Formazione 26 Giugno 2020 11:13

Report Almalaurea: il tasso di occupazione per le Professioni sanitarie torna a crescere, è saldo il primo posto in Italia

Occupati al 76%, con sei punti in più rispetto al 2017. Si mantengono alcune differenze tra gli atenei del nord e quelli del sud. L’incremento più importante va all’area Tecnica. I liberi professionisti la categoria più gratificata

Report Almalaurea: il tasso di occupazione per le Professioni sanitarie torna a crescere, è saldo il primo posto in Italia

Torna ad aumentare l’occupazione per le Professioni sanitarie. Sugli oltre 18 mila laureati di primo livello del 2018 si arriva a un tasso di occupati del 76,2% rispetto al 70,3% dell’anno precedente. A evidenziarlo è il XXII rapporto annuale del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea di Bologna, redatto su tutte le 16 aree disciplinari e i 41 atenei sedi di facoltà di Medicina e Chirurgia.

Le professioni sanitarie mantengono saldo il loro primo posto per occupazione nei vari gruppi disciplinari. La diminuzione si rileva solo con un confronto rispetto a 12 anni fa, quando il tasso era all’87%. È l’area Tecnica che rileva l’incremento più importante, +8,8%, registrando un’importante ripresa rispetto agli anni precedenti. A seguire l’area Infermieristica e Ostetrica, che passa dal 71,1% al 77,5%. Un +2,4% registrato anche per l’area della Riabilitazione, mentre resta fanalino di coda l’area Prevenzione, che sale al 54,4% con un aumento dello 0,3.

LEGGI ANCHE GIOVANI MEDICI IN PIAZZA CON FNOMCEO. COSA STA SUCCEDENDO CON I 13 MILA POSTI DI MEDICINA E “L’IMBUTO FORMATIVO”

Si mantiene una differenza geografica pressoché costante nel tempo. Nelle 17 università del nord il tasso medio di occupati tocca l’84%, con Milano al primo posto nazionale (89%). Negli 8 atenei del centro si scende al 73% e nelle 14 del sud al 66%. Tra le professioni più attrattive per i nuovi iscritti si conferma al primo posto Fisioterapia, seguita da Logopedia, Dietistica e Ostetricia.

La laurea triennale per le professioni sanitari resta ad oggi la più spendibile, grazie alla facilità di inserimento nel mondo del lavoro. Lo dimostra il fatto che solo il 3,6% dei laureati è iscritto anche a un corso di magistrale. Oltre il 97% dei laureati conferma l’efficacia del titolo triennale per l’attività lavorativa.

Tra le 22 professioni sanitarie è il Tecnico Ortopedico che detiene il primo posto per tasso di occupazione, sfiorando il 91%. A seguire Logopedista con 88,4%; Igienista Dentale 88,1%; Fisioterapista 85,8%; e Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva con l’83,8%, che lo scorso anno era al primo posto.

LEGGI ANCHE ODONTOIATRIA, 1231 POSTI ALL’UNIVERSITA’ NEL 20/21. IANDOLO (CAO): «TENERE CONTO DEI LAUREATI ALL’ESTERO NEI FABBISOGNI»

Numeri che favoriscono una riflessione sulla differenza tra le discipline esercitabili come liberi professionisti e quelle che richiedono un impiego come dipendenti, sia pubblici che privati. Ai primi cinque posti si confermano i mestieri “autonomi”, mentre gli ultimi sono occupati da professioni che hanno subito fortemente il blocco delle assunzioni nel pubblico impiego, piaga degli anni scorsi. Tra questi: Ostetriche con 53,9%; Tecnici di Audiometria con il 53,3%; Tecnici della Prevenzione con 53,2%; Tecnici di Laboratorio al 46,3% e a chiudere Tecnici di Fisiopatologia cardiocircolatoria con il 40%, che mantengono l’ultimo posto da cinque anni.

LEGGI IL REPORT 2019 OCCUPAZIONE ALMALAUREA

Infermieri e tecnici di laboratorio, che per l’alta numerosità degli abilitati mantengono un tasso più basso rispetto alle attese. I primi al 79,3% con un aumento nel 2018 di sei punti percentuali, i secondi al 46% con 11 punti in più. Entrambe le situazioni si mostrano in netto miglioramento, anche se lo status quo è ancora lontano dal quadro di 10 anni fa quando l’occupazione era quasi totale. Va tenuto conto, si ricorda nel report, che ci sono 435 mila infermieri abilitati e perciò il calcolo fatto su di loro pesa moltissimo sulla cifra finale. Il miglioramento più importante lo fa Tecnico di Radiologia, che dal 55,6% passa al 67%, 11 punti percentuali in più che gli permettono di scalare la classifica di ben tre posizioni.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Consulcesi: «Dopo caos domande medicina vigiliamo su test di ammissione»
In attesa del test di ammissione alle facoltà per le professioni sanitarie, in programma oggi in tutta Italia, Tortorella e il team di avvocati Consulcesi ritengono che ci siano, anche quest’anno, tutti i margini per un ricorso collettivo ed una vittoria schiacciante per accedere alla facoltà di medicina
Decreto Green Pass, Bologna (Coraggio Italia): «Aprire tavolo ministeriale di confronto tra le professioni sanitarie per evitare tensioni»
«Ho chiesto al sottosegretario Costa come rappresentante del Ministero della Salute e del Governo l’apertura di un tavolo ministeriale di confronto tra le professioni sanitarie per trovarci preparati e coordinati alla sfida dei progetti del PNRR che guardano ad una Sanità con processi multidisciplinari e coordinati. Dobbiamo evitare tensioni tra professionisti del settore Sanitario che […]
Presentato ddl per far rientrare gli odontotecnici tra i professionisti sanitari
Marin (ANTLO): «Speriamo in un giusto riconoscimento utile anche contro l’abusivismo nella professione». Pollice verso dal CAO: «L’attività dell’odontotecnico resta un atto ausiliario»
Test Medicina, obbligo Green Pass e mascherine FFP2. Nuove regole per la prova di quest’anno
Consulcesi: «Ogni anno il 3% degli aspiranti medici escluso per sviste e piccole irregolarità»
Emilia Romagna, FNO TSRM PSTRP: «Bene iter legge sulla figura del Direttore assistenziale»
«La scelta di inserire tale figura all’interno della Direzione aziendale rappresenta una grande opportunità a  favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario», sottolinea la FNO TSRM PSTRP
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 22 settembre, sono 229.563.544 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.709.292 i decessi. Ad oggi, oltre 5,96 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco