Giovani 28 Maggio 2020

«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio

Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l’abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»

L’imbuto formativo è un limbo in cui rimangono, secondo le stime, 1500 camici grigi: medici, laureati e abilitati che restano fuori dalla formazione specialistica e dai corsi in Medicina generale.

LEGGI ANCHE: SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE, PUBBLICATA LA DATA IN CUI SI SVOLGERÀ IL CONCORSO DI AMMISSIONE

Dopo la protesta di ieri a Montecitorio, domani 29 Maggio, alle ore 10.30 a Roma ed in altre 21 piazze di tutta Italia, si svolgerà un nuovo sit-in di studenti, camici grigi, medici neoabilitati e in formazione «contro l’imbuto formativo, per una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico».

Parteciperanno alla mobilitazione 14 sigle rappresentanti di studenti, specializzandi e giovani medici: Coordinamento Chi si cura di te?, Link – Coordinamento Universitario, Associazione Salviamo Ippocrate, ASVer – Associazione degli Specializzandi di Verona, ER – Ex Rappresentanti in prima linea, Farmacia Politica, Materia Grigia, SIGM – Segretariato Italiano Giovani Medici, FederSpecializzandi, ASUP – Specializzandi Perugia, Specializzandi e specializzande del Lazio, ASU – Associazione Studenti Universitari Padova, FP Cgil Medici e Dirigenti SSN, UDU – Unione degli Universitari.

«Domani, 29 maggio – si legge nel comunicato congiunto delle associazioni – saremo in mobilitazione in 21 delle maggiori piazze d’Italia e negli ospedali universitari. A Roma, in piazza a Montecitorio con studenti e studentesse, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista. Le nostre richieste: l’abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica che riconosca maggiori diritti e tutele ai medici in formazione, per la centralità della medicina sul territorio. Non per noi  – prosegue – ma per il nostro Servizio Sanitario Nazionale e per la salute di tutte e tutti. L’emergenza Covid ha dimostrato che le risposte alle nostre rivendicazioni non sono più rimandabili».

LEGGI ANCHE: FEDERSPECIALIZZANDI: «PER LA FASE 2 DEL SSN PROGRAMMAZIONE DEL FABBISOGNO DI MEDICI, INFORMATIZZAZIONE E PREPAREDNESS»

«Per questo – concludono i giovani medici – domani saremo in piazza perché le istituzioni a tutti i livelli, il Ministero della Salute e dell’Università e il Governo tutto, ci diano risposte e ascoltino le proposte che abbiamo elaborato in questi mesi».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, terapie intensive al collasso: mancano all’appello 4mila specialisti
L'esperto propone: Consulcesi Club lancia nuovo corso di formazione su cure intensive con lo specialista Mauro Dauri (Tor Vergata): «Contro carenza medici in terapia intensiva, formare e coinvolgere specialisti afferenti ad altre discipline come accade in Usa e Europa»
Regno Unito: ostetriche, farmacisti e studenti potrebbero somministrare il vaccino anti-Covid
Dopo la modifica del regolamento sui medicinali, il Regno Unito ha approvato l'uso in emergenza di un vaccino contro Covid e la creazione di una "forza lavoro ampliata"
‘Più credibili del dottor Google’: da Consulcesi i 7 passi per migliorare la comunicazione medico-paziente
Con la pandemia i pazienti di dr Google sono raddoppiati. Complice la paura di recarsi dal proprio medico e anche il desiderio quasi ossessivo di diagnosi lampo, il web è diventato il primo posto dove si cerca aiuto
Come ti ricreo la scena del crimine in casa (grazie alla realtà aumentata)
In questo video, il professor Marco Camisani Calzolari, tra i massimi esperti digitali e del web, spiega come solo la formazione a distanza, unita alla realtà virtuale e alle tecnologie più innovative, possono fornire gli strumenti adeguati a preparare al meglio i nuovi professionisti del settore
Specializzandi, Toccalini (Lega): «Sbloccare subito graduatoria, Miur intervenga» 
Il coordinatore della Lega giovani chiede che il Miur faccia chiarezza dopo il rinvio della pubblicazione delle graduatorie degli specializzandi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 ottobre, sono 43.979.777 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.167.124 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...