Formazione 27 Settembre 2018

Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»

Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»

Immagine articolo

Mille medici all’anno lasciano l’Italia per andare a lavorare all’estero. È uno dei dati su cui si sofferma Federico Gelli, responsabile rischio in sanità di Federsanità ANCI e fautore della Legge 24 del 2017 che ha rivoluzionato l’ambito della responsabilità medica. Un fenomeno grave, che si lega strettamente a quello della carenza di medici e al famoso ‘imbuto formativo’ che di fatto costringe molti camici bianchi a lasciare il Belpaese per tentare fortuna all’estero. «È un danno per il nostro Sistema perché formare un medico costa allo Stato italiano qualcosa come circa 150mila euro. Per avere il totale basta fare una semplice moltiplicazione: 150mila per mille che è circa il numero effettivo di professionisti che ogni anno vanno a lavorare all’estero», chiarisce Gelli, che poi torna ad incalzare il Governo chiedendo l’approvazione degli ultimi tre decreti attuativi della Legge che porta il suo nome: «Darebbero una boccata d’ossigeno a tutto il sistema perché la Legge senza la parte assicurativa è ovviamente in sofferenza».

Onorevole, nel suo intervento al convegno organizzato da Sanità Informazione sui medici specializzandi ha citato dei numeri molto importanti, in particolare riguardo alle domande al ministro della Salute per chiedere documentazione per lavorare all’estero. Ci può riepilogare questi dati?

«Negli anni 2000-2005 erano pochissimi i medici che guardavano con interesse al lavoro all’estero, al di là dei percorsi formativi, di studio e di ricerca. Si parlava di qualche centinaio di casi. Nel 2017 siamo ad oltre 2500 richieste di documentazione e il dato stimato ad oggi è di circa mille medici che ogni anno vanno a lavorare all’estero con un danno per il nostro Sistema perché formare un medico costa allo Stato italiano qualcosa come circa 150mila euro. Per avere il totale basta fare una semplice moltiplicazione: 150mila per mille che è circa il numero effettivo di professionisti che ogni anno vanno a lavorare all’estero. Su questo credo che il Governo e il Ministro debbano intervenire per evitare questa vera ‘fuga di cervelli’».

LEGGI ANCHE: FUGA DI CERVELLI, NEUROLOGI IN POLE POSITION PER ‘SCAPPARE’ DALL’ITALIA. PIETRAFUSA (NEUROLOGO): «PER UN FUTURO MIGLIORE, MENO PRECARIATO E PIÙ FORMAZIONE»

La motivazione principale è questo ‘imbuto’ formativo di cui si diceva. Ma ci sono anche altre motivazioni che spingono i medici ad andare all’estero?

«In passato una motivazione era anche quella legata all’assenza di norme di tutela e di garanzia sull’attività professionale. Con l’entrata in vigore della Legge 24 del 2017 che porta il mio nome almeno da questo punto di vista i professionisti si sentono più garantiti e più tutelati. Rimane però l’imbuto formativo. Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati e quindi molti di questi decidono di recarsi all’estero per la specializzazione e poi rimangono all’estero. Quindi abbiamo formato un bravo professionista e poi dopo lo regaliamo come intuizione, come genialità, come intelligenza, come cultura ad un Paese estero. Credo che su questo bisognerà intervenire energicamente per evitare che questo in qualche modo si sviluppi ancora di più».

Un’ultima battuta sulla Legge che porta il suo nome. Lei diceva che sui decreti attuativi si è persa traccia soprattutto sul versante delle assicurazioni. Il ministro Di Maio sarà pressato su questo, immagino…

«Beh io spero di sì, anche se mi sembra che abbiano altre priorità nel Paese in questo momento. Credo che ormai la questione è abbastanza in una fase terminale nel senso che c’era già un lavoro istruttorio degli uffici, noi avevamo dato un contributo attraverso un documento che affrontava tutte le parti più complesse della questione, della regolamentazione dei decreti sulla parte assicurativa. Sono tre i decreti attuativi sulla parte assicurativa. Rimangono un paio di nodi politici, quindi il Ministro può tranquillamente assumersi la sua responsabilità, scegliere in un modo o nell’altro, sciogliere questi nodi e decretare: darebbe una boccata d’ossigeno a tutto il sistema perché la Legge senza la parte assicurativa è ovviamente in sofferenza».

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI-BIANCO, L’AVVOCATO HAZAN: «DECRETI ATTUATIVI? COME ASPETTARE GODOT… LA POLITICA DIA CERTEZZE AI PROFESSIONISTI»

Articoli correlati
«Non possiamo tirarci indietro, dobbiamo dare una mano». Parla uno degli 8mila medici che hanno aderito alla task force della protezione civile
Chiara Errera, giovane medico intrappolato nell’imbuto formativo: «Daranno priorità ai colleghi specializzati, ma io mi sono resa comunque disponibile. Anche se in corsia ci si tutela con i sacchi dell’immondizia»
Gestione rischio sanitario, Sham partner di Uni Torino per insegnare la sicurezza delle cure
Per la prima volta, la gestione del rischio sanitario diventa materia di insegnamento magistrale all’Università di Torino grazie alla partnership con Sham, società del gruppo europeo Relyens, da oltre 90 anni specializzata nella gestione della RC Sanitaria e nel risk management. Partiranno infatti il 19 febbraio le lezioni di “Governance e gestione del rischio clinico […]
Risk management, gli esperti riuniti in Sapienza: «Serve approccio uniforme sul territorio»
Il professor Fineschi: «Una valutazione dell'operato dei medici 'peer review' servirà al giudice per assumere la decisione più giusta e corretta rispetto al caso incriminato»
Rischio clinico, contenzioso e fine vita. Dal 12 al 14 febbraio se ne parla alla Sapienza di Roma
Ritorna il convegno annuale sui principali temi di interesse per il settore medico. Previsti ospiti eccellenti e tavoli di confronto. Il professor Fineschi: «Centrale nel nostro dibattito l’applicazione della Legge Gelli». La professoressa Frati: «Approfondiremo anche la sentenza della Corte Costituzionale che rende possibile anche in Italia il suicidio assistito»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 10 aprile, sono 1.602.885 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 95.745 i decessi e 355.514 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino del...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...