Formazione 19 Agosto 2021 11:09

Test Specializzazioni, restano non assegnate le borse per Urgenza e Rianimazione

Nonostante due anni di pandemia, i giovani medici non scelgono volentieri Pronto Soccorso e Rianimazione come specializzazioni. 456 e 166 i posti vacanti nelle due discipline, anche se si attende lo scorrimento. Perché? Si lavora tanto, non si fa carriera e si rischiano aggressioni

Test Specializzazioni, restano non assegnate le borse per Urgenza e Rianimazione

Nessuno vuole lavorare nella Medicina d’Urgenza e in Rianimazione. Nonostante due anni di pandemia, in cui queste due specialità hanno salvato migliaia di vite, gli specializzandi continuano a non sceglierle quando si tratta di impostare le preferenze. I risultati del test per le specializzazioni in area medica dello scorso luglio sono usciti e, delle 17 mila borse di studio messe a disposizione, ne sono avanzate quasi 1.300 non assegnate o rifiutate.

È chiaro che molte verranno recuperate con lo scorrimento in graduatoria, ma è altrettanto probabile che altre rimangano e vengano riversate nel fabbisogno del prossimo anno. Come riportato dal Corriere della Sera, tra le borse più ignorate dai tanti che, dal 1 novembre, inizieranno il loro percorso di specializzazione ci sono appunto Medicina d’Urgenza e Rianimazione. Su 1.077 borse per lavorare in Pronto Soccorso, ben 456 sono rimaste vacanti. Delle 1100 in Rianimazione ne sono rimaste 166 e 76 sono avanzate anche in Virologia.

Le motivazioni dei giovani medici

Sembra dunque che i giovani medici non trovino allettanti proprio quei lavori che sono stati essenziali per fronteggiare Covid-19. L’avversione per il Pronto Soccorso e la Rianimazione comunque non è una novità. Di base il carico di lavoro rispetto alle altre specializzazioni è impari, inoltre i riconoscimenti sono pochi rispetto alle “professioni ambulatoriali”. È naturale approcciarsi con più speranze a Cardiologia o Oftalmologia anche per consiglio di chi ci è già passato.

La ministra dell’Università Cristina Messa, medico anch’ella, ha inoltre sottolineato come le aggressioni aumentate negli ultimi anni in Pronto Soccorso possano spaventare i giovani che si approcciano alla professione. A questo si aggiunge la consapevolezza che la Medicina d’Urgenza è l’unica che non si possa esercitare in libera professione intramoenia. 

Così la Rianimazione, una professione usurante che dà poco spazio alla carriera e che logora il professionista senza un vero e proprio riconoscimento. Eppure una professione di cui il SSN ha disperatamente bisogno: secondo il sindacato Anaao-Assomed sono oltre 3mila i posti mancanti. Un vuoto che potrebbe ulteriormente acuirsi con i pensionamenti attesi nei prossimi due anni, non permettendo quel rimpiazzamento nei turn-over necessario perché il sistema non ne risenta. Ora la domanda deve essere: come si può migliorare il percorso lavorativo in queste specializzazioni? La risoluzione è più urgente che mai.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ambulanze di nuovo in fila davanti ai pronto soccorso. Balzanelli (SIS 118): «Ne servirebbero almeno 360 in più»
A mandare in tilt i reparti di emergenza-urgenza non è solo il Covid-19, ma anche l’influenza stagionale. Il presidente SIS 118: «Per ogni ambulanza bloccata, c’è un paziente a bordo in attesa di cure e un altro che aspetta ancora il primo soccorso»
Nuovo contratto e fine dell’imbuto formativo, cosa prevede il Ddl che riforma le specializzazioni mediche
La proposta, presentata dalla senatrice Boldrini, punta a istituire una scuola di specializzazione per i MMG. Uno degli obiettivi è allineare l’offerta formativa con le esigenze territoriali di salute. Il fabbisogno degli specialisti sarà determinato anche in base alle indicazioni di FNOMCeO e sindacati
di Francesco Torre
Medicina di emergenza-urgenza, il flash mob silenzioso contro il silenzio delle Istituzioni
Appuntamento a Roma il 17 novembre alle 12.30 in piazza Santi Apostoli. I motivi della protesta, Manca (Simeu): «Fermare la fuga di medici e specializzandi, ottenere il riconoscimento di lavoro usurante e maggiore protezione contro le aggressioni»
di Isabella Faggiano
Indennità accessoria per chi lavora in Pronto Soccorso, le reazioni
90 milioni in Finanziaria per i medici, infermieri e operatori dell'Emergenza: così Speranza punta a risolvere la mancanza di professionisti in quei reparti. I commenti di Anaao Assomed, Cimo-Fesmed, Nursing Up e Fiaso
No Green Pass assaltano Umberto I, infermiera aggredita e Ps bloccato per ore
Un manifestante della protesta No Green Pass di sabato a Roma era lì in attesa di cure. Insieme ad amici e parenti hanno sfondato la porta d’ingresso del Ps, distrutto apparecchiature sanitarie e aggredito gli operatori. Ruggiero (Nessuno Tocchi Ippocrate): «Copione ormai noto, a Napoli c’è un’aggressione ogni tre giorni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 gennaio, sono 367.129.786 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.639.976 i decessi. Ad oggi, oltre 9,90 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre