Giovani 28 Maggio 2020 11:56

«No all’imbuto formativo». I giovani medici tornano in piazza il 29 maggio

Nuova mobilitazione domani a Roma, in piazza a Montecitorio e in altre 21 piazze italiane. Si incontreranno studenti, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista «per chiedere l’abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico»

L’imbuto formativo è un limbo in cui rimangono, secondo le stime, 1500 camici grigi: medici, laureati e abilitati che restano fuori dalla formazione specialistica e dai corsi in Medicina generale.

LEGGI ANCHE: SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE, PUBBLICATA LA DATA IN CUI SI SVOLGERÀ IL CONCORSO DI AMMISSIONE

Dopo la protesta di ieri a Montecitorio, domani 29 Maggio, alle ore 10.30 a Roma ed in altre 21 piazze di tutta Italia, si svolgerà un nuovo sit-in di studenti, camici grigi, medici neoabilitati e in formazione «contro l’imbuto formativo, per una riforma della formazione medica e in difesa del SSN pubblico e universalistico».

Parteciperanno alla mobilitazione 14 sigle rappresentanti di studenti, specializzandi e giovani medici: Coordinamento Chi si cura di te?, Link – Coordinamento Universitario, Associazione Salviamo Ippocrate, ASVer – Associazione degli Specializzandi di Verona, ER – Ex Rappresentanti in prima linea, Farmacia Politica, Materia Grigia, SIGM – Segretariato Italiano Giovani Medici, FederSpecializzandi, ASUP – Specializzandi Perugia, Specializzandi e specializzande del Lazio, ASU – Associazione Studenti Universitari Padova, FP Cgil Medici e Dirigenti SSN, UDU – Unione degli Universitari.

«Domani, 29 maggio – si legge nel comunicato congiunto delle associazioni – saremo in mobilitazione in 21 delle maggiori piazze d’Italia e negli ospedali universitari. A Roma, in piazza a Montecitorio con studenti e studentesse, medici neoabilitati, camici grigi, medici in formazione specialistica e generalista. Le nostre richieste: l’abolizione dell’imbuto formativo e una riforma della formazione medica che riconosca maggiori diritti e tutele ai medici in formazione, per la centralità della medicina sul territorio. Non per noi  – prosegue – ma per il nostro Servizio Sanitario Nazionale e per la salute di tutte e tutti. L’emergenza Covid ha dimostrato che le risposte alle nostre rivendicazioni non sono più rimandabili».

LEGGI ANCHE: FEDERSPECIALIZZANDI: «PER LA FASE 2 DEL SSN PROGRAMMAZIONE DEL FABBISOGNO DI MEDICI, INFORMATIZZAZIONE E PREPAREDNESS»

«Per questo – concludono i giovani medici – domani saremo in piazza perché le istituzioni a tutti i livelli, il Ministero della Salute e dell’Università e il Governo tutto, ci diano risposte e ascoltino le proposte che abbiamo elaborato in questi mesi».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sicurezza delle cure, dal rischio clinico alle assicurazioni: a che punto siamo? Intervista all’Avv. Hazan
Il punto in occasione della "Giornata nazionale per la sicurezza delle cure e della persona assistita”
Riparte il confronto Fnopi-Regioni: «Aumentare gli infermieri nel corpo docente delle università»
Le Regioni hanno accolto le proposte della Federazione: fabbisogno formativo, specializzazioni e contratto i temi discussi
 A chi compete la certificazione dei crediti formativi erogati dal Provider?
La certificazione compete esclusivamente all’Ordine, Collegio o Associazione professionale di appartenenza del partecipante all’evento. Spetta al Provider, oppure nel caso della sperimentazione, all’ente accreditante, inviare i dati al COGEAPS che li rende disponibili alle suddette istituzioni per la certificazione (cfr.: Accordo Stato-Regioni 5 novembre 2009).
Nove ragazzi su dieci hanno difetti visivi. Colpa della DAD?
Con il progetto “Ci vediamo a scuola” degli Istituti clinici Maugeri di Milano, i ragazzi sottoposti a test hanno evidenziato problemi visivi. Mazzacane (GOAL): «Non è tutta colpa della didattica a distanza, necessario il ripristino del medico scolastico e serve più prevenzione»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco