Salute 15 Giugno 2022 13:36

Tecnologia e design innovativo delle RSA per far vivere meglio i malati di Alzheimer

Nella due giorni di Varese Uneba, Fondazione Molina e Fondazione Don Gnocchi hanno portato all’attenzione degli enti e delle istituzioni le nuove strategie per prendersi cura del paziente affetto da Alzheimer e lanciato un appello affinché il Governo riveda l’impegno economico verso le RSA e vengano incrementati i posti di specializzazione per medici e infermieri

Tecnologia e design innovativo delle RSA per far vivere meglio i malati di Alzheimer

Di quali cure e di quali servizi hanno bisogno i malati di Alzheimer post Pandemia? A domandarselo sono i professionisti del terzo settore che si sono dati appuntamento a Villa Cagnola Gazzada, Varese, il 14 e il 15 giugno nella due giorni organizzata da Uneba, Fondazione Molina e Fondazione Don Gnocchi per comprendere lo stato dell’arte e quali sono le novità per il futuro.

«I malati di Alzheimer o di demenza senile non possono essere curati a casa perché necessitano di un’assistenza h24 per 365 giorni all’anno, è indispensabile quindi incrementare il numero di RSA con nuclei dedicati – spiega Franco Massi, Presidente di Uneba – per questo chiediamo un intervento al Governo affinché venga rivisto l’impegno economico verso le RSA, oggi dimenticate nel PNRR». Sotto la lente di ingrandimento degli enti sono le tariffe, rimaste ferme alle quote pre-pandemia, e i costi strutturali e del personale che invece sono in vertiginoso aumento.

Costi in aumento e carenza di personale: un binomio che penalizza malati di Alzheimer e Caregiver

Franco Massi ha evidenziato quanto la carenza di personale sia penalizzante e ha lanciato un appello a Governo e Regioni affinché vengano incrementati i posti di specializzazione. «Medici e infermieri mancano, ci vorranno anni per uscire da questa emergenza, mentre le attuazioni del PNRR come le case di comunità e gli infermieri di quartiere non fanno che portare via risorse alle strutture residenziali per anziani e disabili. È necessario un impegno forte quindi verso la formazione, perché le terapie e le cure dedicate ai malati di Alzheimer possono rallentare la decadenza e il ruolo del personale è fondamentale». Tante le idee e i progetti all’analisi della categoria, che ha evidenziato nella tecnologia e in un design innovativo delle residenze due preziosi alleati. «Stiamo vagliando le novità che propone il settore e devo dire che grazie alla tecnologia si possono avere dei grossi miglioramenti nelle relazioni – ammette Virginio Marchesi, Uneba Milano – se si sposta l’attenzione dal controllo alla comprensione è possibile migliorare la qualità della vita dei malati e dei caregiver».

Sensori di ultima generazione per un controllo da remoto

«Per farlo è indispensabile ridurre i meccanismi di contenzione e rendere le persone più libere in un ambiente simile a quello domestico, anche se di cura, piuttosto che asettico e neutro – aggiunge Marchesi –. Questo è possibile in vari modi, ad esempio con sensori per il tracciamento di ultima generazione che, pur nel rispetto della privacy, permettono al caregiver o all’operatore di effettuare un controllo da remoto che da un lato garantisce al malato un senso di autonomia, e dall’altra permette di avere monitorato ogni spostamento. I sensori possono essere braccialetti, oppure tecnologie anche più avanzate come microchip per le scarpe. Da esperienze già fatte sembrano funzionare non solo nelle strutture, ma anche a domicilio, in accordo con i famigliari. Questo elemento sottolinea ancora di più la necessità di un lavoro corale».

Perché la struttura sia anche casa del paziente con Alzheimer

Il secondo ambito di intervento per una migliore risposta delle cure riguarda le strutture. In un’ottica di riscoperta del passato, sono cambiate e in molti casi sono diventate delle piccole città, o borghi antichi dove i corridoi asettici hanno lasciato il posto a vie arricchite di panchine, aiuole e sulle porte delle camere c’è la cassetta della posta che riporta alla mente del malato la sua casa.

«Riprodurre l’idea di un paese con giardini e cortili per ripercorrere la storia e il vissuto, ricostruire gli ambienti perduti, patrimonio di una infanzia dimenticata, è molto utile per i pazienti che ritrovano in questo modo il proprio passato – sottolinea Marchesi -. Se il paziente vive in un contesto ambientale favorevole anche l’uso dei farmaci viene meno e tutto ciò fa sentire la persona amata, non solo assistita. È una strada iniziata già prima della pandemia, poi il Covid ha complicato la situazione, ma oggi qui ci interroghiamo sulla necessità di ampliare sempre più questo concetto. Il PNRR oggi è un problema perché gli investimenti sono marginali rispetto all’entità delle strutture di cui stiamo parlando e soprattutto immagina una situazione fatta di domiciliarità e residenzialità alternative, noi vogliamo superare questo concetto, vogliamo che le RSA diventino sempre più patrimonio del territorio, un servizio a disposizione delle persone, aperte e non chiuse. Con servizi anche diurni e a domicilio».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Visite negate nelle RSA, continua la mobilitazione dei parenti. La CONPAL: «Garantire basilari diritti umani, nuove mobilitazioni nei prossimi giorni»
«Non possiamo stare vicini ai nostri cari che stanno soffrendo o addirittura morendo. Il Governo ci ha abbandonato e costretto anche a rinunciare alla Legge 104. Noi non possiamo più accompagnare i nostri cari a svolgere delle attività terapeutiche e ludiche importanti per loro perché dovrebbero essere le strutture ad assicurarle ed invece non lo […]
Nuova tecnologia made in Italy distrugge Sars-CoV-2 e tutte le sue varianti
Elettronica Group insieme a Lendlease presentano E4Shield, una tecnologia «disruptive» sviluppata per inattivare il Covid-19 e le sue varianti e affrontare nuove potenziali ondate pandemiche. E4Shield è uno dei primi progetti di innovazione nato all’interno dell’ecosistema di MIND Milano Innovation District
RSA, visite troppo spesso ancora non garantite. Il comitato dei parenti: «Vogliamo incontrare Speranza»
Ancora forti limitazioni nelle RSA per le visite dei familiari, prevale abbandono e solitudine. Per Claudia Sorrentino, rappresentante del comitato di lotta, servono «linee guida nazionali, senza di noi le persone perdono il senso della vita». L’8 giugno incontro al Ministero della Salute
di Francesco Torre
PNRR e anziani: l’appello di UNEBA «RSA dimenticate»
Con il Patto nuovo Welfare sulla non autosufficienza organizzazioni del settore, tra cui UNEBA, hanno presentato una proposta per la riforma dell’assistenza agli anziani mirate all’introduzione del Sistema Nazionale Assistenza Anziani (SNA)
La sicurezza delle cure nelle Rsa
A cura della Dott.ssa Serena Bocchi, Direttore Tecnico Consigliere di Amministrazione ASSIMEDICI S.r.l.
di Dott.ssa Serena Bocchi, Direttore Tecnico Consigliere di Amministrazione ASSIMEDICI S.r.l.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...