Formazione 27 settembre 2018

Sanità, l’allarme di Federico Gelli: «Formiamo i medici e poi li costringiamo ad andare all’estero: ogni anno ne scappano mille»

Il responsabile di Federsanità ANCI sottolinea il fenomeno che sta assumendo proporzioni sempre più grandi. «Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700 – spiega Gelli a Sanità Informazione -. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati»

Immagine articolo

Mille medici all’anno lasciano l’Italia per andare a lavorare all’estero. È uno dei dati su cui si sofferma Federico Gelli, responsabile rischio in sanità di Federsanità ANCI e fautore della Legge 24 del 2017 che ha rivoluzionato l’ambito della responsabilità medica. Un fenomeno grave, che si lega strettamente a quello della carenza di medici e al famoso ‘imbuto formativo’ che di fatto costringe molti camici bianchi a lasciare il Belpaese per tentare fortuna all’estero. «È un danno per il nostro Sistema perché formare un medico costa allo Stato italiano qualcosa come circa 150mila euro. Per avere il totale basta fare una semplice moltiplicazione: 150mila per mille che è circa il numero effettivo di professionisti che ogni anno vanno a lavorare all’estero», chiarisce Gelli, che poi torna ad incalzare il Governo chiedendo l’approvazione degli ultimi tre decreti attuativi della Legge che porta il suo nome: «Darebbero una boccata d’ossigeno a tutto il sistema perché la Legge senza la parte assicurativa è ovviamente in sofferenza».

Onorevole, nel suo intervento al convegno organizzato da Sanità Informazione sui medici specializzandi ha citato dei numeri molto importanti, in particolare riguardo alle domande al ministro della Salute per chiedere documentazione per lavorare all’estero. Ci può riepilogare questi dati?

«Negli anni 2000-2005 erano pochissimi i medici che guardavano con interesse al lavoro all’estero, al di là dei percorsi formativi, di studio e di ricerca. Si parlava di qualche centinaio di casi. Nel 2017 siamo ad oltre 2500 richieste di documentazione e il dato stimato ad oggi è di circa mille medici che ogni anno vanno a lavorare all’estero con un danno per il nostro Sistema perché formare un medico costa allo Stato italiano qualcosa come circa 150mila euro. Per avere il totale basta fare una semplice moltiplicazione: 150mila per mille che è circa il numero effettivo di professionisti che ogni anno vanno a lavorare all’estero. Su questo credo che il Governo e il Ministro debbano intervenire per evitare questa vera ‘fuga di cervelli’».

LEGGI ANCHE: FUGA DI CERVELLI, NEUROLOGI IN POLE POSITION PER ‘SCAPPARE’ DALL’ITALIA. PIETRAFUSA (NEUROLOGO): «PER UN FUTURO MIGLIORE, MENO PRECARIATO E PIÙ FORMAZIONE»

La motivazione principale è questo ‘imbuto’ formativo di cui si diceva. Ma ci sono anche altre motivazioni che spingono i medici ad andare all’estero?

«In passato una motivazione era anche quella legata all’assenza di norme di tutela e di garanzia sull’attività professionale. Con l’entrata in vigore della Legge 24 del 2017 che porta il mio nome almeno da questo punto di vista i professionisti si sentono più garantiti e più tutelati. Rimane però l’imbuto formativo. Ogni anno si laureano circa 10mila persone, ma ci sono borse di specializzazione per circa 6700. Quindi c’è un gap ancora di alcune migliaia di borse che non è colmato e queste persone sono potenzialmente dei disoccupati e quindi molti di questi decidono di recarsi all’estero per la specializzazione e poi rimangono all’estero. Quindi abbiamo formato un bravo professionista e poi dopo lo regaliamo come intuizione, come genialità, come intelligenza, come cultura ad un Paese estero. Credo che su questo bisognerà intervenire energicamente per evitare che questo in qualche modo si sviluppi ancora di più».

Un’ultima battuta sulla Legge che porta il suo nome. Lei diceva che sui decreti attuativi si è persa traccia soprattutto sul versante delle assicurazioni. Il ministro Di Maio sarà pressato su questo, immagino…

«Beh io spero di sì, anche se mi sembra che abbiano altre priorità nel Paese in questo momento. Credo che ormai la questione è abbastanza in una fase terminale nel senso che c’era già un lavoro istruttorio degli uffici, noi avevamo dato un contributo attraverso un documento che affrontava tutte le parti più complesse della questione, della regolamentazione dei decreti sulla parte assicurativa. Sono tre i decreti attuativi sulla parte assicurativa. Rimangono un paio di nodi politici, quindi il Ministro può tranquillamente assumersi la sua responsabilità, scegliere in un modo o nell’altro, sciogliere questi nodi e decretare: darebbe una boccata d’ossigeno a tutto il sistema perché la Legge senza la parte assicurativa è ovviamente in sofferenza».

LEGGI ANCHE: LEGGE GELLI-BIANCO, L’AVVOCATO HAZAN: «DECRETI ATTUATIVI? COME ASPETTARE GODOT… LA POLITICA DIA CERTEZZE AI PROFESSIONISTI»

Articoli correlati
Specializzazione, la ricetta di Fioramonti (Viceministro Miur): «Più fondi per fermare ‘imbuto formativo’»
Il numero due di Viale Trastevere parla a Sanità Informazione dei punti su cui verterà la riforma delle Scuole di Specializzazione: «Serve maggiore trasparenza e merito. L’Italia perde fino a 500mila euro per ogni medico che va all'estero. Deve diventare più attrattiva per chi è fuori, occorre maggiore mobilità». E aggiunge: «Rapporto tra azienda ospedaliera e università non è sempre efficiente come dovrebbe essere»
Numero chiuso e imbuto formativo, sempre più difficile diventare medico. In 10 anni 10mila medici via dall’Italia
Mestiere “a rischio estinzione” per il network legale Consulcesi. Il Presidente Massimo Tortorella: «Ancora troppa incertezza sul destino degli studenti. Ci saranno più posti a disposizione? Si passerà a un sistema alla francese? Servono risposte certe subito». Atenei in crisi: dal 2008 a oggi i docenti sono scesi da 63.228 a 53.801
Medicina generale, Grillo prolunga slittamento graduatorie: «Nessuna borsa andrà perduta»
«Questo provvedimento permetterà di assegnare tutte le borse disponibili per la formazione post laurea in Medicina generale. Nessuna borsa andrà perduta, questo è essenziale per il futuro dei giovani camici bianchi, ma anche per il nostro sistema sanitario» ha specificato il ministro
Responsabilità medica, parla Amedeo Bianco: «Ora anche strutture coinvolte su tema sicurezza. Ma servono ultimi decreti attuativi»
L’ex Senatore, presidente Fnomceo e relatore della Legge 24 insieme a Federico Gelli, sottolinea: «I medici hanno capito che è stato fatto uno sforzo importante. Ma non abbiamo mai celebrato questa legge come la panacea di tutti i mali, alcuni problemi esistono ancora, bisognerà lavorarci molto»
SSN, nel 2025 mancheranno 16.500 specialisti. L’allarme dell’Anaao: «È vera emergenza nazionale»
Tra i fattori della carenza di specialisti, secondo lo studio condotto dal sindacato, imbuto formativo, blocco del turnover ed emorragia di pensionamenti. A mancare, saranno soprattutto medici d'emergenza-urgenza, pediatri, internisti e anestesisti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...