Formazione 24 Agosto 2020

Un emendamento per una Scuola di specializzazione in Medicina Generale, di Comunità e Cure Primarie

La proposta è in discussione presso la Commissione Affari Costituzionali del Senato. Smi: «Finalmente connessione tra mondo universitario e territorio»

Immagine articolo

Una Scuola di specializzazione in Medicina Generale, di Comunità e Cure Primarie. Questo l’obiettivo dell’emendamento all’articolo 19 del Dl Semplificazioni firmato dalla senatrice Castellone (M5S) attualmente in discussione alla Commissione Affari Costituzionali. Una proposta che, se approvata, riordinerebbe la Scuola di specializzazione in Medicina di Comunità e Cure Primarie per consentire a chi ha questa specializzazione di esercitare l’attività di medico di Medicina Generale.

COSA PREVEDE L’EMENDAMENTO?

«Al fine di fronteggiare la carenza di personale medico – si legge nel testo – dedicato all’assistenza territoriale e cure primarie, la Scuola di specializzazione in Medicina di Comunità e Cure Primarie è riordinata, in tempo utile per l’avvio dell’anno accademico 2020-21 di riferimento per le scuole di specializzazione sanitaria, nella Scuola di specializzazione in “Medicina Generale, di Comunità e Cure Primarie”, il cui diploma consente l’esercizio dell’attività professionale di medico di medicina generale nell’ambito del Ssn».

LEGGI IL TESTO DELL’EMENDAMENTO

L’esercizio dell’attività di medico di medicina generale nell’ambito del Ssn sarebbe, inoltre, consentito anche ai medici in possesso di diploma di specializzazione in medicina di comunità così com’era costituita la scuola pre-emendamento. Una modifica che, si sottolinea ancora nel testo, non aggiungerebbe ulteriori borse di studio a quelle previste in precedenza, non gravando così sulla finanza pubblica.

SMI: «FINALMENTE CONNESSIONE TRA MONDO UNIVERSITARIO E TERRITORIO»

«L’emendamento, a nostro avviso, propone una sterzata decisiva nella Medicina Generale» ha così espresso soddisfazione Delia Epifani, Responsabile Nazionale SMI Formazione e Prospettive. «Riteniamo che questa sia l’occasione – ha proseguito – per raggiungere finalmente una stretta connessione tra il mondo universitario e il territorio, uno snodo cruciale per il completo passaggio a Scuola di Specializzazione del Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale».

Una riforma nella formazione dei medici di famiglia, secondo Epifani, vede essenziale la presenza di una scuola di specializzazione, uniformemente ad altri Paesi europei. In quanto «è l’opportunità di riqualificazione, di ridefinizione di obiettivi formativi e di adeguamento degli standard  qualitativi di tutti i poli formativi italiani».

«A questa norma, qualora fosse approvata – ha precisato – bisognerà affiancare un percorso dedicato ai medici che già hanno acquisito il diploma di formazione specifica in medicina generale e che vogliono conseguire la specializzazione in medicina generale, di comunità e delle cure primarie. Solo così si potranno azzerare le differenze nella formazione medica post-laurea e creare un canale formativo unico e di qualità per tutti i giovani medici».

EPIFANI: «ORA RICONOSCERE AI MMG VALENZA SPECIALISTICA»

Dopo la pandemia, per Smi è diventato evidente il «concreto bisogno d’investire nelle cure territoriali e nell’implementazione delle cure a domicilio avvalendosi dei device di supporto per la telemedicina».

«Siamo convinti – ha concluso Epifani – che sia arrivata l’ora di creare un percorso di formazione con standard qualitativo elevato su tutto il territorio nazionale, che tenga conto delle peculiarità regionali. È il momento di aumentare il numero di borse di specializzazione destinate alla medicina generale. È il momento di eliminare l’imbuto formativo e garantire una formazione alle migliaia di medici che da anni sono in attesa di completare il loro percorso post-laurea e di vedere riconosciuto il loro contributo nella cura dei pazienti anche e soprattutto nelle Regioni italiane in cui la totale assenza di programmazione e di lungimiranza ha creato una voragine nell’assistenza sanitaria territoriale. Occorre finalmente riconoscere ai medici già formati in medicina generale la valenza specialistica della loro formazione, per dare alla medicina di famiglia la dignità che merita, al pari delle altre specializzazioni mediche».

 

Articoli correlati
Scuole specializzazione, i posti disponibili per il 2020 sono 14.455
Il Mur ha pubblicato il decreto tanto atteso: rispetto allo scorso anno oltre 5mila borse in più. Epifani (Smi): «Aumentate le borse ma anche i candidati al test d'ammissione per le scuole di specializzazione. Non è stato risolto il problema dell’imbuto formativo»
Vaccino influenza, Onotri (SMI): «Deve essere somministrato da medici»
La reazione del segretario generale del Sindacato Medici Italiani alla possibilità che i vaccini antinfluenzali siano somministrati da farmacisti: «È un atto medico, basta invasioni di campo di altre professioni nelle nostre competenze»
Onotri e Abbaticchio (SMI) a colloquio con Speranza: «Al centro maggiori tutele e pari opportunità»
La richiesta Smi al ministro Speranza: più tutele per infortuni sul lavoro ai medici, Recovery Fund per aiutare la medicina territoriale e medici convenzionati nelle attività distrettuali
«Con il protrarsi dell’emergenza Covid, potenziare la Medicina Generale e ridurre il carico burocratico»
di Luigi Martini (Segretario Aziendale della Asl di Latina) e Claudia Felici (Segretario Aziendale della Asl Rm1)
di Luigi Martini & Claudia Felici, SMI Lazio
Fermi e senza stipendio da 5 mesi, non c’è fase 2 per i medici fiscali Inps. Mattioli (SMI): «Lavoratori in malattia senza controlli»
«Molti di noi fanno parte di famiglie monoreddito e sono molto in difficoltà» spiega Piera Mattioli, Responsabile SMI Settore Medici Inps. Dopo una diffida all’Inps, l’istituto di previdenza ha convocato una riunione per il 23 luglio. I mille camici bianchi aspettano la firma della convenzione, ma la trattativa si è fermata nel novembre 2019
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 settembre, sono 31.606.979 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 971.116 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 22 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

Covid-19, studio italiano scopre meccanismo responsabile della morte dei pazienti in terapia intensiva

Lo studio, che vede come capofila il S. Orsola di Bologna, è stato pubblicato su “Lancet Respiratory Medicine” lo scorso 27 agosto