Formazione 24 Agosto 2020 14:00

Un emendamento per una Scuola di specializzazione in Medicina Generale, di Comunità e Cure Primarie

La proposta è in discussione presso la Commissione Affari Costituzionali del Senato. Smi: «Finalmente connessione tra mondo universitario e territorio»

Un emendamento per una Scuola di specializzazione in Medicina Generale, di Comunità e Cure Primarie

Una Scuola di specializzazione in Medicina Generale, di Comunità e Cure Primarie. Questo l’obiettivo dell’emendamento all’articolo 19 del Dl Semplificazioni firmato dalla senatrice Castellone (M5S) attualmente in discussione alla Commissione Affari Costituzionali. Una proposta che, se approvata, riordinerebbe la Scuola di specializzazione in Medicina di Comunità e Cure Primarie per consentire a chi ha questa specializzazione di esercitare l’attività di medico di Medicina Generale.

COSA PREVEDE L’EMENDAMENTO?

«Al fine di fronteggiare la carenza di personale medico – si legge nel testo – dedicato all’assistenza territoriale e cure primarie, la Scuola di specializzazione in Medicina di Comunità e Cure Primarie è riordinata, in tempo utile per l’avvio dell’anno accademico 2020-21 di riferimento per le scuole di specializzazione sanitaria, nella Scuola di specializzazione in “Medicina Generale, di Comunità e Cure Primarie”, il cui diploma consente l’esercizio dell’attività professionale di medico di medicina generale nell’ambito del Ssn».

LEGGI IL TESTO DELL’EMENDAMENTO

L’esercizio dell’attività di medico di medicina generale nell’ambito del Ssn sarebbe, inoltre, consentito anche ai medici in possesso di diploma di specializzazione in medicina di comunità così com’era costituita la scuola pre-emendamento. Una modifica che, si sottolinea ancora nel testo, non aggiungerebbe ulteriori borse di studio a quelle previste in precedenza, non gravando così sulla finanza pubblica.

SMI: «FINALMENTE CONNESSIONE TRA MONDO UNIVERSITARIO E TERRITORIO»

«L’emendamento, a nostro avviso, propone una sterzata decisiva nella Medicina Generale» ha così espresso soddisfazione Delia Epifani, Responsabile Nazionale SMI Formazione e Prospettive. «Riteniamo che questa sia l’occasione – ha proseguito – per raggiungere finalmente una stretta connessione tra il mondo universitario e il territorio, uno snodo cruciale per il completo passaggio a Scuola di Specializzazione del Corso di Formazione Specifica in Medicina Generale».

Una riforma nella formazione dei medici di famiglia, secondo Epifani, vede essenziale la presenza di una scuola di specializzazione, uniformemente ad altri Paesi europei. In quanto «è l’opportunità di riqualificazione, di ridefinizione di obiettivi formativi e di adeguamento degli standard  qualitativi di tutti i poli formativi italiani».

«A questa norma, qualora fosse approvata – ha precisato – bisognerà affiancare un percorso dedicato ai medici che già hanno acquisito il diploma di formazione specifica in medicina generale e che vogliono conseguire la specializzazione in medicina generale, di comunità e delle cure primarie. Solo così si potranno azzerare le differenze nella formazione medica post-laurea e creare un canale formativo unico e di qualità per tutti i giovani medici».

EPIFANI: «ORA RICONOSCERE AI MMG VALENZA SPECIALISTICA»

Dopo la pandemia, per Smi è diventato evidente il «concreto bisogno d’investire nelle cure territoriali e nell’implementazione delle cure a domicilio avvalendosi dei device di supporto per la telemedicina».

«Siamo convinti – ha concluso Epifani – che sia arrivata l’ora di creare un percorso di formazione con standard qualitativo elevato su tutto il territorio nazionale, che tenga conto delle peculiarità regionali. È il momento di aumentare il numero di borse di specializzazione destinate alla medicina generale. È il momento di eliminare l’imbuto formativo e garantire una formazione alle migliaia di medici che da anni sono in attesa di completare il loro percorso post-laurea e di vedere riconosciuto il loro contributo nella cura dei pazienti anche e soprattutto nelle Regioni italiane in cui la totale assenza di programmazione e di lungimiranza ha creato una voragine nell’assistenza sanitaria territoriale. Occorre finalmente riconoscere ai medici già formati in medicina generale la valenza specialistica della loro formazione, per dare alla medicina di famiglia la dignità che merita, al pari delle altre specializzazioni mediche».

 

Articoli correlati
Dl Sostegni Bis, riconosciuto ruolo sociosanitario di OSS, assistenti sociali e sociologi
Minghetti (Migep): «Buona soluzione, speriamo nell'approvazione del Senato». Giuliano (Ugl): «Ora si dia loro il giusto riconoscimento retributivo»
Emergenza Covid e medici vaccinatori, in quali casi scatta lo stop alla pensione?
Sul banco degli imputati l’articolo 3 bis del Dl 2 del 2021: chi ha stipulato un incarico ai sensi di questa norma rischia di vedersi bloccata la pensione. Pulci (ENPAM): «Molte persone hanno dato disponibilità sulla base di un contesto normativo in cui non c’era nessuna penalizzazione». De Matteis (SMI): «Molti si tireranno indietro, regole assurde»
Smi, Simet e Fp Cgil Medici si associano in una nuova organizzazione sindacale
SMI, SIMET e FP CGIL Medici si affiliano. Nasce un nuovo polo sindacale della medicina generale
Decreto Covid, la delusione di medici e professionisti sanitari. Anelli (FNOMCeO): «Tutela insufficiente»
Il Ministro Speranza esprime soddisfazione per il DL e ribadisce «l’impegno di tutto il governo a lavorare, in sede di conversione del decreto, ad una protezione legale per il personale sanitario impegnato nell’emergenza»
Vaccinazioni, Smi-Lazio firma Accordo sui medici di Continuità Assistenziale e Medicina dei servizi
di Ermanno De Fazi, vicesegretario Smi-Lazio
di Ermanno De Fazi, vicesegretario Smi-Lazio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 agosto, sono 199.570.445 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.246.242 i decessi. Ad oggi, oltre 4.15 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva