Formazione 26 Giugno 2020 11:13

Report Almalaurea: il tasso di occupazione per le Professioni sanitarie torna a crescere, è saldo il primo posto in Italia

Occupati al 76%, con sei punti in più rispetto al 2017. Si mantengono alcune differenze tra gli atenei del nord e quelli del sud. L’incremento più importante va all’area Tecnica. I liberi professionisti la categoria più gratificata

Report Almalaurea: il tasso di occupazione per le Professioni sanitarie torna a crescere, è saldo il primo posto in Italia

Torna ad aumentare l’occupazione per le Professioni sanitarie. Sugli oltre 18 mila laureati di primo livello del 2018 si arriva a un tasso di occupati del 76,2% rispetto al 70,3% dell’anno precedente. A evidenziarlo è il XXII rapporto annuale del Consorzio Interuniversitario AlmaLaurea di Bologna, redatto su tutte le 16 aree disciplinari e i 41 atenei sedi di facoltà di Medicina e Chirurgia.

Le professioni sanitarie mantengono saldo il loro primo posto per occupazione nei vari gruppi disciplinari. La diminuzione si rileva solo con un confronto rispetto a 12 anni fa, quando il tasso era all’87%. È l’area Tecnica che rileva l’incremento più importante, +8,8%, registrando un’importante ripresa rispetto agli anni precedenti. A seguire l’area Infermieristica e Ostetrica, che passa dal 71,1% al 77,5%. Un +2,4% registrato anche per l’area della Riabilitazione, mentre resta fanalino di coda l’area Prevenzione, che sale al 54,4% con un aumento dello 0,3.

LEGGI ANCHE GIOVANI MEDICI IN PIAZZA CON FNOMCEO. COSA STA SUCCEDENDO CON I 13 MILA POSTI DI MEDICINA E “L’IMBUTO FORMATIVO”

Si mantiene una differenza geografica pressoché costante nel tempo. Nelle 17 università del nord il tasso medio di occupati tocca l’84%, con Milano al primo posto nazionale (89%). Negli 8 atenei del centro si scende al 73% e nelle 14 del sud al 66%. Tra le professioni più attrattive per i nuovi iscritti si conferma al primo posto Fisioterapia, seguita da Logopedia, Dietistica e Ostetricia.

La laurea triennale per le professioni sanitari resta ad oggi la più spendibile, grazie alla facilità di inserimento nel mondo del lavoro. Lo dimostra il fatto che solo il 3,6% dei laureati è iscritto anche a un corso di magistrale. Oltre il 97% dei laureati conferma l’efficacia del titolo triennale per l’attività lavorativa.

Tra le 22 professioni sanitarie è il Tecnico Ortopedico che detiene il primo posto per tasso di occupazione, sfiorando il 91%. A seguire Logopedista con 88,4%; Igienista Dentale 88,1%; Fisioterapista 85,8%; e Terapista della Neuro e Psicomotricità dell’età evolutiva con l’83,8%, che lo scorso anno era al primo posto.

LEGGI ANCHE ODONTOIATRIA, 1231 POSTI ALL’UNIVERSITA’ NEL 20/21. IANDOLO (CAO): «TENERE CONTO DEI LAUREATI ALL’ESTERO NEI FABBISOGNI»

Numeri che favoriscono una riflessione sulla differenza tra le discipline esercitabili come liberi professionisti e quelle che richiedono un impiego come dipendenti, sia pubblici che privati. Ai primi cinque posti si confermano i mestieri “autonomi”, mentre gli ultimi sono occupati da professioni che hanno subito fortemente il blocco delle assunzioni nel pubblico impiego, piaga degli anni scorsi. Tra questi: Ostetriche con 53,9%; Tecnici di Audiometria con il 53,3%; Tecnici della Prevenzione con 53,2%; Tecnici di Laboratorio al 46,3% e a chiudere Tecnici di Fisiopatologia cardiocircolatoria con il 40%, che mantengono l’ultimo posto da cinque anni.

LEGGI IL REPORT 2019 OCCUPAZIONE ALMALAUREA

Infermieri e tecnici di laboratorio, che per l’alta numerosità degli abilitati mantengono un tasso più basso rispetto alle attese. I primi al 79,3% con un aumento nel 2018 di sei punti percentuali, i secondi al 46% con 11 punti in più. Entrambe le situazioni si mostrano in netto miglioramento, anche se lo status quo è ancora lontano dal quadro di 10 anni fa quando l’occupazione era quasi totale. Va tenuto conto, si ricorda nel report, che ci sono 435 mila infermieri abilitati e perciò il calcolo fatto su di loro pesa moltissimo sulla cifra finale. Il miglioramento più importante lo fa Tecnico di Radiologia, che dal 55,6% passa al 67%, 11 punti percentuali in più che gli permettono di scalare la classifica di ben tre posizioni.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Scuole e università per orfani di medici, il supporto di Enpam
Dalle medie agli atenei passando per i collegi Onaosi, una panoramica dei sussidi offerti ai figli dei colleghi deceduti
Università: sale ‘ansia da prestazione’ per test ingresso a Medicina, da Consulcesi guida per prepararsi
A causa della pandemia che, almeno in parte, ha compromesso la formazione scolastica, mai come quest'anno gli aspiranti studenti di Medicina sono preoccupati di non essere all'altezza per entrare nella facoltà dei sogni. Per questo Consulcesi offre loro la guida “Come arrivare preparati e in forma al test per Medicina e per le Professioni sanitarie”, con consigli pratici per prepararsi al meglio
Salute mentale, Famulari (AITeRP): «La cura va oltre i sintomi: è necessario affrontare lo stress, gestire le emozioni ed avere una prospettiva di vita»
Recovery e neuroscienze al centro del 2° Congresso Nazionale AITeRP: “La nuova sfida delle evidenze scientifiche e buone pratiche nei trattamenti riabilitativi in salute mentale”. La presidente Famulari: «Per la nostra Associazione rappresenterà il completamento della trasformazione da associazione maggiormente rappresentativa dei TeRP ad Associazione Tecnico-Scientifica».
Tempo di iscrizioni universitarie, per i figli dei medici Enpam 30mila euro di sussidio
Il bando prevede, per chi rientra nei requisiti, una borsa di studio di 5mila euro l’anno per le spese nei collegi di merito. Priorità agli iscritti in Medicina e Odontoiatria
Ostetriche libero professioniste: l’esercito dei 600
Marzetti (ostetrica): «Durante la pandemia molte donne hanno scelto di partorire in casa, non solo per il timore di contrarre l’infezione da Covid-19 durante un eventuale ricovero in una struttura sanitaria, ma anche per l’impossibilità di avere accanto a sé il papà del proprio bambino, sia in sala parto che successivamente in reparto»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 agosto, sono 587.500.701 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.427.422 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale