Salute 10 Gennaio 2024 12:30

Scoperte 5 diverse forme di Alzheimer. Aperta la strada a nuove terapie personalizzate

Ci sono 5 tipi diversi di Alzheimer e questo potrebbe spiegare perché alcuni farmaci sembrano essere inefficaci con questa devastante malattia neurodegenerativa. Queste, in estrema sintesi, le conclusioni di uno studio condotto dall’Alzheimer Center Amsterdam, dall’Università di Amsterdam e dall’Università di Maastricht, nei Paesi Bassi. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Aging, potrebbero avere implicazioni per il futuro sviluppo di farmaci contro l’Alzheimer

Scoperte 5 diverse forme di Alzheimer. Aperta la strada a nuove terapie personalizzate

Ci sono 5 tipi diversi di Alzheimer e questo potrebbe spiegare perché alcuni farmaci sembrano essere inefficaci con questa devastante malattia neurodegenerativa. Queste, in estrema sintesi, le conclusioni di uno studio condotto dall’Alzheimer Center Amsterdam, dall’Università di Amsterdam e dall’Università di Maastricht, nei Paesi Bassi. I risultati, pubblicati sulla rivista Nature Aging, potrebbero avere implicazioni per il futuro sviluppo di farmaci contro l’Alzheimer. I ricercatori olandesi sono giunti a questa conclusione dopo aver esaminato le proteine ​​presenti nel liquido cerebrospinale, sia nel cervello che nella colonna vertebrale, di oltre 400 pazienti. Analizzando queste proteine, hanno scoperto differenze chiave che hanno portato alla distinzione di 5 sottotipi diversi della malattia con progressione clinica e aspettativa di vita diverse. Identificando tipi specifici di malattia, gli scienziati ora sperano di riuscire a creare trattamenti mirati e quindi più efficaci.

Lo studio ha individuato 1.058 proteine legate all’Alzheimer

L’Alzheimer, una delle principali cause di demenza nel mondo, è una malattia progressiva del cervello che priva lentamente i malati della memoria. Un accumulo di proteine ​​anomale provoca la morte delle cellule nervose. Man mano che queste cellule muoiono, le funzioni che garantiscono vengono perse gradualmente, privando le persone del loro orientamento e anche della capacità di pensare e ragionare. Non esiste una cura e le persone affette da Alzheimer hanno crescenti esigenze di cure man mano che la malattia progredisce. Nello studio i ricercatori olandesi hanno raccolto il liquido cerebrospinale trovato nel tessuto che circonda il cervello e il midollo spinale e lo hanno esaminato per individuare 1.058 proteine. In questo modo sono riusciti a trovare 5 varianti biologiche dell’Alzheimer.

I 5 sottotipi di Alzheimer presentano caratteristiche diverse

In particolare, gli scienziati hanno scoperto che una specifica variazione causa un livello insolitamente elevato di crescita delle cellule cerebrali, alimentando la produzione di proteine ​​anomale responsabili dell’Alzheimer. I pazienti con questo sottotipo, infatti, hanno un’aspettativa di vita media più lunga rispetto ad altri sottotipi, vivendo in media nove anni dopo la diagnosi. Un altro sottotipo di Alzheimer è causato da problemi con il sistema immunitario interno del cervello, mentre un terzo sottotipo è correlato a problemi con la produzione di proteine ​​​​del cervello. Un quarto sottotipo è collegato a problemi con l’afflusso di sangue al cervello, mentre un quinto innesca problemi con la barriera emato-encefalica, quel confine che normalmente impedisce alle sostanze più grandi di raggiungere il delicato tessuto del cervello. I pazienti con la seconda e la quarta variante hanno una maggiore atrofia cerebrale, una condizione che causa la perdita di neuroni, portando a problemi di pensiero e di memoria.

I farmaci disponibili non sono efficaci allo stesso modo per tutti

Ma i pazienti con il sottotipo tre hanno avuto la peggiore progressione della malattia, vivendo in media solo cinque anni e mezzo dopo la diagnosi. Alcune delle proteine ​​identificate in ciascun sottotipo sono anche collegate a geni specifici, il che significa che alcune persone sono naturalmente più predisposte a un tipo di Alzheimer. Secondo i ricercatori, i risultati potrebbero spiegare perché alcuni farmaci per l’Alzheimer precedentemente testati hanno fallito o hanno avuto risultati inferiori negli studi clinici, nonostante i dati promettenti in laboratorio. La teoria dice che, poiché ogni sottotipo sembra avere una causa e una composizione leggermente diversa dell’accumulo anomalo di proteine, i farmaci possono funzionare solo su alcuni o un gruppo di pazienti. Questo non ha implicazioni solo sull’efficacia dei farmaci, ma anche sulla sicurezza, poiché diversi farmaci potrebbero interagire pericolosamente con alcuni sottotipi. “Ad esempio, mentre gli anticorpi possono attraversare più facilmente la barriera ematoencefalica nel sottotipo 5, questi individui possono essere maggiormente a rischio di emorragia cerebrale che può verificarsi con il trattamento con anticorpi”, concludono i ricercatori.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Alzheimer: regolare i livelli di dopamina riduce i sintomi nelle prime fasi della malattia
Uno studio dell’Università Campus Bio-Medico di Roma, insieme alla Fondazione Santa Lucia IRCCS di Roma e condotto su modelli sperimentali, ha confermato che la stimolazione dopaminergica è efficace nel ridurre l’ipereccitabilità dell’ippocampo condizione alla base dell’insorgenza di epilessia e che può contribuire al progressivo danno cognitivo nell'Alzheimer
Scienziati italiani hanno “ingegnerizzato” una proteina per potenziare la memoria
Una proteina normalmente presente nel cervello è stata modificata geneticamente con l'obiettivo di potenziare la memoria. A farlo è stato un gruppo di neuroscienziati italiani in uno studio pubblicato su Science Advances, che apre la strada a nuove possibilità terapie contro le malattie neurodegenerative
di V.A.
Alzheimer: alcuni errori di «navigazione» sono «spie» precoci della malattia
Le persone con malattia di Alzheimer in fase iniziale hanno difficoltà a girarsi quando camminano. Questo potrebbe essere uno dei segni precoci individuato dagli scienziati dell’University College di Londra in uno studio pubblicato sulla rivista Current Biology, che si avvalso della realtà virtuale
Creato il più grande atlante delle cellule cerebrali umane
Circa 200 miliardi di cellule cerebrali. Precisamente 86 miliardi di neuroni e 100 miliardi di cellule di 3.000 tipi diversi. Sono impressionanti i numeri del più completo atlante delle cellule del cervello umano e dei primati non umani, realizzato nell’ambito della Brain Initiative
Alzheimer, Aima: «Programmazione e investimenti per sfruttare le potenzialità delle innovazioni terapeutiche»
«È necessario fornire un sostegno concreto al caregiver familiare e assicurare la formazione del caregiver professionale. È urgente connettere le nuove strutture disciplinate dal PNRR con le esigenze specifiche di presa in carico e gestione di Alzheimer e demenze» ha sottolineato la Presidente AIMA Patrizia Spadin in occasione della conferenza di presentazione dei lavori dell'intergruppo di cui AIMA fa parte
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...