Formazione 27 Settembre 2018 14:41

Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»

Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»

Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»

Mille medici all’anno lasciano l’Italia per andare a lavorare all’estero. È uno dei dati su cui si sofferma Federico Gelli, responsabile rischio in sanità di Federsanità ANCI e fautore della Legge 24 del 2017 che ha rivoluzionato l’ambito della responsabilità medica. Un fenomeno grave, che si lega strettamente a quello della carenza di medici e al famoso ‘imbuto formativo’ che di fatto costringe molti camici bianchi a lasciare il Belpaese per tentare fortuna all’estero. «È un danno per il nostro Sistema perché formare un medico costa allo Stato italiano qualcosa come circa 150mila euro. Per avere il totale basta fare una semplice moltiplicazione: 150mila per mille che è circa il numero effettivo di professionisti che ogni anno vanno a lavorare all’estero», chiarisce Gelli, che poi torna ad incalzare il Governo chiedendo l’approvazione degli ultimi tre decreti attuativi della Legge che porta il suo nome: «Darebbero una boccata d’ossigeno a tutto il sistema perché la Legge senza la parte assicurativa è ovviamente in sofferenza».

Onorevole, nel suo intervento al convegno organizzato da Sanità Informazione sui medici specializzandi ha citato dei numeri molto importanti, in particolare riguardo alle domande al ministro della Salute per chiedere documentazione per lavorare all’estero. Ci può riepilogare questi dati?

«Negli anni 2000-2005 erano pochissimi i medici che guardavano con interesse al lavoro all’estero, al di là dei percorsi formativi, di studio e di ricerca. Si parlava di qualche centinaio di casi. Nel 2017 siamo ad oltre 2500 richieste di documentazione e il dato stimato ad oggi è di circa mille medici che ogni anno vanno a lavorare all’estero con un danno per il nostro Sistema perché formare un medico costa allo Stato italiano qualcosa come circa 150mila euro. Per avere il totale basta fare una semplice moltiplicazione: 150mila per mille che è circa il numero effettivo di professionisti che ogni anno vanno a lavorare all’estero. Su questo credo che il Governo e il Ministro debbano intervenire per evitare questa vera ‘fuga di cervelli’».

LEGGI ANCHE: FUGA DI CERVELLI, NEUROLOGI IN POLE POSITION PER ‘SCAPPARE’ DALL’ITALIA. PIETRAFUSA (NEUROLOGO): «PER UN FUTURO MIGLIORE, MENO PRECARIATO E PIÙ FORMAZIONE»

La motivazione principale è questo ‘imbuto’ formativo di cui si diceva. Ma ci sono anche altre motivazioni che spingono i medici ad andare all’estero?

«In passato una motivazione era anche quella legata all’assenza di norme di tutela e di garanzia sull’attività professionale. Con l’entrata in vigore della Legge 24 del 2017 che porta il mio nome almeno da questo punto di vista i professionisti si sentono più garantiti e più tutelati. Rimane però l’imbuto formativo. Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati e quindi molti di questi decidono di recarsi all’estero per la specializzazione e poi rimangono all’estero. Quindi abbiamo formato un bravo professionista e poi dopo lo regaliamo come intuizione, come genialità, come intelligenza, come cultura ad un Paese estero. Credo che su questo bisognerà intervenire energicamente per evitare che questo in qualche modo si sviluppi ancora di più».

Un’ultima battuta sulla Legge che porta il suo nome. Lei diceva che sui decreti attuativi si è persa traccia soprattutto sul versante delle assicurazioni. Il ministro Di Maio sarà pressato su questo, immagino…

«Beh io spero di sì, anche se mi sembra che abbiano altre priorità nel Paese in questo momento. Credo che ormai la questione è abbastanza in una fase terminale nel senso che c’era già un lavoro istruttorio degli uffici, noi avevamo dato un contributo attraverso un documento che affrontava tutte le parti più complesse della questione, della regolamentazione dei decreti sulla parte assicurativa. Sono tre i decreti attuativi sulla parte assicurativa. Rimangono un paio di nodi politici, quindi il Ministro può tranquillamente assumersi la sua responsabilità, scegliere in un modo o nell’altro, sciogliere questi nodi e decretare: darebbe una boccata d’ossigeno a tutto il sistema perché la Legge senza la parte assicurativa è ovviamente in sofferenza».

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI-BIANCO, L’AVVOCATO HAZAN: «DECRETI ATTUATIVI? COME ASPETTARE GODOT… LA POLITICA DIA CERTEZZE AI PROFESSIONISTI»

Articoli correlati
“La sanità digitale come strumento di prevenzione del rischio clinico”: esperti a confronto al Santo Spirito
Nel convegno promosso dall'Asl Roma 1 si parlerà di e-health e di tutte le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) necessarie per far funzionare il sistema sanitario in sicurezza e qualità, riducendo i rischi collegati ai processi sempre più complessi ed interprofessionali.
Formazione ECM, Magi (OMCeO Roma): «Azioni disciplinari per chi non è in regola»
Falcinelli (OMCeO Ravenna): «Compito degli Ordini stimolare gli iscritti e verificare crediti». Lazzari (Cnop): «Aggiornamento continuo essenziale»
Legge Gelli: riforma in vista
Dal 12 maggio è in esame in Commissione giustizia e affari sociali della Camera una proposta di modifica della Legge Gelli Bianco
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
PNRR e Legge Gelli, Hazan: «La responsabilità professionale cambierà. Occorrono riflessioni importanti»
Il Presidente della Fondazione Italia in Salute fa un bilancio di cosa è cambiato dall’approvazione della legge sulla responsabilità professionale ad oggi e spiega come dovrà cambiare il sistema alla luce delle risorse in arrivo con il PNRR
PNRR e responsabilità professionale, Gelli: «Fondamentale formazione del personale sanitario per non sprecare risorse»
Cosa è cambiato a cinque anni dalla Legge 24 del 2017? Lo abbiamo chiesto alla persona che le ha dato il nome
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...