urgenza e in Rianimazione. Nonostante due anni di pandemia, in cui queste due specialità hanno salvato migliaia di vite, gli specializzandi continuano a non sceglierle quando si tratta di impostare le preferenze. I risultati del test per le specializzazioni in area medica dello scorso luglio sono usciti e, delle 17 mila borse di studio messe a disposizione, ne sono avanzate quasi 1.300 non assegnate o rifiutate.

È chiaro che molte verranno recuperate con lo scorrimento in graduatoria, ma è altrettanto probabile che altre rimangano e vengano riversate nel fabbisogno del prossimo anno. Come riportato dal Corriere della Sera, tra le borse più ignorate dai tanti che, dal 1 novembre, inizieranno il loro percorso di specializzazione ci sono appunto Medicina d’Urgenza e Rianimazione. Su 1.077 borse per lavorare in Pronto Soccorso, ben 456 sono rimaste vacanti. Delle 1100 in Rianimazione ne sono rimaste 166 e 76 sono avanzate anche in Virologia.

Le motivazioni dei giovani medici

Sembra dunque che i giovani medici non trovino allettanti proprio quei lavori che sono stati essenziali per fronteggiare Covid-19. L’avversione per il Pronto Soccorso e la Rianimazione comunque non è una novità. Di base il carico di lavoro rispetto alle altre specializzazioni è impari, inoltre i riconoscimenti sono pochi rispetto alle “professioni ambulatoriali”. È naturale approcciarsi con più speranze a Cardiologia o Oftalmologia anche per consiglio di chi ci è già passato.

La ministra dell’Università Cristina Messa, medico anch’ella, ha inoltre sottolineato come le aggressioni aumentate negli ultimi anni in Pronto Soccorso possano spaventare i giovani che si approcciano alla professione. A questo si aggiunge la consapevolezza che la Medicina d’Urgenza è l’unica che non si possa esercitare in libera professione intramoenia. 

Così la Rianimazione, una professione usurante che dà poco spazio alla carriera e che logora il professionista senza un vero e proprio riconoscimento. Eppure una professione di cui il SSN ha disperatamente bisogno: secondo il sindacato Anaao-Assomed sono oltre 3mila i posti mancanti. Un vuoto che potrebbe ulteriormente acuirsi con i pensionamenti attesi nei prossimi due anni, non permettendo quel rimpiazzamento nei turn-over necessario perché il sistema non ne risenta. Ora la domanda deve essere: come si può migliorare il percorso lavorativo in queste specializzazioni? La risoluzione è più urgente che mai.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Medici d’emergenza in piazza: «Pronto soccorso a rischio»
I Pronto soccorso italiani sono al collasso per la grave carenza di personale. Mancano 5mila unità. Si temono situazioni di crisi soprattutto durante le festività natalizie. Domani prevista una manifestazione della Simeu davanti al Ministero della Salute
Pronto soccorso in crisi, la ricetta di Monti (Dir. PS): «Occorre forte coordinamento ospedale-territorio»
«Oggi molte persone si rivolgono al Pronto soccorso perché si trovano in difficoltà, noi dobbiamo dare una riposta» spiega Manuel Monti, Direttore del Pronto soccorso dell’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino
di Francesco Torre
Dal reinserimento al lavoro alla formazione, nel Lazio una proposta di legge contro le aggressioni ai sanitari
L’ha presentata il consigliere della Lega Daniele Giannini, raccogliendo le proposte dell’associazione AMAD. L’obiettivo è quello di incrementare le tutele introdotte dalla legge 113 del 2020
di Francesco Torre
Albenga (Savona), l’appello del sindaco Tomatis: «Ridateci il Pronto Soccorso»
Chiuso durante il Covid, il punto di primo intervento della cittadina ligure non ha riaperto dopo la pandemia. I cittadini hanno dato vita al movimento “senzaprontosoccorsosimuore”, raccolto firme e scritto al Presidente della Regione Liguria, mentre il Pronto Soccorso del Santa Corona a Pietra Ligure ora è al collasso
«Nei Pronto soccorso del Lazio si lavora in condizioni al limite del sostenibile». L’allarme dell’Omceo Roma
Il Presidente Omceo Roma, Antonio Magi, denuncia le terribili e precarie condizioni di lavoro degli operatori del Pronto soccorso e chiede alle istituzioni di intervenire per risolvere il problema della carenza di personale nei reparti di emergenza-urgenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 5 dicembre 2022, sono 645.344.408 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.641.218 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa